Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2015

Mons. Michel Sabbah in una manifestazione repressa dall’esercito israeliano a Beit Jala

Immagine
Mons. Michel Sabbah in una manifestazione repressa dall’esercito israeliano a Beit Jala

di Joshua Lapide



Gerusalemme (AsiaNews) – L’ex patriarca latino di Gerusalemme, Michel Sabbah, era fra coloro che ieri, dopo la messa a Beit Jala hanno manifestato contro la costruzione del muro che divide Gerusalemme dai Territori palestinesi occupati.
La manifestazione aveva radunato centinaia di persone, rappresentanti palestinesi, autorità religiose e fedeli cristiani che, alla fine della messa hanno marciato sul luogo dove i bulldozer dell’esercito israeliano hanno sradicato diverse antiche piante di ulivo per far posto a una nuova sezione del muro che divide Gerusalemme dai Territori occupati. I lavori della sezione sono iniziati da due settimane.
Parlando alla folla, Michel Sabbah ha detto: “Questa terra ci appartiene… Qualunque cosa facciate, qualunque cosa i vostri tribunali dicano, questa terra appartiene a noi e tornerà a noi un giorno”. Poi rivolgendosi ai soldati israeliani…

Diffido di chi è innamorato dell’Africa

Diffido di chi è innamorato dell'Africa
agosto 31, 2015 di Diffido di chi è innamorato perso dell’Africa. Sono quelli che possono permettersi costosi safari nelle savane, sono i volontari spinti da tanta passione (o solo voglia di viaggiare nel continente?), sono i cooperanti animati di tanto zelo (o solo voglia di un’esperienza esotica, per giunta pagata?), sono i giornalisti che “ve lo dico io come stanno le cose“. Quante critiche e scudi levati solleverà quello che dico. Il fatto è che chi davvero vive l’Africa dal di dentro, anche solo una minuscola parte di essa, non può essere un romantico che usa cuoricini al posto di parole.
No, chi è innamorato perso dell’Africa, l’Africa proprio non la conosce. Non conosce la lotta quotidiana per avere cose scontate in quell’Occidente innamorato dell’Africa – come l’acqua o la corrente elettrica, che lussi! Non conosce la realtà di quei bambini che “sorridono sempre, ma come sono belli!” Ma come vivono e cos…

Nabi Saleh : la ragazzina bionda palestinese e il soldato israeliano . Articolo del 2012

Immagine
Haaretz   Sintesi personale

Tutto è invertito in questa  triste  fotografia del  2 novembre. Invertito perché non è possibile sapere se il piccolo, sfrontato, audace, pugno disperato  della  figlia del palestinese dell'  attivista Nariman Tamimi  segna il momento in cui si forgia una  combattente o il momento in cui viene vinta questa ragazza.
Si tratta di un momento di attivazione della sua vita, generando l'immagine di una persona che agisce  per quello in cui crede, anche di  fronte a  un esercito? O è un momento di auto-incalcolabile rischio come non dovrebbe  essere imposto ai  bambini  privando  gli adulti del loro ruolo di protettori?
E 'un  suo vantaggio  lottare come tutti gli altri o più di altri,?
La ragazza indossa  la stessa maglietta di quando   il 24 agosto  sua madre è stata arrestata davanti ai suoi occhi . C'erano un sacco di fotografi lì quel giorno.  Un  soldato la teneva con le braccia tirate dietro la schiena, lei muoveva  la testa sp…

Fabio Scuto: " Italiano arrestato, filmava le violenze del soldato israeliano sul ragazzino "

Italiano arrestato Filmava le violenze del soldato israeliano ...
Fabio Scuto
GERUSALEMME. Venerdi scorso a Nabi Saleh, in Cisgiordania, nel corso della protesta le cui immagini hanno fatto il giro del mondo — con il soldato israeliano che tenta una "cravatta" a un ragazzino palestinese di 12 anni con un braccio ingessato — c'erano anche gli attivisti dell'International Solidarity Movement e con loro l'italiano Vittorio Fera che è stato arrestato dai militari israeliani. Ogni venerdì da anni gli abitanti di Nabi Saleh protestano contro la costruzione di un insediamento colonico illegale israeliano sulle terre del villaggio. E diverse Ong partecipano a sostegno della popolazione per documentare la protesta. Scaramucce sono scoppiate anche venerdì scorso con un lancio di sassi verso i militari che hanno risposto nel modo che tutti hanno visto nel video diffuso ieri proprio dall'lsm. Vittorio Fera è accusato di aver .lanciato pietre e attaccato i sol…

