Carlo Strenger ; che cosa Netanyahu potrebbe fare per se stesso e per Israele ora che ha 60 anni


Sintesi personale
Benjamin Netanyahu ha celebrato il suo sessantesimo compleanno la scorsa settimana, e questo potrebbe essere un buon momento per lui, per riflettere sul suo futuro. Ha dimostrato che può cambiare fino a un certo punto. A differenza del suo primo mandato come primo ministro nel 1990, non crede più che sia la sua missione sacra sia di attaccare le "élites" (sostanzialmente quelle del mondo accademico e della stampa che sono in disaccordo con lui), e le considera invece come potenziali alleati.Ma, per certi aspetti lavisione del mondo di Netanyahu è rimasta stagnante.Netanyahu, come la maggior parte di noi, pensa che le opinioni formulate all'inizio della sua carriera e propugnato per decenni debbano essere vere .Continua a insistere sul tema che Israele è l'avamposto dell'Occidente in Medio Oriente, in lotta contro le forze delle tenebre. La sua visione del mondo è una combinazione delle idee di suo padre che ha adottato acriticamente e il vecchio complesso di eccezionalità ebraica. Begin, Rabin, Peres e Sharon hanno modificato la loro visione del mondo in tarda età E 'ora che a Netanyahu si renda conto che è tempo di cambiare Se Netanyahu è così convinto che Israele rappresenti il mondo occidentale, come mai l'intero mondo libero (un termine migliore di "Occidente" per indicare i paesi impegnati per la democrazia liberale) la pensa diversamente?Potrebbe essere che il mondo libero non sia nella direzione sbagliata, ma che lo sia Netanyahu ? E potrebbe essere che è per questo che il mondo non accoglie questa lezione sulla forza della civiltà e le potenze delle tenebre?Il resto del mondo, in realtà non credo che abbiamo molto da insegnare loro quando si tratta di moralità, e certamente non dobbiamo mostrare loro la luce. Chiede qualcosa di molto più semplice: che ci comportiamo seguendo le norme del diritto internazionale, e che finalmente ci rendiamo conto che non siamo un dono di Dio al mondo, ma una parte del genere umano con gli stessi diritti e gli stessi doveri di tutti gli altri, niente di più niente di menoPoichè a Netanyahu piacciono le grandi idee, ho un suggerimento su come potrebbe sostituire il paradigma obsoleto di Israele , rappresentante del mondo occidentale e luce eccezionale per l'umanità e le nazioni . Potrebbe quindi cominciare a prendere in considerazione il fatto che la maggior parte degli ebrei moderni ha approvato l'universalismo e la nascita di J street lo di dimostra . Nell' era della globalizzazione, solo visioni universalistiche possono aiutare tutti a fiorire. Quando un gruppo sia esso ebreo, cristiano, musulmano insiste nel considerarsi speciale in realtà pone le basi per la catastrofe Non bastano le parole sono necessarie azioni; quando Netanyahu parla di pace con Mahmoud Abbas ,si aspetta davvero che Abbas possa rispondere alla sua chiamata continuando a creare intoppi a Obama e a costruire nei territori? Perché i palestinesi dovrebbero credere alle pronmesse di pace quando si continua solo a espandere le colonie?
Ma che cosa può fare Netanyahu, vista la sua coalizione? Potrebbe cominciare a pensarein grande (come ama dire): Il suo governo pensa in piccolo e la sua grandezza è solo nel numero dei ministri e viciministri e ,tra questi vi è un Ministro degli esteri che i diplomatici cercano strenuamente di evitare quando possono. Questa coalizione gli impedisce qualunque mossa audace verso la pace, aggravando, se non se n'è ancora accorto, l'isolamento di Israele da mondo Potrebbe avviare i negoziati con Kadima su una nuova piattaforma realmente orientata alla pace con i palestinesi. Naturalmente è probabile che questo gli costerebbe il sostegno di Yisrael Beiteinu, ma Israele ha solo da guadagnare da questo. Netanyahu potrebbe finalmente iniziare davvero a cooperare con Obama e Mitchell, piuttosto che giocare a nascondino Per spostare il mondo ebraico dal concetto di eccezionalità a quello di universalità potrebbe cominciare a trattare con i palestinesi cercando un dialogo vero ed evitando le manipolazioni
Do I actually believe that Netanyahu is capable of moving from old Jewish Exceptionalism towards Universalism? To start dealing with the Palestinians on the basis of the Universalist principle of seeking true dialogue and avoid petty manipulations? To stop relating to the rest of the world like we used to in the shtetl, when we had no power worth speaking of, trying to fool them all the time - while lecturing them on progress?Certamente mi piace pensare che può cambiare . Dopo tutto, nessuno avrebbe potuto prevedere che Menachem Begin avrebbe firmato il trattato di pace con l'Egitto, o Ariel Sharon, avrebbe lasciato la Striscia di Gaza. Desidero, pertanto, che Netanyahu per il suo sessantesimo compleanno possa mostrare al mondo che i leader e le nazioni possono cambiare!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri