Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2021

Amos Harel : La sinistra si è piegata. Nella battaglia contro gli insediamenti illegali, Gantz si ritrova da solo

Immagine
30 giugno 2021 06:02 Dopo un'altra giornata di discussioni, martedì notte, i coloni dell'avamposto illegale di Evyatar hanno accettato la formulazione di un compromesso con il governo israeliano che riflette la maggior parte delle loro ambizioni. Come parte della proposta, i coloni hanno rinunciato alla richiesta avanzata durante i negoziati di stabilire una yeshiva nell'avamposto già ad agosto, al fine di mantenere una presenza civile continua nel sito anche dopo l'evacuazione. Ora è stato concordato che la yeshiva sarà istituita solo dopo che lo stato avrà determinato lo status giuridico della terra. I coloni hanno rinunciato a questa richiesta a causa dell'insistenza del ministro della Difesa Benny Gantz. Gantz ha sempre voluto evacuare la comunità senza compromessi, se necessario con la forza. Era riluttante a soddisfare la richiesta dei coloni riguardo alla rapida istituzione della yeshiva. Nel frattempo, verrà invece istituita una base militare. Sullo sfondo

Hannah Bagdanov : Gli estremisti israeliani stanno attaccando i palestinesi. Sono folla o milizie filo-governative?

TRADUZIONE SINTESI  Articolo in lingua inglese qui  L ' annuale  marcia  israeliana del   Jerusalem Day  , rinviata dopo i combattimenti del mese scorso tra Israele e Hamas, ha provocato   ulteriori scontri   tra manifestanti di destra e residenti palestinesi a Gerusalemme a giugno. A Maggio , gruppi violenti di  estremisti di destra  israeliani   hanno   compiuto   attacchi contro palestinesi   in Israele e in Cisgiordania. Gli estremisti hanno   etichettato i quartieri palestinesi   con slogan razzisti, a volte   contrassegnandoli   per futuri attacchi. Hanno   pattugliato le strade   delle "  città miste  " israeliane portando armi, e secondo quanto riferito alcuni hanno   accoltellato  ,   picchiato   e   lapidato   civili e manifestanti palestinesi. Chi c'è dietro questi attacchi? Dal 22 aprile, quando un gruppo di estremisti ebrei israeliani ha marciato nella Città Vecchia di Gerusalemme cantando "  morte agli arabi  ", i   ricercatori   hanno regi

Israeli extremists are attacking Palestinians. But are these mobs or pro-government militias?

Immagine
Israel’s annual  Jerusalem Day march , postponed after last month’s fighting between Israel and Hamas, resulted in  further clashes  between right-wing marchers and Palestinian residents in Jerusalem in June. In May, violent groups of Israeli  right-wing extremists  carried out  attacks against Palestinians  across Israel and the West Bank. Extremists  tagged Palestinian neighborhoods  with racist slogans, sometimes  marking them  for future attacks. They  patrolled the streets  of Israel’s “ mixed cities ” bearing arms, and some reportedly  stabbed ,  beat  and  stoned  Palestinian civilians and protesters. Who is behind these attacks? Since April 22, when a group of Jewish Israeli extremists marched into the Old City of Jerusalem chanting “ death to Arabs ,”  researchers  have tallied more than 75 violent incidents of a similar nature. The initial attacks followed protests against the forced expulsion of Palestinian families in the Sheikh Jarrah neighborhood of Jerusalem and poli

Giusy Diquattro - : Sulle colline degli assenti. In memoria. Assenti, taciuti, i morti palestinesi sono rimossi.

  Sulle colline degli assenti. In memoria Il marchio di Caino:bambini nella polvere Assenti, taciuti, i morti palestinesi sono rimossi. Di loro non vi è nome, né storia. Espropriati dalla condizione di uomini, portano i pesi di tutte le epoche, hanno spalle immense e cuore d’argilla, poroso all’oltraggio. Le loro case non hanno letti né sonno, né sedie né stanchezza; un palestinese non dorme né sogna, si esercita nella memoria, può vivere di fantasmi e di ombre. La sua casa è abbattuta, senza foto e lenzuola di lino, neppure il suono dell’ ‘ūd 1 , in festa o in agonia, sa fermare un bulldozer. Intanto sulla terrazza d’Europa si consumano aperitivi di noia e fastidio, la conversazione continua, si fa finta di nulla. Anche gli oppressori somigliano alle vittime, hanno sbarrato l’ingresso al ricordo; il rimorso lo hanno riempito di stucco e ogni crepa sembra al suo posto; i loro misfatti se li sono buttati alle spalle, dietro la linea verde di un arcobaleno artificiale. Il muro li protegg