Il sindacato statunitense dei lavoratori industriali vota l'appoggio al BDS

Immagine
Il sindacato statunitense dei lavoratori industriali vota l'appoggio al BDS - BDS Italia.... Il sindacato United Electrical, Radio and Machine Workers [sindacato unitario dei lavoratori del settore... bdsitalia.org
Il sindacato United Electrical, Radio and Machine Workers [sindacato unitario dei lavoratori del settore elettrico, della radio e metalmeccanico] vota in favore del boicottaggio di Israele, sostenendo l'accordo con l'Iran.
Uno dei più importanti sindacati dell'industria degli Stati Uniti ha votato a favore del sostegno agli obiettivi del movimento internazionale per il boicottaggio, disinvestimento, sanzioni (BDS) contro Israele, facendo riferimento alla “ sua lunga storia di violazioni dei diritti umani dei palestinesi” ed è così diventato presumibilmente il primo sindacato a livello nazionale a fare ciò.
Il congresso nazionale di "United Electrical" si è svolto a Baltimora la settimana scorsa e ha votato una serie di mozioni riguardanti te…

Anshel Pfeffer: la foto del militare israeliano che afferra la testa di un ragazzino palestinese, vale più di mille parole

Immagine
Sintesi  personale
Guardate la foto di questo soldato dell'IDF.
Lasciamo  da parte  la questione se le forze israeliane dovrebbero essere in Cisgiordania, la protesta degli abitanti  del villaggio di Nabi Salih  per la  sorgente locale. Chiediamoci solo  perché questa foto è così sorprendente.Guardare di nuovo.. La mano destra tiene  saldamente un  fucile d'assalto, correttamente puntato verso la terra  . E 'un fuciliere professionista. Tutto il resto del corpo  grida aiuto. Ha  sopraffatto un ragazzino,  ma il soldato non sa che cosa fare. E   stato allenato  contro gli  Hezbollah ,  ma non  forse preparato per quello che sta facendo ora.E questo prima   che la madre e le sorelle del ragazzo  iniziassero a lottare contro di lui .Anno  dopo anno, decennio dopo decennio, alcune delle unità di combattimento più  prestigiose della IDF vengono inviate in posti come Nabi Salih, Na'alin e Bil'in, dove questi drammi avvengono regolarmente   ogni Venerdì a mezzog…

Anshel Pfeffer : A Picture of a Headlock That's Worth a Thousand Words

Immagine
A picture of a headlock that's worth a thousand words HAARETZ.COM
Look at this picture of an IDF soldier holding a Palestinian boy in a headlock. If you hadn’t been paying attention to the news over the last three days, would you have known it was taken recently? Of course, if you know a bit about military hardware or the changing fashions of IDF combat fatigues, you could tell by the fact the soldier was carrying a Tavor Tar-21 and by the stitching of his uniform that it had taken place in recent years, but aside from these minor clues, there is nothing to indicate that the picture wasn’t taken at any point over last 28 years, since the first intifada broke out in 1987. (There was stone-throwing in the West Bank of course before, but that uprising saw the average age of the stone-throwers go down into the early teens.)

Which raises the question: Why hasn’t one of the most sophisticated and advanced militaries in the world learned a damn thing in all this time? Let’s set aside for …

Erano nemici in Siria e ora condividono la stessa nave verso l’ignoto

Immagine
Erano nemici in Siria e ora condividono la stessa nave verso l’ignoto - Arabpress Un attivista ferito dell’opposizione, un giovane curdo disincantato e un lealista del regime in Siria si ritrovano sul traghetto che viaggia nel Mar Egeo arabpress.eu




Di Serene Assir. Your Middle East (22/08/2015). Traduzione e sintesi di Viviana Schiavo. Tre siriani, diversi, ma letteralmente sulla stessa barca diretti verso un futuro sconosciuto. Jalal, che ha 38 anni e viene dalla città di Daraa dove un sollevamento pro-democrazia ha avuto inizio nel 2011, fuma una sigaretta sul ponte mentre scende la notte. Dice di aver incontrato dei sostenitori del regime di Bashar al-Assad nel viaggio spesso pericoloso dalla Turchia a Kos, un’isola greca che sta fronteggiando un massivo afflusso di profughi.“Cerco di non parlare di Siria con loro perché so che non saremmo d’accordo”, ammette, gli occhi stanchi per le notti all’addiaccio. Jalal, che parla turco fluentemente, vuole andare in Germania dove…

Gaza : Un anno dopo l'ultima guerra restaurato l'asilo della parrocchia latina

ASIA/TERRA SANTA - Un anno dopo l'ultima guerra, restaurato l'asilo della parrocchia latina di GazaGaza (Agenzia Fides) – A un anno esatto dal cessate il fuoco che ha posto fine all'ultima campagna militare condotta nella Striscia di Gaza dall'esercito israeliano contro i guerriglieri palestinesi di Hamas – denominata “Margine di protezione -, due nuovi progetti realizzati per sostenere la popolazione civile della zona sono stati inaugurati martedì 25 agosto nel compound della parrocchia latina di Gaza City, dedicata alla Sacra Famiglia, situata nella zona di al-Zeitun. Il primo progetto – riferiscono fonti del Patriarcato latino di Gerusalemme – è stato finanziato dal Catholic Relief Service, e consiste nella ristrutturazione completa della scuola materna che la mattina del 29 luglio 2014 era stata devastata dalle bombe degli aerei israeliani. Il secondo progetto, finanziato dalla Ong World Vision, ha consentito di installare un nuovo generatore elettrico…

Nabi Salih: Nei media israeliani un soldato che cerca di arrestare un minore è vittima

Immagine
In the Israeli media, a soldier trying to arrest a minor is the victim | +972 Magazine After viral video emerged of a soldier attempting to arrest a Palestinian boy, the Israeli press presents the official army version rather than the accounts of the... 972mag.com Con Leehee Rothschild
Alla manifestazione settimanale nel villaggio palestinese di Nabi Salih Venerdì scorso un soldato ha cercato di arrestare Mohammad Tamimi  di 12 anni . Il braccio di Mohammad era stato rotto dopo che i soldati erano entrati nel villaggio in seguito a una manifestazione .
Sua sorella, Ahed, sua madre, Nariman, e un'altra donna palestinese alla fine hanno  impedito l'arresto . Sua sorella e sua madre, però, sono state picchiate dai  soldati e  ricoverate in ospedale.
Citata ampiamente sulla stampa israeliana la versione dell'esercito   che affermava che i soldati non erano consapevoli che Mohammad fosse minorenne.Ciò  risulta difficile da credere  visto che è un bel bambino, inoltre avreb…

Cisgiordania: donne e bambini palestinesi impediscono l'arresto di un minore a Nabi Salih

Immagine
WATCH: Palestinian women and children prevent violent arrest in Nabi Saleh | +972 Magazine The Israeli soldier attempted to detain a 12-year-old boy while holding him by gunpoint at a demonstration in the West Bank village. The weekly demonstration in... 972mag.com
Sintesi personale
La manifestazione settimanale nel villaggio cisgiordano di Nabi Salih ha preso una svolta particolarmente violenta dopo  che un soldato israeliano ha cercato di arrestare Mohammed Tamimi, di 12 anni . L'incidente è stato ripreso da Bilal Tamimi, un giornalista palestinese locale. Il soldato si vede    correre giù per una collina a caccia di Mohammed, che aveva il braccio ingessato a causa degli  scontri  avvenuti nel villaggio un paio di giorni prima. Alla fine raggiunge Mohammed, l afferra per la  testa e lo schiaccia contro una roccia. Il soldato si siede poi su  Mohammed, impedendogli di muoversi.
Il soldato israeliano che tiene Mohammed Tamimi, 12, anni a Nabi Saleh, 28 agosto 2015. (Karam Sal…

La gastronomia della Palestina a Expo, misticismo dei sensi

Immagine
La gastronomia della Palestina a Expo, misticismo dei sensi - StoriEnogastronomiche.it Il Cluster delle Zone Aride a Expo è il più nascosto, ma vale la pena fare qualche passo in più per scoprire i sapori che propone.Come la cucina pan-araba della Giordania, o quella a base di carni e verdure speziatissime da condividere con le mani dell’Eritrea, dove si può assaggiare il classico caffè tostato al momento in un pentolino.
A emozionare è però la gastronomia della Palestina, con piatti che ribadiscono il forte afflato identitario del suo popolo. Pur collocata in un’area geografica che vede molti cibi in comune con le nazioni confinanti, la cucina palestinese è orgogliosa di detenere alcune preparazioni esclusive del suo territorio.



Come il Mossakhan (Euro 7,50), sapida delizia dalla forte acidità agrumata, consistente e molto golosa: il simpatico e disponibile cuoco Al Mustafa Ziad in un ottimo italiano la spiega come “una speciale pasta sfoglia che facciamo noi sempre fresca, c…