Hilo Glazer : Nelle Prealpi italiane, gli israeliani stanno creando una comunità di espatriati. Iniziative simili non sono così rare


Sulla scia del colpo di stato giudiziario, le discussioni israeliane sul trasferimento all’estero non si fermano più ai gruppi di social media. In una lussureggiante valle dell’Italia nordoccidentale si stanno concretizzando idee di emigrazione collettiva – e iniziative simili stanno prendendo forma anche altrove
Hilo Glazer
2 settembre 2023 1:19 IDT
“Mentre il numero di ore di luce nella democrazia del loro paese continua a diminuire, sempre più israeliani arrivano nella valle montuosa alla ricerca di un nuovo inizio. Tra loro ci sono giovani con bambini nel marsupio, altri con bambini in età scolare, e ci sono persone con i capelli grigi come me. Un insegnante, un imprenditore tecnologico, uno psicologo, un toelettatore, un allenatore di basket. Alcuni dicono che stanno solo esplorando, ma si vergognano ancora di ammettere che stanno seriamente considerando l'opzione. Altri sembrano determinati e motivati: si stanno chiedendo come ottenere un permesso di soggiorno, quanto costa una casa, come aprire un conto bancario e trasferire i fondi di previdenza finché è ancora possibile. Alla base di tutto questo c’è uno strato di dolore, il dolore dei buoni israeliani che credevano che dopo 2.000 anni avrebbero potuto riposare sugli allori,
Lo scrittore è Lavi Segal, la zona montuosa che sta descrivendo si trova nella Valsesia, nella regione Piemonte dell'Italia nord-occidentale, ai piedi delle Alpi. Segal, titolare di un'impresa turistica della Galilea, condivide la sua esperienza con i membri di un gruppo Facebook chiamato Baita, che offre informazioni agli israeliani che cercano di immigrare e creare una propria comunità in Valsesia, molti dei  suoi abitanti originari se ne sono andati negli ultimi tempi. decenni. Il nome del gruppo è un amalgama di Bait (in ebraico per “casa” o “casa”) e Ita – abbreviazione di Italia. Baita in italiano si traduce anche come “capanna in montagna”. E non si tratta di montagne qualunque: la Valsesia è conosciuta come “la valle più verde d’Italia”. 
“Con tutto il rispetto per il discorso sulla 'bellissima Terra d'Israele'”, dice ad Haaretz in un'intervista telefonica, “Israele è forse bello rispetto alla Siria o all'Arabia Saudita [ma] l'Europa e le Alpi sono un mondo diverso. Il paesaggio è mozzafiato, il tempo è meraviglioso e tutti i ben noti problemi di Israele – guerre, sporcizia, sovraffollamento, costo della vita – semplicemente non esistono qui”.
Segal vive in Valsesia con la moglie Nirit da due mesi; entrambi hanno circa 60 anni. "Siamo in un viaggio di familiarizzazione ed esplorazione", spiega. «Abbiamo affittato una casa qui e ogni tanto parliamo con gli agenti immobiliari della possibilità di acquistarne una. Al momento non si parla di sradicamento permanente, anche se ciò potrebbe avvenire se la vita in Israele diventasse intollerabile. Per il momento stiamo cercando un posto dove possiamo dividere il nostro tempo tra Israele e l'estero. Israele ci è molto caro: quando siamo lì partecipiamo attivamente alle manifestazioni” contro i piani del governo per una revisione giudiziaria .
Nirit, che organizza ritiri artistici, ha due menti: “Questo posto è un sogno quando si tratta di creare arte, ma sono molto legata a Israele , come molte persone del mio ambiente, lo sento soprattutto oggi. Sono preoccupata per le implicazioni dell’ondata migratoria per il movimento di protesta”.
Per il momento ha deciso di non decidere, ammette. “Voglio tenere il bastone da entrambe le estremità. Per partecipare alla protesta, ma anche per restare qui per lunghi periodi. Siamo stati ricevuti qui cordialmente. Nonostante le difficoltà linguistiche, abbiamo sviluppato dei legami piacevoli e naturali con le persone. È strano, ma mi sto affezionando."
Lavi attribuisce meno importanza allo sconvolgimento politico in patria quando si riferisce alla decisione di indagare su altre opzioni. "Non avevo bisogno di assistere agli eventi attuali per capire che Israele si sta dirigendo in direzioni non buone", dice.
La strada per i Segal, che hanno tre figli grandi, per stabilirsi nella valle si sta aprendo soprattutto grazie al passaporto lituano di Lavi. “Con esso possiamo restare a tempo indeterminato entro i confini dell’Unione Europea e i bambini possono studiare e lavorare. Chi avrebbe mai pensato che, dopo tutto quello che è successo al nostro popolo e alla mia famiglia sul suolo lituano, un passaporto lituano ci avrebbe reso possibile questa libertà di movimento?”
Nel frattempo vivono in una tranquilla cittadina a 650 metri sul livello del mare.
L'aria è rarefatta?
Lavi: “No, è semplicemente pulito.”
E non è noioso?
“Ne ho abbastanza di fare nella vita, ora sono nella fase dell'essere. Scendo al fiume e nuoto nell'acqua ghiacciata, facciamo escursioni. E posso anche sedermi su una panchina di fronte alle montagne, ascoltare le campane della chiesa, e per quanto mi riguarda questo mi rallegra la giornata."
A differenza della famiglia Segal,  i Golan hanno già messo radici in Valsesia. Maayan Golan, terapista occupazionale, e suo marito Ram, imprenditore agricolo, sulla cinquantina, sono stati i primi israeliani ad acquistare una casa lì, a circa mezz'ora dalla città principale, grazie alle informazioni e al supporto tramite Baita.
L'idea ha iniziato a prendere forma per loro un anno fa. "Abbiamo fatto un lungo viaggio attraverso l'Europa in macchina e all'improvviso abbiamo scoperto quanto sia divertente spostarsi liberamente per il continente, senza limitazioni", afferma Maayan. “Abbiamo deciso che questo è il modo in cui vogliamo vivere.”

Perché hai scelto appositamente di stabilirti in Valsesia?
“È una combinazione tra una forte attrazione per i paesaggi e i costi relativamente economici, o molto economici rispetto a Israele. In Israele non avevamo alcuna possibilità di acquistare una casa come quella che abbiamo qui”.
È una ragione sufficiente per emigrare?
“Ci sono molte ragioni, ma la principale è davvero economica. 
Ha avuto un ruolo anche la situazione politica in Israele?
“Sai, un anno fa abbiamo lasciato un Paese funzionante. Ma sì, dal nostro punto di vista, ciò che sta accadendo ora non fa altro che rafforzare la sensazione di aver fatto la mossa giusta. Mettiamola così: quando abbiamo iniziato a viaggiare, non immaginavamo che avremmo lasciato Israele. Siamo una famiglia profondamente radicata per la quale il detto "non ho altro paese" non è sicuramente un cliché. Ma quando siamo arrivati ​​in Europa, abbiamo visto che ci sono più possibilità”.
Tra tutte le possibilità, hai scelto proprio un paese il cui primo ministro, Giorgia Meloni , proviene da un partito che ha radici fasciste, che è ostile all’opinione pubblica liberale.
Per noi è un punto di rottura. Siamo entrambi patrioti, e ultimamente ci sono stati parecchi pianti, ma comprendiamo che Israele non è più un posto sicuro in cui vivere, che il Paese è cambiato.Può sembrare una sciocchezza, ma non è la nostra: in Israele siamo attratti da ciò che accade. Qui, se qualcosa non ci piace, possiamo partire senza sentimenti. In Italia “la disperazione diventa più confortevole” – come disse una volta il drammaturgo Hanoch Levin.
La coppia possiede una fattoria a Moshav Ein Yahav, nel deserto di Arava, che hanno affittato per finanziare il loro soggiorno in Italia. Il desiderio per i loro quattro figli è l'unica cosa che pesa sulla loro avventura. Eppure, due sono in viaggio dopo il servizio militare, uno è uno studente universitario e il più giovane sta facendo un anno di servizio volontario. Il mese prossimo i suoi genitori torneranno in Israele per stare con lui quando inizierà il servizio militare, dopodiché pensano di tornare in Italia.
Ci sono parecchie comunità di israeliani in tutto il mondo – a Berlino, in Portogallo. Perché non unirti a uno di quelli esistenti?
“Non volevamo farlo. Abbiamo vissuto in ambienti comunitari per gran parte della nostra vita: in un moshav o in un villaggio. Ne abbiamo abbastanza. Una delle cose belle di Baita è che non esiste tale impegno. Compri una casa nella valle e ora sta a te decidere quanto sarai coinvolto. Non vorremo restare isolati, circondati solo da italiani. Sarà bello trascorrere del tempo e viaggiare con gli amici israeliani , ma non necessariamente sentiamo il bisogno di connetterci con la vita comunitaria”.
* * *
Altre due famiglie israeliane hanno già acquistato casa in Valsesia, e altre dieci circa stanno organizzando a vari livelli il loro trasferimento lì. Ma questi sono solo i pionieri: circa 800 persone si sono iscritte come membri dell'organizzazione no-profit Progetto Baita, che gestisce la pagina Facebook Baita, e due delle sue delegazioni hanno già visitato la zona. Una terza delegazione di 35 persone si recherà lì nelle prossime settimane e, a causa della domanda, un quarto gruppo si recherà in ottobre. Un raduno di luglio organizzato dall'organizzazione no-profit in Israele ha richiamato circa 100 persone.
Lo spirito promotore dell'iniziativa è Ugo Luzzati, 61 anni, israeliano nato e vissuto la sua giovinezza in Italia, che conta di stabilirsi nella valle il prossimo anno. Tutto è iniziato nel 2019, racconta, quando ha acquistato una casa in Valsesia per le vacanze su incoraggiamento della sua (ormai ex) moglie. Dalle conversazioni con i residenti locali, ha scoperto che la regione, la cui popolazione è stata impoverita, ha bisogno di sangue nuovo. Lo scorso ottobre  Luzzati ha pubblicato un appello su Facebook affinché le persone si unissero a lui, e in breve tempo si è ritrovato a indagare le complessità della vita in Valsesia, verificando le possibilità di lavoro per gli stranieri lì e fornendo informazioni sulle politiche di immigrazione in Italia. Ben presto raccolse un primo gruppo di persone interessate.
«All'epoca non pensavo ad un'iniziativa a favore delle persone colpite dal colpo di stato [giudiziario del governo], che in realtà allora non era ancora iniziato, almeno non ufficialmente», dice Luzzati. “Volevo proporre un’alternativa agli israeliani che erano stufi del sovraffollamento e volevano essere vicini alla natura. Nel frattempo, si è scoperto che mi ero assunto la missione di aiutare a portare i buoni israeliani in un posto diverso, perché vedo che in Israele le cose si stanno rovinando”.
Inizialmente Luzzati si è impegnato nell'iniziativa come volontario. Ma quando ha scoperto che passava la maggior parte del suo tempo ad assistere gli israeliani che valutavano di trasferirsi nella zona, ha stretto un accordo con un agente immobiliare italiano locale, in base al quale riceve una commissione per ogni accordo firmato. Questa disposizione gli consente, dice, di supervisionare tutti gli aspetti del suo progetto. A suo merito si può dire che è davvero devoto alla sua missione, e non solo agli aspetti immobiliari.

In una delle sue funzioni, Luzzati funge da agenzia di collocamento in miniatura. Gli israeliani interessati a stabilirsi in questo angolo del Piemonte gli inviano il loro curriculum e lui li indirizza verso potenziali posti di lavoro. Inoltre pubblicizza informazioni sui visti di residenza e organizza anche corsi di italiano. Per formalizzare tutta la sua attività ha creato il Progetto Baita onlus.
Il suo progetto è aperto anche agli israeliani non in possesso di passaporto europeo: alcuni hanno cercato di incontrare Luzzati, spingendolo a indagare, ad esempio, su come possano ottenere lo status di residente in Italia (a quanto pare  possedendo un visto da nomade digitale,  si evidenzia una fonte di reddito continuativa e stabile).
Luzzati intanto sta organizzando un incontro di Progetto Baita con un rappresentante della Questura che si occupa dei permessi di soggiorno. Durante le visite precedenti iniziò a coltivare i legami con i funzionari comunali e regionali locali. Il dialogo con loro ha portato a un accordo scritto con il sindacato comunale della valle, che ha posto il progetto sotto il suo patrocinio e ha dichiarato che il sindacato “accoglie a braccia aperte i membri della Società Baita e spera di integrarli presto tra gli abitanti della regione”.
In effetti, la valle ha bisogno di una spinta. L'insediamento in Valsesia raggiunse il suo massimo splendore agli inizi del XX secolo, quando la popolazione ammontava a 22.000 abitanti. Oggi però si contano meno di 10.000 abitanti; la popolazione sta invecchiando e secondo le stime sono circa 1.000 le case abbandonate a causa dello spostamento delle persone dalle zone rurali a favore della vita urbana.
Luzzati spiega che per la popolazione locale rilanciare il territorio è una vera esigenza esistenziale e non è mossa solo dal desiderio di un passato splendido: “All'improvviso un negozio in uno dei paesi chiude perché non c'è alcuna giustificazione ragionevole per mantenerlo, e i restanti residenti non possono più comprare il pane. Un elettricista va in pensione, quindi ora vai a cercare un altro tecnico.
* * *
Luzzati è nato e cresciuto a Genova ed è immigrato in Israele all'età di 23 anni. Si guadagnava da vivere come pittore, argentiere e disegnatore di insegne. Lui e la sua famiglia – ha cinque figli – si stabilirono in Galilea e, sebbene sentisse di essersi integrato con successo in Israele, si sentì sempre diviso.
“Dal momento in cui ho letto la notizia in ebraico, mi sono chiesto quanto tempo avrei potuto restare in un Paese che stava scivolando verso direzioni nazionaliste, intensificando l’occupazione e calpestando i diritti dei più deboli e oppressi ” , spiega, ammettendo che l'idea di partire “è sempre stata lì, ma ero impegnato a guadagnarmi da vivere, a crescere figli, a creare una casa. Tutta la mia energia è andata in questo. Abbiamo cresciuto i nostri figli secondo gli ideali sionisti, perché tutto sommato credevamo nello Stato. Ci siamo tutti offerti volontari per un anno di servizio alla comunità [attraverso un programma nazionale di volontariato per diplomati delle scuole superiori e abbiamo prestato servizio nelle forze di difesa israeliane”.
Luzzati cita l’inizio di novembre del 2022, quando sono usciti i risultati delle elezioni, come un momento fondamentale nella storia della Baita: “Quel giorno ho ricevuto un torrente di richieste da parte di persone che volevano lasciare il Paese”. Allo stesso tempo, non è a suo agio all'idea che la sua impresa venga associata alla creazione di una città di rifugio per presunti esuli politici, e sottolinea che le sue opinioni sull'attuale situazione in Israele sono esclusivamente sue.
“Sono cresciuto con le leggende della Brigata Ebraica [nella Seconda Guerra Mondiale], lo stupore per i risultati dei kibbutz, il miracolo noto come la fondazione dello Stato di Israele e i suoi valori di solidarietà. Tutto ciò sta scomparendo”.
Anche il futuro dell’Italia appare più cupo che mai. State organizzando l’immigrazione in un paese governato da una donna di estrema destra che persegue politiche chiaramente antiliberali.
“Tanto per cominciare non esiste una sola Italia; ci sono un certo numero di Italia. Ogni regione geografica ha i suoi attributi culturali. La Valsesia è caratterizzata da un atteggiamento molto comprensivo verso gli estranei. Nel corso degli anni vi si sono stabiliti piccoli gruppi provenienti dall’Africa, ad esempio dal Marocco, e recentemente anche profughi dall’Ucraina. La gente del posto ha creato per loro organizzazioni no-profit e scuole che insegnano l'italiano. Ma la cosa principale è che in Italia ci sono innumerevoli controlli ed equilibri: due camere del parlamento, una corte suprema e un presidente, ognuno dei quali ha il potere di ribaltare le leggi. Inoltre l’Italia ha una Costituzione forte e insieme alla Comunità europea è firmataria di convenzioni che tutelano i diritti delle minoranze”.
Sì, ma la Meloni sta già portando avanti un approccio contrario nei confronti dell’Unione Europea.
“Gli italiani sono una nazione a cui piace parlare, la comicità per loro è uno stile di vita. Ma lasciare l’Europa? . Nessuno  è così tanto idiota. L’Italia vede come l’economia è crollata in paesi come Ungheria e Polonia, che si sono allontanati dai valori dell’UE. L’opinione pubblica italiana non crederà mai agli esagerati sentimenti nazionalisti di un politico”.
Parli di meccanismi costituzionali e di cultura, ma la realtà dell'Italia sta già cambiando. Con la nuova amministrazione, ad esempio, la registrazione delle donne lesbiche come madri verrà interrotta. La Meloni non ti preoccupa?
“La considero un fenomeno passeggero. I meccanismi democratici [nel paese] non sono qualcosa di astratto, ma costituiscono una barriera all'estrema destra per mantenere gli slogan che sta vendendo al pubblico. L’Italia è un Paese che santifica la burocrazia. Il carattere italiano è vestirsi bene, mangiare bene e rendersi la vita facile. Nessuno vuole davvero metterlo a rischio”.
* * *
Al recente incontro di Progetto Baita in Israele, la maggior parte dei partecipanti era costituito da  coppie di età compresa tra i 40 ei 60 anni. I più giovani si sono interessati alle tematiche legate all'istruzione (livello accademico delle scuole, dimensione delle classi, autobus), mentre i più anziani si sono interessati ai servizi sanitari locali. "Di questo passo incontreremo lì tutti i medici in Israele", ha scherzato una persona, riferendosi alle notizie di un'ondata di medici che valutano la possibilità di trasferirsi all'estero. Il pubblico ha reagito con una risata ironica.
Ma la reazione più forte è scoppiata dopo che i partecipanti hanno saputo che l'iniziativa italiana sarebbe stata presto pubblicizzata sotto forma di un articolo nell'edizione ebraica di Haaretz (apparso sul settimanale il 25 agosto). I partecipanti si sono opposti a ciò per vari motivi, anche a causa della preoccupazione che, dopo averlo letto, i funzionari del tesoro o delle banche avrebbero imposto restrizioni più severe sul trasferimento di denaro fuori da Israele.
Davide Filié, residente locale, si è sforzato di imparare l'ebraico, per aiutarlo a comunicare con i potenziali nuovi arrivati. Secondo lui la possibilità che gli israeliani rinforzino la popolazione in diminuzione è “troppo bella per essere vera”.
Lo stesso Luzzati, tuttavia, ha una spiegazione diversa per la paura dei potenziali emigranti di essere esposti: “La cultura israeliana ci sottopone ad abusi emotivi e mentali. In nessun altro paese al mondo, quando le persone cercano un futuro migliore altrove, sentono che stanno facendo qualcosa di sbagliato. La gente ha paura, non vuole essere smascherata, affinché i suoi amici non scoprano che stanno pensando alla [emigrazione; letteralmente “discendente”, in ebraico] dal paese”.
Infatti, anche tra le quattro famiglie che hanno già fatto il passo e si sono trasferite in Valsesia, c'è chi non vuole che venga menzionato il proprio vero nome. Tra loro ci sono “Hagit” e “Dan”, rispettivamente di 50 e 60 anni, che si sono trasferiti a valle in agosto con il figlio, che sta entrando in prima media. Si stabilirono a Varallo, cittadina che con i suoi 6.500 abitanti è la località più popolosa della zona. Per una casa spaziosa su quello che dicono sia un grande appezzamento di terreno hanno pagato 57.000 euro, più 10.000 euro per la ristrutturazione. L' affitto della loro casa in Israele li fa andare avanti comodamente.
"I dintorni qui sono un sogno che le parole non possono descrivere", dice Hagit. “È semplicemente il paradiso. Oltre agli spazi infiniti, a Varallo tutto è accessibile e vicino. Ci sono supermercati, negozi, un centro comunitario, scuole e persino un cinema”.
Hagit descrive il sogno attuale, ma Dan, che si unisce alla conversazione, insiste su un sogno che è andato in frantumi.
"Non avremmo lasciato Israele se non fosse stato per la consapevolezza che tutto era finito", dice. “Mi ha colpito durante l’Operazione Margine Protettivo [nella Striscia di Gaza], nel 2014. Il disgusto per il massacro che è stato perpetrato lì, il fatto che l’intera arena politica si sia inchinata davanti al [Primo Ministro Benjamin] Netanyahu, e per finire, le decine di soldati che furono uccisi lì. Sono sempre stato attivo nel promuovere iniziative di pace, ma quell’operazione è stata il punto in cui ho capito che non c’erano possibilità. Tutte le nostre speranze e i nostri sogni  sono sempre nati da un profondo legame con questa terra. Oggi sento che questa è la mia ultima possibilità di dare  ai miei  figli un altro sogno”.
In questo senso, lo sconvolgimento giudiziario del governo ha reso più facile fare questo passo?
"Anzi. In termini di coscienza è molto più difficile. Sono stato totalmente attivo nelle manifestazioni, come parte del blocco anti-occupazione. È un luogo in cui ho ancora dei partner nella causa, ma tra il pubblico israeliano in generale mi sento un alieno. Guarda, è incoraggiante vedere l'unità in molte proteste, ma ciò non si traduce in alcun tipo di ideologia alternativa. Alla base della base non c’è speranza. Andarsene mentre Israele sanguina è doloroso. Stiamo effettivamente ammettendo di aver fallito”.
Hagit: “Mio nonno e mia nonna erano attivi negli insediamenti Tower e Stockade [fondati da coloni ebrei nella Palestina mandataria]. Fuggirono dalla Polonia e dall'Austria per fondare [il Kibbutz] Hanita. È semplicemente incomprensibile che io, con questo passaporto [straniero], ora stia fuggendo di nuovo in Europa”.
* * *
Oded, 58 anni (nome di fantasia), originario del nord di Israele, ha intenzione di trasferirsi in Valsesia l'anno prossimo con la compagna e il figlio di 15 anni. La coppia, che gestisce un'attività in proprio, vive attualmente nella cosiddetta comunità di vedetta (località tipicamente pittoresche situate sulle colline della Galilea). "Abbiamo cercato qualcosa di simile, con la natura e il paesaggio, e in Italia abbiamo trovato qualcosa 1.000 volte più pastorale e bello", dice.
Ma non è stato il fascino delle distese verdeggianti del Piemonte a spingere la coppia a decidere.
“Abbiamo deciso di andarcene perché, a nostro avviso, il paese si trova in un processo accelerato di deterioramento economico e sociale, e quando questo processo incontra una crisi di sicurezza, non è una situazione in cui vogliamo trovarci. Il tentativo di trasformare il paese in una dittatura , anche se sarà contenuta temporaneamente, richiederà un prezzo elevato”, dice Oded, aggiungendo che parla per esperienza, essendo cresciuto nella Romania di Ceausescu.
"Conosco i danni che un governo dittatoriale arreca al funzionamento dello Stato, e soprattutto so quanto sia difficile rovesciare un governo del genere", continua. “Una volta radicato, si diffonde come un tumore, perché molte persone hanno un interesse diretto a preservarlo. È un vero e proprio caso da manuale di ciò che sta accadendo ora in Israele: persone inadatte stanno assumendo posizioni di alto livello sulla base della lealtà, offrendo una sorta di compenso agli amici ai livelli più bassi e così via. Nel corso del tempo, viene costruita una piramide piuttosto stabile.
L'Italia non è stato il primo paese considerato da Oded e sua moglie. “All’inizio abbiamo pensato a Cipro e siamo andati anche lì per verificare alcune opzioni. Ma dopo aver visitato la valle ci è stato chiaro che era quello il posto giusto”, ricorda. “Il clima è piacevole, il livello di assistenza sanitaria è elevato e Israele e Italia sono firmatari di tutti i tipi di convenzioni e accordi fiscali che ci renderanno più facile gestire la nostra attività da remoto”.
Anche il fatto che Oded parli rumeno non ha fatto male: “L'italiano e il rumeno sono davvero lingue sorelle, e l'italiano in generale è una lingua abbastanza facile. Mia moglie ne è rimasta molto immersa; sta imparando l'italiano ogni giorno e le piace moltissimo.”
La coppia sta iscrivendo il figlio al liceo di Varallo, dove le lezioni sono tutte in italiano. 
.
La famiglia è ora in trattative finali per acquistare una casa nella valle. La loro eccitazione, però, è venata di tristezza.
"È un punto di rottura per noi", dice. “Siamo entrambi patrioti e ultimamente abbiamo pianto parecchio, ma capiamo che Israele non è più un posto sicuro in cui vivere, che il Paese è cambiato. Quando abbiamo iniziato a entrare nei gruppi di emigrazione [sui social media], abbiamo visto il numero di persone che stanno pensando di lasciare il Paese – e sono proprio loro che lo tengono insieme. Anche se la legislazione venisse bloccata e vincessimo la battaglia sui punti, il futuro di Israele è molto lontano dall’essere roseo”.
* * *
Chi si trasferisce in Valsesia conoscerà il ciclo stagionale, dove l'inverno è nevoso, la primavera è una profusione di colori, le estati si vestono di verde e l'autunno è una coltre di foglie cadute. Questo è un luogo dove i siti di rafting e kayak confinano con i cortili delle scuole, dove il capo del consiglio locale è anche il droghiere del villaggio, dove una volta alla settimana si tiene un mercato di agricoltori erranti e talvolta anche mercatini delle pulci. Piccoli ruscelli si fanno strada attraverso i cortili delle case. Gli appassionati di sci potranno scegliere tra le vicine località in Italia, Svizzera e Francia. Violenza, criminalità e ingorghi sono concetti quasi astratti. Tuttavia, questa valle alpina parzialmente deserta, i cui nuovi residenti israeliani la descrivono come un paradiso terrestre, è considerata dalla gente del posto una zona arretrata e svantaggiata.
Davide Filié, residente in Valsesia, collabora all'integrazione degli israeliani. “Quando ero bambino qui c’erano parecchie scuole ed erano tutte piene”, racconta. «Con gli anni le famiglie hanno cominciato a partire, soprattutto verso Milano e Torino. Alcuni di loro hanno mantenuto la loro casa qui e la usano per le vacanze estive. Sono rimaste solo 13 persone nel villaggio in cui sono cresciuto, e ci sono altri villaggi che oggi sono quasi inesistenti”.
.
Ma Luzzati ci crede molto. "La verità è che stiamo costruendo una comunità anche lì", ha detto durante l'incontro in Israele. “Sono cauto nell'usare questa parola, perché so che ci sono molte persone in Israele che sono state ferite dal comunitarismo. Ed è importante che sappiate che non c'è nulla di vincolante al riguardo: noi aiuteremo chiunque voglia andarci, incondizionatamente. Ma alla fine l’obiettivo è riunirsi. Nel momento in cui raccoglieremo una massa critica di persone che parlano la stessa lingua, ciò accadrà da solo. Forse creeremo un club, un centro comunitario. Gli edifici disponibili non mancano. Mi è chiaro che si creerà una comunità, lo sento nell'anima. In definitiva, questo è l’obiettivo generale”.
* * *
Baita è una delle iniziative israeliane più attive finalizzate all'emigrazione collettiva, in termini pratici, ma esistono anche gruppi simili. Nelle ultime settimane su WhatsApp sono stati creati numerosi gruppi designati per il ricollocamento in vari luoghi – dal Portogallo, dalla Spagna alla Nuova Zelanda.
Nella maggior parte dei casi questi gruppi sono principalmente impegnati a rendere disponibili le informazioni. La conversazione spazia da questioni di base come visti e tassazione, a domande specifiche sul trasporto di animali domestici e consigli sui traslochi. Di tanto in tanto gli amministratori di questi gruppi organizzano incontri su Zoom con avvocati o agenti immobiliari del Paese preso di mira, e talvolta anche con israeliani che già vivono lì.
Questi gruppi non pretendono di istituire un sistema organizzato di emigrazione; il loro scopo è fornire un sostegno agli individui e alle famiglie che cercano un cambiamento. Tra questi spiccano i medici, oltre 1.000 dei quali sono stati coinvolti in gruppi di ricollocazione , dopo che la Knesset ha eliminato il cosiddetto standard di ragionevolezza per le decisioni dei tribunali. Anche lo scambio di informazioni nei gruppi Facebook che si occupano di relocation è più intenso che mai. Gli amministratori del gruppo Israeliani a Copenaghen, ad esempio, hanno riferito che solo nelle ultime settimane hanno chiesto di aderire circa 1.000 persone.
Al culmine della sua attività c'è anche Relocation from Israel Abroad, un gruppo Facebook privato. Uno dei suoi amministratori, Or Yochanan, israeliano che vive ad Austin, in Texas, racconta che fino allo scorso novembre il gruppo contava circa 8mila membri che si erano gradualmente uniti nel corso di sette anni di attività. Negli ultimi mesi si è registrato un aumento fino a 27.000.
"Quello a cui stiamo assistendo non ha precedenti", afferma Yochanan. “Ora stiamo sperimentando una crescita organica di 500 membri al giorno. Ho già visto picchi di ogni genere in tempi di tensioni legate alla sicurezza, ma in generale svaniscono. Questa volta il livello di coinvolgimento dei nuovi membri è incredibile”.
Hai l'impressione che le persone siano interiormente mature per il trasloco?
“Quasi tutti quelli con cui parliamo si trovano in una sorta di fase: chiarimenti, interviste, procedure di cittadinanza e visto. Coloro che si fanno beffe delle persone che esprimono il desiderio di andarsene, che lo considerano semplicemente un'altra "ondata", non capiscono quanto siano determinati e quanto sia profonda la crisi. Io stesso sono emigrato completamente, ma sicuramente non sono uno di quelli che vogliono vedere un'uscita di massa o un approccio del tipo "lasciare che il Paese bruci". Questo mi rende molto triste”.
* * *
New Israeli Village è un gruppo che è in bilico tra il sostegno a coloro che sono alle prese con l’idea di andarsene e il sostegno più attivo all’emigrazione collettiva. Il suo gruppo WhatsApp è stato creato poco dopo che il ministro della Giustizia Yariv Levin ha presentato il suo piano per una “riforma” dell'intero sistema giudiziario del paese; il numero dei membri aumentò in maniera direttamente proporzionale all'avanzamento della legislazione. Obiettivi del gruppo:
“Fondare una città di leader israeliani, in un altro paese. Creare una comunità di poche migliaia di israeliani che svolgono professioni richieste, che si uniranno per ottenere collettivamente visti di immigrazione, acquistare un tratto di terreno particolarmente ampio in una buona posizione, ottenere permessi di costruzione. Fin dall'inizio la città includerà un ospedale di altissimo livello, aziende ad alta tecnologia, centri commerciali e persino centri culturali ebraico-israeliani. Nella comunità provvederemo anche alle persone anziane e a quelle con bisogni speciali e problemi medici complessi, che nel [consueto processo di] emigrazione degli individui rimarrebbero indietro”.
Il gruppo è stato fondato da Efrat, docente di cinema, il cui nome è stato cambiato su sua richiesta. All’inizio, dice “era per metà serio e per metà un gruppo di protesta”. Tuttavia, con il passare del tempo, quello che era iniziato come un esercizio concettuale è diventato un’iniziativa concreta. Anche i governi stranieri hanno preso atto del gruppo emergente in Israele – con il suo mix di medici, ingegneri e altre professioni attraenti che stanno esplorando una via d’uscita dal paese.
“Abbiamo tenuto una [chat] su Zoom con un ministro portoghese, abbiamo anche avuto una conversazione con qualcuno del governo cipriota”, osserva Efrat. “Anche il governo di Zanzibar si è rivolto a noi tramite un israeliano che vive lì. Hanno fatto un'offerta incredibile: una zona in riva al mare, infrastrutture adeguate. La verità è che ero sbalordito, ma le persone del gruppo erano meno entusiaste di trasferirsi in un paese antidemocratico del Terzo Mondo. La maggioranza preferisce i paesi anglofoni: Stati Uniti, Inghilterra, Canada”.
Un’altra iniziativa per stabilire una colonia israeliana all’estero, che viene condotta nello spazio tra Facebook (dove è un gruppo privato) e Zoom, è New Israel – Stato israeliano, democratico-liberale. Questo gruppo, avviato nell'ultimo anno e che ora conta circa 2.000 membri, è guidato da un imprenditore high-tech di nome Yonatan Sela. Riferisce che lui e il suo partner nell'iniziativa l'hanno avviata in seguito all'approvazione della legge che annulla il criterio di ragionevolezza. "Per anni abbiamo parlato dell'argomento e lo abbiamo esplorato, e ora sentiamo che è giunto il momento di passare alla fase del fare", afferma.
La loro idea è quella di organizzare un massiccio acquisto di terreni in un paese che ha un interesse economico, scientifico e persino di sicurezza ad assorbire capitale umano da Israele. In un incontro su Zoom tenutosi a metà agosto, Sela ha osservato che Nuovo Israele (in ebraico le parole sono traslitterate) aspira a trovare proprietà per un totale di circa 60 chilometri quadrati (23 miglia quadrate), che è all’incirca la dimensione della città di Rishon Letzion, a sud di Tel Aviv: “Un’area di quelle dimensioni sarà in grado di costituire un’infrastruttura per una comunità di insediamento, non solo per un gruppo ristretto iniziale ma anche per coloro che si uniranno [successivamente]”.
Sela ha sottolineato che la nuova comunità sarà organizzata sulla base di un’identità israeliana e non ebraica. “L’Israele è stata una nazione distinta per molto tempo. Tutti gli israeliani saranno invitati a venire lì, compresi gli arabi", dice, aggiungendo: "Non siamo ancora arrivati ​​a quel punto, ma Cipro sembra una buona opzione".
Israel 2.0 è un altro gruppo Facebook che mira ad aiutare i membri dello scoraggiato campo liberale israeliano a trasferirsi, in questo caso, negli Stati Uniti. “L’intenzione è quella di costruire una nuova città da zero, e da zero per costruire infrastrutture di istruzione, industria, tecnologia, sanità, diritto, cultura e istituzioni nello spirito della nostra visione – di un Israele democratico e liberale”, afferma Gil Levy, che proviene dal settore high-tech ed è uno dei leader di questa iniziativa. “Aspiriamo a vivere lì come israeliani con la cultura unica che è stata creata qui, per mantenere un Israele bello e buono all’interno della società americana”.
Come è nata l'idea?
“Si sta diffondendo sui social media, sulla base della consapevolezza che anche se vincessimo la battaglia sul colpo di stato del regime, la grande campagna sarebbe già stata decisa. Pensavamo che invece dei singoli migranti saremmo andati in una direzione diversa. Parliamo di un gruppo eterogeneo che emigrerà per tappe”.
Secondo Levy, un gruppo attivo è alla guida di questa impresa. Recentemente hanno finito di formulare il proprio manifesto del nuovo Israele e hanno iniziato a creare gruppi di lavoro concentrati su aree di interesse per i potenziali immigrati, come la tecnologia, l’istruzione, la medicina, il mondo accademico e così via. Intendono contattare i membri del Senato americano, aggiunge: “L'idea è ottenere un permesso per l'immigrazione di massa da Israele negli Stati Uniti. Stiamo iniziando a lavorarci. Noè non iniziò a costruire la sua arca quando caddero le prime gocce del diluvio. Si era preparato in anticipo."
* * *
Dopo che la rivoluzione giudiziaria è stata lanciata all'inizio di quest'anno, sono sorte due iniziative per i professionisti dell'industria high-tech israeliana che stanno contemplando la delocalizzazione. A marzo, Yosi Taguri, responsabile delle operazioni israeliane per ZipRecruiter, un mercato del lavoro con sede negli Stati Uniti, ha annunciato il lancio di Noah's Ark 2.0. Ha presentato i suoi membri come “un gruppo di persone che condividono un insieme comune di valori e vogliono vivere insieme per costruire un futuro migliore”. Taguri ha rifiutato di parlare con Haaretz sullo stato dell'iniziativa. “Non ne stiamo parlando; la protesta è la cosa più importante su cui investire in questo momento”, ha affermato.
Una seconda iniziativa, lanciata anch’essa a marzo con molto clamore ma che ora sembra essere svanita, si chiama Piano B: un gruppo di importanti lavoratori dell’alta tecnologia ha annunciato di essere in trattative con i paesi europei per creare “una nuova casa per il nazione startup”. TheMarker ha riferito che i rappresentanti del gruppo stavano effettivamente discutendo con alti funzionari politici in Grecia e avevano anche sondato il terreno a Cipro e in Portogallo con l’obiettivo di creare un pacchetto di emigrazione attraente per i lavoratori tecnologici israeliani. Il gruppo del Piano B ha descritto il proprio progetto come in fase di pianificazione a “livello statale ufficiale” e come “qualcosa di grande e strategico”. In riunioni a porte chiuse, i suoi leader hanno riferito di aver stabilito un canale diretto con il ministro degli Esteri greco.
Uno di questi leader è Ori Hadomi, il fondatore di Mazor Robotics, un’azienda di dispositivi chirurgici venduta per 1,6 miliardi di dollari. “La Grecia è un paese che ha bisogno di sviluppo economico”, dice, “e qui ci sono migliaia di dipendenti dell’alta tecnologia che cercano alternative prima di disperdersi in tutto il mondo. Questo dialogo calza a pennello al governo greco”.
Ciononostante Hadomi e i suoi soci hanno preferito fare un passo indietro. “Nel dialogo con loro, che è stato intimo e si è svolto ai massimi livelli, ho detto che non avevamo intenzione di prendere parte a far uscire gli israeliani da Israele. Abbiamo passato la palla a loro [ai greci] e li abbiamo incoraggiati ad essere attivi nella formulazione di pacchetti attraenti per potenziali emigranti. Da parte nostra, non conosco nessun gruppo organizzato che stia lavorando con loro in questo momento per portare avanti l'idea. Non sarò io a condurre le barche da Israele alla Grecia: il vento che soffia le spinge da solo”.








Israel 2.0? In Italy's Alpine foothills, Israelis are starting an expat community



Commenti

Post popolari in questo blog

La carta degli insediamenti israeliani in Cisgiordania e a Gerusalemme Est dal 1967 a oggi

Joel Swanson : Opinion | Wake up, Jewish establishment: Seth Rogen speaks for a lot of us young Jews

Il Giorno della Memoria è il momento di tradire la nostra israelità (FONTE EBRAICA ISRAELIANA)