Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2018

Hagai El-Ad :Chi in Israele si preoccupa di un altro adolescente ucciso a Gaza? |

Immagine
haaretz.com


Hagai El-Ad Who in Israel cares about another dead teen in Gaza? | Opinion

Sintesi personale
La madre di Amir è svenuta in ospedale. È svenuta sul cadavere di suo figlio, circondato da familiari. Quando si è svegliata a casa, le sue grida erano strazianti, ma non hanno riportato in vita suo figlio quattordicenne.
Queste grida non echeggiano. Chi in Israele si prende cura di un altro adolescente palestinese morto , ancora una volta a Gaza? Un altro "civile non coinvolto" che si unisce alle statistiche, senza volto e senza nome, senza una foto in prima pagina, senza una storia di vita, senza una madre che vede la testa insanguinata del suo figlio ucciso e sviene. "Una settimana dopo la nascita di mio figlio Amir, è stato esaminato e i medici hanno scoperto un buco nel suo cuore.I medici ci dissero che avrebbe avuto bisogno di un'operazione all'età di 18 anni. Non hanno prescritto alcun farmaco per Amir,  ci hanno detto che il buco  si sarebbe ri…

Hagai El-Ad Who in Israel cares about another dead teen in Gaza? | Opinion

Immagine
haaretz.com Who in Israel cares about another dead teen in Gaza? | Opinion  Amir’s mother fainted in the hospital. She fainted on her son’s dead body, surrounded by family members. When she woke up at home, her cries were heartrending, but they didn’t bring her 14-year-old son back to life.
These cries don’t echo. Who in Israel cares about another dead Palestinian teenager, and in Gaza yet? Another “uninvolved civilian” joining the statistics, faceless and nameless, without a photo on the front page, without a life story, without a mother who sees the bloody head of her dead son and faints. “A week after my son Amir was born, he was examined and the doctors discovered a hole in his heart. The doctors told us he would need an operation when he was 18. They didn’t prescribe any medication for Amir, and they told us that the hole was between the two chambers of the heart, a…

Gideon Levy: Grazie, Madre Russia che imponi confini a Israele

Alla Russia con amore.
Spunta un raggio di speranza: c’è qualcuno che mette un limite a Israele. Per la prima volta in tanti anni, un altro stato fa capire a Israele che ci sono limiti al suo potere, che non va bene fare quello che vuole, che non è l’unico giocatore, che l’America non può dargli sempre copertura e che c’è un limite ai danni che può fare.
Israele aveva bisogno che qualcuno segnasse questi limiti, ne aveva bisogno come l’ossigeno per respirare. L’arroganza degli ultimi anni e la situazione geopolitica gli permettevano di scorrazzare ovunque. Poteva far la ronda nei cieli del Libano come se fossero i suoi; bombardare nello spazio aereo della Siria come se fosse lo spazio aereo di Gaza; distruggere ogni tanto Gaza, metterla sotto assedio e, naturalmente, continuare a occupare la Cisgiordania. Improvvisamente qualcuno si è fatto avanti e ha detto: altolà. Almeno in Siria. Ora basta. Grazie, madre Russia, per aver messo dei limiti a un ragazzo che era rimasto a lungo…

Gideon Levy : To Russia With Love Thank you, Mother Russia, for imposing boundaries on Israel | Opinion

Immagine
haaretz.com Thank you, Mother Russia, for imposing boundaries on Israel | Opinion

A ray of hope is breaking through: Someone is setting limits on Israel. For the first time in years another state is making it clear to Israel that there are restrictions to its power, that it’s not okay for it to do whatever it wants, that it’s not alone in the game, that America can’t always cover for it and that there’s a limit to the harm it can do. Israel needed someone to set these limits like it needed oxygen. The recent years’ hubris and geopolitical reality enabled it to run rampant. It could patrol Lebanon’s skies as if they were its own; bombard in Syria’s air space as if it were Gaza’s air space; destroy Gaza periodically, put it under endless siege and continue, of course, to occupy the West Bank. Suddenly someone stood up and said: Stop right there. At least in Syria: That’s the end of it. Thank you, Mother Russia, for setting li…

Ben Caspit : Netanyahu domina con un altro show-

Immagine
Sintesi personale

Nessun primo ministro israeliano ha fatto un uso così abbondante, flagrante e pubblico  del  Mossad e dall'Intelligence militare come ha fatto Benjamin Netanyahu. Ha eseguito la sua esibizione di file nucleari iraniani virali del 30 aprile, utilizzando uno sfondo simulato di schedari per rivelare il succesi so del Mossad nella rimozione di un archivio nucleare iraniano da Teheran a Tel Aviv,  davanti all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 27 settembre. Come previsto , era un altro capitolo del duro attacco alla  Repubblica islamica da parte di Netanyahu.
Netanyahu ha dimostrato, ancora una volta, di essere un genio nell'arte oratoria e un mago audiovisivo quando ha raccolto fotografie e mappe di quello che ha descritto come un impianto nucleare iraniano segreto a Teheran e di  tre basi missilistiche a lungo raggio che l'Iran ha , grazie agli  Hezbollah, adiacente all'aeroporto internazionale di Beirut.
Netanyahu non è stato scoragg…

Akiva Eldar Perché il discorso dell'ONU di Trump dovrebbe preoccupare Netanyahu

Immagine
 Sintesi personale

Gli appassionati di cospirazione si iscriveranno alla teoria secondo cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stato colui che ha determinato il discorso del presidente americano Donald Trump il 25 settembre all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Trump ha annunciato che non permetterà un regime che minacci l'annientamento di Israele per ottenere armi nucleari, ha promesso sanzioni più severe contro l'Iran e ha chiesto che l'Iran venga espulsa dalla Siria. Si è anche dato una pacca sulla spalla per aver riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e non ha nemmeno menzionato l'occupazione israeliana dei territori palestinesi e degli insediamenti costruiti  lì.
In effetti il discorso è stato sicuramente una fonte di grande orgoglio e soddisfazione per Netanyahu,  ministro degli esteri . Netanyahu ha svolto un ruolo di primo piano nella decisione di Trump all'inizio di quest'anno di ritirarsi dall'accordo nucl…