Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2014

Akiva Eldar: il paradosso dell'incitamento all'istigazione in Israele e in Palestina

Immagine
Lt. Meir Har-Zion, il maggiore Ariel Sharon, il tenente generale Moshe Dayan, il capitano Dani Matt, il tenente Moshe Efron, Magg. Gen. Asaf Simchoni ; (prima fila) Capt Aharon Davidi, il tenente Giacobbe Giacobbe, il capitano Raful Eitan a Khan Yunis, 28 ottobre 1955. (Foto da Israele Nazionale Photo Collection)
sintesi personale

Qualche settimana fa, ho incontrato per un colloquio il direttore generale del ministero degli Affari Strategici, Briga. Gen. (in pensione) Yossi Kuperwasser  con uno dei suoi assistenti,  incaricato di monitorare l'  "indice di istigazione palestinese."La loro relazione è stata distribuita a tutte le ambasciate straniere in Israele ed è regolarmente mostrata ai congressisti americani e ai  commentatori di alto livello in tutto il mondo. I passaggi più ostili sono tratti dalla pagina Facebook  come: 1 scuola femminile   di  Tulkarem in Cisgiordania:  immagine di Hitler e, accanto ad essa, una citazione : ". Avrei potuto uccid…

A Giornalista del Jerusalem Post negato visto dall'Arabia saudita, a giornalista araba -americana negato il visto da Israele

Immagine
When it comes to racist border policies, Israel has no leg to stand on | +972 Magazine The fuss ‘The Jerusalem Post’ made about its correspondent being denied entry to Saudi Arabia on religious, racial or national... 972mag.com  Sintesi personale
Venerdì scorso, Presidente degli Stati Uniti Barack Obama è atterrato in Arabia Saudita. E 'stata una visita turbine per rassicurare il re Abdullah che, anche se gli Stati Uniti avevano fatto marcia indietro per un  intervento in Siria, avrebbe continuato a negoziare con il Regno Saudita rivale dell' Iran  Washington è ancora molto interessato al petrolio  che il regno del deserto ha da offrire. Sebbene la maggior parte dei giornalisti al seguito  del presidente Obama hanno i visti necessari per accompagnare la visita presidenziale senza un problema, a  Michael Wilner, Jerusalem Post corrispondente dalla Casa Bianca,  è stato negato il visto per recarsi in Arabia Saudita.Il Jerusalem Post ha condannato l'azione di esclusion…

B’TSELEM:Yussef ucciso a sangue freddo

Immagine
La Ong israeliana accusa i militari di avere sparato senza avvertimenti e senza ragione. Il 15enne di Deir al-Asal al-Tahta stava raccogliendo ortaggi con gli amici quando è stato ucciso.

Yussef Sami Shawamreh (Foto:Abed Al-Hashlamoun, EPA)

Roma, 27 marzo 2014, Nena News – La morte del quindicenne palestinese Yussef Sami Shawamreh, la settimana scorsa, non è stato un incidente, ma un omicidio a sangue freddo. A denunciarlo, oggi, è la Ong israelianae delle Forze B’Tselem che in un rapporto ha smentito la version armate israeliane. Non si è trattato, dunque, di un atto difensivo, contro un ragazzo che stava “sabotando” il muro di separazione, come sostengono i militari, ma dell’assassinio di un giovane che il 19 marzo scorso era uscito di casa con gli amici per andare a raccogliere qualche ortaggio.
I due ragazzi che erano con lui e altri testimoni avevano fin dall’inizio contraddetto la versione dei soldati, avevano detto di non aver sentito nessun colpo d’avvertimento e ne…

Netanyahu fa causa comune con gli antisemiti europei di Richard Silverstein.

Immagine
 Sintesi personaleUno dei collaboratori più stretti del Likud di Bibi Netanyahu, MK e il vice ministro Ofir Akunis, hanno recentemente tenuto una riunione nell'ufficio del primo ministro con i membri del partito antisemita belga Vlaams Belan . Akunis trionfalmente ha postato una foto su Facebook DELLA riunione , ma convenientemente ha trascurato di assegnare un nome al partito o ai soggetti particolari con i quali si è incontrato. Il partito belga sostiene la secessione delle Fiandre dal Belgio. Le sue opinioni anti-immigrati, razzisti e antisemiti sono in accordo con quelli di altri partiti di estrema destra in Europa come l'EDL in Gran Bretagna e il Fronte Nazionale di Marie Le Pen in Francia. Né la comunità ebraica belga o l'ambasciata israeliana si incontrano con VB in Belgio.Akunis e il suo capo, PM Netanyahu.sembrano perseguire una politica estera propria, indipendente della Diaspora o anche dal proprio ministero degli esteri.Questa non è la prima volta per entra…

Giorgio Forti : razzismo e resistenza in Israele

Immagine

Kalandia- A Checkpoint Story

Giornata della terra : dopo 38 anni, Israele ancora non capisce le proteste arabe sugli espropri

Immagine
Sintesi personale  
La Comunità araba palestinese  ricorda la Giornata della Terra, un evento annuale che commemora protesta scoppiata il 30 marzo 1976 contro gli espropri  voluti dal Governo : sei arabi  furono uccisi dalle forze di sicurezza israeliane. Quella prima Giornata della Terra iniziò con uno sciopero generale nelle comunità arabe di Israele, sulla scia di una risoluzione del Governo che approvava  l'esproprio di 20.000 dunams (circa 5.000 ettari) in una zona conosciuta come Area 9 o la valle Sakhnin, al fine di  aumentare la popolazione ebraica in Galilea. Nei successivi 38 anni  due eventi segnano  i rapporti tra lo Stato e i suoi cittadini arabi. Il primo è stato il secondo governo Rabin e il processo di pace di Oslo, quando per la prima volta gli arabi in Israele furono visti come veri e propri partner e un certo numero di comunità beduine in Galilea ricevettero il riconoscimento ufficiale. Il secondo momento di svolta fu nell'ottobre del  200…

38 years on, Israel still doesn't understand Arab protests over land seizures

Immagine

Israel’s Palestinian Arab community on Sunday observes Land Day, an annual event commemorating protests that broke out on March 30, 1976 against government land seizures in which six Arabs were killed by Israeli security forces. That first Land Day began with a general strike in Israel’s Arab communities, in the wake of a cabinet resolution approving the expropriation of 20,000 dunams (some 5,000 acres) in an area known as Area 9 or the Sakhnin valley, as part of the government’s goal of increasing the Jewish population in Galilee. In the intervening 38 years, two events stand out in shaping the often rocky relations between the state and its Arab citizens. The first was the second Rabin government and the Oslo peace process, when for the first time Arabs in Israel were seen as genuine partners and a number of …

LAND Day 1976 : Sei manifestanti uccisi , 100 feriti. Testimonianza di un poliziotto

Immagine
SINTESI PERSONALE
Sono stato sfortunato nel far parte delle forze di polizia che avrebbero dovuto pacificare i tumulti  scoppiati tra gli arabi della Galilea   nella "Giornata della Terra".
Leggendo le dichiarazioni di giornalisti che erano presenti sul terreno, non posso non buttare giù il giogo del silenzio imposto su di me come un ufficiale di polizia  e mettere le cose in chiaro per quanto riguarda una serie di questioni.
Io non sono un uomo di sinistra, ma   quanto  è accaduto in Galilea il 30 marzo [1976] accrescerà il blocco di sinistra. .
Il 30 marzo alle 12:30 del mattino la mia unità è stata chiamata  a un briefing, caratterizzato dall'  odio verso gli arabi , dando implicitamente mandato alla violenza  contro coloro che avevano violato il nostro sonno, gli Arabi. .Quando abbiamo raggiunto il posto, non pietre ci aspettavano  e, quindi, le nostre 'forze' hanno invaso il villaggio di veicoli blindati -
Di fronte  al  malcontento degli abitanti …

Ufficiale americano: armi della nave sequestrata per il Sinai non per Gaza

Immagine
Sintesi personale
La spedizione Klos-C armi sequestrate dalle forze israeliane il 5 marzo poteva  essere diretta al  Sinai, piuttosto che nella Striscia di Gaza, un funzionario americano e due analisti del Medio Oriente hanno  detto a ReutersIl   rapporto  ha messo in dubbio l'affermazione di Israele che il carico iraniano  fosse destinato per le cellule terroristiche di Gaza  aggiungendo  che Israele potrebbe aver offuscato la sua vera destinazione per evitare  all'  EGITTO , l'umiliazione di ammettere falle nella surezza della penisola. Il funzionario degli Stati Uniti  ha specificato  che i  razzi M302 non sarebbero stati in grado di evitare il rilevamento durante il loro trasferimento a Gaza,quindi, molto più probabilmente  il Sinai era  la destinazione  e i  400.000 proiettili potrebbero essere stati spediti a un altro acquirente africano sconosciuto .Israele  conferma quanto preccedentmente denunciato :  "Siamo sicuri che fosse diretto a Gaza", ha …

Ministro della Likud accoglie la delegazione del partito fiammingo di estrema destra

Immagine
Sintesi personale

Ofir Akunis, vice ministro presso l'Ufficio del Primo Ministro, ha incontrato la scorsa settimana la delegazione   di  un partito di estrema  destra belga , che l'ambasciata israeliana e la comunità ebraica stanno boicottando.
A capo della delegazione del Vlaams Belang   vi era  Filip Dewinter, un membro di spicco del partito razzista con elementi antisemiti   soprannominato il "belga Jean-Marie Le Pen", secondo fonti del ministero degli Esteri israeliano.
Akunis sulla sua pagina Facebook  scrive  in un post ,accompagnato da una fotografia ,che avrebbe "continuerà ad essere un portavoce di Israele. Senza scusarsi o dimenarsi. "
L'incontro è stato organizzato dal capo del Consiglio Regionale della  Samaria, Gershon Mesika e dal vice capo Yossi Dagan. Mesika, attivista Likud , negli ultimi anni ha inserito molti coloni   nella Likud, nel tentativo di spostare il partito più a destra. Molti membri del Likud alla Knesset dicono priv…

Boycotted by Jews in Belgium, welcomed by Likud deputy minister in Israel

Immagine
Ofir Akunis, a deputy minister in the Prime Minister’s Office, met last week with a visiting delegation from an extremist right-wing party in Belgium that the Israeli embassy and the Jewish community are boycotting.
Heading the delegation from Vlaams Belang (Flemish Interest) was Filip Dewinter, a prominent member of the racist party with anti-Semitic elements, whose views have earned him the sobriquet “Belgium’s Jean-Marie Le Pen,” according to Israeli Foreign Ministry sources.
Akunis bragged about the meeting on his Facebook page, writing in a post accompanied by a photograph that he would “continue to be a spokesperson for Israel. Without apologizing or squirming.”
The meeting was organized by the head of the Samaria Regional Council, Gershon Mesika, and deputy head Yossi Dagan. Mesika, a Likud activist from the party’s “national camp,” has in the past few years signed up many settler…