Jerusalem Day, migliaia di coloni dicono 'Kahane aveva ragione'

 Allison Deger

 Migliaia di giovani israeliani marciano A Gerusalemme Day.(Foto: Allison Deger)
 Oltre 10.000 giovani israeliani, provenienti prevalentemente dagli insediamenti in Cisgiordania, hanno marciato nella parata annuale Jerusalem Day  che commemora la vittoria di Israele nella guerra del giugno 1967.
Indossavano magliette con l'adesivo "Kahane aveva ragione" Kahane era  un rabbino  leader del movimento politico "Kach",   un'organizzazione definita terrorista dal l governo  israeliano  durante gli anni 1970 e 1980. Era anche una figura di spicco della "Jewish Underground", una band in Cisgiordania di teppisti che organizzavano  assalti clandestini contro gli  arabi e la sinistra israeliana . I loro eredi di oggi sono i giovani della collina, i coloni rinnegati, forse qualche centinaio al massimo,  responsabili del tag price e dell'attacco ai soldati israeliani nel 2012. Un giovane   ha spiegato che il violento nazionalismo ebraico  del rabbino  parla ai giovani di oggi  che considerano gli attuali leader, come Benjamin Netanyahu ,morbidi verso coloro che hanno commesso atti contro lo Stato. Questa nuova generazione di seguaci di Kahane respinge la formazione di uno stato palestinese, rifiuta ogni divisione di Gerusalemme , denigra lo scambio di prigionieri  e vuole vivere in una società esclusivamente ebraica.   Insieme cantano : "Gerusalemme è per gli ebrei! "
 
(Foto: Allison Deger)  Sintesi personale 
"Perché Gerusalemme è il luogo del terzo tempio e tutta la storia è  iniziata qui", ha detto un altro seguace adolescente di Kahane che vendeva magliette con l'immagine della Cupola della Roccia con la  scritta ebraica  che inneggia alla   sua demolizione. "Questa è la Cupola della Roccia e non  la vogliamo qui". 
Un secondo motivo raffigura  la costruzione del terzo tempio ial posto  di  al-Aqsa,




Altri  criticano  i  Kahanism. "Queste persone sono fanatici", ha detto Hod uno studente di liceo israeliano che ha avuto un esame di arabo il giorno dopo. "Per lui Jerusalem Day è espressione di razzismo, "la maggior parte di queste persone qui odia  gli arabi, lo sai?" Trecento e cinquanta mila palestinesi di Gerusalemme non sono cittadini israeliani, ma piuttosto "residenti temporanei" della città. Essi non votano alle elezioni nazionali,ma  solo a quelle locali , non pagano le tasse, hanno checkpoint nei loro quartieri di Gerusalemme. Qalandia, il checkpoint principale per la Cisgiordania, è in realtà dentro Gerusalemme, intrappolando migliaia di titolari della Gerusalemme identità dietro il muro di separazione. Nel quartiere di Shuafat un checkpoint più recente intrappola 20.000 palestinesi gerosolimitani-dietro il muro.

Residenti palestinesi all'interno della Città Vecchia non possono
lasciare le loro case  (Foto: Allison Deger)
Nel pomeriggio otto palestinesi sono già stati arrestati e granate assordanti sono state lanciate  contro i residenti per tenerli lontano dalla manifestazioni
 2   

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri