giovedì 28 luglio 2016

Secret 1970 Document Confirms First West Bank Settlements Built on a Lie



 
 
 
 
 
 
 
 
In minutes of meeting in then-defense minister Moshe Dayan’s office, top Israeli officials discussed how to violate international law in building settlement of Kiryat…
haaretz.com






It has long been an open secret that the settlement enterprise was launched under false pretenses, involving the expropriation of Palestinian land for ostensibly military purposes when the true intent was to build civilian settlements, which is a violation of international law.
Now a secret document from 1970 has surfaced confirming this long-held assumption. The document, a copy of which has been obtained by Haaretz, details a meeting in the office of then-defense minister Moshe Dayan at which government and military leaders spoke explicitly about how to carry out this deception in the building of Kiryat Arba, next to Hebron.
Defense Minister Moshe Dayan and Prime Minister Golda Meir in the Knesset, July 26, 1972.AP Photo
The document is titled “The method for establishing Kiryat Arba.” It contains minutes of a meeting held in July 1970 in Dayan’s office, and describes how the land on which the settlement was to be built would be confiscated by military order, ostensibly for security purposes, and that the first buildings on it would be falsely presented as being strictly for military use.
Aside from Dayan, the participants include the director general of the Housing Ministry, the Israel Defense Forces’ commander in the West Bank and the coordinator of government activities in the territories.
'Construction will be presented as ...'
According to the minutes, these officials decided to build “250 housing units in Kiryat Arba within the perimeter of the area specified for the military unit’s use. All the building will be done by the Defense Ministry and will be presented as construction for the IDF’s needs.”
A “few days” after Base 14 had “completed its activities,” the document continued, “the commander of the Hebron district will summon the mayor of Hebron, and in the course of raising other issues, will inform him that we’ve started to build houses on the military base in preparation for winter.” In other words, the participants agreed to mislead the mayor into thinking the construction was indeed for military purposes, when in fact, they planned to let settlers move in – the same settlers who on Passover 1968 moved into Hebron’s Park Hotel, which was the embryo of the settler enterprise.
2015 map of West Bank settlement Kiryat ArbaPeace Now
The system of confiscating land by military order for the purpose of establishing settlements was an open secret in Israel throughout the 1970s, according to people involved in creating and implementing the system. Its goal was to present an appearance of complying with international law, which forbids construction for civilian purposes on occupied land. In practice, everyone involved, from settlers to defense officials, knew the assertion that the land was meant for military rather than civilian use was false.
This system was used to set up several settlements, until the High Court of Justice outlawed it in a 1979 ruling on a petition against the establishment of the settlement of Elon Moreh.
Participant: We all knew the score
Maj. Gen. (res.) Shlomo Gazit, who was coordinator of government activities in the territories at the time of the 1970 meeting in Dayan’s office about Kiryat Arba, told Haaretz it was clear to all the meeting’s participants that settlers would move into those buildings. He said that to the best of his recollection, this constituted the first use of the system of annexing land to a military base for the purpose of civilian settlement in the West Bank. He also recalled Dayan as the one who proposed this system, because he didn’t like any of the alternative locations proposed for Kiryat Arba.
Nevertheless, and despite what the document advocated, Gazit said, army officers told the mayor of Hebron explicitly that a civilian settlement would be established next to his city, rather than telling him the construction was for military purposes.
Hagit Ofran, head of Peace Now’s Settlement Watch project, also said this appears to be the first use of the system of using military orders to seize land for civilian settlement. And while this system is no longer in use, she said, “Today, too, the state uses tricks to build and expand settlements. We don’t need to wait decades for the revelation of another internal document to realize that the current system for taking over land – wholesale declarations of it as state land – also violates the essence of the law.”
Gazit said that in retrospect, the system was wrong, but that he was just “a bureaucrat, in quotation marks; I carried out the government’s orders, in quotation marks.”
“I think this pretense has continued until today,” he added. “Throughout my seven years as coordinator of government activities in the territories, we didn’t establish settlements anywhere by any other system.”
But government officials had no idea Kiryat Arba (pop. 8,000) would become so big, Gazit insisted. They only sought to provide a solution for the squatters in the Park Hotel, who “weren’t more than 50 families.”
Today, even Kiryat Arba residents admit that this system was a deception. Settler ideologue Elyakim Haetzni, one of Kiryat Arba’s original residents, noted that during a Knesset debate at the time, cabinet minister Yigal Allon said clearly that this would be a civilian settlement.
“It’s clear why this game ended; after all, how long could it go on? This performance had no connection whatsoever to Herut (the predecessor to Likud); it was all within Mapai,” Haetzni added, referring to the ruling party at the time, a precursor of today’s Labor Party.
Yotam Berger
Haaretz Correspondent

mercoledì 27 luglio 2016

Israele - Palestina: i settler invitano ad uccidere Ahmad Al Dawabshe,









Questa è una pagina di coloni israeliani che invitano altri coloni ad uccidere (anche) Ahmad Al Dawabshe, perché da grande sarà un terrorista e pericoloso per Israele, perciò bisogna eliminarlo come hanno fatto con la sua famiglia.
Il nonno ha chiesto a tutto il paese di aumentare la vigilanza sulla zona dove abita con Ahmad perché sente proprio il pericolo e dice che un colono che ha ucciso una famiglia intera è capace di uccidere anche Ahmad...

Isis, il campo di addestramento in Kosovo? È a due passi dalla base americana della Nato


Isis, il campo di addestramento in Kosovo? È a due passi dalla base americana della Nato





Almeno cinque campi, di cui - se non tutto - l’impressione è che si sappia molto. Se la presenza di cellule fondamentaliste nell’area dei Balcani è cosa nota (due anni fa l’Espresso ne aveva censite una ventina in tutta la regione), adesso arriva la conferma dell’esistenza di un livello superiore. Prevedibile, per alcuni versi, ma finora mai resa nota più o meno ufficialmente: la presenza di campi di addestramento dell'Isis in Kosovo.

Dove gli aspiranti jihadisti di etnia albanese, oltre a studiare l’arabo e il Corano, imparano a maneggiare le armi, si esercitano col tiro e apprendono nei boschi le tecniche di guerriglia. Sotto la supervisione di ex paramilitari dell’Uck, l’esercito di liberazione dei tempi della guerra con la Serbia, considerati autentici eroi in patria (statue dedicate ai combattenti si trovano praticamente in ogni città).

Secondo fonti di intelligence citate dall’agenzia russa Sputnik i principali campi allestiti dallo Stato islamico sono a Ferizaj, Gjakovica e Dečani, mentre altri più piccoli sarebbero stati individuati a Prizren e Pejë. Anche senza conoscere la geografia del luogo, è importante tenere a mente alcune di queste località perché rappresentano l’emblema dell’incapacità occidentale di prevenire la diffusione del radicalismo islamico, visto che il Kosovo è tuttora una nazione sotto tutela Nato in cui risiedono migliaia di militari dell’alleanza atlantica. Il simbolo di questa “disfatta” è rappresentato proprio dalla città di Ferizaj, 100 mila abitanti non lontano dal confine con la Macedonia: a Sojevë, pochi chilometri fuori dal capoluogo, c’è infatti Camp Bondsteel. Realizzato nel 1999 ai tempi della guerra, col suo perimetro lungo 14 chilometri, è attualmente la più grande e costosa base americana mai costruita al di fuori degli Stati Uniti dalla guerra del Vietnam, in cui si calcola che vivano circa 7mila fra soldati e impiegati civili.

vedi anche:

FANTAAPERTURA-jpg

I nuovi jihadisti vengono dal Kosovo
Le esecuzioni postate su Facebook

I quattro fermi di cittadini kosovari per apologia del terrorismo non sorprendono. Come aveva raccontato l'Espresso nel 2014, sui social network molti aspiranti jihadisti si incontrano e pubblicizzano le azioni del Califfato. Così a sei anni dall’indipendenza, l’ex provincia serba si sta rivelando una fucina di estremisti


Una presenza tanto massiccia, però, non solo non ha rappresentato un deterrente per l'Islam radicale, ma non è nemmeno riuscita a impedire che l’area diventasse un centro nevralgico di reclutamento: nell’agosto 2014, nella più grande operazione mai condotta dalle autorità kosovare, su 40 terroristi arrestati ben 11 provenivano dalla città di Ferizaj. Del resto c’è poco da meravigliarsi: in passato a Camp Bondsteel, secondo una versione mai smentita, ha lavorato anche Lavdrim Muhaxheri, il comandante della famigerata “brigata balcanica” al servizio del Califfo, noto per le sue atrocità (come le esecuzioni postate su Facebook raccontate dall’Espresso). E per la base Usa sarebbe passato pure Blerim Heta, un kamikaze che poi si è fatto saltare in aria a Bagdad.

Altra città-simbolo è quella di Gjakovica, che invece è non lontana dal confine con l’Albania: nell’aeroporto cittadino ha sede il distaccamento aeronautico Amiko (Aeronautica militare italiana in Kosovo). Neppure in questo caso il controllo dei cieli da parte della missione Kfor ha impedito che l’Isis dilagasse e impiantasse nei paraggi un suo campo di addestramento, stando alle informazioni dell’intelligence. Esattamente come a Pejë, dove sorge il Villaggio Italia, e Prizren, dove la presenza dell’Alleanza atlantica è altrettanto massiccia. E pure a Dečani, dove la Nato controlla insieme alle Nazioni unite il trecentesco monastero ortodosso serbo, patrimonio Unesco, dai rischi delle violenze dell’etnia albanese. Del resto le minacce non mancano. A gennaio, ad esempio, quattro uomini sono stati fermati davanti all’entrata e trovati in possesso, a bordo della loro auto, di un kalashnikov, una pistola e diverse munizioni. Da dove venivano? Sarà una coincidenza ma a eccezione di uno, tutti erano originari proprio delle città in cui si trovano i campi di addestramento: Ferizaj, Gjakovica e Prizren.

D’altronde basta guardare ai numeri per rendersi conto di quanto la penetrazione del radicalismo islamico in Kosovo rappresenti un problema troppo a lungo sottovalutato. Secondo i dati forniti nei giorni scorsi dal ministro dell'Interno, Skender Hyseni, almeno 57 foreign fighters sono morti in combattimento, una quarantina sono stati fermati prima che potessero partire, 102 sono stati arrestati sospetti di attività terroristica e altri 17, benché a piede libero, sono sotto indagine. E al seguito dei combattenti (almeno 300 quelli di etnia albanese, stimano le organizzazioni indipendenti) ci sarebbero anche 38 donne e 27 bambini.

Il tutto, in una regione di due milioni scarsi di abitanti, grande quanto l’Abruzzo, a poche centinaia di chilometri in linea d’aria dalla Puglia e soprattutto autoproclamatasi indipendente dopo un intervento militare che doveva servire a portare la sicurezza e la pacifica convivenza nel Paese. 

Invece, solo a scorrere le cronache degli ultimi mesi, c'è da riflettere.

La settimana scorsa a Pristina per terrorismo sono stati condannati in cinque, con pene comprese fra 4 e 13 anni di carcere: avevano giurato fedeltà all’Isis e stavano preparando un video da diffondere in rete per dimostrare la presenza dello Stato islamico anche nel Paese. E che i simpatizzanti non manchino lo dimostra anche la scritta, ritrovata lo scorso marzo sulla facciata della chiesa ortodossa di San Nicola, sempre nella capitale: “Isis is coming”, l’Isis sta arrivando, scritto in inglese perché fosse più chiaro. Forse non proprio una casualità, dal momento che quel giorno ricadeva il dodicesimo anniversario delle violenze che nel 2004 portarono all’incendio di numerosi luoghi di culto della minoranza serba. Senza contare che proprio in Kosovo erano le menti della cellula jihadista stroncata a dicembre dalla Procura di Brescia. Obiettivo: disintegrare l’Europa e imporre la sharia. 
 
 

Secondo gli 007 di Pristina lo Stato islamico ha nel Paese almeno cinque campi di esercitazione. E il maggiore è proprio vicino a Bondsteel, la più grande struttura…
espresso.repubblica.it

Video : demolizioni delle case palestinesi nella zona C

Nei primi sei mesi del 2016, israele ha demolito 168 abitazioni in Cisgiordania, lasciando senza un tetto 740 palestinesi, tra i quali 384 minori. In tutto il 2015 le case demolite erano state "solo" 125...









Amira Hass : Number of Palestinians Detained in Israel Without Trial Sees Sharp Rise


Bilal Kayed, an administrative detainee who has been on a hunger strike for 41 days, is one of the 651 Palestinians who have been jailed by Israel without charge or trial, and only by order of a military commander and under the directives of the Shin Bet security service. The number of administrative detainees is slightly more than one-tenth of all the Palestinian security detainees and prisoners Israel is holding – a total of 6,290, according to data from the Israel Prison Service.
There has been an uptick in the number of Palestinians detained without trial since June 2014, after the kidnapping and murder of the three yeshiva students in Gush Etzion. But if the previous record had been 473 detained in August 2014, the monthly figures have been approaching 700 since the beginning of the recent wave of “lone-wolf” revolt, starting in October 2015: 698 in April of this year, 684 in May, and 688 in June.
Kayed, 34, has been hospitalized for 10 days in Barzilai Medical Center in Ashkelon because his health is deteriorating. He is shackled to his bed in a room with a closed window sealed by curtains. He is forbidden to have visitors; the lights are on and a security camera is filming him 24 hours a day. Three IPS employees continuously guard him, with two of them always in the room.
Kayed refuses to be examined by doctors or to have life-saving salts and minerals added to his water. He sometimes loses his sight for a few minutes, has difficulty walking, suffers from severe headaches and is at risk for heart failure. But his mind is totally clear; he launched his hunger strike on June 15 knowing exactly what was in store for him.
Two days beforehand, on June 13, Kayed finished serving a 14-and-a-half year prison term. In an extremely rare move, the same day he was put in administrative detention, without even being told what he was suspected of.
At his home in the village of Asira al-Shamaliya, north of Nablus, the family was preparing everything for their son’s return home. Brother Mahmoud, who owns a gym in Nablus and is a doctoral student in sports and physiology in Amman, had already decided he would give the gym to Bilal to manage. On the day of his release, his family and friends traveled south to the Dahariya checkpoint, where they expected to greet him. Then came the telephone call informing them that Kayed had been transferred to the Ofer Military Court, where he was slapped with an administrative detention order for six months. The date on the order was June 7.
“They have killed off the joy of an entire family,” Mahmoud Kayed said in a conversation with Haaretz.
This past Sunday, Bilal Kayed told one of his lawyers, Farah Bayadsi, who visited him, that he was hunger striking not just for his own benefit, but so that Israel will not make it a habit to issue administrative detention orders based on classified information to Palestinian prisoners a moment before their release. The hunger strike was a message that he hadn’t chosen to stay in prison, he told Bayadsi. He added that he wasn’t hunger striking because he wants to die, but because he wants to live freely, and refuses to accept detention under such conditions as something that is natural.
From left, Halima and Hadiba Kayed, the first wife of the father of administrative detainee Bilal Kayed, and Bilal's mother, respectively, at home this month.Amira Hass
The declared motive behind administrative detention is to serve as a preventive measure, to thwart “dangers” that may harm the Israeli public in the future. But these dangers are usually based on classified evidence or suspicions that ostensibly show that the person in question has already done something that violates military law. Administrative detention is apparently sometimes used so as not to have to reveal the sources who gave evidence of the alleged violation. Past experience also shows that during periods of general agitation against the occupation, and as part of the effort to quell it, Israel arrests Palestinian social and political activists under administrative detention orders.
The maximum term called for in such orders is six months, but it can be extended. The detainee is usually brought before a military judge eight days after being apprehended, as part of a procedure known as “judicial review.” The prosecution shows the judge the file of classified evidence and describes the suspicions against the detainee; he and his attorneys are not permitted to see any of this information or submit an argument against it. The judge typically accepts the prosecution’s position. Then the detainee can appeal, even a few times, but usually in vain. He then waits to be released or for his detention to be extended.
Palestinian sources say that 47 administrative detainees and other prisoners are now hunger striking in solidarity with Kayed, and that the IPS is punishing them by refusing them family visits, confiscating personal items and sending them to solitary confinement.
One of those striking in solidarity with Kayed is Omar Nazzal, 52, a journalist and owner of a media production company that makes short films and writes press releases on behalf of a few Palestinian nongovernmental organizations. He’s a native of Jenin, a sociology graduate from Bir Zeit University, and the father of three girls. He has often produced films for feminist groups, his wife says.
Nazzal once worked for seven months as chief editor for a television station affiliated with Islamic Jihad; he has from time to time written articles critical of the Palestinian Authority. He was arrested on April 29 at the Allenby border crossing as he was making his way via Jordan to a journalists’ conference in Bosnia, to which he’d been invited as a member of the Palestinian Journalists Association. He has been blocked from traveling abroad several times in recent years.
“At most we thought that he’d be turned back at the bridge again,” his wife Marlene told Haaretz. “But arrested? That didn’t occur to us.”
The prosecution claimed that he is affiliated with the Popular Front for the Liberation of Palestine, but his wife says that isn’t so. It was said that he poses a risk to regional security. She looked at his serious face on a poster in the room, and laughed. Him? Dangerous?
Ron Dalomi, the judge who approved the order to detain him without charges for four months, and Netanel Benisho, the judge who rejected the appeal, said that Nazzal had used his journalistic connections to advance activities of political organizations, according to his attorney, Mahmoud Hassan. Hassan, for his part, told the judges that, “I didn’t understand this assertion. Every journalist has connections, and the connections have to be with those who make news, so he goes to political events of various kinds.”
Household in limbo
Nazzal himself told the military court that he was convinced his detention was political, aimed at preventing his attendance at the international conference and his presentation there of Palestinian positions. Meanwhile, his whole household is in limbo, characterized by uncertainty over when he will be released, the inability to pursue his livelihood, cancellation of family visits because of the hunger strike, longings and grave concern for his health.
In 2012, after some 1,500 Palestinian prisoners went on a hunger strike against the practice of years-long administrative detention and solitary confinement, the number of individuals incarcerated under such circumstances started to drop, from 300 to 150 a month – or even fewer (134 in August 2013, according the IPS figures published by the B’tselem Israeli human rights organization). In other words, in the three years that have elapsed, the number of such detentions has quadrupled.
Palestinian Prisoners Society lawyer Mahmoud al-Halabi has represented only administrative detainees since the early 2000s, and is currently dealing with 290 cases.
“The worst part, emotionally, for the detainees and their families, is that there’s no definite release date, because [administrative] detention can be repeatedly extended,” Halabi told Haaretz.
Mahmoud Kayed termed it “a potential life sentence without a trial.” In the 10 months that preceded his administrative detention, Bilal Kayed was held in solitary confinement, with poor sanitary conditions. He was forbidden family visits – by Hadiba, his mother, and Halima, his father’s first wife, who raised him like a son.
Both the family and attorneys Bayadsi and Hassan, both of Addameer, the Prisoner Support and Human Rights Association, believe there are two reasons why the Shin Bet wants to keep Kayed behind bars. One is an argument he had with A.K., the intelligence officer in Megiddo Prison where he was serving his sentence. Following that argument Kayed was put in solitary confinement. In other words, they believe the solitary stint and the recent administrative detention could just be the result of that officer’s vengefulness.
The second possibility might be related to the fact that Kayed was for years the Popular Front’s “prisoner representative” vis-a-vis the IPS while incarcerated – a reflection of his popularity and the trust people felt for him. As part of his task, he would try to deal with social problems that came up among the prisoners in Megiddo Prison, like the time it emerged that some prisoners were taking advantage of weaker ones and charging money from them on various occasions. Kayed argued with those inmates who looked away and didn’t try to stop this.
The prisoner representative, who is always affiliated with a political group, cannot serve in this position without IPS approval; it’s an arrangement that works for both sides to keep the situation calm. Hassan told Judge Dalomi that it’s possible the intelligence officer initiated his stint in solitary confinement, during which certain prisoners provided the officer with incriminating information (it is not known whether it was true or false) about Kayed. The solitary confinement was then ostensibly replaced by administrative detention, and during the judicial review hearing Hassan tried to ascertain whether the information was submitted in return for certain benefits.
Kayed’s brother, Mahmoud, assumes also that his brother’s charisma and leadership qualities, which were discovered and developed in prison, are a matter of concern among the authorities.
Bilal began serving time when he was 20. His family is a “returnee” family; the father served in the Jordanian army and left the West Bank before the 1967 war. He then joined the PLO army as a maintenance engineer. The children were born in Syria but raised in Amman.
When the Oslo Accords were signed, the Kayeds and thousands of other families thought that they were returning to another era, one of peace. They were such firm supporters of the PA that Bilal joined the Palestinian Police Special Forces, which were trained to put down riots and other disturbances. In 2001, Bilal was assigned to Nablus Prison to guard Mahmoud Abu Hanoud, a member of Hamas’ military wing and a fellow resident of Asira al-Shamaliya.
In May 2001, Israel bombed the prison in which Abu Hanoud was being held; while Abu Hanoud managed to escape the prison and flee, 11 prison guards, all Bilal’s comrades, were killed. According to Mahmoud Kayed, this was the reason Bilal decided to use his weapon against the occupier. Bilal was arrested in late 2001, was tried and convicted of belonging to an enemy organization and two attempts at causing death by shooting.
Judge Dalomi rejected the claims of the family and the lawyers, and wrote in his statement approving the administrative detention for six months that the information he had showed that Kayed “played a central role among Popular Front prisoners … and also served as the head of the Popular Front prisoners in Megiddo Prison.”
He added in his decision that he was approving the new detention order because of Kayed’s organizational activity when incarcerated, as well as for other reasons: “It emerges from the information brought to me that the respondent was involved in significant activity on two levels, both in jail and in activity aimed at influencing the place of his residence. This activity has a grave military dimension, and if it weren’t for the arrest of the respondent he would be released and implement these plans.”
As said, neither Kayed nor his lawyers are permitted to respond to the accusations or to refute them by questioning witnesses.
“Blind and lacking information, all that remains for a lawyer to do is to ask questions that perhaps will succeed in disturbing the judge’s confidence,” Halabi, the attorney of the Palestinian Prisoners Society, told Haaretz. “And he can also try to bargain over shortening the period of arrest, especially against the extensions.”
At least Halabi returned happy at the end of last week from the Ofer military court because he had managed to reduce the detention of two detainees by about a month.
 
 
 
 
 
 
 
L’esercito ha attaccato il villaggio di Surif e ucciso Mohammad Faqih, accusato di aver ucciso un colono il primo luglio. Demolita l’abitazione. B’Tselem: in sei mesi…
nena-news.it





L’esercito ha attaccato il villaggio di Surif e ucciso Mohammad Faqih, accusato di aver ucciso un colono il primo luglio. Demolita l’abitazione. B’Tselem: in sei mesi distrutte più case che in tutto il 2015

della redazione
Roma, 27 luglio 2016, Nena News – Il villaggio di Surif ieri notte ha vissuto come in guerra: per stanare Mohammad Faqih, palestinese accusato di aver ucciso un rabbino e di essere membro di Hamas, l’esercito israeliano ha usato i missili anti-carro dopo aver ingaggiato uno scontro a fuoco. I bulldozer militari sono stati messi in azione quando Faqih era ancora vivo.
Della casa ora non restano che macerie e Muhammad Faqih, il ricercato, è morto. Il suo corpo, fa sapere il Ministero della Salute palestinese, è stato trovato tra le rovine, mentre fuori almeno cinque palestinesi venivano soccorsi perché feriti da proiettili di gomma: dopo l’assalto al villaggio, i giovani hanno reagito protestando al raid militare. Quattro persone sono state arrestate, tra cui il proprietario della casa dove Faqih (che risiedeva a Dura e non a Surif) si trovava e sua madre, con l’accusa di complicità.
Nella sua casa, dice l’esercito, sarebbero stati trovati un kalashnikov e una granata. Faqih è considerato il responsabile dell’uccisione, lo scorso primo luglio, di un colono israeliano Michael Marc e il ferimento della moglie e dei due figli: Faqih ha sparato alla loro auto mentre si trovavano in viaggio sulla Strada 60 che collega le colonie israeliane a sud di Hebron. È considerato un militante del braccio armato di Hamas, le Brigate al-Qassam, a cui si sarebbe unito mentre era prigioniero in un carcere israeliano: era stato arrestato perché membro della Jihad Islamica.
Questa mattina a Dura, il suo villaggio, e in quelli vicini è stato dichiarato sciopero: i negozi sono chiusi in segno di lutto. La zona ha vissuto in uno stato di tensione per quasi un mese: dal primo luglio l’esercito israeliano aveva lanciato una vera e propria caccia all’uomo e aveva imposto chiusure prolungate di interi villaggi del distretto di Hebron, anche a seguito dell’uccisione di una colona di 13 anni a Kiryat Arba. Impossibile per i residenti vivere normalmente, con gli ingressi ai villaggi controllati dai militari israeliani e l’impossibilità di far entrare e uscire i prodotti locali.
Sale così il numero di morti dal primo ottobre, quando scoppiò quella che è stata definita dai palestinesi l’Intifada di Gerusalemme: 205 palestinesi e 33 israeliani sono stati uccisi.
Aumenta a dismisura anche il numero di demolizioni contro abitazioni palestinesi. Ieri i bulldozer militari israeliani hanno distrutto dodici case nel campo profughi di Qalandiya perché considerate troppo vicine al muro di separazione. Immediata è partita la protesta dei residenti che hanno cercato di difendere le abitazioni facendo da scudo umano. I soldati hanno risposto con gas lacrimogeni e proiettili di gomma, ferendo almeno sette persone.
“C’è stato un incremento preoccupante della distruzione, la demolizione e la cnfisca di abitazioni palestinesi da parte delle autorità israeliane in Cisgiordania nei primi due mesi del 201 – aveva scritto poco tempo l’agenzia Onu Ocha – Almeno 320 strutture, tra cui 88 case, sono state demolite”. Ancora più dettagliato l’ultimo rapporto dell’organizzazione israeliana B’Tselem: nei primi sei mesi del 2016 Israele ha distrutto più case di quante ne avesse demolite in tutto il 2015. Dal primo gennaio al 30 giugno sono state demolite 168 case, lasciando senza un tetto sulla testa 740 persone, di cui 384 bambini. Nel 2015 erano state 125.
E restano ancora 11mila abitazioni, in Area C, sotto il controllo militare e civile israeliano, su cui pesano ordini di demolizione. Nena News




From January to June 2016, Israeli authorities demolished 168 dwellings in Palestinian communities in the West Bank, making 740 people homeless, 384 of them minors, more than in any full year in the past decade (except 2013). Demolitions are carried out in Area C, which comprises about 60% of the West Bank, and which Israel views as primarily meant to serve its own needs. Demolitions play a key role in Israeli policy in the West Bank to displace Palestinians and take over their land. Demolitions and devastating communities do not fulfill “the rule of law”. Rather, they are a longstanding, systematic dispossession to which all Israeli authorities are party.
Read more: http://www.btselem.org/plannin…/20160727_razed_to_the_ground



I terroristi vogliono un’Europa in guerra contro l’islam


  • 27 Lug 2016 16.57

I terroristi vogliono un’Europa in guerra contro l’islam

Gwynne Dyer
“Siamo in guerra”, ha detto martedì il presidente francese François Hollande, dopo che due presunti militanti del gruppo Stato islamico (Is) hanno ucciso un prete davanti ai suoi fedeli vicino a Rouen. È il tipo di cose che i leader si sentono in dovere di dire in casi del genere, ma che purtroppo comunicano il messaggio sbagliato.
L’aviazione francese sta già bombardando le truppe dell’Is in Siria, quindi si può parlare di guerra (anche se priva di vittime sul fronte francese). Ma non era di quello che parlava Hollande. Il presidente stava dicendo che la guerra della Francia è in qualche modo interna, e ha proseguito dicendo: “La nostra democrazia è il loro obiettivo, ma sarà il nostro scudo. Se restiamo uniti, vinceremo questa guerra”.
Parole commoventi, e certamente i francesi hanno bisogno di essere incoraggiati, perché sono ancora sotto shock per la strage di Nizza a opera del terrorista che ha ucciso 84 persone investendole con un camion. Ma quelle parole sono sbagliate: se la guerra dei francesi è interna, contro chi la stanno combattendo? La risposta ovvia, forse l’unica plausibile, è: “I musulmani francesi”. Che, ovviamente, è proprio la conclusione cui lo Stato islamico vuole giungano i francesi.
Non sto dicendo che i due illusi adolescenti musulmani che hanno sferrato l’attacco in chiesa – entrambi nati in Francia – fossero consapevoli della strategia che sta dietro alla campagna terroristica dello Stato islamico in Europa. In tutte le campagne, è improbabile che i soldati semplici ne sappiano (o gliene importi) granché.
I terroristi vogliono incitare l’odio anti musulmano e portare alla vittoria Marine Le Pen
Ma chi decide la politica dell’Is e gestisce i siti web islamisti che esortano i giovani musulmani europei a compiere queste azioni terribili sa esattamente cosa vuole ottenere. In Francia, questi individui vogliono incitare l’odio anti musulmano, mettere la maggioranza contro questa minoranza emarginata e portare alla vittoria Marine Le Pen – la leader del Front national (Fn), il partito neofascista, islamofobo e contrario all’immigrazione – alle elezioni presidenziali dell’anno prossimo.
È già praticamente certo che Le Pen sarà una dei due candidati che andranno al ballottaggio alle presidenziali francesi del 2017. Se gli attacchi terroristici radicalizzeranno molti francesi cristiani (e non solo) portando così a una violenza antimusulmana generalizzata, Le Pen potrebbe addirittura vincere e diventare la prossima presidente francese.
La strategia dello Stato islamico in Germania è praticamente la stessa. Il paese, però, costituisce un terreno meno fertile per l’estremismo islamico: tra i musulmani tedeschi, infatti, gli arabi sono relativamente pochi, mentre l’Is è un’organizzazione in larga maggioranza araba. In Germania, inoltre, i partiti di estrema destra sono molto più deboli del Front national in Francia. Eppure, l’Is vi ha appena rivendicato due attentati terroristici nella stessa settimana.
Due attentati, non quattro. Sia il giovane afgano che ha ferito cinque persone a colpi d’ascia su un treno vicino a Würzburg il 18 luglio sia il siriano cui era stato rifiutato l’asilo e che si è fatto esplodere all’ingresso di un festival musicale ferendo altre quindici persone ad Ansbach il 24 luglio hanno proclamato fedeltà allo Stato islamico.
Ma il diciottenne tedesco di origine iraniana che il 22 luglio, a Monaco, ha ucciso nove persone, quasi tutte adolescenti, era un giovane mentalmente instabile ossessionato dalle stragi nelle scuole e dall’assassino norvegese Anders Breivik. Mentre il rifugiato siriano che il 24 luglio ha ucciso con un machete una donna polacca a Reutlingen conosceva la vittima e, secondo la polizia, è probabile che si sia trattato di un “delitto passionale”.
Tuttavia, entrambi i soggetti erano musulmani, perciò agli occhi di molti tedeschi c’è semplicemente stata un’ondata di sanguinosi attacchi islamisti. I due attentati rivendicati dall’Is, di fatto, non hanno nemmeno provocato vittime, eppure la politica tedesca è in preda a un panico dalle forti connotazioni islamofobe. La strategia dell’Is sta funzionando anche in Germania.
Le parole sono importanti, e Hollande sta facendo il gioco dei terroristi
Perché lo Stato islamico vuole una forte reazione islamofoba in Europa? Perché questo comporterebbe la radicalizzazione di molti altri musulmani europei, e forse anche l’ascesa al potere di leader populisti che vogliono davvero “dichiarare guerra all’islam”.
La propaganda dello Stato islamico afferma che l’intero mondo musulmano è sotto attacco da parte del malvagio occidente, e che solo l’Is è in grado di difenderlo. Solo se il suo vero pubblico di riferimento nel mondo arabo crederà a quella menzogna l’Is potrà sperare di ottenere il sostegno delle masse (e forse, infine, il potere politico) nei paesi arabi, perciò ha un disperato bisogno che l’occidente si comporti male.
Ecco perché François Hollande ha sbagliato a dire che la Francia sta combattendo una guerra interna. Le parole sono importanti, e Hollande sta facendo il gioco dei terroristi.
Ed ecco perché è probabile che a ottobre gli Stati Uniti assistano a un’ondata di attentati islamisti sul loro territorio. Per spingere milioni di elettori statunitensi tra le braccia di Donald Trump non dovrebbero nemmeno essere troppo clamorosi. E niente sarebbe più gradito allo Stato islamico di una presidenza Trump.
(Traduzione di Alberto Frigo)

Il Grande Imam di Al Azhar condanna l’uccisione di p. Jacques Hamel in Francia



Pierre Balanian

Ahmad Al Tayyeb offre condoglianze al presidente francese, all’arcivescovo di Rouen, ai familiari delle vittime e a tutta la Francia. Gli assalitori “privi di qualunque senso di umanità”. L’islam “ordina di rispettare i luoghi sacri e di culto e la sacralità dei non-musulmani”. Fronteggiare il terrorismo anche combattendo “il pensiero estremista” nella religione islamica.


Ahmad Al Tayyeb offre condoglianze al presidente francese, all’arcivescovo di Rouen, ai familiari delle vittime e a tutta la Francia. Gli assalitori “privi di qualunque…
Di AsiaNews.it





Il Cairo (AsiaNews) Il Grande Imam di Al Azhar, Ahmad Al Tayyeb, la più alta dignità islamica del mondo islamico sunnita, ha condannato poche ore fa “l’attacco terroristico avvenuto nella chiesa di Saint Etienne nei pressi della città di Rouen nel nord-est della Francia, che ha causato la morte del sacerdote ed il ferimento di altri durante un’incursione in chiesa e la presa di ostaggi”.
 “Coloro che hanno compiuto questo selvaggio attacco” – ha continuato – sono privi “di qualunque senso di umanità e di tutti i valori ed i principi di tolleranza islamica, che invitano alla pace ed alla prevenzione del sangue degli innocenti, senza distinzione alcuna di religione, colore, genere o appartenenza etnica”. Egli ha sottolineato che l’Islam “ordina di rispettare i luoghi sacri e di culto e la sacralità dei non- musulmani”.
Il Grande Imam di Al Azhar si appella affinché “si intensifichino gli sforzi e le iniziative comuni per fronteggiare il cancro del terrorismo, che minaccia ormai il mondo intero, distrugge anime innocenti e mette a rischio la pace mondiale”.
Egli ha confermato che la Moschea di Al Azhar continuerà “il proprio cammino di lotta contro il pensiero estremista riformando il lessico usato in religione fino a quando il terrorismo non verrà strappato definitivamente dalle sue radici e saranno prosciugate le sue fonti”.
Al Tayyeb ha infine espresso “le proprie condoglianze sincere al Presidente della repubblica francese François Hollande, all’arcivescovo di Rouen Mgr. Dominique Lebrun ed ai familiari delle vittime” cosi come ha esteso il suo dolore “all’intero popolo francese amico”.
L’Imam di Al Azhar ha incontrato papa Francesco in Vaticano lo scorso maggio, dopo alcuni anni di rapporti freddi (v. foto).

Tuwani : a colpi di pala


A COLPI DI PALA (testimonianza da Operazione Colomba)

Mercoledì 27 Luglio 2016 00:48
Palestina
 p1070485-1_800

Ieri sera è arrivato N. a casa, ha bussato e ha chiesto che lo seguissimo. Non era in macchina come al solito, era a piedi, e mentre scendevamo per la strada principale del villaggio altri uomini si sono uniti a noi, camminando. All’orizzonte c’era ancora un po’ di luce, ma in cielo c’erano già le prime stelle: tra qualche minuto sarebbe arrivata la notte.

Dal 9 giugno (il giorno dopo l’attacco al Sarona Market di Tel Aviv) l’esercito Israeliano ha chiuso la strada che collega il villaggio di Tuwani alla città più vicina per ben 7 volte. Per sette volte gli abitanti hanno visto un bulldozer, circondato da soldati, chiuderli fuori da ospedali, università, negozi, lavoro.

E’ una punizione collettiva: la vita di un israeliano ha un prezzo molto alto. Quella dei palestinesi sembra non valere un granché.

Siamo stati con N. e gli altri uomini del villaggio al buio, a scavare a colpi di pala e piccozza quello che il bulldozer aveva costruito durante il giorno: un immenso cumulo di rocce e terra a bloccare la strada, a punire tutti indiscriminatamente per crimini che non hanno commesso. I colpi della pala erano una liberazione, uno sfogo, una rivincita innocente. Si lavorava al buio, i ragazzini più piccoli stavano in cima alla collina, a ogni macchina di passaggio lanciavano un fischio e tutto si fermava: immobili, accucciati dietro ai sassi aspettavamo che le luci dei fari sparissero.

All’ultimo colpo di piccone tutti si sono messi a correre verso casa, la prima macchina è passata per il varco aperto, e noi ci siamo saltati su al volo, salendo verso il villaggio. Nel cassone dietro quella jeep le parole non si sentivano, il vento era troppo forte, ma i sorrisi si vedevano benissimo. Era sorta la luna, ed era grandissima e luminosa.

E’ stata una notte un po’ magica, illuminata da una luna speciale, perfino i soldati, quando sono arrivati credendo che ci fosse una macchina rotta senza accorgersi del lavoro segreto, si sono fermati a guardarla. Inshalla la luna proteggerà ancora i nostri sorrisi, inshalla a colpi di piccone cadranno tutte le nostre paure.


http://www.operazionecolomba.it/palestina-israele/2662-a-colpi-di-pala.html

Israele : Quei bimbi ebrei yemeniti che ancora interrogano Israele





di Laura Silvia Battaglia |  26 luglio 2016
Una conferenza sulla questione dei bimbi yemeniti svoltasi presso il Parlamento israeliano il 21 giugno scorso. (foto Miriam Alster/Flash90)
Da maggio si è tornato a parlarne in Israele, dopo un reportage giornalistico. È la vicenda di mille bimbi ebrei yemeniti scomparsi fin dalla prima migrazione verso lo Stato ebraico nel 1948.

Alcune delle loro storie sono state rivelate soltanto nel maggio 2016, dopo che il quotidiano Hareetz ha diffuso un reportage investigativo sulla questione. Al punto che, sul tema dei bimbi ebrei yemeniti scomparsi o rapiti fin dalla prima migrazione verso lo Stato d’Israele nel 1948, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha dovuto chiedere al ministro Tzachi Hanegbi un’indagine e tre commissioni di inchiesta su un faldone di documenti classificati fino al 2071.
La vicenda è tornata d'attualità dopo il trasferimento, nello scorso dicembre, delle ultime famiglie di ebrei yemeniti rimaste a Sanaa e le polemiche conseguenti la difficoltà di integrare ebrei con tradizioni molto ortodosse e una cultura di base assai più vicina ai musulmani, in uno Stato come Israele. Così, l’organizzazione Amram, che possiede un archivio gigantesco appena caricato in Internet mesi fa, ha ripreso il tema-tabù delle famiglie israeliane di origine yemenita che denunciano la scomparsa-rapimento di almeno uno dei loro figli da parte dell’establishment israeliano nei primi dieci anni di formazione del Paese, e in particolare tra il 1948 e il 1954.
L’affaire saltò fuori per la prima volta negli anni Sessanta, quando alcune famiglie accusarono la classe dirigente degli ebrei ashkenaziti di avere fatto sparire con metodo e premeditazione centinaia di bambini yemeniti, migrati verso Israele negli ultimi anni Quaranta o all’inizio degli anni Cinquanta, per cederli a famiglie ashkenazite senza figli, riferendo alle famiglie yemenite di origine che il loro figliolo era morto per una qualche malattia.
Come ciò sia stato possibile è bene espresso dalla storia di Nehemia Ziner, 76 anni, intervistata da al-Monitor, la quale dichiara: «Avevo una sorella di nome Naomi Ziner che era stata ricoverata all’ospedale del Monte Scopus. Mio padre, buonanima, andò a visitarla e i dottori gli dissero che era morta. Mio padre chiese di vedere il corpo o di ricevere un certificato di morte ma ignorarono la sua richiesta con tutte le scuse possibili. Tornò a casa senza di lei. Sono sconvolta da un Paese i cui padri della patria l’hanno costruito con una mano destra, distruggendolo con la sinistra. Li disprezzo».
Non tutti sono convinti della bontà di queste testimonianze. Dov Levitan dell’Università Bar-Ilan che ha studiato l’immigrazione e l’integrazione degli ebrei yemeniti, ribatte ad al-Monitor che queste testimonianze arrivano 50-60 anni dopo gli eventi e l’idea che si è fatto è che vengano usate a fini politici. Levitan avrebbe intervistato centinaia di famiglie e molte anche più di una volta: «Le versioni non coincidono mai e l’ultima diventa sempre quella definitiva. Ci sono dei casi in cui le famiglie ammettono che non potevano badare ai bambini e che avrebbero accettato di cederli in adozione». Shlomi Hatuka, fondatore di Amran, proviene da una di questa famiglie e non è affatto di questo avviso: «Non si dovrebbe pensare nemmeno per un istante che queste testimonianze sono fabbricate, come se mettessimo a confronto un sopravvissuto all’Olocausto con un negazionista. I bambini sono scomparsi in periodi precisi, da ospedali precisi, in maniera metodica. La storia non mente mai e le famiglie ne hanno sempre parlato, trasmettendoci il desiderio di giustizia di generazione in generazione». L’ultima, a cui appartiene Shlomi, che è poeta e attivista, ha preso in mano anche le armi del web 2.0 e dei social media. «Adesso abbiamo un sito, Facebook, Twitter un archivio virtuale e li useremo in modo appropriato».
La narrativa del rapimento resta centrale nella storia delle famiglie degli ebrei yemeniti ma per Levitan non regge quantomeno il capo d’accusa: «A quell’epoca accaddero molte cose tremende ai migranti: vennero derubati dei manoscritti, vestiti, gioielleria, oro e argento. Umiliati in assoluto. Lo Stato ha fatto molte cose folli, come non fare sapere ai parenti in tempo reale che i loro figli erano morti. Ma rapirli per adottarli, era impossibile da parte degli ashkenaziti. Coloro che fecero questo, a quel tempo, non erano ashkenaziti perché non avrebbero mai accettato l’adozione di un bambino yemenita. Semplicemente perché erano razzisti». L’ultima parola su questa vecchia storia che si riversa sul presente è attesa adesso dalle tre commissioni d’inchiesta. Le famiglie chiedono di de-secretare gli atti e avere verità e giustizia.

Gad Lerner : Il dolore dell’imam di Saint-Etienne-du-Rouvray per la perdita del suo amico padre Jacques






L’orribile delitto di Saint-Etienne-du-Rouvray ha sconvolto molte persone, e tra i primi a esprimere grande dolore per la perdita di un amico è stato l’imam della cittadina francese. Mohammed Karabila, responsabile della moschea locale e del consiglio musulmano dell’Alta Normandia si è dichiarato sconvolto per l’uccisione di padre Jacques Hamel. Nelle sue prime dichiarazioni il religioso musulmano ha rimarcato di non riuscire a comprendere un simile delitto. ” Tutte le nostre preghiere vanno verso la famiglia di padre Jacques e verso la comunità cattolica. Padre Jacque è un uomo che ha donato la sua vita per gli altri. Siamo sconvolti alla moschea”. I due religiosi si conoscevano, ed erano diventati amici grazie alla loro collaborazione in un consiglio interreligioso della cittadina francese. Un organismo lanciato 18 mesi fa, sulla scia dell’ondata di attentati terroristici che ha colpito la Francia. “Ed è proprio da diciotto mesi che attaccano i civili, adesso prendono di mira i simboli confessionali, e invocano a pretesto la nostra religione. Non è possibile andare oltre”, ha aggiunto l’imam, che aveva svolto con padre Jacques diversi discorsi pubblici per favorire la convivenza tra le diverse fedi.


2   

Solidarité avec les Chrétiens et condamnation du Terrorisme

Le Conseil Régional du Culte Musulman (CRCM Rhône-Alpes) a appris avec tristesse l’attaque dont a été l’objet l’Eglise de Saint-Etienne-du-Rouvray pendant la Messe. Le Prêtre a été lâchement assassiné par les deux assaillants et plusieurs religieux ont été blessés, dont une religieuse a été grièvement blessée. Plusieurs fidèles ont été également pris en otages et sont sous le choc. Le CRCM Rhône-Alpes condamne avec la plus grande fermeté cet acte terroriste lâche et barbare qui frappe à nouveau notre Pays.
Le CRCM Rhône-Alpes exprime sa profonde compassion aux familles des victimes et souhaite un prompt rétablissement aux blessés.
Le CRCM Rhône-Alpes exprime également sa grande émotion et sa totale solidarité avec l’ensemble des Chrétiens. Le Président du CRCM Rhône-Alpes Benaissa CHANA a immédiatement pris contact avec l’archevêché de Lyon pour lui transmettre un message de compassion et de solidarité dans ces moments difficiles.
Devant la gravité de la situation, le CRCM Rhône-Alpes lance à nouveau un appel à l’Unité national et rappelle les musulmans de France que celui qui touche un Chrétien parce qu’il est chrétien ou un Juif parce qu’il est juif touche l’ensemble des musulmans et que cet acte barbare et inhumain est un grand blasphème.
Lyon, le Mardi 26 Juillet 2016
Benaissa CHANA
Président du CRCM Rhône-Alpes
Publié dans Communiqués, CRCM



 
 
 
 
 
 
 
 
Fra i musulmani francesi domina la condanna del gesto “vile e barbaro” che ha ucciso il sacerdote di Saint-Etienne-du-Rouvray, e si chiede vigilanza perché…
Di AsiaNews.it
 

martedì 26 luglio 2016

Jonathan Marshall : Bombe nucleari in Turchia: somma di tutte le paure

0
Print Friendly
TurkeyNuclear

di Jonathan Marshall – 24 luglio 2016




I chierici della sicurezza nazionale a Washington hanno sempre utilizzato affermazioni di maggiore sapienza e sapere interno per mettere a tacere il dissenso sulla politica nucleare. Ma nemmeno loro sono più in grado di spiegare perché bombe nucleari statunitensi sono conservate nella Turchia politicamente instabile mentre sta diventando sempre più islamista e anti-statunitense.
La base aerea di Incirlik nel sud-est della Turchia – da dove piloti statunitensi lanciano missioni di bombardamento sulle forze dell’ISIS in Siria – ospita circa 50 bombe all’idrogeno B-61. Ciò la rende il più vasto deposito nucleare della NATO, con circa un quarto di tutte le armi nucleari da teatro delle scorte dell’alleanza.
Ciascuna bomba ha un potenziale di sino a 170 chilotoni, quasi dodici volte più potente dell’arma che rase al suolo Hiroshima. Le bombe sono conservate in caveau sotterranei all’interno degli hangar degli aerei, a loro volta protetti da un perimetro di sicurezza della base.
Ma Eric Schlosser, autore di un libro del 2014 sui pericoli degli incidenti nucleari, ha osservato recentemente: “Con a disposizione qualche ora e gli strumenti e l’addestramento giusti, si potrebbe aprire una delle camere di deposito delle arme nucleari della NATO, rimuovere un’arma e aggirare [gli interruttori protettivi] al suo interno. Nel giro di secondi si potrebbe sistemare un congegno esplosivo sopra la camera di deposito, distruggere l’arma e diffondere una letale nuvola radioattiva”.
Inoltre la sicurezza delle bombe è basata sul fatto che sono difese da forze leali della NATO. Nel caso di Incirlik tale lealtà si è dimostrata, a dir poco, incerta. L’elettricità è stata tagliata alla base dopo che truppe ammutinate hanno usato un aereo cisterna della base per rifornire gli F-16 che minacciavano Ankara e Istanbul.
Dopo il colpo di stato il comandante turco di Incirlik è stato arrestato per complicità e ne è uscito in manette. Si può facilmente immaginare una cricca di ufficiali islamisti in un colpo di stato futuro che si impossessa delle bombe nucleari con mezzo negoziale con Ankara e Washington o, peggio ancora, per sostenere insorti radicali nella regione.
Campanelli d’allarme
Dopo anni di disattenzione alla politica di dispiegamento nucleare della NATO il recente colpo di stato fallito in Turchia ha finalmente fatto suonare campanelli d’allarme. Jeffrey Lewis, un esperto della proliferazione nucleare al Middlebury Institute of International Studies di Monterey, ha posto la domanda retorica: “Sembra una buona idea mantenere armi nucleari statunitensi in una base aerea comandata da qualcuno che può appena aver aiutato a bombardare il parlamento del proprio paese?”
Hans Kristensen, un esperto del nucleare presso la Federazione degli Scienziati Statunitensi, ha dichiarato che “la situazione della sicurezza in Turchia e nella base aerea non soddisfa più i criteri di sicurezza che gli stati uniti dovrebbero avere per la conservazione di armi nucleari. Sono limitati gli avvertimenti che si ricevono prima che qualcosa vada terribilmente storto. E’ ora di ritirare le armi”.
Più indicativamente, l’ex Comandante Supremo Alleato della NATO, James Stavridis, ha scritto – prestando attenzione a non confermare pubblicamente nessuna informazione segreta – che se la NATO detiene effettivamente armi nucleari tattiche presso la base aerea di Incirlik “questo pone un problema molto pericoloso e Washington avrà bisogno della piena collaborazione di Ankara per garantire che tutti gli equipaggiamenti e le forze militari statunitensi siano pienamente protetti.”
Tuttavia gli interrogativi dovrebbero spingersi oltre gli evidenti rischi per la sicurezza della caduta di armi nucleari in mani non amiche. Nessuno ha mai spiegato contro quale nemico potrebbero essere usate le bombe all’idrogeno conservate in Turchia, un quarto di secolo dopo la caduta dell’Unione Sovietica. Senza dubbio c’è una quantità di neo-conservatori a Washington che sarebbero deliziati all’idea di sganciarle sull’Iran, come sostenuto dal miliardario Repubblicano Sheldon Andelson, ma si spera che la maggior parte degli statunitensi non condivida la sua passione per il gioco d’azzardo fuori dai casinò.
Né qualcuno ha spiegato come le bombe potrebbero essere usato se si trovasse un nemico appropriato, visto che la NATO non ha nessun velivolo autorizzato al nucleare di stanza in Turchia. Ma a Washington e a Bruxelles l’incapacità di rispondere a tali semplici domande raramente è motivo di ripensamento di politiche vecchie. Dopotutto quanti preti rinunciano ai loro inni solo perché i canti non funzionano?
Anche se la Turchia presenta un caso vergognoso di rischi nucleari, le domande sullo spiegamento di armi nucleari dovrebbero andare per oltre quel paese. La sicurezza è notoriamente trascurata anche in basi NATO in Belgio e in Olanda, dove sono in deposito armi nucleari.
Come ricorda Schlosser, “Nel 2010 attivisti pacifisti hanno scavalcato un recinto alla base aerea di Kleine Brogel, in Belgio, sono passati attraverso una seconda recinzione, sono entrati in un hangar in cemento armato contenente caveau di armi nucleari, hanno attaccato adesivi antinucleari sulle pareti, hanno vagato per la base per un’ora e hanno pubblicato un video dell’intrusione su YouTube. Il video ha mostrato che il soldato belga che alla fine li ha affrontati aveva un fucile scarico”.
Sfoggio di bombe atomiche
Come ho sostenuto in passato, la minaccia del terrorismo è solo uno dei motivi per riconsiderare la presenza di armi nucleari di teatro su suolo NATO. Tali armi in realtà riducono la sicurezza dell’Europa occidentale facendo sorgere il rischio di un’intensificazione catastrofica nel caso di un conflitto accidentale con la Russia. Le armi sono anche del tutto inutili ai fini di deterrenza, considerati gli arsenali nucleari a disposizione di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia.
Nonostante questi rischi, voci influenti dell’alleanza sollecitano uno sfoggio di armi nucleari maggiore, non minore. Un recente articolo sulla NATO Review ha dichiarato: “Le forze coinvolte in missioni nucleari dovrebbero condurre esercitazioni apertamente e regolarmente, senza compromettere la loro specifica natura. Tali esercitazioni dovrebbero coinvolgere non solo stati dotati di armi nucleari ma anche alleati privi di esse”.
Lo scorso dicembre il vice ministro della difesa della Polonia ha proposto di installare armi nucleari statunitensi sul suolo polacco. Tale proposta è arrivata un anno dopo che caccia F-16 polacchi avevano preso parte a un’esercitazione nucleare della NATO.
E l’amministrazione Obama, almeno per ora, resta incline ad aggiornare le sue bombe all’idrogeno e a costruire una nuova classe missili da crociera a testata nucleare, entrambe le armi da dispiegare in Europa.
Tuttavia l’osservazione del ministero tedesco degli esteri Frank-Walter Steinmeier resta vera oggi come lo era quando l’ha formulata nel 2009: “Da un punto di vista militare quelle armi (di teatro) sono oggi del tutto prive di senso”.
La domanda da lui posta allora è una domanda che dovrebbe porsi ogni persona ragionevole dopo il recente disastro in Turchia: “Non è ora di includere le armi nucleari sub-strategiche e tattiche nel processo di disarmo nucleare al fine di eliminare una volta per tutte i residui della guerra fredda nel territorio della Russia e dell’Europa?”
Jonathan Marshall è autore o co-autore di cinque libri sugli affari internazionali, tra cui ‘The Lebanese Connection: Corruption, Civil War and the International Drug Traffic’ (Stanford University Press, 2012). Alcuni dei suoi precedenti articoli per Consortiumnews sono: “Risky Blowback from Russian Sanctions”; “Neocons Want Regime Change in Iran”; “Saudi Cash Wins France’s Favor”; “The Saudis’ Hurt Feelings”; “Saudi Arabia’s Nuclear Bluster”; “The US Hand in the Syrian Mess”; e “Hidden Origins of Syria’s Civil War.” ]

Da ZNetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo
www.znetitaly.org
Fonte: https://zcomm.org/znetarticle/turkeys-nukes-a-sum-of-all-fears/
Originale: Consortiumnews
traduzione di Giuseppe Volpe
Traduzione © 2016 ZNET Italy – Licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.0


Oltre le 28 pagine: l’Arabia Saudita e l’Occidente

 

 

