Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2020

DANIEL LEVY Non chiamate ciò un piano di pace."Peace Vision" del presidente Trump.

Sintesi personale Articolo in inglese qui  Daniel Levy è il presidente del progetto USA / Medio Oriente, con sede a New York e Londra, ed è un ex negoziatore israeliano. Dalla metà degli anni Novanta ai primi anni '40, gran parte della mia vita professionale è stata spesa in una ricerca ,piuttosto di nicchia ,che mi è tornata in mente con la pubblicazione  di ieri di "Peace Vision" del presidente Trump. La stesura di accordi di pace israelo-palestinesi è diventata la mia professione.  A volte in servizio nelle forze di difesa israeliane (IDF), a volte come cittadino interessato nei colloqui informali e spesso clandestini, talvolta come consigliere negli uffici del primo ministro israeliano e poi ministro della giustizia durante i negoziati ufficiali. Ero un negoziatore  degli accordi di Oslo B sotto Yitzhak Rabin; ho inviato testi al Summit di Camp David a Clinton con Yasser Arafat e con  Ehud Barak ; e poi mi sono unito ai colloqui tra israeliani e palestines

DANIEL LEVY Don’t Call It a Peace Plan

ARTICOLO qui  DANIEL LEVY Daniel Levy is the president of the U.S./Middle East Project, based in New York and London, and is a former Israeli negotiator. From the mid-1990s to the early noughties, much of my professional life was spent in a rather niche pursuit that came flooding back to me with yesterday’s release of President Trump’s “Peace Vision.” The drafting of Israeli-Palestinian peace agreements became my thing—sometimes in uniform serving in the Israel Defense Forces (IDF), sometimes as a concerned citizen in informal and often clandestine talks, and sometimes as an adviser in the offices of the Israeli prime minister and then justice minister during official negotiations. I was a negotiator at the agenda-setting Oslo B agreements under Yitzhak Rabin; submitted texts from afar to Clinton’s Camp David Summit with Yasser Arafat and Ehud Barak; and then joined the follow-up talks between Israelis and Palestinians, in Taba in January 2001. I have participated in nume

Gideon Levy : la terza Nakba

artcolo in lingua inglese  qui   Gideon Levy Sintesi personale Con un fragile camice da ospedale, ferito, scalzo e confuso, senza cibo o acqua, con un catetere attaccato e con indosso un pannolino, il residente di Gaza Omar Abu Jeriban  fu  gettato sul ciglio della strada il 13 giugno 2008 e lasciato morire . Chaim Levinson riferì la storia di Haaretz a quel tempo, David Grossman ne fu sconvolto. L 'altro giorno l'intero popolo palestinese è diventato Abu Jeriban. Il ruolo della polizia che ha espulso un ferito nel cuore della notte è stato assunto dal presidente americano, Donald Trump, e dal primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu. Il ruolo dell'ospedale  è stato assunto dal mondo. Nel 2008 è stata una tragedia umana; due giorni fa è stata una tragedia nazionale : l a Casa Bianca ha dichiarato l'inizio della terza Nakba. I palestinesi sono stati lasciati sul ciglio della strada e abbandonati al loro destino.La destra israeliana è felice, la sinistra

Gideon Levy : The third Nakba

Articolo qui  In a flimsy hospital gown, injured, barefoot and confused, without food or water, with a catheter attached and wearing a diaper, Gaza resident Omar Abu Jeriban was tossed on the side of the road on June 13, 2008 and left to die. Chaim Levinson reported the story in Haaretz at the time, David Grossman was appalled by it. The other day, the entire Palestinian people became Abu Jeriban. The role of the police who tossed out a wounded man in the middle of the night was taken by the American president, Donald Trump, and the Israeli prime minister, Benjamin Netanyahu. The role of the hospital that just stood by was taken by the world. In 2008 it was a human tragedy; two days ago, it was a national tragedy: The White House declared the start of the third Nakba. The Palestinians were tossed by the side of the road and abandoned to their fate. Right-wing Israel is delighted, left-wing Israel is lost as usual, and the world is silent. It’s the end of the world. The White Hou

B’Tselem sul piano di “pace”di Trump: nessuna pace, apartheid

Immagine
Stato Palestinese o realtà virtuale? Stato Palestinese o realtà virtuale? 28 gennaio 2020  B’Tselem Il piano dell’amministrazione americana, definito “l’accordo del secolo” è più simile al formaggio svizzero:il formaggio offerto agli israeliani e i buchi ai palestinesi.Esistono molti modi per porre fine all’occupazione, ma le uniche opzioni legittime sono quelle basate sull’uguaglianza e sui diritti umani per tutti. Questo è il motivo per cui l’attuale piano che legittima, consolida e addirittura amplia la portata delle violazioni dei diritti umani di Israele, perpetuate ormai da oltre 52 anni, è assolutamente inaccettabile. Il piano di Trump svuota di qualsiasi significato i principi del diritto internazionale e ignora del tutto il concetto di responsabilità a causa delle loro violazioni. Trump propone di premiare Israele per le pratiche illegali e immorali in cui [Israele] si è impegnato sin da quando ha conquistato i Territori. Israele sarà in grado di continuare a

PALESTINA: ANCHE TRUMP VUOLE DUE STATI - Fulvio Scaglione

Immagine
Il "piano di pace" di Trump umilia i palestinesi e pare fatto per accrescere odi e rancori. Ma riconosce, forse senza volere, il loro diritto a uno Stato. FULVIOSCAGLIONE.COM PALESTINA: ANCHE TRUMP VUOLE DUE STATI - Fulvio Scaglione Il "piano di pace" di Trump umilia i palestinesi e pare fatto per accrescere odi e rancori. Ma riconosce, forse senza volere, il loro diritto a uno Stato. Stato Palestinese o realtà virtuale? Il cosiddetto  «piano di pace» di Donald Trump  (che in realtà pare fatto apposta per destare il maggior numero possibile di rancori), nel suo furioso desiderio di scaricare sui palestinesi tutte le colpe per quanto avvenuto nell’ultimo secolo, offre però almeno un elemento interessante. Ovvero: la riproposizione della  «soluzione a due Stati»  che negli ultimi anni la destra israeliana aveva rigettato, giudicandola morta e sepolta. Ovviamente Trump ha immaginato uno Stato palestinese ridotto ai mini