Akiva Eldar Perché il discorso dell'ONU di Trump dovrebbe preoccupare Netanyahu



 Sintesi personale

Gli appassionati di cospirazione si iscriveranno alla teoria secondo cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stato colui che ha determinato il discorso del presidente americano Donald Trump il 25 settembre all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Trump ha annunciato che non permetterà un regime che minacci l'annientamento di Israele per ottenere armi nucleari, ha promesso sanzioni più severe contro l'Iran e ha chiesto che l'Iran venga espulsa dalla Siria. Si è anche dato una pacca sulla spalla per aver riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e non ha nemmeno menzionato l'occupazione israeliana dei territori palestinesi e degli insediamenti costruiti  lì.
In effetti il discorso è stato sicuramente una fonte di grande orgoglio e soddisfazione per Netanyahu,  ministro degli esteri . Netanyahu ha svolto un ruolo di primo piano nella decisione di Trump all'inizio di quest'anno di ritirarsi dall'accordo nucleare con l'Iran . Nel suo discorso di maggio che annunciava la mossa unilaterale, il presidente ha detto che aveva preso una decisione dopo aver visto il materiale che Israele aveva rubato dagli archivi nucleari iraniani. La decisione di Trump di  trasferire l'ambasciata degli Stati Uniti in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme è stata effettuata anche su  pressione di  Netanyahu. La soluzione dei due stati al conflitto israelo-palestinese è svanita e i coloni stanno applaudendo il premier  per questo trucco .
Questa è l'immagine che Netanyahu e molti media israeliani stanno vendendo al pubblico israeliano. Tuttavia, la situazione in Medio Oriente è molto meno rosea. Israele sta pagando un pesante prezzo strategico per la forte alleanza che Netanyahu ha forgiato con Trump contro l'Iran. Il ritiro degli Stati Uniti ha determinato una crisi di fiducia tra gli Stati Uniti e  i suoi tre alleati più vicini: Francia, Germania e Regno Unito. Abbandonando l'accordo, Trump ha liberato la Russia dal peso delle sanzioni internazionali contro l'Iran e ha trasformato i due paesi (Russia e Iran) in alleati che stanno dividendosi  il bottino in Siria.
Non sapremo mai se le scappatoie dell'accordo nucleare P5 + 1 con l'Iran avrebbero permesso agli iraniani di sviluppare armi nucleari, come sostiene Netanyahu,ma  sappiamo che l'abbandono degli Stati Uniti ha innescato una corsa agli armamenti convenzionale ai confini di Israele senza precedenti dai tempi della Guerra Fredda. Un'indicazione preoccupante per Israele a questo proposito è la decisione di Mosca annunciata il 24 settembre di fornire ai siriani i missili anti-aerei S-300 avanzati e le apparecchiature di localizzazione e di blocco contro la navigazione satellitare, i sistemi radar e le comunicazioni dei caccia a reazione. Il 22 settembre la tv al-Mayadeen del Libano ha offerto un'altra preoccupante indicazione  quando ha segnalato l'intenzione della Russia di chiudere lo spazio aereo sulle acque territoriali della Siria.
Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha detto che la fornitura dell'S-300 è stata pensata per "raffreddare le" teste calde "e impedire loro  di azioni mal concepite che minacciano le nostre truppe ." Apparentemente si riferiva all'abbattimento del 17 settembre di un aereo  militare russo con la conseguente uccisione di 15 membri dell'equipaggio al largo delle coste della Siria. Secondo Shoigu, Russia e Siria hanno completato l'accordo S-300 nel 2013, ma è stato sospeso su richiesta di Israele. "La situazione è cambiata, e non è colpa nostra ", ha aggiunto.
I legami strategici tra stati con interessi condivisi non si spostano da un giorno all'altro a causa di un errore operativo. Lo stato delle relazioni Israele-Russia è cambiato quando il presidente russo Vladimir Putin ha dato  alla Russia il  ruolo di attore centrale in Medio Oriente, nello stesso momento in cui Netanyahu collaborava  con Trump nello scontro con l'Iran.
Alcune settimane prima che Trump dichiarasse il ritiro dall'accordo con l'Iran, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha annunciato che lui e il suo collega cinese Wang Yi avevano accettato di bloccare qualsiasi tentativo degli Stati Uniti di sabotare l'accordo nucleare ancorato a una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.
Oltre a minare l'accordo nucleare, di cui la Russia è  uno degli sponsor, Netanyahu ha anche spinto la Russia  e l'Unione Europea fuori dall'Area dei  negoziati israelo-palestinese. Il primo ministro ha reagito in modo sdegnoso a un invito di Putin a incontrarsi a Mosca nell'ottobre 2016 con il presidente palestinese Mahmoud Abbas, unendosi a Trump per indebolire ulteriormente la fragile posizione dell'Autorità palestinese.
Evidenziando le sue frequenti visite al Cremlino, Netanyahu ha cercato di convincere la gente delle sue eccezionali capacità diplomatiche. In effetti, molti israeliani considerano il primo ministro un genio che riesce a ballare allo stesso tempo con tutti i maggiori leader del mondo. Un documento pubblicato all'inizio di quest'anno dall'Istituto per la politica e la strategia presso il Centro interdisciplinare di Herzliya indica che tali acrobazie non sono fattibili. I ricercatori del think tank osservano che negli ultimi due anni la Russia ha promosso accordi sulle armi , alcune delle armi più avanzate, con gli stati arabi che si affacciano sul Mediterraneo, sul Mar Rosso e sul Golfo Persico. La Russia è anche profondamente coinvolta nelle arene siriane e iraniane con accordi sulle armi tra Russia e Iran stimati in 10 miliardi di dollari, secondo lo studio.
I ricercatori sottolineano che fornire armi a questi stati fornisce alla Russia benefici economici e influenza diplomatica, aiutandola a affermarsi come potenza globale. Queste operazioni potrebbero anche consentire alla Russia di schierare forze nei paesi  alle quali  vende sistemi avanzati, e persino di arrivare fino a fondare basi militari in paesi come l'Egitto, il Sudan e gli stati del Golfo Persico. Si prevede che gli interessi militari della Russia con un numero crescente di paesi in Medio Oriente, secondo gli esperti, avranno implicazioni per la libertà di movimento degli Stati Uniti su terra, aria e mare.
La pacca sulla spalla che Trump si è dato mentre si trovava sul podio delle Nazioni Unite ha suscitato risate nella sala dell'Assemblea Generale. La chiara impotenza di Trump in vista dell'asse russo-iraniano-sciita in Medio Oriente non è affatto divertente. L'errore commesso dal primo ministro israeliano che ha deciso di sostenere questa politica  estera e di difesa irresponsabile, finirà in lacrime.


al-monitor.com
For Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu, US President Donald Trump…

Conspiracy buffs will subscribe to the theory that Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu was the one who crafted US President Donald Trump’s Sept. 25 speech to the UN general Assembly. Trump announced that he would not permit a regime that threatens Israel’s annihilation to obtain nuclear weapons; he promised tighter sanctions on Iran and demanded that Iran be kicked out of Syria. He also patted himself on the back for recognizing Jerusalem as the capital of Israel, and didn’t even mention Israel’s occupation of Palestinian territories and the settlements it built there.
Indeed, the speech was surely a source of great pride and satisfaction for Netanyahu, who is also Israel’s foreign minister. Netanyahu played a leading role in Trump’s decision earlier this year to withdraw from the world powers’ nuclear agreement with Iran. In his May speech announcing the unilateral move, the president said he had formed his decision after seeing the material Israel had stolen from Iran’s nuclear archives. Trump’s decision to move the US Embassy in Israel from Tel Aviv to Jerusalem, which had been gathering dust in Congress file folders for years, was carried out on Netanyahu’s watch, too. The two-state solution to the Israeli-Palestinian conflict has evaporated and the settlers are once again cheering Netanyahu for this disappearing trick.
This is the picture that Netanyahu and many Israeli media outlets are selling the Israeli public. However, the view from the Middle Eastern gallery is far less rosy. Israel is paying a heavy strategic price for the strong alliance that Netanyahu has forged with Trump against Iran. The US withdrawal from the hard-won deal set off a crisis of trust between the United States and its three closest allies — France, Germany and the United Kingdom. By walking away from the deal, Trump freed Russia from the weight of international sanctions against Iran and turned the two countries (Russia and Iran) into allies divvying up the loot in Syria.
We will never know whether the loopholes in the P5+1 nuclear agreement with Iran would have enabled the Iranians to develop nuclear weapons, as Netanyahu claimed. On the other hand, we do know that the US walkout set off a conventional arms race on Israel’s borders unprecedented since Cold War days. A troubling indication for Israel in this regard is Moscow's decision announced Sept. 24 to supply the Syrians with advanced S-300 anti-aircraft missiles and tracking and jamming equipment against satellite navigation, radar systems and jet fighter communications. On Sept. 22, Lebanon’s Al-Mayadeen TV offered another worrisome indication of trouble when it reported Russia’s intention to seal off the air space over Syria’s territorial waters.
Russian Defense Minister Sergei Shoigu said the S-300 supply was meant to “cool down the 'hot heads' and keep them from ill-conceived actions threatening our troops.” He was apparently referring to the Sept. 17 downing of a Russian military reconnaissance aircraft and the killing of 15 crew members off the coast of Syria (by Syrian defense systems reacting to an earlier aerial attack, allegedly by Israel). Shoigu said Russia and Syria had completed the S-300 deal in 2013, but it was suspended at Israel’s request. “The situation has changed, and it's not our fault,” he added.
Strategic ties between states with shared interests do not shift overnight over an operational error. The state of Israeli-Russian relations changed when Russian President Vladimir Putin restored Russia to its role of a central actor in the Middle East at the same time that Netanyahu partnered with Trump in the clash with Iran.
A few weeks before Trump declared the withdrawal from the Iran deal, Russian Foreign Minister Sergey Lavrov announced that he and his Chinese colleague Wang Yi had agreed to block any US attempt to sabotage the nuclear deal anchored in a UN Security Council resolution.
In addition to undermining the nuclear deal, of which Russia was one of the sponsors, Netanyahu also pushed Russia and the European Union out of the Israeli-Palestinian negotiating arena. The prime minister reacted dismissively to an invitation by Putin to meet in Moscow in October 2016 with Palestinian President Mahmoud Abbas, instead of joining forces with Trump to further undermine the frail standing of the Palestinian Authority.
Highlighting his frequent Kremlin visits, Netanyahu has tried to convince folks of his exceptional diplomatic skills. Indeed, many Israelis view the prime minister as a genius who manages to tango at the same time with all the world’s major leaders. A paper published earlier this year by the Institute for Policy and Strategy at the Interdisciplinary Center in Herzliya indicates that such acrobatics are not feasible. The think tank’s researchers note that over the past two years Russia has been promoting arms deals, some of highly advanced weapons, to Arab states bordering the Mediterranean, Red Sea and Persian Gulf. Russia is also deeply involved in the Syrian and Iranian arenas, with Russia-Iran arms deals (at different negotiation stages) estimated at $10 billion, according to the study.
The researchers point out that supplying arms to these states provides Russia with economic benefits and diplomatic influence, helping it establish itself as a global power. These deals could also enable Russia to deploy forces in the countries to which it sells advanced systems, and even to go as far as setting up military bases in places like Egypt, Sudan and Persian Gulf states. Russia’s military involvement with a growing number of countries in the Middle East, the experts argue, is expected to have implications for US freedom of movement on land, air and sea.
The pat on the back that Trump gave himself while standing on the UN podium generated laughter in the General Assembly hall. Trump’s clear helplessness in view of the tightening Russian-Iranian-Shiite axis in the Middle East is not funny by any means. The mistake made by the prime minister of Israel, who has decided to prop up his foreign and defense policy on the shoulders of this irresponsible lightweight, will end in tears.
Found in: sergey lavrov, iranian-israeli conflict, us-israel relations, nuclear talks, security, unga, benjamin netanyahu, donald trump

Akiva Eldar is a columnist for Al-Monitor’s Israel Pulse. He was formerly a senior columnist and editorial writer for Haaretz and also served as the Hebrew daily’s US bureau chief and diplomatic correspondent. His most recent book (with Idith Zertal), Lords of the Land, on the Jewish settlements, was on the best-seller list in Israel and has been translated into English, French, German and Arabic.


2  

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri