Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2014

Jerusalem Day, migliaia di coloni dicono 'Kahane aveva ragione'

 Allison Deger   Migliaia di giovani israeliani marciano A Gerusalemme Day. (Foto: Allison Deger)   Oltre 10.000 giovani israeliani, provenienti prevalentemente dagli insediamenti in Cisgiordania, hanno marciato nella parata annuale Jerusalem Day  che commemora la vittoria di Israele nella guerra del giugno 1967. Indossavano magliette con l'adesivo "Kahane aveva ragione" Kahane era  un rabbino  leader del movimento politico "Kach",   un'organizzazione definita terrorista dal l governo  israeliano  durante gli anni 1970 e 1980. Era anche una figura di spicco della "Jewish Underground", una band in Cisgiordania di teppisti che organizzavano  assalti clandestini contro gli  arabi e la sinistra israeliana . I loro eredi di oggi sono i giovani della collina, i coloni rinnegati, forse qualche centinaio al massimo,  responsabili del tag price e dell'attacco ai soldati israeliani nel 2012. Un giovane   ha spiegato che il viole

Uri Misgav: Non neo-nazisti, giudeo-nazisti in Israele

  Sintesi personale Amos Oz ha sbagliato di nuovo.   Non sono  neonazisti.   SONO 'giudeo-nazisti.   Eredi di un gruppo unico che Yeshayahu Leibowitz ha profetizzato così bene subito dopo la grande vittoria del 1967. Razzismo, omicida e odio profondo originati di una visione del mondo religiosa-messianica alimentato dalla occupazione e dalla colonizzazione. Naturalmente, in questa fase, sono ai margini.   ,ma  la storia ha dimostrato  che il vero problema è come il centro risponde ai margini.   ". S ulla scia dei più recenti focolai di disordini  di ispirazione   Kristallnach , il colono  di destra si affretta a etichettare i rivoltosi sdegnosamente ,ma negli autobus sempre più adesivi spuntano in ebraico e in arabo con l'avvertenza: "Non osate nemmeno pensare a una donna ebrea!" Manifesti e articoli mettono in guardia non solo contro "assimilazione", ma anche contro l'occupazione araba .   Dietro a questa percezione ci sono persone, arbitri di

Uri Misgav : Not neo-Nazis, Judeo-Nazis

Immagine
Not neo-Nazis, Judeo-Nazis Amos Oz got it wrong again. Bloodcurdling bureaucracy and the banality of evil, here in the land of milk and honey. By Uri Misgav | May 30, 2014 | 2:40 AM | 2 'Price tag, King David is for the Jews, Jesu

Amira Hass :La storia dei Palestinesi in un incontro casuale con un autostoppista

Immagine
Haaretz 26/05/2014 È ancora buio nella via Al-Rukab a Ramallah. L’unico posto aperto è il piccolo negozio di libri e giornali di Ju’ebeh, e i giornali appena stampati aspettano di essere distribuiti nelle altre edicole della città. Fermo l’auto. L’uomo che ha alzato il braccio in cerca di un passaggio corre verso di me, mi guarda attraverso il finestrino con una certa sorpresa, ma apre la porta e sale in macchina. Non c'è bisogno che lo dica lui- posso dire che è uno dei fortunati con un permesso di lavoro per entrare in Israele, in viaggio verso il checkpoint di Hashmonaim ( sulla terra che Israele ha rubato al villaggio palestinese di Ni’ilin). Anch’io mi sto dirigendo in quella direzione. Questa settimana la pavimentazione della piazza Arafat e le strade che vi arrivano sono state divelte di nuovo cosicché tutti i taxi che di solito trasportano i lavoratori da lì al checkpoint sono spariti. Così al mattino presto molti lavoratori stanno agli incroci sper

La visita di Papa Francesco in Palestina

Immagine
La visita di Papa Francesco in Palestina Di Richard Falk 27 maggio 2014 La visita di Papa Francesco in Terra Santa fa sorgere una domanda  immensa: “Quale è la natura del potere religioso nel nostro mondo del 21° secolo?  Può  avere  effetti  di trasformazione”? Gli esperti di media e la maggior parte delle voci liberali che arrivano dal regno laico approvano questo tentativo di Francesco di cercare la pace attraverso l’incoraggiamento alla riconciliazione, allo stesso tempo rispettosamente ricordandoci che il suo impatto è soltanto ‘cerimoniale’ e ‘simbolico’ e non avrà e, presumibilmente non dovrebbe avere alcuna conseguenza politica che vada oltre una temporanea pulizia dell’atmosfera politica. La prospettiva del 6 giugno di Mahmoud Abbas e Shimon Peres che pregano insieme al Vaticano come un passo verso una conclusione pacifica della lunga lotta, è, temo, un ambiguo evento marginale. Per prima cosa, Peres come presidente di Israele sta per lasciare il suo

Carlo Strenger : Israel’s right-wingers have problems with facts

Immagine
  Israel’s right-wingers never stop providing spectacular examples of the all-too-human tendency to avoid facts that contradict their worldview. Two weeks ago I showed how the Anti-Defamation League’s anti-Semitism survey demonstrates the falsity of Netanyahu & Co.’s favorite theory that anti-Semitism is the source of Israeli criticism. The ADL’s study shows the opposite: European criticism of Israel’s occupation is negatively correlated with anti-Semitic attitudes, i.e. that countries like Sweden and Britain, which are almost devoid of such attitudes, criticize Israel most strongly, whereas countries that Netanyahu & Co. consider as friends harbor high levels of anti-Semitism. The ADL’s survey produced one result that, while not unexpected, certainly requires further thought and analysis: Arab countries have by far the highest rate, 74% of the population, of anti-Semitic attitudes. There seems to be a high correlation with Islam, because Malay

Gerusalemme in numeri : povertà e discriminazione

Immagine
Thursday, May 29, 2014 J'lem in numbers: Poverty and discrimination  Sintesi Raccolta di fatti e cifre di Gerusalemme, redatta e pubblicata in occasione della "Jerusalem Day". Mentre gli ebrei israeliani celebrano la "riunificazione" di Gerusalemme, i dati dimostrano che la città è tutt'altro che unitaria . pur essendo parte dello stesso Comune  sia Gerusalemme Ovest che Gerusalemme EST . Ai  residenti palestinesi di Gerusalemme  non è stata  concessa la cittadinanza israeliana e non hanno il diritto di votare alle elezioni nazionali, non  hanno il  passaporto israeliano e se trascorrono un certo numero di anni all'estero, sono regolarmente esclusi dal ritorno. I seguenti dati sono stati presi dal Bureau israeliano Centrale di Statistica ( CBS - Eb ), l'Associazione per i Diritti Civili in Israele ( ACRI ) e Ir Amin ( IA - Eb ). • palestinesi sono più di un terzo (37 per cento) dei residenti di Gerusalemme (CB

Hebron : ragazzine palestinesi arrestate con l'accusa di raccogliere ciliegie da un albero dei coloni

Immagine
Rabbis for Human Rights .   sintesi personale     Quattro ragazze palestinesi, età 11-14 anni , sono state arrestate ieri dalla polizia di Hebron  perchè sospettate  di aver rubato  ciliegie dall'  albero di un colono. L'arresto è avvenuto mentre le ragazzine  (una delle quali   è sordomuta ) ritornavano dalla scuola  e si recavano nel  loro villaggio, At-Tuwani, sulle colline a sud di Hebron. In passato, quando abbiamo prodotto la prova che un colono adulto aveva rubato numerosi sacchi di olive da un boschetto appartenente al vicino villaggio di Susya, la polizia ha  svolto le indagini con molta lentezza  Il caso è stato chiuso quando il colono ha portato una bottiglia, comprata al supermercato, di olio d'oliva a titolo di risarcimento. Le ragazze hanno ricevuto la consulenza legale di un avvocato che lavora per i  Rabbini per i Diritti Umani . Gabi Lasky le rappresenterà in ulteriori procedimenti.   L' attivista per i diritti umani, Ezra

Il Papa bacia le mani ai sopravvissuti della Shoah

Immagine

Un gruppo di pellegrini sudafricani ripete il gesto di Papa Francesco al muro a Betlemme

Immagine
  can't believe it my group from South Africa .... Today morning they asked me to stop near the separation wall .... They went down from the bus the prayed as our pope did .... I think that's will be like a habit to every catholic pilgrims in the holy land .....Pope god bless you .. We all love you ...

L'Assemblea Legislativa rivedrà le leggi di Hamas e di Abbas prodotte durante gli anni dello scisma

Immagine
  Di Rasha Abou Jalal. Al-Monitor (23/05/2014). Traduzione e sintesi di Omar Bonetti. Mentre continuano le consultazioni per la formazione di un governo di coalizione tra Hamas e Fatah, Hassan Khreisheh, il vicepresidente dell’Assemblea Legislativa palestinese, ha dichiarato che, dopo l’inaugurazione della nuova legislazione, tutte le leggi, gli emendamenti e i decreti emessi da Hamas a Gaza e da Abu Mazen in Cisgiordania saranno sottoposti a una rigida e definitiva revisione. Infatti, nonostante Hamas possieda la maggioranza dei seggi dal 2006, la sua azione militare nel 2007 ha portato al controllo della Striscia di Gaza, causando la fine delle sedute congiunte tra i due blocchi parlamentari. In modo particolare, è la legislazione prodotta da Hamas, da allora fino ad oggi, a destare maggiore preoccupazione: il 17 maggio sono stati introdotti tre provvedimenti legislativi relativi al codice penale, a quello di procedura penale e quello sui centri di riforma legale e d

Attacco al Museo di Bruxelles: trasformare questa tragedia in propaganda anti-palestinese è moralmente ripugnante.

Immagine
  http://mitchellplitnick.com/2014/05/27/4671/ Sintesi personale Il 24 maggio un tiratore non identificato ha aperto il fuoco al museo ebraico di Bruxelles, uccidendo quattro persone . Due delle vittime erano israeliani e gli altri due  nonsono state identificate  , oltre ad essere descritte  come un volontario e un dipendente del museo. Nulla è davvero ancora noto circa l'identità o la motivazione del tiratore. Un video dell'incidente offre molto poco in termini di definizione del etnia dell'assassino,ma  il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman sanno molto bene chi è il responsabile.   Netanyahu ha dichiarato   "... il risultato di una costante incitamento contro gli ebrei e il loro stato. Calunnie  contro lo Stato di Israele continuano ad essere ascoltate  sul suolo europeo, mentre i crimini contro l'umanità e gli atti di omicidi perpetrati nella nostra regione vengono s

State to hinder removal of settlers from private land

Immagine
    Chaim Levinson Despite the Netanyahu government’s public reluctance to adopt the controversial 2012 Levy Committee Report, which recommended ways to ease the settlement of Jews in the West Bank, some of these recommendations are being put into practice, Haaretz has learned. The report , written under the supervision of the late Supreme Court Justice Edmond Levy, examined various legal issues relating to land in the West Bank, and was submitted to the government in July 2012. The report made headlines by concluding that in principle the West Bank is not occupied territory, and it made a number of recommendations for removing obstacles to Jewish settlement there. At first it seemed as if the g

Bradley Burston: Sei un agente straniero? 10 leggi tra le più indesiderati di Israele

SINTESI PERSONALE Chi non ha sognato di essere un agente segreto al servizio di potenze straniere ? Ora, in una sorta di ridefinizione del termine "agente segreto", si scopre che potresti essere tu  e non saresti  nemmeno solo .Questo sarà reso possibile , se i legislatori della destra Ayelet Shaked (Habayit Hayehudi), Robert Ilatov (Yisrael Beiteinu) e il presidente della Coalizione Yariv Levin (Likud) ottengono il loro obiettivo. Secondo la loro proposta di legge gli individui ,le organizzazioni per i diritti umani israeliani o altre organizzazioni senza scopo di lucro   che ricevono finanziamenti da paesi stranieri dovranno scrivere  sui documenti ufficiali che lavorano come "agenti stranieri". Il disegno di legge   è rivolto esclusivamente a gruppi con tendenze di sinistra e  prevede inoltre che i beneficiari perderanno il loro status di esenzione fiscale e saranno tenuti a presentare relazioni periodiche per il controllo da parte delle

Bradley Burston : Are you a foreign agent? Israel's 10 Most Unwanted Laws

Immagine
  Are you a foreign agent? Israel's 10 Most Unwanted Laws - A Special Place in Hell www.haaretz.com Who hasn't dreamed of being a secret agent, suave and unsuspected in the service of foreign handlers?  Now, in something of a redefinition of the term "secret agent," it turns out that you could be one, and not even know it yourself. That is, if hard-right lawmakers Ayelet Shaked (Habayit Hayehudi), Robert Ilatov (Yisrael Beiteinu) and Coalition chair Yariv Levin (Likud) get their way. According to their proposed law , Israeli individuals and human rights groups or other nonprofit organizations that receive funding from foreign countries will be required to explicitly state, beside their logo on official do