Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2020

Gideon Levy and Alex Levac : At the Foothills of an Israeli Settlement, Palestinians Are Used to Weekends of Terror

Immagine
 Articolo in inglese qui  HAARETZ.COM At the foothills of an Israeli settlement, Palestinians are used to weekends of terror The last row of houses in the village of Asira al-Qibliya, near Nablus in the West Bank, looks like a sort of fortress. Eight residential dwellings whose windows are protected with bars, courtesy of a European aid organization, their yards covered with a smattering of stones that have been thrown at them, encompassed by a fence, doors shuttered. The violent mountaintop settlement of Yitzhar next door has the people of this outlying region – not to say war zone – cringing with terror. The mobile homes of Shalhevet, one of nine unauthorized outposts that Yitzhar has spawned, are visible from the yard of the last house in Asira, looming ominously on a hilltop above the rest of the Palestinian village. Across the way is an Israel Defense Forces base whose soldiers almost always show up together with the settler-ruffians, protecting them and sometimes also joining in

Gideon Levy : Ai piedi di un insediamento israeliano, i palestinesi sono abituati ai fine settimana di terrore

Immagine
in Inglese qui  Gideon Levy Cinque persone ferite: questo è stato il bilancio sanguinoso di due aggressioni lo scorso fine settimana da parte dei coloni di Yitzhar e dei suoi vicini avamposti contro gli abitanti dei villaggi palestinesi in Cisgiordania. Indovina quale delle parti ottiene la protezione dell'esercito L'ultima fila di case nel villaggio di Asira al-Qibliya, vicino a Nablus in Cisgiordania, sembra una sorta di fortezza . Otto abitazioni residenziali le cui finestre sono protette da sbarre, per gentile concessione di un'organizzazione umanitaria europea, i loro cortili coperti da un'infarinatura di pietre , lanciate contro di loro, circondati da una recinzione, porte chiuse. Il violento insediamento di Yitzhar fa rabbrividire di terrore i residenti . Le case mobili di Shalhevet, uno dei nove avamposti non autorizzati che Yitzhar ha generato, sono visibili dal cortile dell'ultima casa di Asira e si profila minacciosamente su una collina sopra il

Umberto De Giovannangeli Israele: Di Maio convertito sulla via di Gerusalemme

Zoom Israele: Di Maio convertito sulla via di Gerusalemme tag   L'Italia delle due sponde Quando era all’opposizione, indossava, metaforicamente, la kefiah, perorava la nascita di uno Stato palestinese e tuonava contro la colonizzazione ebraica dei Territori. Ora che è ministro degli Esteri, vola a Gerusalemme, indossa, sempre metaforicamente scrivendo, la kippah La conversione di Luigi Di Maio. “Voglio esprimere il profondo cordoglio per il barbaro attentato di poco fa a Nizza. Siamo vicini alle famiglie delle vittime. “L'Italia ripudia ogni estremismo e resta al fianco dei suoi amici francesi nella lotta contro il terrorismo e ogni radicalismo violento". Il titolare della Farnesina, atterrato questa mattina in Israele per la sua prima visita nella veste di ministro degli Esteri, ha aperto così il suo intervento nella conferenza stampa congiunta al termine dell'incontro con l'omologo israeliano Gabi Ashkenazi. A fianco d’Israele, ma... “Quello con Israele è un rap

Una iniziativa di ‘Save the Children’ per i bambini palestinesi nelle carceri israeliane . Per firmare la petizione vedere il link

Immagine
TAG :  Il marchio di Caino:bambini nella polvere   29 ottobre 2020. 160 bambini palestinesi  stanno vivendo una situazione drammatica, si trovano in prigione in attesa di interrogatorio. Soli, inascoltati, esposti ad enormi rischi a cui ora si aggiunge anche il Coronavirus. Cosa sta succedendo Ancora oggi circa 500-700  bambini Palestinesi della Cisgiordania vengono processati e detenuti secondo la legge militare israeliana, ogni anno . Sono gli  unici bambini al mondo  ad essere  sistematicamente processati  da  tribunali militari ,  con processi iniqui ,  arresti violenti , spesso notturni e  interrogatori coercitivi . L’ accusa più comune  è il  lancio di pietre , per cui si può arrivare ad una  pena di 20 anni .  In prigione sono  sottoposti ad abusi emotivi e fisici , l’assistenza sanitaria e il sostegno psicosociale sono per loro molto limitati e con l’ emergenza Coronavirus  la loro situazione si é ulteriormente aggravata. Al momento, quasi  160 bambini si trovano nelle carceri