Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2009

Rabbino Eric Yoffie : No agli insediamenti, sì alla pace

Immagine
Sintesi personale Troppi gruppi ebraici americani hanno la testa sotto la sabbia quando si tratta di analizzare i danni prodotti dai settler per Israele .La destra religiosa che li appoggia è in declino e non si può continuare a convincere gli americani che lo stato palestinese si deve far carico dei coloni in Cisgiordania, visto che essi stessi non sono disposti a vivere sotto l'Autorità Palestinese: quello che loro chiedono, quindi, è l'occupazione permanente You can convinceAmericans of the miracle of Israel's founding and the justice of her struggle against terror and rejection. You can convince them that it makes demographic and political sense for Israel to trade settlements near Jerusalem to the Palestinian Authority in return for land elsewhere in Israel. But you cannot convince Americans that it makes sense for an Israel that supports a Palestinian state to maintain a large settler population in the heart of the West Bank.Non dobbiamo demonizzare i coloni. Hanno fa…

J Street e la sinistra ebraica e israeliana

Immagine
Sintesi personale La lobby J Street ha dato il via alla prima conferenza nazionale con più di 1.500 ospiti al Grand Hyatt Hotel di Washington, nonostante le polemiche e le tensioni che circondano la convenzione, la partecipazione ha superato le aspettative a detta degli organizzatori. Numerosi attivisti per la pace, politici, diplomatici, lobbisti, rabbini maschi e femmine , consiglieri politici, artisti, studenti e giornalisti hanno riempito le sale: "Non potremmo essere più emozionati", ha detto Jeremy Ben-Ami. "Il numero dei partecipanti ha superato di gran lunga le nostre aspettative - 148 membri del Congresso hanno sostenuto la manifestazione,sono giunti 250 studenti e giornalisti provenienti da 17 paesi . Questa è veramente la nascita di un movimento che desidera promuovere la pace adesso ... La nostra visione è molto chiara - due Stati, sulla base dei confini del '67. La violenza potrebbe scoppiare, ci sono estremisti da entrambe le parti . Ma non pos…

Ken Silverstein GUERRA DI GAZA – SEI RISPOSTE AGLI INTERROGATIVI SUL RAPPORTO GOLDSTONE

Immagine
Il rapporto Goldstone sui presunti crimini di guerra commessi a Gaza ha suscitato dure polemiche in Israele e a livello internazionale, ma le discussioni sono scarsamente entrate nel merito dei risultati espressi da questa relazione. Nella seguente intervista, il giornalista americano Ken Silverstein pone alcune domande specifiche ad uno dei membri della missione ONU che ha prodotto il rapporto Desmond Travers è stato uno dei quattro membri della missione investigativa delle Nazioni Unite sul conflitto di Gaza, che ha prodotto il controverso rapporto Goldstone. Travers è un ex colonnello dell’esercito irlandese. Il suo ultimo incarico è stato come comandante del suo collegio militare. Egli è stato anche al comando delle truppe delle Nazioni Unite in varie missioni di sostegno alla pace. Recentemente ho parlato telefonicamente con Travers in merito al rapporto Goldstone: 1. E ‘rimasto sorpreso dalle critiche al rapporto? C’erano un sacco di critiche anche prima che il rapporto uscisse, so…

Hajo G. Meyer . la fine del giudaismo .

Immagine
Hajo G. Meyer
The End of Judaism - G. Meyer Books & Spiritual Traveler Press
sintesi personale InThe End of judaism, un sopravvissuto ad Auschwitz Hajo G. Meyer, cittadino olandese di origine tedesca, esprime in termini appassionato il suo disgusto per ciò che egli vede come il crollo morale della società contemporanea israeliana e della comunità ebraica in tutto il mondo nel suo complesso. Meyer è un membro di "A Different Voice ebraica", un movimento laico ebraico che osa criticare apertamente le politiche di Israele verso i palestinesi. Meyer mette a confronto le attuali politiche di Israele, con le prime fasi del nazisti nelle persecuzione degli ebrei tedeschi. Spiega chiaramente che non cerca in alcun modo di tracciare un parallelo tra le attuali politiche di Israele e il nazismo che ha portato all'assassinio di sei milioni di persone innocenti. Quello che sta cercando di fare è semplicemente sottolineare il pericoloso cammino politico che alla fine ha portato a q…

Libano, presidente Suleiman: 'Mano d'Israele dietro lancio razzi katiuscia'

Immagine
Il presidente del Libano, Michel Suleiman, non esclude che dietro il lancio di razzi Katiuscia verso Israele ci sia lo stesso Stato Ebraico. La dichiarazione del presidente libanese è stata pubblicata dal quotidiano al-AkhbarNell'intervista Suleiman sostiene che il lancio potrebbe essere stato effettuato da un agente israeliano infiltratosi in LibanoIl razzo sarebbe stato sparato da un monte, il monte Dov, nella zona della Fattorie di Shebàa e sarebbe caduto nelle circostanti campagne senza causare vittime e nemmeno danni materialiDopo l'accaduto l'esercito israeliano ha sparato diversi colpi di artiglieria verso il territorio libanese.Libano, Presidente Suleiman: 'mano D'israele Dietro Lancio Razzi Katiuscia'Lebanon: Israel arranged Katyusha fire to keep tensions high Lebanon warns UN: Israel may be planning to attack Lebanon source: Israel working with Islamists to hurt Hezbollah Report: US informed Israel of arms ship 2 Una fonte di …

Aluf Benn / Chi ha deciso di andare in guerra a Gaza e perché?

Immagine
sintesi personale
Voglio sapere come e perché si è decisa l' 'operazione cast di piombo nella Striscia di Gaza e l' offensiva di terra. Voglio sapere se le decisioni sono state determinate dalla campagna elettorale in corso e, quindi, dalle elezioni americane Voglio sapere se il leader che ha lanciato l'operazione ha correttamente riflettuto sul danno politico che ne sarebbe derivato per Israele
. Voglio sapere se coloro che hanno dato gli ordini alle Forze di Difesa israeliane come hanno cercato di impedire l'uccisione di centinaia di civili . Queste domande dovrebbero essere al centro di un'indagine su Piombo fuso. Un'inchiesta è necessaria: Il governo è cambiato dopo l'operazione di Gaza e le domande restano problematiche.Non è la società o i comandanti di battaglione che devono essere essere indagati , ma l'ex primo ministro Ehud Olmert, il ministro della Difesa Ehud Barak, l' ex ministro degli Esteri Tzipi Livni, il capo di stato …

Carlo Strenger ; che cosa Netanyahu potrebbe fare per se stesso e per Israele ora che ha 60 anni

Immagine
Sintesi personale Benjamin Netanyahu ha celebrato il suo sessantesimo compleanno la scorsa settimana, e questo potrebbe essere un buon momento per lui, per riflettere sul suo futuro. Ha dimostrato che può cambiare fino a un certo punto. A differenza del suo primo mandato come primo ministro nel 1990, non crede più che sia la sua missione sacra sia di attaccare le "élites" (sostanzialmente quelle del mondo accademico e della stampa che sono in disaccordo con lui), e le considera invece come potenziali alleati.Ma, per certi aspetti lavisione del mondo di Netanyahu è rimasta stagnante.Netanyahu, come la maggior parte di noi, pensa che le opinioni formulate all'inizio della sua carriera e propugnato per decenni debbano essere vere .Continua a insistere sul tema che Israele è l'avamposto dell'Occidente in Medio Oriente, in lotta contro le forze delle tenebre. La sua visione del mondo è una combinazione delle idee di suo padre che ha adottato acriticamente e il vecchio …

Leah Rabin, vedova di Yitzhak Rabin, definì" Nightmare", "mostruoso", "corrotto " e "bugiardo" il primo ministro Benjamin Netanyahu

Immagine
Rabin's widow calls Netanyahu a 'nightmare' in decade-old letter Sintesi personale Leah Rabin, vedova di Yitzhak Rabin, definì" Nightmare", "mostruoso", "corrotto " e "bugiardo" il primo ministro Benjamin Netanyahu in una lettera da lei indirizzata ad un vecchio amico e ottenuta recentemente da Haaretz.Nel novembre 1998, circa due settimane dopo il terzo anniversario dell'assassinio, Leah ha scritto: "Spero, prego, che i giorni di questo governo siano contati . Benjamin Netanyahu è un individuo corrotto, un bugiardo che sta rovinando tutto ciò che è buono nella nostra società. ".In November 1998, about two weeks after the third anniversary of the assassination, Leah wrote: "I hope, pray, that the days of this government are numbered. Benjamin Netanyahu is a corrupt individual, a contentious liar who is ruining everything that is good about our society. He is breaking it to bits, and in the future, we will have to reb…

David Grossman partecipa al Congresso di J. street

WASHINGTON - J Street, la nuova lobby ebraica di sinistra che vuole la pace con i palestinesi e si riconosce su posizioni più progressiste rispetto a quelle del premier israeliano Benyamin Netanyahu, debutta in serata sul palcoscenico internazionale ospitando a Washington il suo primo convegno, e lo fa con un appello alla pace dello scrittore israeliano David GrossmanJ Street (dove la 'J' sta per 'jewish') per tre giorni vedrà un pubblico confronto tra politici israeliani, americani e internazionali con questo preciso obiettivo: rafforzare, soprattutto tra gli ebrei americani, la convinzione che la soluzione a due Stati proposta dall'amministrazione Obama sia l'unica via possibile per arrivare a mettere fine al conflitto israelo-palestineseIn questa direzione va una lettera dell'ex ministra degli esteri israeliano Tzipi Livni (sconfitta alle ultime elezioni proprio da Netanyahu): nella missiva, inviata al direttore di J Street, Jeremy Be-Ami, la Livni ribad…

Henry Siegman Hamas non è il vero problema

Con coraggio e ripetutamente Haaretz ha svelato la scaltrezza del pretesto usato dall’attuale, come pure dal precedente governo, secondo il quale il loro obiettivo era quello di trovare per la pace una controparte palestinese affidabile. E’ quindi importante guardarsi dai risvolti della questione – se Israele dovesse coinvolgere Hamas nei colloqui di pace – accampata in teoria, secondo la quale cioè i governi israeliani avrebbero avutointeresse a svolgere colloqui di pace se solo essi avessero potuto trovare una controparte disponibile. Molto spesso, quando si è presentata l’occasione di una scelta tra la pace e il dare continuità al processo di esproprio da parte di Israele del territorio palestinese, i governi israeliani hanno sempre preferito la terra alla pace. Infatti, un presidente americano che manifesta cenni tra i più flebili di voler riprendere sul serio il processo di rappacificazione, viene sospettato immediatamente – non solo dai governi israeliani, ma anche dalla popolaz…