Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2014

Chi ha ferito Yehuda Glick ? I progetti apocalittici per la ricostruzione del Terzo Tempio

Immagine
http://electronicintifada.net/blogs/ali-abunimah/who-shot-yehuda-glick

Who shot Yehuda Glick?
 Sintesi personale

La narrazione israeliana della sparatoria all' estremista ebreo Yehuda Glick solleva molti interrogativi e dubbi.
  Comunque si adatta perfettamente all'interno di uno scenario delineato da Glick se stesso: uno   spettacolare atto di violenza contro gli ebrei contribuirà a far progredire il suo agognato obiettivo: ".  Il Terzo Tempio  in sostituzione di al-Aqsa a Gerusalemme 
La posta in gioco non potrebbe essere più alta :  estremisti ebrei, tra cui Glick, sostenuti dal governo israeliano stanno attivamente progettando di trasformare questo progetto in realtà messianica.
Escalation di violenza e scontro sono  una parte essenziale del loro piano.
Se hanno successo, la violenza che potrebbe inghiottire la regione potrebbe essere ancora più catastrofica rispetto alla situazione attuale. Un sostenitore del progetto di costruire il Tempio ha previsto una "gu…

Jonathan Cook :Come Israele sta trasformando Gaza in una prigione di massima sicurezza

Immagine
29 ottobre 2014
E’ sorprendente che la ricostruzione di Gaza, bombardata nell’Età della pietra, secondo gli scopi espliciti di una dottrina militare israeliana nota come “Dahiya”, è proprio  cominciata con esitazione soltanto due mesi dopo la fine dei combattimenti.
Secondo le Nazioni Unite, 10.000 case sono state distrutte o danneggiate, lasciando 600.000 palestinesi – quasi un terzo della popolazione di Gaza – senza tetto o con la necessità urgente di aiuto umanitario.
Strade, scuole, e la centrale elettrica per  fornire l’acqua, e i sistemi fognari sono ridotti in rovine. Il freddo e l’umidità dell’inverno si avvicinano. L’organizzazione umanitaria Oxfam avverte che con l’attuale  ritmo di svolgimento dei lavori ci potrebbero volere 50 anni per ricostruire Gaza.
In quale altro luogo del mondo a parte i territori palestinesi la comunità internazionale starebbe in disparte mentre così tante persone soffrono – e non per un azione divine  casuale, ma voluta da altre persone?

Chemi Shalev : Home Blogs West of Eden West of Eden by Chemi Shalev The secret ingredient of the Israeli right’s indignation: occupation-denial

The secret ingredient of the Israeli right’s indignation: occupation-denial - West of Eden www.haaretz.com Take occupation out of the equation and everything else falls into place: Obama’s fickleness, Europe’s animosity, Arab sanctimony and the media’s duplicity.

You could be excused for scratching your head at some of the curiously timed decisions and strangely bellicose statements coming out of Israel this week. Why was it necessary to announce new building in East Jerusalem straight on the heels of the previous ruckus? Who is the genius that didn’t realize that taking Palestinians off West Bank buses would be a godsend to BDS-supporters? Why does Prime Minister Netanyahu persist in his very public spat with the Obama administration and why doesn’t Defense Minister Moshe Yaalon desist from dissing the Americans, despite their snubs?
Israeli leaders, after all, are not stupid. Contrary to what many of Israel’s enemies would like to believe, they are not evil e…

ISIS,il terrore e la morale ipocrita dell'Occidente

Immagine
ISIS, Terror and the Moral Hypocrisy of the West Tikun-Olam Tikun Olam-תיקון עולם
Sintesi personale

Nel corso degli ultimi mesi, ISIS, che aveva combattuto le forze del presidente siriano Bashar al-Assad, ha cambiato tattica  e  ha conquistato vaste aree di territorio in gran parte-sunnita nell'Iraq occidentale,massacrando migliaia di sciiti, curdi, yazidi e altre minoranze.
Più di recente  l'  ISIS ha sviluppato una nuova tattica :video raccapriccianti . Questi islamisti radicali sono odiosi  e sono stati respinti  dal mondo  e dai musulmani sunniti stessi .
Ma c'è stata una strana trasformazione nell'atteggiamento occidentale verso il gruppo islamista:  quando eran massacrati  gli arabi,l'attenzione dei media era molto ridotta  e nessuna vasta mobilitazione è stata creata   per affrontare la minaccia.
Quando uno di noi è stato decapitato davanti ai nostri occhi, l'  ISIS è diventato il male personificato, un nemico della civiltà occidentale, una forza che d…

Bradley Burston: Netanyahu ha bisogno di Israele in costante stato di disperazione e di paura

Sintesi personale
Haaretz editorialista e redattore senior Bradley Burston ha detto Martedì che non si aspetta di vedere la pace tra Israele ei palestinesi nei prossimi anni  e attribuisce la colpa principalmente al governo del primo ministro Benjamin Netanyahu.
"Ci sono tutte le ragioni per l'attuale governo di mantenere la pace il più lontano possibile", ha detto Burston  ad  Aimee Amiga . "E 'nel loro interesse guidare  il resto del paese in una sorta di stato di disperazione permanenteper neutralizzare l'opposizione e mantenere la coalizione  "Il pubblico israeliano avrebbe voluto una soluzione a due Stati e la pace, ma  sono stati "assolutamente convinti  che ciò  è impossibile."
Netanyahu "crede davvero che la sua sopravvivenza come primo ministro sia assolutamente fondamentale per la sopravvivenza di Israele come paese".
Burston ha  accusato Netanyahu di cercare scuse in Palestina per  disdegnare mosse verso la pace e pot…

Video WATCH: Bradley Burston: Netanyahu needs Israel in constant state of despair and fear

WATCH: Bradley Burston: Netanyahu needs Israel in constant state of despair and fear - Video Haaretz columnist explains why he thinks peace with Palestinians isn't possible in our time. haaretz.com  Haaretz columnist and senior editor Bradley Burston said Tuesday he did not expect to see peace between Israel and the Palestinians in the coming years, and he placed the blame mainly on Prime Minister Benjamin Netanyahu's government.
"There is every reason for the current government to keep peace as far away as possible," Burston told Haaretz's Aimee Amiga. "It is in their interest because it creates a situation that energizes the right in this country, and drives the rest of the country into a kind of state of permanent despair, which keeps them neutralized and keeps any kind of broad coalition, broad opposition, from forming against them."
Burston said he had no doubt the Israeli public wanted a two-state solution and peace, but sai…

L'Unione degli ebrei progressisti del Belgio boicotta il Festival Internazionale Ebraico del Cinema di Bruxelles

Immagine
L'Unione degli ebrei progressisti in Belgio (l’Union des Progressistes Juifs de Belgique - UPJB) ha annunciato il suo boicottaggio del Festival Internazionale Ebraico del Cinema di Bruxelles a causa del patrocinio dell'ambasciata israeliana.
Il Festival Internazionale Ebraico del Cinema di Bruxelles, che va dal 28 ottobre al 2 novembre, si svolge sotto lo slogan Sous Le Meme Soleil (Sotto lo stesso sole), facendo riferimento al rapporto tra palestinesi ed israeliani.
"È con stupore che l’UPJB vede le ambasciate israeliana e statunitense quali partner del festival Sotto lo stesso sole", il UPJB ha scritto in un comunicato. "[Gli organizzatori del Festival] ci hanno contattato per partecipare a questo evento, il cui scopo è quello di promuovere produzioni cinematografiche che mettono in risalto il rapporto tra le persone che vivono sulla terra di Israele / Palestina. Eravamo d'accordo in linea di principio. In nessun modo ha fatto sapere l’IMAJ (g…

Il primo ministro palestinese in una rara visita al Monte del Tempio

Immagine
Con e |28 ottobre 2014 | 03:35



Sintesi personale Il primo ministro palestinese Rami Hamdallah visita la Cupola della Roccia nella città vecchia di Gerusalemme, 27 ottobre 2014.Foto di AP
La visita di Rami Hamdallah alla Cupola della Roccia  è venuto in un momento di crescenti tensioni tra israeliani e palestinesi a Gerusalemme Est .
Il santuario, situato nella città vecchia di Gerusalemme, si trova sul Monte del Tempio, una collina venerata da ebrei e musulmani.
I palestinesi  considerano  Gerusalemme Est, che Israele conquistò nel 1967, come loro capitale. Giovani palestinesi   si scontrano regolarmente con le forze di sicurezza israeliane a Gerusalemme Est da mesi.
Hamdallah ha detto che "non ci sarà uno Stato palestinese senza Gerusalemme Est come capitale"



27 ottobre 2014. Foto di AP
Hamdallah è stato accompagnato  dal Mufti Mohammed Hussein, da  Adnan al-Husseini e dal capo dell'intelligence palestinese Majid Faraj.
Il primo mini…

Talal Jabar : Trattate gli assassini palestinesi come trattate gli assassini israeliani

 Sintesi personale

Più bambini morti. Una palestinese e una israeliana. Più famiglie in lutto. E non posso fare a meno di pensare  che il sistema giudiziario israeliano è responsabile di entrambe le morti. Questo sistema di giustizia è un'afflizione che in qualsiasi altro paese democratico paralizzerebbe l'intero sistema giudiziario ed  ha una visione perfetta, soprattutto quando si tratta di reati di natura politica.
Prendete i due recenti eventi come esempi tipici: un autista palestinese si scontra con una folla di gente che aspetta un treno, uccidendo una bambina. Egli viene ucciso sul posto e le autorità hanno immediatamente annunciato che ha un record di " reati connessi con la sicurezza . Non so se lo ha fatto di proposito o meno, ma dopo la collisione,è uscito dal suo veicolo ed è corso via. Perché non è stato arrestato? Perché non dargli la possibilità di difendersi? Poteva aver guidato  incautamente? Invece, gli hanno sparato e lo hanno ucciso.
L'…

Amira Hass : Il genio del male di Israele è nella sua capacità di travestirsi con la compassione e la preoccupazione

Immagine
Come uccidere esseri umani senza far uso di esplosivi o di armi, come svuotarli dall’interno, come rubare ai lavoratori della terra ciò che hanno di più caro.
Il genio del male israeliano non è affatto banale. Con grande disponibilità di invenzioni ed innovazioni, come anche di tecniche consolidate, esso scorre come l’acqua ed irrompe da luoghi reconditi. Però, a differenza delle fiumane, non finisce mai, e colpisce qualcuno, mentre resta invisibile, irrintracciabile ed inesistente per altri. Il genio del male israeliano sta nella sua abilità di vestire i panni della compassione e della preoccupazione (fornendo a Bernard-Henri Levy e ad Elie Wiesel un’ulteriore opportunità di tessere le lodi dello stato ebraico …

Amira Hass : Otherwise Occupied / The genius of Israeli evil: It poses as concern

Immagine
articolo
Israeli evil is not at all banal. Abundant in inventions and innovations as well as in age-old techniques, it trickles like water and bursts out from hidden places. But unlike floods, it does not reach an end, and it affects some while being invisible, undetectable and non-existent for others. The genius of Israeli evil is in its ability to disguise itself as compassion and concern (thus providing Bernard-Henri Lévy and Elie Wiesel with yet another opportunity to praise the Jewish state in widely-read essays).
Take, for example, the inventive technique of Israeli agriculture: two to five days per year of cultivating the land. A shmita (sabbatical) for land every year, instead of remaining idle every seven years. It does so 360 days each year. Our compassionate and generous army allows tens of thousands of Palestinians living in the West Ban…