GIDEON LEVY - E ALL'IMPROVVISO, LA SPERANZA: LA CULTURA DELL'ISOLAMENTO. Russia e Ucraina

 GIDEON LEVY - E ALL'IMPROVVISO, LA SPERANZA: LA CULTURA DELL'ISOLAMENTO

Di Gideon Levy - 20 marzo 2022
Mentre Israele cerca di destreggiarsi tra la paura della Russia, la vicinanza agli Stati Uniti e all'Europa e la sua intrinseca xenofobia, il Paese è minacciato da un nuovo pericolo, che potrebbe effettivamente rivelarsi una speranza. È troppo presto per dire che tipo di mondo emergerà quando la guerra sarà finita, ma è abbastanza certo che non sarà lo stesso.
L'Occidente non si è mai mobilitato così rapidamente contro una potenza mondiale senza inviare nemmeno un solo soldato. Il grande boicottaggio delle gigantesche multinazionali capitaliste contro la Russia potrebbe cambiare le regole del gioco. Un tale boicottaggio non è mai avvenuto prima, certamente non così rapidamente e in modo esteso. Dire senza precedenti è un eufemismo.
In pochi giorni, la Russia è diventata l'obiettivo della nuova cultura: la cultura dell'isolamento. Quella che era iniziata appena cinque anni fa come un'arma contro le molestie sessuali, sostenuta dal successo del movimento MeToo, è stata potenziata con incredibile rapidità ed è diventata un'arma di distruzione di massa contro una potenza mondiale.
La Russia ha meritato la sua punizione, così come hanno meritato la loro i molestatori sessuali, anche se in entrambi i casi l'isolamento spazza via tutto. Magnifiche carriere e intere vite furono spazzate via a causa di un atto sessuale ripugnante, a volte solo molestie verbali; così è la cultura dell'isolamento, in Israele e in tutto il mondo.
Ma mentre il dibattito sul fenomeno e sulla portata della sua giustificazione ancora infuria e le sue vittime sanguinano per le strade, la maggior parte come meritano e alcune sproporzionatamente rispetto alle loro azioni, questa cultura è stata copiata alla velocità della luce non meno rispetto all'arena diplomatica internazionale. Ciò che ha funzionato contro Jeffrey Epstein e Harvey Weinstein, funzionerà anche contro la Russia. L'aggressione militare è trattata come un'aggressione sessuale. Questa è una notizia incoraggiante.
L'arruolamento è totale, l'isolamento è totale, proprio come con MeToo. I governi, e subito dopo le gigantesche multinazionali internazionali, impongono un boicottaggio radicale la cui fine non è chiara, così come la questione se la Russia possa resistervi. Esattamente come MeToo, l'arruolamento è impressionante, anche se ai suoi margini il boicottaggio si spinge troppo oltre: un direttore russo è stato licenziato dall'Orchestra Filarmonica di Monaco solo per le sue opinioni, e anche Ciajkovskij e Dostoevskij sono stati presi di mira.
D'altro canto, la doppia misura non può essere ignorata. Perché solo la Russia? Ma non dovrebbe ricevere compassione, e il Presidente russo Vladimir Putin è responsabile di quello che è successo.
La domanda è se le multinazionali si fermeranno alla Russia. Il loro boicottaggio è stato il risultato di una visione del mondo secondo la quale devono fare qualcosa contro tale brutale aggressione nel cuore dell'Europa. Stanno pagando un prezzo economico immediato per arruolarsi in quello che sembra essere un passo guidato dalla coscienza, e sono pronti a farlo.
La loro disponibilità a pagare il prezzo in nome di un'idea che ha una dimensione morale è per loro un distintivo d'onore. Forse li stimolerà. Alla fine dell'occupazione russa dovranno chiedersi: e adesso? Continueranno il commercio con un altro Paese, la cui occupazione è più a lungo termine e non meno esasperante di quella della Russia?
In queste multinazionali è stato piantato un seme per qualcos'altro, per un coinvolgimento che non è solo basato sugli interessi e sull'economia, per principi che non possono più essere ignorati. Sconfiggere la Russia, se avrà successo, potrebbe spingerli avanti. Perché cosa c'è di più nobile che sradicare un'occupazione aggressiva, illegale e immorale, senza nemmeno bisogno di sparare un colpo?
E poi i consigli di amministrazione si riuniranno, e i popoli e i governi diranno la loro. La nuova cultura è già stata instillata. Non resta che chiedersi se esiste un altro Paese occupante immorale, che ignora il diritto internazionale e schernisce la comunità internazionale, e appartiene persino alla famiglia globale più illuminata e sviluppata?
E poi i consigli di amministrazione e i governi si chiederanno: ciò che è stato giusto e vincente contro l'aggressività degli uomini e l'aggressività di una potenza mondiale, possa avere successo anche contro un altro Paese che merita tale punizione, finché continuerà la sua politica di occupazione brutale, le cui vittime soffrono da anni sotto il suo dominio?
E all'improvviso, la speranza.

Gideon Levy è editorialista di Haaretz e membro del comitato editoriale del giornale. Levy è entrato in Haaretz nel 1982 e ha trascorso quattro anni come vicedirettore del giornale. Ha ricevuto il premio giornalistico Euro-Med per il 2008; il premio libertà di Lipsia nel 2001; il premio dell'Unione dei giornalisti israeliani nel 1997; e il premio dell'Associazione dei Diritti Umani in Israele per il 1996. Il suo nuovo libro, La punizione di Gaza, è stato pubblicato da Verso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti