sabato 27 agosto 2016

Tomer Persico, Ariel Sharon sta sorridendo dall'inferno: la verità sull'evacuazione di Gaza

 Sintesi  personale


 Perché "ricordare" l'evacuazion di Gaza ? Perché i ricordi sono sempre selettivi. Ci dicono ora che il "disimpegno" è stata un'idea di sinistra, sostenuta dalla  sinistra e attuato da esponenti della sinistra. 
Quindi cerchiamo di  dire la verità in mezzo a tante menzogne .
 
Disimpegno
Non era un "disimpegno"  : un bel nome per un atto orribile. E 'stato un ritiro militare da un territorio occupato, l'evacuazione di oltre 8.000 persone dalle loro case e la distruzione di ventuno insediamenti. . L'apparato statale intero  è stato mobilitato per effettuare una operazione discutibile facendo tacere ogni voce critica . I coloni e il sionismo religioso  divennero nemici pubblici, "minacce alla democrazia", ​i  media, il sistema legale, i politici li  hanno trattati come tali.
Perché  è stato  fatto?
Ariel Sharon  era un prepotente e un bugiardo. I coloni lo sapevano,ma fin quando è stato dalla loro parte lo hanno chiamato «Arik, il re d'Israele". Sharon ha effettuato l'evacuazione di Gaza al fine di salvare se stesso da un'indagine e salvare gli insediamenti in Cisgiordania da un accordo con i palestinesi , evitando così la road map,proposta da Bush.  Sharon sapeva di dover avviare un processo politico e di non voler trattare con i Palestinesi  ,per questo ha scelto di agire unilateralmente. Dov Weisglass ha detto chiaramente : "Sono d'accordo con gli americani che alcuni degli insediamenti  in Cisgiordania  sarebbero esclusi dalle trattative , mentre altri avrebbero potuto essere discussi quando i palestinesi diventeranno finlandesi. "  Sharon aveva  capito che che doveva  dare qualcosa in cambio per evitare trattative . Ha sacrificato la zona più problematica  dato che evidenziava il  peggior rapporto esistente tra  arabi  ed Ebrei , al fine di salvare una zona  importante per lui. Lo ha fatto in modo unilaterale, piuttosto che impostare  negoziati.  Molti uomini di sinistra pensavano che ciò fosse una cattiva idea,ma  la maggior parte della gente di sinistra riteneva questa fosse  una soluzione piuttosto che continuare l'occupazioneosse 
La responsabilità è della  Likud. al governo, l'unico partito  che ha  demolito insediamenti ebraici. Netanyahu ha  appoggiato il disimpegno solo alla fine, quando  era chiaro che non poteva esserci alcuna opposizione. Voleva essere il primo ministro e  così  decise di lasciare che Sharon se ne assumesse la responsabilità per bruciargli la carriera
Abbiamo fatto un errore, dobbiamo tornare a Gaza?In questi giorni ogni progetto politico della destra,ogni  annessione in Cisgiordania, totale o parziale, ogni idea autonoma palestinese, ogni rifiuto di far avanzare i negoziati   fa riferimento a quanto è accaduto a Gaza. Diciamo che i Palestinesi  hanno già un mini-stato,  possiamo usare Gaza come una scusa per non parlare con l'Autorità palestinese (perché non controlla Gaza, ecc ecc). L'evacuazione di Gaza è servita alla Likud di Sharon e ora  a quella di Netanyahu  che non sogna certo  di conquistare di nuovo Gaza. La situazione attuale si allinea perfettamente la politica della destra di "gestione dei conflitti"esattamente come gli  accordi di Osl  oche Israele non annullerà perché la PA gli fa comodo
Va bene, ma la situazione della sicurezza è peggiorata da quando è iniziato il disimpegno ...
Non vero. La sicurezza è migliorata. Razzi e tunnel c'erano anche prima  dell'evacuazione e colpivano  gli israeliani. . Per proteggere Gush Katif erano  necessari enormi risorse umane e  finanziarie senza garantire alcuna sicurezza .  Roy Sharon ha scoperto un anno fa che tra il 2000 e il 2005, 141 soldati e civili israeliani sono stati uccisi nella Striscia di Gaza. Nel decennio successivo l'evacuazione tra il 2005 e il 2015 soo stati uccisi 125 soldati e civili  L'evacuazione  ha e salvato vite israeliane
In breve, questa è  stata una mossa cinica di un bugiardo e  di un bullo sostenuto dal suo partito  per preservare gli insediamenti in Giudea e Samaria. Questo è davvero quello che è successo. Sharon ha  trasformato Gaza nella più grande prigione del mondo, ha  trasformato l'evacuazione di 8.000 persone in un trauma nazionale che renderà ogni futuro evacuazione più difficile. Vi garantisco che Sharon sorride  dall'inferno in questo momento.
Tomer Persico ha pubblicato il testo originale su  Facebook.
Traduzione: Maya Haber


 
 
 
 
 
 
It’s the month of Av again, and we again "remember" the Gaza evacuation and the destruction of Gush Katif. Why "remember"? Because memories are always selective. They tell us now that the “disengag...
progressiveisrael.org


It’s the month of Av again, and we again “remember” the Gaza evacuation and the destruction of Gush Katif. Why “remember”? Because memories are always selective. They tell us now that the “disengagement” was a leftist idea, supported by leftists, and implemented by other leftists. They tell us that though Leftists claim to oppose the violation of human rights violations, the left did not prevent it.
So let’s put speak truth to the lies.
Disengagement?
It was not a “disengagement,” which is a nice name for a horrible deed. It was a military withdrawal from an occupied territory, the evacuation of over 8,000 people from their homes and the destruction of twenty-one settlements. The process included directing the state’s resources—the military, police, judiciary and media—to suppress and silence any opposition. The entire state apparatus was mobilized to carry out a controversial operation while violently silencing—yes, violently—opposing voices. The settlers, and occasionally the entire religious Zionist, became public enemies, “threats to democracy,” and the media, the legal system, and the politicians treated them as such.
Why did they do it?
Ariel Sharon led the evacuation and anyone who followed his career knew he was a bully and a liar. The settlers knew that too. But as long as he lied and tyrannized on their behalf, they called him “Arik, King of Israel.” Sharon carried out the Gaza evacuation in order to save himself from an investigation and save the West Bank settlements from an agreement with the Palestinians. Pressured to accept George Bush’s “road map,” Sharon realized he had to initiate a political process. Because he never intended to talk with the other side he chose to act unilaterally. Dov Weisglass said it clearly: “I agreed with the Americans that some of the [West Bank] settlements would remain entirely off the table, while others could be discussed when the Palestinians become Finns. That’s what we did.” Weisglass’ words are quite clear. Sharon understood that if he wanted peace for the West Bank, he had to give something in return. He sacrificed the most problematic area, the one with the worst Arab to Jew ratio, in order to save an area that was important to him throughout his life. He did it unilaterally rather than through negotiations. And many Leftists thought it was a bad idea. Though most Leftists thought his plan was better than staying there.
Who did that?
A Likud-led government. The truth is that the Likud is the only party in Israel’s history that evacuated vast areas and demolished Jewish settlements. The only one. And yes, Netanyahu too wanted the evacuation. As finance minister in Sharon’s government and despite repeated settler leaders’ pleas to wave the revolt banner and come out against the disengagement, Netanyahu repeatedly refused to do so. He voted four times for the plan and as finance minister allocated special funds to pay for it. Just a week before the fulfillment of the plan (!), when it was clear that nothing could stop it, he voted against it. In her excellent, Lo b’Kol Mechir (Not at Any Price) Anat Roth quotes Zeev (Zambish) Hever (a settler leader) about failing to persuade Netanyahu to vote against the plan: “He didn’t behave like somebody who truly wants to stop [the disengagement]. Every time I left a meeting with him, I would ask my friends and myself: what does he want? With a heavy heart I realized that Netanyahu wanted to be the next prime minister. […] So he decided to let Sharon take the chestnuts out of the fire. Let him break his head on Gaza.”
We made a mistake, shall we return to Gaza?
These days every Right political plan – and I mean every – is based on Hamas’ rule in Gaza. Every West Bank annexation, full or partial, every Palestinian autonomous idea, and every refusal to advance negotiations, depend on the idea that we don’t have to deal with Gaza. So there are less Palestinians to naturalize. We can say that they already have a mini-state. And we can use Gaza as an excuse for not speaking with the Palestinian Authority (because it doesn’t control Gaza, etc. etc.). The Gaza evacuation served Sharon’s Likud and continues serving the Right as well. Therefore, Netanyahu doesn’t dream of conquering Gaza again, and though Avigdor Lieberman talks about it as an option, he never will. The current situation aligns perfectly the Right’s policy of “conflict management.” [By the way, just like the Oslo Accords, which Israel doesn’t cancel because the PA is an asset for the Right. [Like the tampon ad,] it allows them to go with (the territories) and feel without (the occupation).]
Okay, but for principle-moral-and-Jewish reasons we should return to Gaza!
Even without Sharon, Netanyahu, and the brutal evacuation of Gush Katif, the Jewish settlement in Gaza had no future. Anyone who thinks that there is a moral or pragmatic logic to 8,000 people living on a quarter of the Gaza Strip, when the other three quarters populate 1.8 million people. Or where the minority lives in villas surrounded by lawns while the majority is crowded in refugee camps and in crowded cities. Or that a tiny minority has more access to water, electricity, land, and infrastructure than a majority two hundred times greater. Or that the minority enjoys freedom of speech, assembly, voting, and national determination which are denied to the majority. Or that the minority rules over the majority by military force. Anyone who thinks all of this is moral or pragmatic has never studied history and suffers from a severe case of moral blindness. Gush Katif was an ugly moral stain and its residents demonstrated both domination over and moral insensitivity towards their neighbors.
Fine, but the security situation deteriorated since the disengagement…
Not true. The security has improved. Rockets and digging tunnels happened before the evacuation, and it was much easier to hit Israelis. Gush Katif settlements required enormous manpower and resources to protect and they brought no security benefit. As Avishay Ben Sasson-Gordis wrote in a paper analyzing The Strategic Balance of Israel’s Withdrawal from Gaza (2005-2016) the civilian presence in the Gaza Strip made it difficult for the military to operate freely. And Roy Sharon discovered a year ago in a series of reports that in the five years between 2000 and 2005, 141 Israeli soldiers and civilians were killed in the Gaza Strip. In the decade since the evacuation between 2005 and 2015, including all military operations, 125 Israeli soldiers and civilians were killed in the Gaza Strip and the Gaza envelop. The evacuation saved Israeli lives (Thought, the number of Palestinians killed greatly increased).
In short, this is a cynical and difficult move of a liar and a bully Likud leader supported by his party, including Finance Minister Benjamin Netanyahu, and designed to preserve the settlements in Judea and Samaria. This is indeed what happened. Along the way, Sharon turned Gaza into the largest prison in the world, brought Israel more security and turned the evacuation of 8,000 people into a national trauma that will make any future evacuation difficult. I promise you that Sharon is smiling in Hell right now.
Tomer Persico posted the original text his Facebook page.
Translation: Maya Haber
 

A Gaza le atlete di basket paralimpico superano le ferite della guerra

A Gaza le atlete di basket paralimpico superano le ferite della guerra

Sulla sua sedia a rotelle Wessal infila con entusiasmo passaggi e canestri: assieme ad altre palestinesi, si prepara a formare la prima squadra femminile di basket paralimpico della Striscia di Gaza. E oggi in particolare le giocatrici non risparmiano gli sforzi perché sui spalti vuoti del campo Khan Younis è giunto un allenatore importante a dar loro consigli e incoraggiamenti: lo statunitense Jess Markt, figura leggendaria del basket in sedia a rotelle.
Paralizzato dopo un incidente a 19 anni, si è lanciato in questo sport e ha formato giocatori e allenatori in Afghanistan, India e Cambogia. A Gaza, su invito del Comitato internazionale della croce rossa (Cicr), a maggio ha esaminato 115 tra giocatrici e giocatori.
Per Wessal Abou Aliane, 40 anni e quattro figli, compiere evoluzioni in campo è un modo per “sentirsi libera e forte” e di dimenticare “lo sguardo negativo che la gente ha sulla disabilità. Cerco di non farci caso, ma so che c’è ancora tanta strada da fare prima di poterci dire totalmente integrate nella società”, spiega mentre corre con il viso incorniciato da un velo.
“È la società a essere disabile”, le fa eco la sua compagna di squadra, Taghrid Abou Hatab, 48 anni. “Non chiediamo pietà, conosciamo la nostra forza e la nostra volontà e sappiamo che potremmo dare molto alla società”, protesta Taghrid che è divorziata e si occupa da sola delle due figlie.
Le famiglie e la società dovrebbero fare la loro parte per opporsi alla forte pressione sociale che spesso impedisce alle ragazze di fare sport
Alla fine del primo allenamento, Jess Markt applaude le 24 giocatrici del giorno. Le aveva già viste l’anno scorso: “In questi mesi hanno fatto dei veri progressi” e “potrebbero presto confrontarsi con delle squadre straniere”.
Tuttavia resta ancora molta strada da fare, e non solo in termini sportivi. “L’ostacolo più grosso per queste donne è trovare sostegno, squadre che diano loro un’occasione di giocare regolarmente e con attrezzature adatte”. E anche “le famiglie e la società” dovrebbero fare la loro parte per opporsi alla “forte pressione sociale che spesso impedisce alle ragazze di fare sport”, a Gaza forse ancora di più che in altri paesi nei quali ha lavorato, prosegue.
I giocatori in sedia a rotelle potrebbero “dimostrare che Gaza non è solo guerra e violenza” e “diventare ambasciatori nelle competizioni internazionali”, dichiara Souheir Zaqout, portavoce del Cicr a Gaza.
Le ferite delle guerre israeliane
Più di 75mila abitanti di Gaza su un totale di 1,9 milioni di abitanti soffrono di una disabilità motoria o visiva. Per un terzo sono vittime di ferite riportate nelle tre guerre condotte da Israele contro Gaza dal 2008. Piano piano cominciano a nascere delle squadre paralimpiche. Quest’anno il Cicr ha fornito 70 sedie a rotelle a otto squadre.
Una di queste, Al Farissat, in cui si allenano una sessantina di donne, ha consentito a Faiza Abou Hassan di risalire la china. “Ero depressa e frustrata, ma grazie alla squadra mi sono iscritta all’università”, dice con orgoglio questa studente al secondo anno di scienze dell’educazione, che siripromette di diventare “campione del mondo di basket”.
Tuttavia, dice con amarezza l’allenatrice della squadra Al Farissat, Sawsan al Khalili, dalla sua nascita – un anno fa – la squadra lotta per ottenere una palestra, ma non ci è ancora riuscita per mancanza di finanziamenti. “La società integra sempre meglio i disabili, soprattutto perché dopo le guerre quasi in ogni casa c’è una persona con una disabilità”, sottolinea Fadi Dib, allenatore di 32 anni della squadra paralimpica della Mezzaluna rossa di Khan Younis. Sono però del tutto assenti “le decisioni politiche e le leggi per promuovere i loro diritti”.
Houda Abou Odeh ha raccolto la sfida. A 36 anni, crede con tutta se stessa nella squadra femminile di basket in sedia a rotelle: “Non ci arrenderemo davanti ai limiti imposti dalla società. Realizzeremo il nostro sogno di accedere alle competizioni internazionali. E vinceremo!”.
(Traduzione di Giusy Muzzopappa)

Noam Chomsky: Non ha più importanza chi detiene il potere politico, tanto non sono più loro a decidere le cose da fare.



 
 
 
 
 
di Noam Chomsky (basato su dibattiti tenuti in Illinois, New Jersey,Massachusetts, New York e Maryland nel 1994,1996 e 1999) UN uomo: Negli ultimi venticinque anni il capitale finanziario multinazi…
miccolismauro.wordpress.com






di Noam Chomsky (basato su dibattiti tenuti in Illinois, New Jersey,Massachusetts, New York e Maryland nel 1994,1996 e 1999)
UN uomo: Negli ultimi venticinque anni il capitale finanziario multinazionale, piuttosto che negli investimenti e nel commercio, è stato impiegato nelle speculazioni sui mercati azionari internazionali, al punto da dare l’impressione che gli Stati Uniti siano diventati una colonia alla mercé dei movimenti di capitali internazionali. Non ha più importanza chi detiene il potere politico, tanto non sono più loro a decidere le cose da fare. Che portata ha, oggi, questo fenomeno sulla scena intemazionale? Per prima cosa dobbiamo fare più attenzione al linguaggio che utilizziamo, me compreso. Non dovremmo parlare semplicemente di “Stati Uniti”, perché non esiste una simile entità, così come non esistono entità come l'”Inghilterra” o il “Giappone”. Può darsi che la popolazione degli Stati Uniti sia “colonizzata”, ma gli interessi aziendali che hanno base negli Stati Uniti non sono affatto “colonizzati”. A volte si sente parlare di “declino dell’America”, e se si osserva la quota mondiale di produzione che viene effettuata sul territorio degli Stati Uniti è vero, è in declino. Ma se si considera la quota di produzione mondiale delle aziende che hanno sede negli Stati Uniti, ci si accorgerà che non c’è alcun declino, anzi, le cose vanno per il meglio. Il fatto è che questa produzione ha luogo soprattutto nel Terzo mondo.  Quindi possiamo parlare di “Stati Uniti” come entità geografica, ma non è questo ciò che conta nel mondo degli affari. In sintesi, se non si parte da un’elementare analisi di classe non si riesce nemmeno a comprendere il mondo reale: cose come “gli Stati Uniti” non sono entità. Ma lei ha comunque ragione: gran parte della popolazione degli Stati Uniti viene sospinta verso una sorta di condizione sociale da Terzo mondo colonizzato. Dobbiamo però ricordare che esiste un altro settore, composto da ricchi manager, da ricchi investitori e dai loro scherani nel Terzo mondo, come i gangster della mafia russa o qualche ricco dignitario brasiliano, che curano i loro interessi a livello locale. E questo è un settore del tutto diverso, i cui affari stanno andando a gonfie vele. Per quanto riguarda i capitali destinati alle speculazioni, anch’essi hanno una parte estremamente importante. Lei è nel giusto quando sostiene che hanno un enorme impatto sui governi nazionali. Si tratta di un fenomeno molto esteso; le cifre sono di per sé impressionanti. Intorno al 1970, circa il 90 percento del capitale coinvolto nelle transazioni economiche internazionali veniva utilizzato a scopi commerciali o produttivi e soltanto il 10 percento a scopi speculativi. Oggi le cifre si sono invertite: nel 1990, il 90 percento del capitale totale era utilizzato per la speculazione; nel 1994 si era saliti addirittura al 95 percento. Inoltre l’ammontare globale del capitale speculativo è esploso: l’ultima stima della Banca mondiale indicava una cifra di circa 14 000 miliardi di dollari. Ciò significa che ci sono 14 000 miliardi di dollari che possono essere liberamente spostati da un’economia nazionale a un’altra: un ammontare enorme, superiore alle risorse di qual siasi governo nazionale, e che quindi lascia ai governi possibilità estremamente limitate quando si tratta di operare scelte politiche economico-finanziarie. Perché si è verificata una crescita tanto imponente del capitale speculativo? I motivi chiave sono due. Il primo ha a che fare con lo smantellamento del sistema economico mondiale del dopoguerra, che avvenne nei primi anni settanta. Vedete, durante la Seconda guerra mondiale gli Stati Uniti riorganizzarono il sistema economico mondiale e si trasformarono in una sorta di “banchiere globale” [durante la Conferenza monetaria e finanziaria delle Nazioni Unite a Bretton Woods, nel 1944]: il dollaro diventò la valuta mondiale, venne fissato all’oro e divenne il punto di riferimento per le valute degli altri paesi. Questo sistema fu alla base della consistente crescita economica degli anni cinquanta e sessanta. Ma negli anni settanta il sistema di Bretton Woods era divenuto insostenibile: gli Stati Uniti non erano più abbastanza forti economicamente da continuare a essere il banchiere del mondo, soprattutto per gli alti costi della guerra nel Vietnam. Così Richard Nixon prese la decisione di smantellare del tutto l’accordo: all’inizio degli anni settanta sganciò gli Stati Uniti dal sistema monetario aureo, aumentò le tasse sulle importazioni, distrusse tutto il sistema. La fine di questo sistema di regolamentazione internazionale diede l’avvio a una speculazione sulle valute senza precedenti e a una fluttuazione degli scambi finanziari, fenomeni da quel momento in costante crescita. Il secondo fattore che ha determinato il boom del capitale speculativo è stato la rivoluzione tecnologica nelle telecomunicazioni, che avvenne nello stesso periodo e rese d’improvviso molto facile il trasferimento di valuta da un paese all’altro. Oggi, virtualmente, l’intera Borsa valori di New York si sposta a Tokyo durante la notte: il denaro è a New York di giorno, poi viene trasferito “via rete” a Tokyo, e siccome il Giappone è in anticipo di quattordici ore rispetto a noi, lo stesso denaro viene utilizzato in entrambi i posti. Ormai, quasi 1000 miliardi di dollari vengono spostati quotidianamente sui mercati speculativi internazionali, con effetti enormi sui governi nazionali. A questo punto, la comunità internazionale che gestisce questi investimenti ha un virtuale potere di veto su tutto ciò che un governo nazionale può fare. È quanto accade oggi negli Stati Uniti. Il nostro paese si sta riprendendo lentamente dall’ultima recessione; certamente è la ripresa più lenta dalla fine della Seconda guerra mondiale. Ma c’è stagnazione soltanto sotto un certo punto di vista: la crescita economica è molto bassa, si sono creati pochi posti di lavoro (in realtà, per molti anni, i salari sono persino scesi durante questa “ripresa”), ma i profitti sono andati alle stelle. Ogni anno la rivista Fortune esce con un numero dedicato alla ricchezza delle persone più importanti del mondo, Fortune 500, il quale ci dice che i profitti in questo periodo si sono impennati: nel 1993 erano molto buoni, nel 1994 esaltanti e nel 1995 avevano battuto ogni record. Nel frattempo i salari reali scendevano, la crescita economica e la produzione erano molto basse e questa lenta crescita a volte veniva addirittura fermata perché il mercato obbligazionario “dava segnali” di non gradirla. Vedete, gli speculatori finanziari non vogliono la crescita: vogliono valute stabili, quindi niente crescita. La stampa specializzata parla apertamente della «minaccia di una crescita troppo impetuosa», della «minaccia di un eccesso di occupazione»: tra di loro lo dicono chiaramente. Il motivo? Chi specula sulle valute teme l’inflazione, perché fa diminuire il valore del suo denaro. E qualunque tipo di crescita o di stimolo economico, qualunque diminuzione della disoccupazione minacciano di far crescere l’inflazione. Agli speculatori valutari questo non piace, così quando vedono i primi segnali di una politica di stimolo dell’economia o di una qualsiasi iniziativa capace di produrre una crescita, portano via i capitali da quel paese, provocando una recessione. Il risultato complessivo di queste manovre è uno spostamento internazionale verso economie a bassa crescita, bassi salari e alti profitti, perché i governi nazionali che cercano di prendere decisioni di politica economica e sociale non hanno mano libera temendo una fuga di capitali che potrebbe far crollare le loro economie. I governi del Terzo mondo sono bloccati, non hanno nemmeno la possibilità di portare avanti una politica economica nazionale. Ormai c’è da chiedersi se anche le grandi nazioni, Stati Uniti inclusi, abbiano la possibilità di farlo. Non credo che i governi che si sono succeduti in America avrebbero voluto politiche economiche molto diverse ma, nel caso, penso che sarebbe stato molto difficile, se non impossibile, attuarle. Per darvi soltanto un esempio, subito dopo le elezioni del 1992, sulla prima pagina del Wall Street Journal comparve un articolo in cui si informavano i lettori che non avevano alcun motivo di temere che qualcuno dei “sinistrorsi” vicini a Clinton avrebbe cambiato qualcosa una volta arrivato al potere. Ovviamente il mondo degli affari già lo sapeva, come si può notare osservando l’andamento dei mercati finanziari verso la fine della campagna elettorale. Ma ad ogni buon conto il Wall Street Journal spiegò che, se per qualche sfortunata coincidenza Clinton o qualsiasi altro candidato avesse cercato di avviare un programma di riforme sociali, sarebbe stato immediatamente bloccato. L’articolo affermava una cosa ovvia e citava i dati che la confermavano. Gli Stati Uniti hanno un forte debito, che era parte integrante del programma Reagan-Bush per non permettere al governo di portare avanti iniziative di spesa sociale. “Essere in debito” significa soprattutto che il dipartimento del Tesoro ha venduto un sacco di titoli – obbligazioni, buoni del Tesoro e via discorrendo – agli investitori, che a loro volta li scambiano sul mercato dei titoli. Secondo il Wall Street Journal, ogni giorno si scambiano circa 150 miliardi di dollari esclusivamente in titoli del Tesoro. L’articolo spiegava che se gli investitori che possiedono questi titoli non apprezzano le politiche del governo americano possono, come avvertimento, venderne qualche piccola quota e ciò provocherà automaticamente un aumento del tasso d’interesse, che a sua volta farà aumentare il deficit. Ebbene, in questo articolo si calcolava che se questo “avvertimento” fosse sufficiente ad alzare il tasso d’interesse dell’1 percento, il deficit aumenterebbe da un giorno all’altro di 20 miliardi di dollari. Ciò significa che se Clinton (questa è pura immaginazione) proponesse un programma di spesa sociale di 20 miliardi di dollari, la comunità degli investitori potrebbe trasformarlo istantaneamente in un programma da 40 miliardi dollari, con un solo piccolo segnale, bloccando così ogni altra mossa di quel genere. Contemporaneamente, sull’Economist di Londra – grande giornale liberista – si poteva leggere un articolo fantastico sui paesi dell’Europa orientale che avevano votato per far tornare al potere i socialisti e i comunisti. Ma in sostanza l’articolo invitava a non preoccuparsi, perché «l’amministrazione è sganciata dalla politica». In altre parole, indipendentemente dai giochi che quei tipi si divertono a fare nell’arena politica, le cose continueranno come sempre, perché li teniamo per le palle: controlliamo le valute internazionali, siamo gli unici che possono concedere prestiti, possiamo distruggere le loro economie come e quando vogliamo. Che si occupino pure di politica, che fingano pure di avere la democrazia che vogliono, facciano pure: basta che «l’amministrazione sia sganciata dalla politica». Quello che sta accadendo in questo periodo è una novità assoluta. Negli ultimi anni si sta imponendo un nuovo tipo di governo, destinato a servire i bisogni sempre crescenti di questa nuova classe dominante internazionale, che a volte è stata definita “il governo mondiale di fatto”. I nuovi accordi internazionali sul commercio riguardano proprio questo aspetto, e parlo del NAFTA, del GATT e così via, così come della cee e delle organizzazioni finanziarie come il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale, la Banca interamericana di sviluppo, l’Organizzazione mondiale del commercio (wto), i G7 che programmano gli incontri tra i grandi paesi industrializzati. Questi organismi sono tutti espressione della volontà di concentrare il potere in un sistema economico mondiale che faccia sì che «l’amministrazione sia sganciata dalla politica»; in altre parole, che la popolazione mondiale non abbia alcun ruolo nel processo decisionale, che le scelte strategiche vengano trasferite in un empireo lontanissimo dalle possibilità di conoscenza e di comprensione della gente, che così non avrà la minima idea delle decisioni che influenzeranno la sua vita e certo non potrà modificarle. La Banca mondiale ha un proprio modo per definire il fenomeno: lo chiama “isolamento tecnocratico”. Quindi, se leggete gli studi della Banca mondiale, vedrete che parlano dell’importanza dell’ “isolamento tecnocratico”, alludendo alla necessità che un gruppo di tecnocrati, essenzialmente impiegati nelle grandi imprese multinazionali, operi in pieno “isolamento” quando progetta le politiche perché, se la gente venisse coinvolta, potrebbe farsi venire in mente brutte idee, come un tipo di crescita economica che operi a favore di tutti invece che dei profitti e altre sciocchezze del genere. Allora bisogna che i tecnocrati siano isolati, e una volta ottenuto lo scopo si potrà concedere tutta la “democrazia” che si vuole, tanto non farà alcuna differenza. Sulla stampa economica internazionale questo quadro è stato definito con una certa franchezza come “la nuova età imperiale”. E la ritengo una definizione azzeccata: di certo stiamo andando in quella direzione.

Il crowdfunding per aiutare i bimbi di Gaza a imparare la scienza


Sembra strano pensare che in un territorio dove spesso manca la pace, la tranquillità, la casa, si pensi a un progetto di divulgazione scientifica. Ma l’idea di fondo è che ai ragazzi della Striscia di Gaza, le mani non servano solo per ripararsi dal rumore delle bombe. Il progetto si chiama Science4People e unisce le forze del team di scienziati di Sunshine4Palestine e gli studenti dell’Applied Science College dell’università al-Aqsa. Per partire, però, servono i soldi. E una mano la darà il crowdfunding lanciato su Eppela. Duemila euro da raccogliere in 31 giorni.
science4people

Energia e acqua per Gaza

Esperimenti elaborati usando materiali semplici. Gli argomenti sono quelli che stanno più a cuore a chi vive in territori difficili come quelli della West Bank. Energia e acqua, soprattutto perché spesso queste persone devo attraversare zone militarizzate per ottenere ciò di cui hanno bisogno per vivere. Bambini e ragazzi tra i 6 e i 18 anni saranno guidati nel mondo della scienza, una scienza applicata, che possa portare beneficio alla loro vita: dalla costruzione di una batteria con materiale di scarto a una piccola lampada. E magari alla fine arriveranno a diventare essi stessi degli scienziati. L’approccio sarà quello del gioco e l’obiettivo è la realizzazione di esercizi o prototipi più duraturi che andranno a costituire la collezione permanente del primo Museo della Scienza a Gaza.

Il fotovoltaico di Sunshine4Palestine

Sunshine4Palestine è una ONG che si occupa di energia sostenibile in situazioni di emergenza. Sono gli scienziati e gli ingegneri che hanno già realizzato un impianto fotovoltaico sull’ospedale Jenin Charitable a Gaza che così per 17 ore al giorno è indipendente dall’approvvigionamento esterno. Questa squadra scientifica si sposterà da Roma e Vienna in Palestina. I finanziamenti raccolti serviranno anche per costituire un fondo che permetterà la sopravvivenza di questo progetto a Gaza anche nel futuro.
1462098984176927-1460670141456298-Jenin_Installation-2818

Acqua anche nelle zone rurali

A Gaza S4P lavora anche per la distribuzione dell’acqua nelle zone rurali per passare dalla distribuzione di 4 ore ogni 3 giorni a 10 ore ore al giorno. L’area avrà anche nuova luce con lampade fotovoltaiche che saranno installate nella zona. Per recuperare più acqua possibile con la desalinizzazione dell’acqua e il trattamento delle acque reflue si svilupperanno poi nano-materiali innovativi.



 
 
 
 
 
 
I bambini della Striscia di Gaza impareranno a fare gli scienziati grazie al progetto Science4People dell'ong Sunshine4Palestine
ischool.startupitalia.eu

Palestina : "Gli scout aiutano la causa " Davide Frattini.

SETTE-CORRIERE della SERA , 26/08/2016, "Gli scout aiutano la causa " Davide Frattini.




Gli scout palestinesi Si sono riu-niti per la prima volta nel 1912 alla scuola St George di Gem-salemme. Ventiquattro anni dopo i ragazzini in divisa con il basco rosso hanno interpretato fino in fondoisimboli militareschi, prendendo parte alla rivolta araba contro il Mandato britannico. Con la nascita dello Stato ebraico II movimento perde II riconoscimento dell'organizzazione che raggruppa le associazioni di tutto il mondo . Da allora (1948) fino al febbraio di quest'anno il gruppo non partecipava ai campi globali. L'adesione come membro ufficiale alla World Organization of the Scout Movement fa parte della strategia sostenuta dal presidente Abu Mazen. Che vuole vedere il nome Palestina, e la sua bandiera, inserito nell'albo degli organismi internazionali: dal voto dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha garantito il ruolo di osservatore permanente (come quello dello Stato del Vaticano) alla adesione alla Corte internazionale di giustizia all'Aja. Cosi i ritrovi degli scout diventano un'occasione per i comizi politici. Alle celebrazioni per la riammissione nella Wosm hanno partecipato II raise il suo primo ministro Rami Hamdallah: hanno ringraziato i 162 Paesi che con voto unanime hanno decretato II reinserimento, le votazioni via Internet sono durate tre mesi. Jibril Rajoub, gia temuto capo dei servizi di sicurezza che adesso guida le federazioni sportive e giovanili, ha rilan-ciato nel discorso l'idea degli scout come movimento nazionalista: «L'obiettivo e rafforzare il ruolo di questi giovani nella lotta per la causa palestineseo. L'orga-nizzazione non vuole rianimare solo i gruppi in Cisgiordania, anche nella Striscia di Gaza (dove dominano dal 2007 i fondamentalisti di Hamas, rivall di Abu Mazen) e nei campi profughi in Libano. La speranza è di permettere ai ragazzini di continuare a viaggiare: a luglio otto scout sono stati in Polonia per il primo camp condiviso con i giovani europel.
Gil scout palestinesi Si sono riu-niti per la prima volta nel 1912 alla scuola St George di Gem-salemme. Ventiquattro anni dopo i ragazzini in divisa con il basco rosso hanno interpretato fino in fondoisimboli militareschi, prendendo parte alla rivolta araba contro il Mandato britannico. Con la nascita dello Stato ebraico II movimento perde II riconoscimento dell'organizzazione che raggruppa le associazioni di tutto il mondo . Da allora (1948) fino al febbraio di quest'anno il gruppo non partecipava ai campi globali. L'adesione come membro ufficiale alla World Organization of the Scout Movement fa parte della strategia sostenuta dal presidente Abu Mazen. Che vuole vedere il nome Palestina, e la sua bandiera, inserito nell'albo degli organismi internazionali: dal voto dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha garantito il ruolo di osservatore permanente (come quello dello Stato del Vaticano) alla adesione alla Corte internazionale di giustizia all'Aja. Cosi i ritrovi degli scout diventano un'occasione per i comizi politici. Alle celebrazioni per la riammissione nella Wosm hanno partecipato II raise il suo primo ministro Rami Hamdallah: hanno ringraziato i 162 Paesi che con voto unanime hanno decretato II reinserimento, le votazioni via Internet sono durate tre mesi. Jibril Rajoub, gia temuto capo dei servizi di sicurezza che adesso guida le federazioni sportive e giovanili, ha rilan-ciato nel discorso l'idea degli scout come movimento nazionalista: «L'obiettivo e rafforzare il ruolo di questi giovani nella lotta per la causa palestineseo. L'orga-nizzazione non vuole rianimare solo i gruppi in Cisgiordania, anche nella Striscia di Gaza (dove dominano dal 2007 i fondamentalisti di Hamas, rivall di Abu Mazen) e nei campi profughi in Libano. La speranza è di permettere ai ragazzini di continuare a viaggiare: a luglio otto scout sono stati in Polonia per il primo camp condiviso con i giovani europei 


2  

Considered to be one of the oldest in the world, the Palestinian Scout movement has regained international recognition after being accepted into the World Organization…
al-monitor.com
 
RAMALLAH, West Bank — The Scout movement in Palestine has made a strong comeback in the Arab and international arenas, with the Palestinian Scout Association (PSA) joining the World Organization of the Scout Movement (WOSM). A Palestinian Scout team of eight members participated in the first Palestinian-Polish Scout Camp in Poland on July 10, which was part of a cooperation and twinning agreement signed by the PSA and the Polish Scouting and Guiding Association. Moreover, another Palestinian Scout delegation took part in the Arab Scouts meeting in Morocco, which kicked off July 13.
SummaryPrint Considered to be one of the oldest in the world, the Palestinian Scout movement has regained international recognition after being accepted into the World Organization of the Scout Movement.
Author
TranslatorMohammad Khalil
The Palestinian Higher Council for Youth and Sports organized a national week of Palestinian Scouting. The event, which took place across all Palestinian provinces June 19-26, was attended by Atef Abdul-Majeed, the secretary-general of the Arab Scout Organization and director of WOSM’s Arab region. On June 21, a ceremony was held in Ramallah to honor all those who helped Palestine restore its membership to WOSM. This recognition was previously withdrawn in 1948 in the aftermath of the Palestinian Nakba.
Palestine has managed, through the PSA, to earn full membership to the WOSM on Feb. 27. This happened after a three-month online vote in which 162 countries took part, allowing the PSA to be unanimously accepted back into the WOSM after Palestine had been absent for 68 years.
The PSA’s return to the international Scout movement was hailed by Palestinian officials. Palestinian President Mahmoud Abbas and Prime Minister Rami Hamdallah, on June 25 and June 23, respectively, received WOSM regional director Abdul-Majeed and a delegation from the Jordanian and Tunisian Scout associations, whereupon Abbas thanked them for supporting Palestine on the international scene and granted Abdul-Majeed a Palestinian diplomatic passport.
In a speech during the June 21 celebration event held in Ramallah, which Al-Monitor attended, the head of the Palestinian Higher Council for Youth and Sports, Jibril Rajoub, pointed to “an Arab decision to support the Scout movement in Palestine and a strategic plan set by the PSA to establish itself in line with a new socially and geographically inclusive vision. This vision aims to promote a nationalist ideology that reflects the important role the Scout movement plays in the Palestinian national struggle.”
The secretary-general of the PSA, Tawfik Salem, told Al-Monitor, “After joining the international movement, we started receiving many invitations from other countries to participate in Scout and technical camps. This will reflect positively on our presence as well as Palestine’s representation at all international forums.”
According to Salem, the PSA’s membership in the WOSM will grant Palestine, as a sovereign nation, the right to vote on all the decisions adopted by international conferences related to international Scouting movements. It will also grant Palestinian members full rights to take part in the elections for members or heads of specialized international committees, whether as voters or candidates. These committees are tasked with managing WOSM’s programs and activities.
Speaking about the impact of the membership on Palestine and its Scout movement, Salem further said, “The PSA’s membership in WOSM will give young Scouts and guides the opportunity to be part of international activities as well as host international and Arab activities and programs related to Scouting in Palestinian territories. It will also help Palestinians to rally support for their cause among dozens of millions of WOSM members of all age groups, as well as promote Palestinian culture, arts and heritage through the events and exhibitions hosted by WOSM. Furthermore, we will be able to sign twinning and cooperation agreements with other Scout associations around the world. Such agreements will lead to joint activities serving the Palestinian cause.”
Salem further explained that the scope of the new strategy will not be limited to the West Bank, as it aims to restructure the PSA’s bodies and frameworks in the West Bank, including Jerusalem, the Gaza Strip and the PSA-affiliated commissions in Syria and Lebanon.
“Scout regions will be divided into four units: the West Bank unit (which includes 11 commissions), Jerusalem unit, Gaza unit and Lebanon unit, with the exception of the Syrian unit due to the current events. There are now over 120 teams in the West Bank, over 30 teams in the Gaza Strip and 30 in Lebanon. The new structure will focus on reorganizing teams and commissions and enhancing collaboration with school Scouts so that they can take part in external activities and courses, thus ensuring cohesiveness with civil Scout movements,” he added.
As part of the new strategy, the Palestinian Ministry of Public Works and Housing and the Islamic Development Bank signed on June 2 an agreement to fund the construction of the PSA’s office in al-Ram in the Jerusalem district. Scout Commissions across all Palestinian provinces will be provided with offices and financial allocations. According to Salem, “This comes in line with Rajoub’s direction toward building a solid structure that keeps pace with regional and international developments, with a plan to organize permanent Scout camps in all Palestinian cities.”
As for the challenges facing the Palestinian Scout movement, Salem said, “The Israeli occupation is the main obstacle, since Israeli authorities control the Scout members’ trips abroad and may stand in the way of organizing camps in mountainous regions in Area C.”
Considered to be one of the oldest Scout movements in the world, the Palestinian Scouting started with the foundation of the Saint George School Scouts in Jerusalem in 1912. The movement earned international recognition in 1928, which allowed it to take part in the Third World Scout Jamboree held in Arrowe Park near the British town of Birkenhead in 1929, and then in Budapest in 1933. After that, members were persecuted by the British mandate during the Palestinian revolution (the Qassam Revolution) in 1936. In 1948, international recognition was withdrawn following the Nakba.
Palestine’s membership in the WOSM is important given the positive impact it will have on both the national and international levels. It could be an opportunity for the Palestinian Scout movement to restore some of its historical significance. This, however, should not be at the expense of the need for restructuring, reorganizing and institutionalizing the PSA in a way that enables it to fulfill its role.

venerdì 26 agosto 2016

Fulvio Scaglione: OMRAN, ALI’ E TUTTI GLI ALTRI BAMBINI


 
 
 
 
 
Omran, il kamikaze di Gaziantep. O centinaia di bambini uccisi in Afghanistan e Yemen? Le guerre, oggi, sono tutte asimmetriche. Ma fingiamo di non saperlo.
tinyurl.com/jgalx72



Omran Daqnish, il bambino estratto dalle macerie di un palazzo bombardato ad Aleppo e poi fotografato sull’ambulanza, coperto di sangue e polvere, in uno scatto che ha fatto il giro del mondo. Suo fratello Alì, che nessuno vedrà mai perché sotto quelle macerie è rimasto. Il ragazzino di 12 anni che si è fatto esplodere a Gazantiep (Turchia) e ha portato con sé nella morte altre 54 persone, tra cui 22 ragazzini come lui. L’altro dodicenne fermato a Kirkuk (Iraq) con una cintura esplosiva sotto la maglietta da calciatore con il nome di Messi. Per non parlare dei bambini uccisi nello Yemen, almeno 600, dei quali appunto non parla quasi nessuno.
Di colpo i media hanno scoperto questo aspetto del macello mediorientale, come se la strage di innocenti come Omran fosse una novità. In realtà, se consideriamo il secolo trascorso tra la prima guerra mondiale e la guerra in Iraq, registriamo un’evoluzione spaventosa. Le vittime civili nel conflitto del 1915-1918 furono il 16% del totale; nell’invasione anglo-americana dell’Iraq, e successive violenze, furono invece il 90%. Da lungo tempo, quindi, i soldati sono le vittime collaterali dei conflitti. Le vittime vere sono i civili e, appunto, i bambini. Con le donne, i vecchi, i disabili. E questo succede ovunque si accenda una delle guerre dette “asimmetriche”, dove una forza militare strutturata e potente si confronta con gruppi o milizie inclini o costretti a usare la guerriglia.
In Afghanistan, dove una notevole presenza militare straniera si somma alla forza dell’esercito afghano, nel primo trimestre del 2016 si è avuto il record di vittime civili: 1.601 morti e 3.565 feriti, il 4% in più dello stesso periodo del 2015. Un terzo dei morti, ben 388, erano bambini come Omran. La Turchia, che ha 520 mila soldati in servizio permanente, subisce il terrorismo curdo e quello dell’Isis: quindici attacchi nell’ultimo anno, centinaia di morti. E poi la Siria, l’Iraq… Per finire a Israele e Palestina, dove la perfetta macchina bellica dello Stato ebraico non riesce a farla finita con il terrorismo e la resistenza dei palestinesi. Anche a Gaza, a ogni guerra, centinaia di bambini come Omran vengono divorati: nel 2014, durante l’operazione Margine Protettivo, 547 di loro sono stati uccisi e 3.374 feriti. Colpa dei miliziani di Hamas, che senza scrupoli usano i civili come scudi umani, o dei soldati di Israele, che sparano senza farsi domande?
Questo dilemma serve a distribuire le colpe e le responsabilità morali. Ma non aiuta ad affrontare il vero problema. Questo: tutte le guerre, oggi, sono asimmetriche. Tutte le guerre, oggi e senza eccezione, si scaricano sui civili (quindi sui bambini), seminando sofferenze ma anche rancori destinati a replicarsi per decenni. Dovrebbe essere una prima, ottima ragione per fermarsi a ragionare, quando in qualche consesso politico spunta l’idea di risolvere una qualunque questione con lo strumento della guerra. Ma non succede. Una guerra qui, una là. Alcune anzi centellinate, come quella condotta dalla famosa coalizione di 70 Paesi, guidata da Usa e Arabia Saudita, che da due anni bombarda senza costrutto l’Isis, tuttora libero di seminare morte non solo in Siria e Iraq ma anche in Turchia, come purtroppo abbiamo visto.
Sarebbe opportuno non dimenticare, infine, che dei bambini si può far scempio anche sfruttando il loro dolore. È giusto che la tragedia di Omran sia entrata nella coscienza di tutti, attraverso l’immagine che ha fatto il giro del mondo. Ma è giusto anche che il mondo sappia che dietro quella foto c’è un giornalismo di parte, che ha sostegni, finanziamenti e persino complicità, e che persegue uno scopo. Ad Aleppo, nel silenzio dei media, sono morti bambini per anni. Omran deve valere per tutti loro. Altrimenti abbiamo solo sparato a lui e agli altri una seconda volta.
Pubblicato sull’Eco di Bergamo del 23 agosto 2016

Intesa Israele-Palestina per gli animali di Gaza


 


 


 


 


 


 


 


 




Ci volevano Laziz e i suoi compagni per mettere d'accordo, almeno una volta, israeliani e palestinesi. Il ministero palestinese dell'Agricoltura, l'ente israeliano responsabile dei Territori (Cogat) e il ministero della Difesa dello Stato ebraico hanno lavorato fianco a fianco – sotto lo sguardo vigile dell'associazione internazionale “Four Paws” (Quattro zampe) – per trasferire gli ultimi reduci dello zoo di Khan Younis (Gaza). Quindici animali in tutto – scimmie, pellicani, gazzelle, istrici e la “star”, la tigre Laziz – sono stati portati via dalla struttura, ormai decadente, attraverso il valico di Erez e da lì sono stati ricollocati. La gran parte degli ex ospiti è andata negli zoo di Israele e Giordania, dove potranno ricevere migliori cure e trattamento. Laziz, invece, è stata portata più lontano: il felino, di nove anni, è stato caricato su un aereo con destinazione Sud Africa, dove avrà maggiori possibilità di adattamento. Certo, prima dovrà fare dei test. Secondo “Four Paws”, le sue condizioni sono buone.
Il trasferimento non è stata un'operazione banale. È stato necessario un lungo lavoro di preparazione per mettere d'accordo i due eterni rivali. Tanto che gli animali sono stati ricollocati in diverse tappe. A marzo era partito il penultimo gruppo, di cinque esemplari. Aperto dieci anni fa con un centinaio di animali, lo zoo di Khan Younis è stato messo a dura prova dalle successivi crisi che hanno colpito l'area. Impossibile per le autorità della Striscia continuare a provvedere al mantenimento degli ospiti. E, così, con l'aiuto di “Four Paws” li hanno lasciati andare. Verso una vita migliore.


© riproduzione riservata


Sisma, la mano tesa dell'islam ad Amatrice


 
 
 
 
 
 
Sisma, la mano tesa dell'islam ad Amatrice - Immigrati e rifugiati soccorrono il Centro Italia. Rivivendo il dramma delle loro terre distrutte. A L43 il racconto dei volontari stranieri. Tanti i musulmani.
lettera43.it
 
 
 
di
|
25 Agosto 2016


Come già per l'Abruzzo nel 2009 e l'Emilia-Romagnanel 2012, l'Organizzazione non governativa Islamic relief ha mobilitato volontari per i terremotati tra il Lazio, l'Umbria e le Marche.
L'appello a donare per «l'emergenza terremoto» campeggia a grandi titoli sull'homepage della filiale italiana dell'organizzazione religiosa.
PRONTE FINO A 300 UNITÀ. Dalla sede di Milano, a poche ore dalle scosse un team è partito in furgone verso i luoghi della catastrofe con cibo, kit igienici e altri beni di prima necessità: per ora sono una decina, ma la squadra, come per l'Aquila dove rimasero per sei mesi, è pronta a crescere fino a «200-300 unità».
Rashid Jamal è a Rieti e spiega a Lettera43.it: «Siamo arrivati nel pomeriggio con acqua, biscotti, coperte e quel che serviva da distribuire d'urgenza»
CON PROTEZIONE CIVILE E CR. Nel secondo giorno dell'emergenza, con il gruppo di Islamic relief ha in programma un incontro con la Protezione civile e la Croce rossa, per pianificare gli aiuti successivi e spostarsi ad Amatrice.
In Abruzzo i volontari musulmani dell'Ong contribuirono a montare le tendopoli.
In Lazio è stato intanto mandato «chi aveva maturato esperienze in altre zone terremotate e a livello internazionale», precisa Rashid.

Beneficenza senza protagonismi, come insegna il Corano

Una musulmana volontaria tra le macerie di Amatrice.
Una musulmana volontaria tra le macerie di Amatrice.
Come lui, marocchino di 35 anni trapiantato in Italia dal 2004, sono centinaia gli stranieri - anche rifugiati -, di piccole e grandi organizzazioni corsi a dare una mano.
Se possibile, a salvare i colpiti dall'ennesima e grave calamità naturale in Italia.
Il Cail (Coordinamento delle associazioni islamiche del Lazio) ha in corso una raccolta di beni di prima necessità a Rieti, in piazza Mazzini e nella moschea, e invita «tutti i musulmani che possono farlo all'Ospedale Camillo De Lellis di Rieti dalle 8 alle 11 o negli altri centri attivati per l'emergenza terremoto in Centro Italia».
APPELLO INTERNAZIONALE. Altre collette e iniziative di solidarietà sono state lanciate dalle comunità musulmane Nord e del Sud Italia: tra gli altri, anche l'Associazione culturale islamica in Italia ha mandato da Roma volontari e volontarie ad Amatrice.
Islamic relief, che dalla Siria alla Repubblica centrafricana sostiene progetti di emergenza e di sviluppo in oltre 30 Paesi, invita a versare la zakat (l'obolo ai bisognosi, uno dei pilastri dell'islam) anche per i terremotati dell'Italia centrale: una chiamata che sta raccogliendo donazioni da migliaia di musulmani d'Italia e del mondo.
I più non si fanno pubblicità, perché una delle raccomandazioni del Corano è fare beneficenza senza protagonismi, aiutare ma senza mettersi in mostra.
GIÀ IN ABRUZZO ED EMILIA. In partenza per Amatrice, Rashid è il referente per Islamic relief.
Ci racconta che ha vissuto le emergenze dei sismi nel 2009 e nel 2012, a Onna e poi a Carpi.
L'auspicio di oggi è che il «numero delle vittime non raggiunga quello dell'Abruzzo, anche se purtroppo cresce di ora in ora e si sta avvicinando».
La distruzione è «evidentemente maggiore che in Emilia-Romagna, ma i paesi colpiti questa estate erano meno abitati dell'Aquila, la speranza che ci resta di fronte alla vista dei crolli. Fino alle 72 ore si scava a mano: qualcuno può essere, e sarà, in vita».

Anche rifugiati e profughi in prima linea in Lazio e Marche

Il team di Islamic Relief nella tendopoli dei terremotati dell'Aquila.
Il team di Islamic Relief nella tendopoli dei terremotati dell'Aquila.
Le immagini e i racconti della devastazione in Italia hanno risvegliato in molti immigrati i ricordi delle loro terre distrutte dalle guerre.
La risposta è stata la solidarietà, la comunione nel dolore.
Sulaiman Hijazi, giovane di origine palestinese, vive a Roma ma non ha esitato a partire per Amatrice con un gruppo di connazionali.
Su Facebook è tra i più attivi a postare le foto della distruzione e della disperazione che affliggono tante famiglie, dalla notte tra il 23 e il 24 agosto 2016, nell'alto Lazio, in Umbria e nelle Marche.
«HO RIVISTO LE SCENE DI GAZA». E scrive: «C'è moltissimo ancora da fare, chi può andare non ci pensi due volte. I vigili hanno bisogno di tantissimo aiuto. Mi sono emozionato troppo perché ho visto Gaza in quelle scene, sembravano zone di guerra e non di terremoto. Sono tragedie che mi fanno ricordare sempre di più il mio popolo».
Con altri amici soccorritori musulmani, nel secondo giorno si è spostato ad Accumoli.
Con loro, a distribuire cibo e rintracciare vita tra le macerie sull'Appennino centrale ci sono decine di richiedenti asilo, approdati senza niente eppure disposti a dare il poco che hanno - il rimborso spese giornaliero - ai senzatetto del terremoto, e ad aiutare nelle ricerche.
LA MANO TESA DEI PROFUGHI. Ogni mano e ogni minuto sono preziosi. E allora 20 migranti di una struttura d'accoglienza ad Ascoli Piceno hanno chiesto di partire per Amandola, il centro marchigiano dove le scosse hanno spezzato il campanile e messo a rischio l'ospedale evacuato.
Altri profughi nelle regioni del terremoto stanno collaborando con la Protezione civile in altri centri, e dalla Calabria un gruppo di 75 migranti, di base a Gioiosa Jonica, ha deciso di donare il loro pocket money (circa 2,5 euro per il vitto) alla popolazione civile sfollata di Amatrice.


