Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2022

GIDEON LEVY - E ALL'IMPROVVISO, LA SPERANZA: LA CULTURA DELL'ISOLAMENTO. Russia e Ucraina

  GIDEON LEVY - E ALL'IMPROVVISO, LA SPERANZA: LA CULTURA DELL'ISOLAMENTO Di Gideon Levy - 20 marzo 2022 https://archive.is/dJgXK Mentre Israele cerca di destreggiarsi tra la paura della Russia, la vicinanza agli Stati Uniti e all'Europa e la sua intrinseca xenofobia, il Paese è minacciato da un nuovo pericolo, che potrebbe effettivamente rivelarsi una speranza. È troppo presto per dire che tipo di mondo emergerà quando la guerra sarà finita, ma è abbastanza certo che non sarà lo stesso. L'Occidente non si è mai mobilitato così rapidamente contro una potenza mondiale senza inviare nemmeno un solo soldato. Il grande boicottaggio delle gigantesche multinazionali capitaliste contro la Russia potrebbe cambiare le regole del gioco. Un tale boicottaggio non è mai avvenuto prima, certamente non così rapidamente e in modo esteso. Dire senza precedenti è un eufemismo. In pochi giorni, la Russia è diventata l'obiettivo della nuova cultura: la cultura dell'isolamento. Quel

‘Eravamo come fratelli’: il campo profughi inorridito dopo che l’esercito spara ad un palestinese che stava passeggiando

Immagine
  ZEITUN.INFO ‘Eravamo come fratelli’: il campo profughi inorridito dopo che l’esercito spara ad un palestinese che stava passeggiando – Yuval Abraham 10 marzo 2022 –  +972 Magazine Amar Shafiq Abu Afifa stava facendo una passeggiata quando i soldati israeliani lo hanno inseguito e gli hanno sparato alla testa, aggiungendolo al triste bilancio di vittime subìto dal campo profughi di al-Arroub. Una settimana dopo che i soldati israeliani hanno colpito a morte il diciottenne Amar Shafiq Abu Afifa, il suo amico d’infanzia Mohammed, di 17 anni, è ritornato nel luogo dove è stato ucciso. Mentre saliva sulla collina verso la boscaglia dove è morto Abu Afifa, Mohammed cercava qualcosa tra l’erba alta. Erano stati esattamente in quella zona il giorno prima della sparatoria, dice, ed avevano scritto i loro nomi sull’erba con delle pietre. “Io ho scritto la lettera inglese M per Mohammed e Amar ha scritto il suo nome in arabo.” Poi siamo saliti sulle rocce, sdraiandoci lì come lapide per un’amic

Oltre 12.000 ucraini sono fuggiti in Israele, 8.000 dei quali non idonei alla cittadinanza

 Traduzione sintesi Over 12,000 Ukrainians have fled to Israel, 8,000 of them ineligible for citizenship Dall'inizio dei combattimenti, quando la Russia ha invaso l'Ucraina il 24 febbraio, oltre 12.600 ucraini sono arrivati ​​in Israele, ha detto venerdì il ministro dell'Interno Ayelet Shaked. Di questi, circa 3.650 possono immigrare secondo la legge israeliana del ritorno o l'hanno già fatto. Altri 1.050 di loro hanno lasciato Israele per scelta o è stato rifiutato l'ingresso, a 290 è stato negato l'ingresso.   Ciò significa che ci sono circa 7.900 rifugiati ucraini attualmente in Israele che non hanno diritto alla cittadinanza israeliana. Shaked ha limitato a 5.000 il numero di rifugiati non idonei alla cittadinanza (oltre ai 20.000 che si trovavano nel paese prima dello scoppio della guerra).  Dopo una protesta pubblica, tuttavia,  ha annunciato che anche a tutti i parenti di israeliani sarà concesso l'ingresso . Tuttavia, non è chiaro quale sia esattamen

David Grossman: "Un profondo senso di vergogna" per il trattamento riservato da Israele ai rifugiati ucraini

Immagine
 Traduzione sintesi Grossman “È molto difficile e provo una sorta di profondo senso di vergogna, perché siamo un Paese che è nato per mano dei rifugiati e l'esperienza dei rifugiati era così radicata in noi, e ora lo stiamo assistendo di nuovo su un su vasta scala", ha detto Grossman in un'intervista al notiziario di Channel 13 sabato. Interrogato sulla necessità di mantenere il carattere ebraico dello stato sulla scia di un afflusso di profughi, ha  specificato : “In questi momenti, non si fanno calcoli come questo.  Non è legittimo fare questi calcoli.  E Israele deve fare tutto il possibile per fare del bene”. La guerra iniziata il 24 febbraio quando la Russia ha invaso l'Ucraina ha ucciso migliaia di persone e sfollato milioni di persone. “Mi passano per la testa le immagini di ciò che vediamo ora nei telegiornali, ogni sera, dei profughi in Ucraina e dei bambini piccoli.  E penso che, contrariamente alle parole del poeta, anche Dio non ha pietà per i bambini dell

Carolina Landsmann :Di fronte alla devastazione ucraina, Israele vede un'opportunità economica

Immagine
Traduzione e sintesi La Commissione Finanze della Knesset ha tenuto un dibattito d'emergenza due settimane fa sui preparativi del governo per accogliere l'attesa ondata di immigrazione dall'Ucraina. Così ha affermato il presidente del comitato MK Alex Kushnir: “S iamo nel mezzo di una crisi che colpisce 250.000 persone [che possono immigrare in Israele secondo la Legge del Ritorno]. Questo è il nostro dovere, ma è anche la nostra opportunità”. Presa alla lettera, la dichiarazione di Kushnir potrebbe essere vista come un riconoscimento dell'idea profonda che ogni crisi è un'opportunità di cambiamento, sviluppo e crescita. In realtà è una perversione di questa idea. Churchill ha detto che “il pessimista vede difficoltà in ogni opportunità. L'ottimista vede l'opportunità in ogni difficoltà". Kushnir non è ottimista. G uadagnare dalla crisi di un altro non è ottimismo, semmai è profitto. In sua difesa, è circondato da "ottimisti" del suo genere,