Talal Jabar : Trattate gli assassini palestinesi come trattate gli assassini israeliani



 Sintesi personale

Più bambini morti. Una palestinese e una israeliana. Più famiglie in lutto. E non posso fare a meno di pensare  che il sistema giudiziario israeliano è responsabile di entrambe le morti. Questo sistema di giustizia è un'afflizione che in qualsiasi altro paese democratico paralizzerebbe l'intero sistema giudiziario ed  ha una visione perfetta, soprattutto quando si tratta di reati di natura politica.
Prendete i due recenti eventi come esempi tipici: un autista palestinese si scontra con una folla di gente che aspetta un treno, uccidendo una bambina. Egli viene ucciso sul posto e le autorità hanno immediatamente annunciato che ha un record di " reati connessi con la sicurezza . Non so se lo ha fatto di proposito o meno, ma dopo la collisione,è uscito dal suo veicolo ed è corso via. Perché non è stato arrestato? Perché non dargli la possibilità di difendersi? Poteva aver guidato  incautamente? Invece, gli hanno sparato e lo hanno ucciso.
L'altro incidente si è verificato nel villaggio palestinese di Sinjil dove un colono israeliano ha investito due bambine che camminavano lungo il ciglio della strada, uccidendo una bambina di cinque anni. Era questo un incidente? Forse. Ci sarà un'inchiesta aperta? Molto improbabile. E, soprattutto il conducente non è stato ucciso come il  terrorista .
E questo non è l'unico caso. Ogni volta che un palestinese è sospettato di aver ucciso un israeliano, è condannato, incarcerato o ucciso senza quelle che sarebbero chiamate "prove concrete" in una nazione democratica  e senza una parvenza di un vero e proprio processo, reale ed onesto .
E di solito non finisce qui. Ora la famiglia che ha perso un marito e un padre  per un evento per il quale egli può o non può essere responsabile , ma dove  la famiglia non ha giocato alcun ruolo, ha avuto distrutta la propria casa .  I parenti stretti dell'uomo che, ovviamente, non hanno partecipato all'evento - altrimenti avrebbero incontrato il suo stesso destino - sono stati segnalati nei file dalla polizia segreta, il che rende molto difficile per loro ottenere i permessi per entrare in Israele o addirittura viaggiare all'estero. (In linea generale, quando un palestinese viene ucciso dalle forze israeliane, i permessi di ingresso dei loro stretti familiari sono revocati per paura della loro  vendetta.)
Quindi,un palestinese presumibilmente (a giudicare dal modo in cui le notizie israeliane sono scritte, "presumibilmente" è una parola che non esiste nella lingua ebraica) commette un reato,  varie decine di persone pagano le conseguenze potenzialmente per gli anni a venire.
Questo è lo stesso sistema giudiziario che permette la detenzione di centinaia di bambini palestinesi ogni anno. Non è difficile per un palestinese finire in  un centro di detenzione israeliano. Qualsiasi espressione politica pubblica di un palestinese, per esempio, è un crimine . Un palestinese che porta le sue pecore al pascolo troppo vicino a un insediamento è un criminale. Un palestinese che si difende da un attacco dei coloni sta commettendo un reato. Nella Valle del Giordano, dove l'acqua è scarsa, la raccolta di acqua da una pompa straripante , è un crimine.
Spesso facciamo la battuta che essere un palestinese è un crimine. A giudicare dalle centinaia di palestinesi che si trovano in detenzione amministrativa - detenuti senza accusa né processo - questa affermazione non è troppo lontana..
Gli assassini confessi di Mohammed Abu Khdeir , il ragazzo palestinese  cosparso di benzina prima di essere  bruciato vivo, sono  un adulto e due minorenni. Considerando che i minori palestinesi sono detenuti con gli adulti per il semplice lancio di pietre , questi assassini continuano ad essere trattati come minorenni.
Ci sono coloni israeliani che di routine attaccano i palestinesi quando questi ultimi raccolgono le loro olive. Ci sono coloni di Hebron, in zona Tel Rumeida, che costantemente molestano i loro vicini palestinesi . Organizzazioni israeliane per i diritti umani forniscono i palestinesi di videocamere, per cui vi è la ripresa effettiva di questi attacchi , ma quasi mai   ci sono condanne . Thomas Hobbes scrisse nel 1651 che, in assenza della legge, la natura umana  diventa terribilmente caotica, da nessuna parte risulta questa affermazione più evidente  che   tra i coloni della Cisgiordania  abituati ad agire senza paura di eventuali conseguenze .Quello che sto cercando di dire è che i doppi standard sono frustranti. Sì, mi rendo conto che viviamo sotto occupazione e sotto occupazione non si può davvero chiedere giustizia. Il risultato è un popolo frustrato che a causa delle restrizioni in corso sente sempre più che non ha nulla da perdere. Non sto dicendo che quando un palestinese uccide un israeliano non debba essere punito  Quello che sto dicendo è di trattarlo nello stesso modo con cui si dovrebbe trattare un israeliano che uccide un palestinese.Il Presidente Reuven Rivlin dice che è il momento di ammettere che Israele è una società malata che ha bisogno di un trattamento:  questo non succederà in assenza di uno stato di diritto e, soprattutto, di  giustizia. Fino a quando esiste un doppio standard in base al quale i rabbini come Dov Lior possono vomitare discorsi di odio senza alcun ricorso. Fino a quando l'esercito israeliano viene in aiuto o chiude un occhio per i coloni che attaccano i palestinesi,  fino a quando i palestinesi sono uccisi e nessuno viene arrestato , il "trattamento" che il presidente Rivlin cerca non sta per arrivare.

http://972mag.com/treat-palestinian-killers-like-you-treat-israeli-killers/98026/

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Tom Pessah : Chi ha combattuto nel 1948? Un libro sfata l'usuale narrazione

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Odeh Bisharat : l nuovo antisemitismo israeliano: un ginocchio sul collo di un vecchio