Twitter @BarbaraCiolli

Organizzazioni israeliane per i diritti umani al governo israeliano: le organizzazioni di aiuto svolgono un lavoro vitale nella Striscia di Gaza

 
 
 
bocchescucite.org
 
 
 ttp://www.btselem.org/press_releases/20160822_gaza_humanitarian_aid

Circa 1,8 milioni di persone vivono nella Striscia di Gaza. Dopo quasi un decennio di assedio e ripetuti  bombardamenti, la situazione economica è sull’orlo del collasso. Il tasso di disoccupazione è tra i più alti al mondo, le infrastrutture civili sono in rovina, la fornitura di acqua è contaminata, e la povertà è molto diffusa.

A Palestinian woman receives humanitarian aid at a United Nations food distribution center in Khan Younis refugee camp, Gaza Strip, July 5, 2006. REUTERS/Ibraheem Abu Mustafa (PALESTINIAN TERRITORIES) - RTR1F7EN
A Palestinian woman receives humanitarian aid at a United Nations food distribution center in Khan Younis refugee camp, Gaza Strip, July 5, 2006. REUTERS/Ibraheem Abu Mustafa (PALESTINIAN TERRITORIES) – RTR1F7EN
distribuzione di cibo a Gaza

Le organizzazioni umanitarie internazionali hanno affrontato questa realtà per anni, mostrando l’impegno instancabile in condizioni estremamente difficili. Dato che Israele impone condizioni di povertà e di isolamento sui residenti della Striscia di Gaza, le attività delle organizzazioni umanitarie sono di vitale importanza. Circa il 70 per cento dei residenti di Gaza dipendono dagli aiuti umanitari.
Le autorità israeliane hanno recentemente incriminato due dipendenti di organizzazioni internazionali di aiuto attive nella Striscia di Gaza. Sulla base di queste accuse, le autorità israeliane hanno fatto diventare travolgente, di vasta portata,  le accuse irresponsabili che sostengono che le operazioni umanitarie nella Striscia di Gaza nel suo complesso sono collegate ad Hamas e servono all’organizzazione.

Rinvio del voto a Nablus il dopo pestaggio a morte di un detenuto

 
 
 
I partiti politici palestinesi hanno deciso all'unanimità il rinvio delle elezioni amministrative nella città cisgiordana dopo che Ahmad Halawa, presunto capo…
nena-news.it
I partiti politici palestinesi hanno deciso all’unanimità il rinvio delle elezioni amministrative nella città cisgiordana dopo che Ahmad Halawa, presunto capo di una “gang criminale” nonchè leader di un gruppo armato dell’Intifada, è morto sotto interrogatorio in una prigione dell’Anp di Abu Mazen

Ahmad Halawa (foto da twitter)

AGGIORNAMENTO
L’Olp (Organizzazione per la liberazione della Palestina) e tutte le formazioni politiche palestinesi hanno deciso, al termine di una riunione tenuta ieri, di rinviare a Nablus le elezioni amministrative dell’8 ottobre. La decisione è la conseguenza del clima politico e sociale torrido che si è creato in città dopo il pestaggio a morte in una prigione palestinese di Ahmad Hakawa, accusato di essere capo di una “gang di criminali” e responsabile dell’uccisione di due agenti di polizia la scorsa settimana.
———————————————————————————————————————————–
Michele Giorgio – Il Manifesto
Nablus (Cisgiordania), 25 agosto 2016, Nena News -L’autorità nazionale palestinese (Anp) qualche giorno fa alzava la voce contro la detenzione di Bilal Kayed, un militante del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp) che ieri ha interrotto, dopo 71 giorni, lo sciopero della fame in carcere in Israele, per protesta contro la propria detenzione “amministrativa”, senza accusa e processo, scattata nel giorno in cui doveva tornare a casa dopo aver scontato 14 anni di prigione. «Israele sta violando ogni etica medica trattando un essere umano come un animale – ha protestato il premier dell’Anp Rami Hamdallah – Le autorità israeliane sono responsabili della salute di Bilal Kayed e lo devono liberare subito».
Mentre Hamdallah condannava Israele, da Nablus giungeva la notizia che il presunto capo della “gang di criminali” che la scorsa settimana ha ucciso due poliziotti palestinesi, era morto in carcere dopo essere stato pestato per ore dalle forze di sicurezza dell’Anp.
È stato lo stesso governatore di Nablus, Akram Rajub, a confermare che Ahmed Halawa è stato ucciso da chi lo stava interrogando nel carcere di Jneid. Secondo le indagini, l’uomo era a capo di una banda di una dozzina di uomini, due dei quali uccisi la scorsa settimana negli scontri a fuoco scattati dopo l’agguato in cui erano caduti due agenti di polizia. Le cose sono più complesse. Halawa era anche uno dei leader locali delle “Brigate dei Martiri di al Aqsa”, il braccio armato durante la seconda Intifada del partito Fatah, guidato dal presidente Abu Mazen, costretto a sciogliersi qualche anno fa per ordine dell’Anp. Le “Brigate” però sono riapparse nella città vecchia di Nablus e nei campi profughi di Balata e Jenin in sfida aperta ai vertici politici palestinesi.
Una volta in prigione Halawa è stato picchiato duramente. Le immagini che postate in rete mostrano il corpo seviziato e torturato dell’uomo, in particolare il volto. Halawa ad un certo punto ha perso conoscenza ed è morto. «Esamineremo l’incidente e trarremo gli insegnamenti da esso» ha assicurato Rajub. Parole che non sono bastate a placare la tensione subito aumentata in città.
Molti abitanti di Nablus contestano il modo in cui sono condotte le operazioni di polizia dell’Anp che, dicono, sono uguali a quelle dell’esercito di occupazione israeliano. Per l’Anp invece è in corso soltanto una operazione contro la criminalità organizzata e per il recupero delle armi illegali. A Nablus spiegano che il contrabbando è di fatto imposto alla parte più emarginata e povera della popolazione dimenticata dall’Anp e che fa i conti con una disoccupazione tra i giovani che tocca punte da record.
«I palestinesi di Nablus non appoggiano i criminali ma, allo stesso tempo, non accettano i metodi violenti della polizia palestinese. Tanti pensano che l’Anp lavori come una forza di sicurezza di Israele e non per garantire protezione ai palestinesi» spiega al manifesto Diana Buttu, analista del think tank “Shabaka”, ricordando numerosi episodi che hanno visto in questi mesi agenti e ufficiali della polizia e dei servizi di sicurezza dell’Anp abusare del loro potere contro semplici cittadini, talvolta solo ragazzi,a Ramallah, Gerico, Jenin e in altre località della Cisgiordania.
Il pestaggio a morte di Halawa rischia di compromettere a Nablus le possibilità di successo di Fatah, spina dorsale dell’Anp, impegnato in una difficile campagna per le amministrative di ottobre in competizione diretta con il movimento islamico Hamas. «Se Fatah perderà le elezioni non potrà che recitare il mea culpa» dice Diana Buttu «perchè non ha ancora imparato la lezione dalle precedenti sconfitte (2005 e 2006, ndr). Non ha compreso che non può lasciar governare l’Anp con il pugno di ferro e con impunità totale per le sue forze di sicurezza in un territorio dove la popolazione deve fare i conti ogni giorno, da 50 anni, con l’occupazione militare israeliana e la mancanza di libertà».
Hamas, che pure è responsabile nella Striscia di Gaza di abusi e intimidazioni, ha affermato che la morte di Halawa è la punta dell’iceberg di un sistema di sicurezza instaurato dall’Anp che avrebbe come primo obiettivo quello di reprimere gli oppositori, a cominciare da quelli islamisti. Condanne sono giunte anche dal Fronte popolare per la liberazione della Palestina, da altre forze politiche, dalla società civile palestinese e dal rappresentante locale del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite.
L’accaduto non sembra aver scosso particolarmente i vertici dell’Anp mentre Adnan Dmeiri, portavoce delle forze di sicurezza, da due giorni ribadisce che le operazioni nella casbah di Nablus andranno avanti fino a quando «il fenomeno del possesso di armi illegali non avrà termine». Nena News