Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2021

AMIRA HASS - CYBERBULLISMO: IL NUOVO PASSATEMPO DELLO SHIN BET.

Articolo qui  "Ragazzino schifoso", "moccioso", "inutile", "piccolo fallito". Questi sono i messaggi istantanei ricevuti da Amjad, un palestinese di 14 anni di Betlemme. Suo padre, Osama Abu Sultan, ha visto i messaggi diversi giorni dopo che l'adolescente era stato ucciso dall'esercito israeliano. Quando gli hanno sparato, Amjad aveva in mano una bottiglia molotov che stava per accendere.  Il padre, un 47enne laureato in un'accademia militare di Algeri, ora alle dipendenze delle forze di sicurezza palestinesi (la marina di Gaza e ora la sicurezza nazionale in Cisgiordania), è convinto che ci sia una connessione tra i messaggi inviati su Facebook Messenger e la morte violenta di suo figlio. I messaggi puerili e persino infantili non avrebbero indignato Osama Abu Sultan se non fosse stato per l'intestazione che mostrava chi li aveva inviati: Capitano Wissam Abu Ayoub, agenzia di sicurezza israeliana (Shin Bet), città di Betlemme. 

AMIRA HASS - IL RAGAZZO CHE UNÌ LA PATRIA PALESTINESE CON LA SUA MORTE

Immagine
  Amira Hass 901 Tradotto da : Beniamino Benjio Rocchetto https://archive.md/5tdgr "Suo padre è nato a Gaza", ha detto categoricamente il mio amico Yusuf. Ci siamo incontrati venerdì al cimitero di Betlemme durante il funerale del quattordicenne Amjad Abu Sultan, che aveva in mano una bottiglia incendiaria quando i soldati israeliani in agguato lo hanno ucciso. "No, è nato a Damasco", risposi. Nelle ultime due settimane ho incontrato alcune volte i genitori di Amjad e ho sentito molto parlare delle loro vite. Yusuf insisteva. "Damasco?" ha chiesto di nuovo, notando che pronuncia "q" come "g" come fanno gli abitanti di Gaza. "L'ho incontrato nel movimento Fatah in Libano. Abbiamo seguito un corso in Unione Sovietica insieme", ha detto Yusuf. E poi ho finalmente capito che si riferiva al nonno di Amjad, non a suo padre. L'ho corretto. Il nonno è nato ad Hamama, 24 chilometri a nord di Gaza, vicino alla costa. Hamama s

Ugo Tramballi : L’Iran e la latenza nucleare

Immagine
  Guerre: Iran Su Slow News http://ugotramballi.blog.ilsole24ore.com/ “ Sono stato eletto per rappresentare i cittadini di Pittsburg, non di Parigi”. Fu la spiegazione che Donald Trump decise di dare quando ordinò di uscire dagli accordi sul clima, firmati dall’amministrazione Obama al vertice della capitale francese. Era il primo di giugno 2017. Poco meno di un anno più tardi, dopo aver ritirato gli Stati Uniti da una montagna di accordi, trattati e organizzazioni multilaterali, frutto pluridecennale dell’internazionalismo americano, Trump annunciò anche il ritiro dall’accordo che congelava il programma nucleare militare iraniano. Questa volta i metalmeccanici di Pittsburg non c’entravano: era stato l’israeliano Bibi Netanyahu a convincerlo. In meno di un anno, Joe Biden ha riportato l’America al suo ruolo naturale, ripristinando quasi tutti gli impegni diplomatici che costituiscono una parte importante del suo ruolo di superpotenza. Nel gran numero dei casi è bastato dichiararlo, ria

Israele demolisce le case palestinesi nei Territori occupati con mezzi made in Uk

Immagine
  Riccardo Noury Israele demolisce le case palestinesi nei Territori occupati con mezzi made in Uk Quando i palestinesi vedono avvicinarsi le macchine gialle e nere, sanno che di lì a poco resteranno senza casa. Quei macchinari di distruzione sono fabbricati da un gigante delle costruzioni del  Regno Unito , la  JCB , e vengono usati nei Territori palestinesi occupati per espandere la già ampia rete di insediamenti illegali israeliani. La JCB (la denominazione formale è JC Bamford Excavator Limited) è un’azienda privata che ha sede a Rocester, nello Staffordshire. Attraverso il suo agente in  Israele , Comasco Ltd, vende una serie di prodotti a una lunga lista di clienti, fornendo anche i servizi di manutenzione. Tra questi clienti figura anche  il ministero della Difesa . Un  rapporto  di quasi cento pagine realizzato da Amnesty International descrive l’uso che viene fatto dei prodotti della JCB nei Territori palestinesi occupati. Soprattutto di uno:  la terna (backhoe loader) , una m

Oren Ziv :Una madre sola palestinese fa sorgere una tendopoli in segno di protesta contro la gentrificazione di Giaffa

Oren Ziv 23 novembre 2021 –  +972 Magazine   Israele: beduini-drusi -arabi-immigrati-minoranze religiose 659 Una madre sola palestinese fa sorgere una tendopoli in segno di protesta contro la gentrificazione di Giaffa I palestinesi si scontrano con la sicurezza israeliana dopo l’attacco terroristico a Gerusalemme “È divertente sparare ai palestinesi”: parlano sei ex-soldati israeliani ICSPR: La decisione del Ministero degli Interni del Regno Unito di considerare Hamas una “organizzazione terroristica” è l’ennesimo intervento britannico che nega il diritto della popolazione di resistere all’occupante. La messa al bando dei difensori dei diritti umani: Israele e Sudafrica a confronto A nni di abbandono da parte dello Stato e l’aumento dei prezzi fanno sì che le famiglie palestinesi non possano più permettersi un affitto nella propria città. I manifestanti hanno allestito tende per chiedere soluzioni. Farida Najar aspetta da quattro anni di ricevere un alloggio pubblico a Giaffa. Ma  ques