Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2021

Noa Landau Opinion | Neo-Nazis? As Long as They're Friends of Israel

Immagine
Noa Landau • Haaretz • Oct. 29, 2021 archive.md/wh4aB Israele politica nazionale-estera-militare Israel Hayom was up in arms this week. In an interview with a Swedish daily, Israel’s new ambassador to Sweden had stated the obvious: Israel is shunning the Sweden Democrats, a far-right party with fascist and neo-Nazi roots that is still associated with similar positions. But for the Israeli Hebrew-language daily, this was a “controversial statement.” Why? Here is the wonderful explanation the paper gave: “In the past, the Sweden Democrats did adopt far-right positions, including sympathy for fascism and Nazism. However, in recent years it has become a staunch supporter of Israel.” That “however” says it all: Okay, they have a neo-Nazi past and perhaps a neo-Nazi present as well – or so says the Jewish community there (a bunch of leftists, no doubt), but, hey, they’re our neo-Nazis! In the past decade, under Benjamin Netanyahu’s leadership, Israel cultivated warm ties with far-right parti

“La sposa cadavere”, un racconto ebraico settecentesco

Immagine
ebraismo: tradizioni-storia-comunità Tim Burton non c’entra questa volta. Ora parliamo di Rabbi Isaac Luria, un qabbalista del 1500, vero protagonista della vicenda. Tra il macabro e il romantico… in salsa jewish A spasso fuori città, un giovanotto svagato e poco avveduto incappa in un’escrescenza naturale che spunta dal terreno, simile a un dito: la tentazione di infilarci un anello di fidanzamento è inevitabile. Se non che, scoprirà il nostro, quell’escrescenza naturale simile a un dito altro non è che proprio un dito. Per di più, un dito appartenente a un’agguerrita signorina infera che sarà ben lieta di fidanzarsi con lui. È facile riconoscere in queste poche righe l’incipit della vicenda al centro della pellicola d’animazione La sposa cadavere, firmata dal celebre regista macabro-romantico Tim Burton (2005). Ciò che forse è meno noto è che tale vicenda prende ispirazione da una storia di origine ebraica. Lo scheletro narrativo, con dito e anello, si trova infatti in un racconto tr

Lior Amihai L’isolamento della Cisgiordania non è iniziato con la pandemia del coronavirus

Immagine
Palestina :area C annessione strisciante - occupazione militare 11 marzo 2020 –  +972 magazine I principi che hanno guidato i governi israeliani durante 52 anni di occupazione sembrano caratterizzare la risposta al coronavirus nei territori occupati. Lo scorso giovedì, con in pieno svolgimento sia il coronavirus che la crisi politica israeliana, il ministro della Difesa ad interim Naftali Bennett ha annunciato una chiusura militare totale di Betlemme, dopo che è stato confermato che un certo numero di abitanti della città ha contratto il COVID-19. Tre giorni dopo il ministero della Sanità ha annunciato che a chiunque sia stato a Betlemme, Beit Jala e Beit Sahour viene richiesto di mettersi in quarantena volontaria per due settimane. Gli abitanti di quelle comunità non possono più entrare in Israele, benché molti di loro vi lavorino. Tra quanti ora si trovano in quarantena dopo essere stati nella zona di Betlemme ci sono alcuni dei miei colleghi dell’organizzazione per i diritti umani Y

Yuval Abraham Ci prendono di mira per una ragione: siamo riusciti a cambiare il paradigma

la propaganda della destra- hasbara - manipolazioni -falsificazioni I sraele approva 1.300 nuove unità abitative La commemorazione dell’assassinio di Rabin in un crescendo di odio e istigazione. Gli esperti delle Nazioni Unite condannano la designazione da parte di Israele dei difensori dei diritti umani palestinesi come organizzazioni terroristiche Dichiarazioni HRW e Ong israeliane Ci prendono di mira per una ragione: siamo riusciti a cambiare il paradigma Yuval Abraham 25 ottobre 2021 –  +972 magazine Dopo essere state messe all’improvviso fuorilegge in quanto “organizzazioni terroristiche”, le associazioni palestinesi per i diritti umani parlano a +972 del perché le accuse israeliane non solo sono infondate, ma rappresentano un atto di persecuzione politica. La scorsa settimana, quando il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha firmato un ordine esecutivo che dichiara “organizzazioni terroristiche” sei associazioni palestinesi per i diritti umani, il governo non si è nemmen