Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2021

Il rapporto sui diritti umani degli Stati Uniti mantiene lo stesso linguaggio di Trump su Israele e territori palestinesi

  Articolo qui  Nel suo rapporto annuale sugli abusi dei diritti umani nel mondo, il Dipartimento di Stato ha eliminato, come  fece l' amministrazione Trump, il termine "Territori occupati" dalla sua sezione su Israele.    Il rapporto dell'amministrazione Biden ha mantenuto il titolo di Trump : "  Israele, Cisgiordania e Gaza  ".  Sotto l'amministrazione Obama la sezione era intitolata "Israele e territori occupati". Il rapporto, tuttavia, fa riferimento "ai territori della Cisgiordania, di Gaza e di Gerusalemme Est che Israele occupò durante la guerra del giugno 1967".    Il linguaggio del rapporto "non intende trasmettere una posizione su eventuali questioni relative allo status finale da negoziare tra le parti in conflitto, inclusi i confini specifici della sovranità israeliana a Gerusalemme o i confini tra Israele e qualsiasi futuro stato palestinese", il rapporto disse.  Lisa Peterson, il funzionario in carica del Dipar

Amira Hass : Israele, una democrazia vendicativa. Il caso di Abu Zeyad,

Immagine
 Traduzione sintesi di Amira Hass, ripubblicato da  Ha'aretz  , 29 marzo 2021 I Il servizio di sicurezza dello Shin Bet ha stabilito che Laith Abu Zeyad, 30 anni, sarebbe un pericolo per la sicurezza israeliana se si recasse a Londra per un anno per lavorare nella sede di Amnesty International . Il rischio che pone per la nostra sicurezza è così grande che Israele non gli ha nemmeno permesso di essere al fianco di sua madre mentre stava morendo di cancro in un ospedale di Gerusalemme Est, a tre chilometri (meno di due miglia) dalla loro casa ad Al- Azzariyeh in Cisgiordania.  Dopo molti sforzi, il permesso è arrivato, due giorni dopo la morte di sua madre. Lo   Shin Bet  non lo ha convocato per nessun tipo di interrogatorio. I soldati non hanno fatto irruzione in casa sua nel cuore della notte. L'accusa militare non lo ha accusato di nulla. Eppure,  per oltre un anno e mezzo gli è stato proibito di fare ciò che aveva fatto in precedenza senza alcun problema: andare nell'u

Edo Konrad COME UN ISLAMISTA È DIVENTATO L’IMPROBABILE “ARTEFICE” DI UN GOVERNO DI ISRAELE

Immagine
  Israele politica nazionale-estera-militare PALESTINACULTURALIBERTA.ORG Come un islamista è diventato l'improbabile "artefice" di un governo di Israele - Palestina Cultura Libertà Dividere la lista congiunta, essere "né di destra né di sinistra", strizzare l'occhio a Netanyahu: i requisiti per il potere di Mansour Abbas  Il   crollo della Joint List (Lista Congiunta) e l’ascesa di Mansour Abbas di Ra’am mostrano che la politica israeliana non può più ignorare i cittadini palestinesi, anche se questo potrebbe finire per rafforzare la destra. di  Edo Konrad  24 marzo, 2021  +972 Magazine Pochi mesi fa, la maggioranza degli ebrei israeliani non aveva idea di chi fosse Mansour Abbas. Il capo del partito islamista Ra’am – una delle quattro fazioni guidate dai palestinesi che in precedenza avevano costituito la Joint List (Lista Congiunta) – viveva in gran parte all’ombra di candidati del calibro del presidente della lista Ayman Odeh e del parlamentare di lunga d

Richard Falk Orizzonte Palestina: vincere la partita a lungo termine

Stato Palestinese o realtà virtuale? 917   21 marzo 2021 –  Global Justice in the 21 st  Century Il bilancio palestinese: vittorie normative, delusioni geopolitiche Vincere la partita a lungo termine Nelle scorse settimane il popolo palestinese ha ottenuto importanti vittorie che potrebbero avere serie conseguenze per Israele se la legge e l’etica governassero il futuro politico. Invece a questi successi si contrappongono sviluppi geopolitici avversi dato che la presidenza Biden ha accolto alcuni dei peggiori aspetti dell’assoluta partigianeria di Trump riguardo a Israele/Palestina. La legge e l’etica incidono sulla reputazione, influenzano la legittimità di politiche contestate, mentre la geopolitica incide più direttamente sui comportamenti. La differenza è meglio compresa separando le politiche simboliche da quelle concrete. Eppure le conquiste relative alla legittimità non dovrebbero essere scartate solo perché niente che importi sul terreno sembra cambiare, e a volte per vendetta