Oltre le 28 pagine: l’Arabia Saudita e l’Occidente

Redazione 25 luglio 2016 1
Print Friendly
Oltre le 28 pagine: l’Arabia Saudita e l’Occidente
Di Kevin Schwartz
22 luglio 2016
Assaporiamo le spezie dell’Arabia, e tuttavia non sentiamo mai il sole torrido che dà loro la vita.
Questa frase è scritta all’interno della rotonda della Sala di lettura Jefferson nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, al di sopra della raffigurazione del Commercio.
La pubblicazione da tempo attesa delle 28 pagine segrete di un’inchiesta del Congresso sugli attacchi dell11 settembre, rappresenta il resoconto pubblico più completo della prova che certi cittadini sauditi hanno potenzialmente aiutato alcuni dei dirottatori. Tuttavia, qualsiasi prova che il governo saudita abbia fornito consapevolmente assistenza, a questo punto resta indiziaria e non dimostrata ed è  una prospettiva condivisa da un promemoria del 2005 della CIA-FBI, pubblicato lo stesso giorno delle 28 pagine. L’ex Senatore Bob Graham che era membro dell’inchiesta del Congresso, insieme a Terry Strada, la presidente nazionale dell’associazione Famiglie dell’11/9 Unite per la Giustizia contro il Terrorismo, hanno a loro volta replicato che la faccenda del coinvolgimento è lungi dall’essere conclusa, e che è necessario che siano pubblicate altre informazioni segrete.
Mentre le 28 pagine possono fornire poche conclusioni sul modo in cui è accaduto il più grosso attacco terroristico sul suolo statunitense, la loro pubblicazione è un’ulteriore indicazione che è in dubbio la supremazia dell’Arabia Saudita come minato alleato mediorientale irreprensibile. La desecretazione  delle 28 pagine segue a ruota altri sviluppi che hanno minato l’immagine accuratamente curata    dell’Arabia Saudita come alleato fedele e stabile come: la firma di un accordo nucleare con l’Iran nel 2015, che aumentava la prospettiva di una crescente cooperazione con il principale rivale del regno; la diffusione di una serie di cablogrammi sauditi in lingua straniera che trattano questioni interne tra cui il monitoraggio dei cittadini e i tentativi di combattere voci critiche sui media stranieri; la testimonianza non verificata di Zachariaa Moussaoui (il “ventesimo dirottatore”” che descrive  un probabile coinvolgimento del governo dell’Arabia Saudita negli atta’11 settembre; una guerra in Yemen che ha causato migliaia di morti civili e provocato una crisi umanitaria e una preoccupazione internazionale sull’esecuzione di 47 individui accusati di terrorismo.
Una conseguenza di questi sviluppi è l’introduzione di una legge bipartitica a opera del Comitato del Senato statunitense per le Relazioni Estere, per ridurre l’appoggio americano all’Arabia Saudita in fatto di armi da usare nella sua campagna in Yemen.
In un altro caso, la Camera americana dei Rappresentanti ha approvato soltanto per poco una legge che permette il trasferimento di bombe a grappolo in Arabia Saudita, che è la prova che i legislatori stanno cominciando ad affrontare questo problema con maggior attenzione. Inoltre, il Senato degli Stati Uniti ha di recente approvato una legge che premetterebbe al governo dell’Arabia Saudita, di essere ritenuto legalmente responsabile di qualsiasi potenziale ruolo avuto negli attacchi dell’11 settembre, anche se  una scappatoia dell’ultimo minuto nella legge, è probabile che ne diminuirà l’impatto. Si continuano a esprimere preoccupazioni circa il finanziamento che fa paese a favore gruppi estremisti e di moschee di tutto il mondo. In seguito al massacro avvenuto il mese scorso in un locale notturno di Orlando, in Florida, per esempio, Hillary Clinton ha dichiarato che l’Arabia Saudita ed altri paesi del Golfo sono indifferenti riguardo all’appoggio finanziario da parte dei loro cittadini all’estremismo violento. Non è la prima volta che la probabile candidata Democratica ha preso di mira in questo modo  l’Arabia Saudita nel corso  della sua campagna elettorale.
Altrove le relazioni con l’Arabia Saudita stanno subendo un analogo esame. L’anno scorso la Svezia ha deciso di non rinnovare un accordo saudita per le armi mantenuto fin dal 2005, in gran parte per la preoccupazione circa la situazione dei diritti del paese. Il Regno Unito ha ritirato un’offerta di 5,9 miliardi di sterline per un contratto per una prigione, dopo le critiche su violazioni dei diritti umani espresse sia da funzionari dei Tory che da quelli del Partito Laburista. Belgio e Olanda hanno fatto dei passi per porre fine o limitare la vendita di armi all’Arabia Saudita, mentre l’Unione Europea ha approvato una risoluzione non vincolante affinché i paesi membri pongano fine alla vendita di armi. Il governo canadese ha proceduto con un accordo controverso per una  vendita di armi  di 15 miliardi di dollari (firmato dal predecessore dell’attuale governo), tra grida di protesta generali per annullarlo e una
causa legale che sostiene che l’accordo contravviene alle leggi federali che proibiscono vendite di questo tipo a paesi sospettati di usarle contro i civili o di avere una situazione di violazioni ripetute dei diritti umani.
Il Ministro degli Esteri canadese Stéphane Dion, anche se si assume la responsabilità di aver fatto accettare l’accordo per le armi, ha riconosciuto la preoccupazione di tutti, osservando che il fatto di vendere armi all’Arabia Saudita potrebbe essere un problema che è meglio lasciare all’elettorato.
Il ministro degli esteri dell’Arabia Saudita, Adele al Jubeir forse ha ragione quando nota che “la sorpresa nelle 28 pagine è che non c’è alcuna sorpresa,” ma sarebbe in difficoltà a mostrare una tale mancanza di interesse circa il crescente esame minuzioso da parte del pubblico e le percezioni mutevoli sul ruolo dell’Arabia Saudita nel mondo. I sauditi hanno invece replicato ai suddetti sviluppi con azioni dirette, minacce di rappresaglie, e una vivace campagna di pubbliche relazioni. L’ambasciatore saudita in Svezia è stato richiamato in patria per breve tempo. Gli Stati Uniti sono stati minacciati del ritiro di investimenti sauditi dell’ammontare di 750 miliardi di dollari per il loro paese, in base alla legge del Senato per la responsabilità legale del 9/11 (approvata nel maggio 2016).*   In replica al pasticcio del patto canadese per le armi, l’Arabia Saudita ha difeso il suo  sistema giudiziario in quanto “invita a preservare e a proteggere i diritti umani,” anche se la Freedom House** la classifica malissimo in tutte le categorie del suo indice di libertà. Gli attuali funzionari e  ambasciatori e gli ex consiglieri dello stato saudita hanno sempre più cercato energicamente di difendere le azioni e l’immagine del loro stato  di fronte al pubblico, citando il ruolo chiave che ha l’Arabia Saudita nel combattere il terrorismo internazionale, in alleanza con gli Stati Uniti e le Nazioni Unite. Cercano di giustificare la “Operazione Tempesta decisiva” dell’Arabia Saudita in Yemen, come un tentativo di ristabilire il “legittimo ordine” e di “combattere una milizia influenzata dall’Iran.” Questa campagna di pubbliche relazioni è stata favorita da altri tentativi di promuovere una contro-narrazione alle voci critiche sull’Arabia Saudita, compreso l’uso di società di Pubbliche Relazioni allo scopo di affascinare i decisori politici e i giornalisti americani e della  tentata censura di voci critiche riguardo alla situazione  dei diritti umani di quel paese. Nel maro 2016, è stato istituito il Comitato Saudita Americano per le Pubbliche Relazioni e Affari (SAPRAC), il primo gruppo
di pressione con base negli Stati Uniti che ha l’espresso compito di operare per i rafforzamento dei legami tra Stati Uniti e Arabia Saudita e di evidenziare le opportunità di investimento.  “Visione 2030,” il piano promosso come tentativo di diversificare e modernizzare l’economia saudita il quale comprende la parziale privatizzazione della compagnia petrolifera Aramco, di proprietà statale, può essere ragionevolmente considerato una parte di questa  offensiva  del  “fascino”,  dato che i banchieri di tutto il mondo guardano a una parte del premio.
Le risposte circa il coinvolgimento dell’Arabia Saudita nell’11 Settembre si dimostrano vaghe e per sempre ignote. Ma, più che mai, si stanno sollevando domande e si stanno facendo azioni successive in relazione all’Arabia Saudita, estendendole al di là di quello che è contenuto nelle 28 pagine di 14 anni fa e preannunciando un nuovo riallineamento del rapporto di lunga data degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali con questa potenza del Medio Oriente.
Kevin L. Schwartz è uno studioso e scrittore di base a Washington, D.C. Il suo sito web è http://kevinschwartz.org
* http://it.sputniknews.com/politica/20160518/2702082/Riyadh-NewYork-terrorismo-Al-Qaeda.html
**Freedom House è una organizzazione non governativa internazionale, istituita nel 1941, con sede a Washington, D.C., che conduce attività di ricerca e sensibilizzazione su democrazia, libertà politiche, e diritti umani.
https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=Freedom+House
Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo
www.znetitaly.org
Fonte: http://www.counterpunch.org/2016/07/22/beyond-28-pages-saudi-arabia-and-the-west/