Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2016

Roma : alla Messa di Santa Maria in Trastevere anche il rappresentante dei Palestinesi

Immagine
Alla messa di Santa Maria in Trastevere, vicino agli Imam, vi è Salmeh Ashour, il rappresentante dei palestinesi a Roma.

Francesco Martone : All’import-export del «modello» israeliano. DDL al Senato -

All’import-export del «modello» israeliano. DDL al Senato -



Sicurezza, parola diventata mantra compulsivo in ogni teoria e attuazione pratica per politica, relazioni internazionali, diritto, economia. Una parola che è come un elastico, la tiri a seconda del bisogno, e quando lo molli, i danni collaterali sono drammatici. Per questo ogni volta che si tratta di sicurezza, in un contesto di guerra asimmetrica che entra fin dentro casa nostra, lo si deve fare con grande cautela, definendone la subordinazione ai diritti umani ed al diritto internazionale. Fa quindi pensare che tra le carte e le agende di lavoro della Commissione Esteri del Senato compare un disegno di legge che dovrebbe richiamare la preoccupazione dei parlamentari e dell’opinione pubblica. E che invece per ora giace lì, acquattato tra i «file», non ancora discusso dopo essere stato presentato dal governo a febbraio scorso.
Spesso queste attese non sono casuali, ma scelte politiche. Come è il silenzio cui il …

Fulvio Scaglione : MUSULMANI IN CHIESA, VITTORIA DELL’ISLAM

Immagine
MUSULMANI IN CHIESA, VITTORIA DELL'ISLAM - Fulvio Scaglione Francia e Italia, musulmani nelle chiese: vince l'islam della gente comune che lavora e vive contro quello dei terroristi pagati dai petrodollari wahabiti. tinyurl.com/z8vxgwa Musulmani in chiesa a Ventimiglia (foto La Stampa). La partecipazione dei musulmani di Francia e d’Italia, insieme con molti dei loro imam, alle celebrazioni religiose cattoliche, in segno di comune lutto per l’assassinio a Rouen di padre Jacques Hamel e di comune rifiuto della violenza, è un segno straordinario. Teniamolo prezioso e cerchiamo di capirlo bene.

Questo non è il tanto invocato “gesto” dei musulmani moderati, quella “prova” di dissociazione dalla violenza degli islamisti che molti, spesso in buona fede ma ancor più spesso ipocritamente, hanno continuato a pretendere in questi anni. La “prova” i musulmani d’Italia e di Francia la danno ogni giorno, restando tra noi in pace, adattandosi a ciò che loro non piace, difende…

Roma (foto) : nelle Chiese cattoliche segni di pace con gli Iman

Immagine
Un concreto segno di vicinanza e di pace dopo l'omicidio di pade Jacques Hamel. E' accaduto in Francia. E in Italia: da Torino a Napoli, da Milano a Trieste, delegazioni di comunità islamiche hanno partecipato alle Messe. L'apprezzamento del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, e del ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. 

 DA NORD A SUD LE FOTO DI QUESTA STORICA GIORNATA



2  
Santa Maria in Trastevere, cantato per la prima volta versetto del Corano Per la prima volta durante una Messa in Italia è stato cantato un versetto del Corano dall’altare. E’ accaduto nella chiesa di Santa Maria in Trastevere durante la… lastampa.it

Gideon Levy : Stop Living in Denial, Israel Is an Evil State

Immagine
Stop living in denial, Israel is an evil state - Opinio
Israel may not be Nazi, nor even a fascist state. Yet it is a member of the same terrible family, the family of evil states. Just consider these acts of evil perpetrated by the state... haaretz.com


Israeli Border Police officers stand guard as Palestinians wait to cross through the Qalandiyah checkpoint, June 2016.Mohamad Torokman/ReutersWhat sort of society feels absolutely nothing after killing hundreds of children? 'Reasonable suspicion' leads to death of Palestinian who went to buy cookies U.S. strongly condemns 'accelerated, systematic' settlement activity by Israel
After we’ve cited nationa…

Strage di Bologna, la comunità islamica sarà in corteo e alla messa

Immagine
Strage di Bologna, la comunità islamica sarà in corteo e alla messaBOLOGNA – Anche la comunità islamica di Bolognasfilerà in corteo il prossimo 2 agosto, per ricordare la strage alla stazione che nel 1980 fece 85 morti e 200 feriti. Ad annunciarlo è il coordinatore Yassine Lafram, che comunica l’adesione della comunità musulmana “alla marcia di martedì 2 agosto, in occasione del 36esimo anniversario della strage alla stazione di Bologna, contro tutti i terrorismi. Oggi più che mai- sostiene Lafram- è necessario manifestare per condannare il terrorismo perché non ci appartiene come esseri umani, credenti e non, cittadini e cittadine. E per lanciare, ancora una volta, un segnale che indichi una svolta nei rapporti con la società civile e la città di Bologna, di cui siamo e ci riteniamo parte integrante”. In più, una delegazione della comunità islamica di Bologna parteciperà alle 11.30 alla messa in suffragio delle vittime della strage, celebrata per la prima volta dal nuovo arci…

Esteri: traffico organi tra Nordafrica e Europa attraverso l’Italia

Esteri: traffico organi tra Nordafrica e Europa attraverso l’Italia

(DIRE-SIR) – Dopo le rivelazioni di ieri di Caritas, che riferisce dell’esistenza di una rete di traffico di organi umani a danno dei rifugiati siriani che tocca la Siria, Il Libano e la Turchia, il portale Lookout News ha fornito alla Dire la ricostruzione di un’indagine condotta dalle autorità italiane, e che rivela l’esistenza di una rete transnazionale che coinvolge Nord Africa e Europa. A inizio luglio – il contributo di Lookout News – la polizia italiana ha sventato un’organizzazione criminale specializzata nel traffico di organi tra Nord Africa, Italia e Europa: migranti acquistati per 15mila euro dai trafficanti, che poi espiantavano loro gli organi da rivendere sul mercato nero, per un giro d’affari di centinaia di migliaia di euro. A smantellare tale organizzazione – che trafficava anche droga – le squadre mobili della Polizia di Stato di Palermo e Agrigento, in collaborazione con gli agenti de…

B'Tselem : video delle demolizioni delle case nella zona C

Immagine

La Palestina vuol portare la Gran Bretagna in tribunale

Immagine
La Palestina vuol portare la Gran Bretagna in tribunaleTerrasanta.net |  29 luglio 2016 Un ritratto di Arthur James Balfour accanto alla sua celebre dichiarazione del 1917. (fonte: Wikipedia) I palestinesi intendono citare in giudizio la Gran Bretagna per la Dichiarazione Balfour, che nel 1917 incoraggiò il movimento sionista. Solidarietà dalla Lega Araba? (g.s.) - Il governo palestinese intende citare in giudizio la Gran Bretagna davanti a un tribunale internazionale per un evento di un secolo fa: la Dichiarazione Balfour, che nel 1917 espresse il favore del governo inglese per la nascita di un focolare ebraico in Palestina. Lo ha dichiarato ufficialmente il 25 luglio scorso il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Maliki durante la riunione annuale della Lega araba, convocata a Nouakchott, capitale della Mauritania, il 25 e 26 luglio. I palestinesi hanno chiesto agli altri 20 membri della Lega di appoggiare questa iniziativa.
La dichiarazione dell’allora ministro de…

Robert Fisk : in che modo interpretare la decapitazione di un sacerdote francese

Immagine
sacerdote francese
Di Robert Fisk
29 luglio 2016
Di fronte all’uccisione e alla decapitazione di sette dei sui monaci avvenuta 20 anni fa, l’Arcivescovo di Algeri ha fatto meglio dell’Arcivescovo di Rouen questa settimana. Non ha parlato dell’uccisione di un anziano prete definendolo “innominabile”. Vi ha visto la strada per il Calvario. Per paura della sua propria vita  durante un feroce conflitto, Monsignor Henri Teissier, di 67 anni, e professore francese di lingua araba, rispose celebrando la messa per sei suore e frati, così tanti anni fa, leggendo il versetto 13 dal Capitolo 25 del Vangelo di San Matteo: “Vegliate, dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora in cui il Figlio dell’Uomo verrà.”
La minuscola congregazione si era inizialmente riunita quel giorno del 1996 per ricordare uno dei  primi martiri religiosi della Francia ad Algeri, il Visconte Charles de Foucauld, il  soldato convertito e diventato prete, che era stato assassinato da un islamista a Ta…

Alla Knesset l’esordio del nuovo ordine mediorientale . Israele -Arabia Saudita

Immagine
Mentre a Nouakchott nei giorni scorsi si consumava il fallimento della Lega araba, al Parlamento israeliano veniva accolta con grandi onori una delegazione dell’Arabia saudita. L’alleanza Riyadh-Tel Aviv sempre più visibile

La delegazone saudita guidata dall’ex generale Anwar Eshki alla Knesset di Michele Giorgio -Il Manifesto
Roma, 30 luglio 2016, Nena NewsDal vertice di Anshas a quello di Nouakchott, 70 anni di decadenza». È significativo il titolo di as Safir. Il quotidiano di Beirut ha ripercorso con queste poche parole il declino dei vertici della Lega Araba, dal primo svoltosi in Egitto nel 1946 al’ultimo, il 27/mo, che si è chiuso qualche giorno fa nella capitale della Mauritania. Un lento precipitare nella totale irrilevanza di una organizzazione che pure era nata per promovere le potenzialità politiche dei popoli e dei Paesi del Nordafrica e del Medio Oriente. As Safir in verità avrebbe dovuto calcare la mano e descrivere con parole più crude il fallimento del sum…

Quelle armi Usa in mano all’Isis

Immagine
http://www.occhidellaguerra.it/quelle-armi-usa-in-mano-all…/ Quelle armi Usa in mano all'Isis “Ecco le armi che avete inviato ai vostri cani. Adesso sono nostre e li utilizzeremo per ammazzarvi”. Lo Stato islamico ha rilasciato poche ore fa un nuovo video di propaganda che immortala le armi occidentali, destinate alle forze sostenute dalla… occhidellaguerra.it|Di Franco Iacch
“Ecco le armi che avete inviato ai vostri cani. Adesso sono nostre e li utilizzeremo per ammazzarvi”. Lo Stato islamico ha rilasciato poche ore fa un nuovo video di propaganda che immortala le armi occidentali, destinate alle forze sostenute dalla Coalizione, catturate dai terroristi.
L’arsenale mostrato è vario. Filmati decine di droni commerciali modificati, così come computer, fucili d’assalto, mitragliatrici e sistemi anti-carro. Una fornitura completa che, in teoria, avrebbe dovuto aiutare le forze siriane a contrastare l’Isis sul terreno.
“Ecco dove finiscono le vostre armi – recita la voce fuori …

Demolite 12 case a Qalandiya, erano «abusive» per l’occupante israeliano

Immagine
Demolite 12 case a Qalandiya, erano «abusive» per l’occupante israelianoI bulldozer hanno abbattuto abitazioni costruite a ridosso del Muro lasciando più di venti famiglie senza un tetto. E’ vertiginoso l’aumento delle demolizioni di case palestinesi, con il pretesto della loro “illegalità”. E nel frattempo le colonie israeliane, vietate dalle leggi internazionali, continuano ad espandersi

di Michele Giorgio – Il Manifesto
Qalandiya (Gerusalemme), 28 luglio 2016, Nena News – Questa parte di Qalandiya ora assomiglia a Gaza, con quei 12 edifici rasi al suolo o demoliti in gran parte dai bulldozer israeliani entrati l’altra notte nel villaggio, indistinguibile dal campo profughi che porta lo stesso nome. Cumuli di macerie alle quali si avvicinano bambini, curiosi, giornalisti, chi una casa ce l’ha ancora, chi teme di perderla allo stesso modo e qualche pendolare tra Ramallah e Gerusalemme che viene a dare uno sguardo veloce a quelle rovine prima di entrare nelle porte girevoli…

Domenica i musulmani in Chiesa per ricordare padre Jacques. Ucoii, Coreis e Grande Moschea di Roma

Immagine
Domenica i musulmani in Chiesa per ricordare padre Jacques. Ucoii, Coreis e Grande Moschea di Roma



Anche in Italia, e non solo in Francia, domenica 31 luglio, prima della celebrazione della santa messa, delegati delle comunità musulmane si recheranno in alcune chiese cattoliche per esprimere cordoglio e solidarietà per il barbaro omicidio perpetrato contro padre Jacques Hamel nella piccola chiesa di Saint Etienne du Rouvray. Ne dà notizia il Sevizio Informazione Religiosa della Cei.
A promuovere e sostenere queste iniziative di “fraternità” sono la Coreis (Comunità religiosa islamica) italiana e l’Ucoii (Unione delle comunità islamiche in Italia).
Delegati della Coreis porteranno il loro saluto in chiesa al vescovo e al parroco nelle città di Roma, Milano, Novara, Genova, Verona, Sondrio, Ventimiglia, Brescia, Vicenza, Fermo, Siena, Piacenza, Brindisi, Palermo e Agrigento. “Ci sembra fondamentale – si legge in un comunicato dell’organismo religioso – in questo momento dram…

Fulvio Scaglione : Il presidente Usa? Lo sceglie Putin

Immagine
Il presidente Usa? Lo sceglie Putin Per il senatore John Mc Cain, già rivale di Barack Obama nella corsa alla presidenza del 2008, la Russia non è che “una pompa di benzina travestita da Stato”. Allora spiegateci perché, ora che la corsa 2016 alla Casa Bianca entra nel vivo, i… occhidellaguerra.it/il-presidente-…|Di Fulvio Scaglione
Per il senatore John Mc Cain, già rivale di Barack Obama nella corsa alla presidenza del 2008, la Russia non è che “una pompa di benzina travestita da Stato”. Allora spiegateci perché, ora che la corsa 2016 alla Casa Bianca entra nel vivo, i candidati Clinton e Trump e i loro collaboratori parlano assai più di Russia che di Stati Uniti.
Ha cominciato Hillary Clinton. Wikileaks ha sparato in Rete venti mila mail del Comitato Nazionale Democratico (CND) dalle quali emerge senza ombra di dubbio che il partito, durante le primarie democratiche, non è mai stato imparzialmente a vedere chi tra la Clinton e Sanders avrebbe raccolto il maggior numero d…

Yossi Klein: per Israele, solo l'antisemitismo è razzismo

Immagine
Sintesi personale Una lunga fila di bambini ,provenienti da diversi paesi,  sosta a Berlino davanti al Museo dedicato al Nazismo ,nonostante siano iniziate le vacanze estive La mostra non è facile ..Non è divertente vedere il razzismo brutale ,sorto prima che i loro genitori nascessero ,  in un paese che non conoscono.  Non è divertente andare lì quando, a soli 10 minuti a piedi, la Friedrichstrasse offre tutto ciò che l'Europa può dare ai giovani,ma  qui sono e  la loro visita è educativa  e l'educazione non è sempre divertente. La visita alla mostra educa all' apertura. Quando si mettono insieme  bambini provenienti dall' Italia, dal Portogallo e dalla  Francia per una mostra, non si ha intenzione di insegnare loro solo il razzismo in Germania. Il fine principale è di far capire non ciò che   i tedeschi hanno fatto agli ebrei, ma il  danno che il razzismo può fare. La principale cosa che i genitori e gli insegnanti vogliono è che i bambini comprendano che  il r…

Video : I checkpoints impediscono la vita quotidiana ai Palestinesi

Immagine