Edo Konrad COME UN ISLAMISTA È DIVENTATO L’IMPROBABILE “ARTEFICE” DI UN GOVERNO DI ISRAELE


 Il  crollo della Joint List (Lista Congiunta) e l’ascesa di Mansour Abbas di Ra’am mostrano che la politica israeliana non può più ignorare i cittadini palestinesi, anche se questo potrebbe finire per rafforzare la destra.

di Edo Konrad 24 marzo, 2021 +972 Magazine

Pochi mesi fa, la maggioranza degli ebrei israeliani non aveva idea di chi fosse Mansour Abbas. Il capo del partito islamista Ra’am – una delle quattro fazioni guidate dai palestinesi che in precedenza avevano costituito la Joint List (Lista Congiunta) – viveva in gran parte all’ombra di candidati del calibro del presidente della lista Ayman Odeh e del parlamentare di lunga data Ahmad Tibi, due dei i politici palestinesi più importanti in Israele. Negli ultimi mesi, tuttavia, il dentista che si è fatto politico è diventato un nome familiare. E mercoledì mattina – quando è stato chiaro che né Netanyahu né i suoi rivali avevano i numeri per formare una coalizione dopo le elezioni di martedì – è emerso che Abbas, che attualmente dovrebbe vincere cinque seggi alla Knesset, potrebbe avere il potere di decidere se Israele lo farà andare a un quinto turno di elezioni in due anni o lo farà giurare in un nuovo governo. Il risultato non é stato un colpo di fortuna; Abbas si sta preparando a questo momento da mesi. A gennaio, ha spinto il suo partito Ra’am a separarsi dalla Joint List (lista congiunta), e, a differenza delle elezioni precedenti, in cui Abbas ha promosso un’agenda politica e religiosa moderata, Ra’am ha fatto del conservatorismo una pietra angolare del suo nuovo programma politico, inclusa un’enfasi sulla opposizione ai diritti LGBTQ.

Inoltre, Abbas si è ribattezzato come “pragmatico” facendo pubbliche aperture al primo ministro Benjamin Netanyahu e all’ala destra israeliana sulla base di “interessi reciproci”. Ciò includeva la richiesta di Ra’am (e della Joint List) di aumentare il budget del governo per affrontare le questioni più gravi che affliggono la società palestinese in Israele, tra cui la criminalità organizzata, la violenza armata e la costruzione di alloggi nelle comunità arabe. Il fatto che un leader islamista possa diventare un potenziale influencer nella politica israeliana è un cambio di paradigma che potrebbe avere effetti radicali e duraturi. Eppure le astute manovre politiche di Abbas sono tutt’altro che l’unica ragione della vittoria di Ra’am e del crollo della Joint List (Lista Congiunta). Ecco alcuni dei fattori chiave che ci hanno portato a questo momento.

La strategia del divide et impera di Netanyahu

Nell’ultimo anno, il primo ministro ha neutralizzato efficacemente ogni minaccia credibile al suo governo. Il futuro politico di Netanyahu e la capacità di annullare il processo per corruzione e rimanere un uomo libero, dipendono interamente dal suo mantenimento del potere al governo.

.

Il Primo MInistro Benjamin Netanyahu arringa i suoi sostenitori la sera delle elezioni in Israele, Gerusalemme, 24 Marzo, 2021 (Olivier Fitoussi/Flash90)

Con questo in mente, il primo ministro ha diviso con successo la leadership dei suoi rivali nel partito Blu e Bianco, che lo scorso anno ha ottenuto 33 seggi alla Knesset (solo tre in meno rispetto ai 36 del Likud), invitando Benny Gantz a unirsi a un “governo di unità” e presumibilmente ricoprire la carica di primo ministro come parte di un accordo di rotazione. Netanyahu ha diviso simultaneamente l’alleanza di centrosinistra Labour-Gesher-Meretz introducendo Amir Peretz del Labour nel governo di unità e in seguito offrendo a Orly Levy di Gesher un posto nella lista del Likud. Dopo la vittoria senza precedenti per 15 seggi della Joint List, Netanyahu sapeva esattamente a chi rivolgersi. Durante la campagna elettorale negli ultimi mesi, il primo ministro ha visitato le comunità arabe in tutta Israele, vantandosi della sua lotta contro la pandemia COVID-19 e sostenendo che la sua storia di istigazione razzista contro i cittadini palestinesi era semplicemente un malinteso. Meno di una settimana prima delle elezioni, Netanyahu è arrivato al punto di affermare in modo ridicolo che la legge dello stato nazionale ebraico, che sancisce costituzionalmente lo status di seconda classe dei cittadini palestinesi, non è mai stata effettivamente indirizzata agli arabi, ma piuttosto ai richiedenti asilo africani. Sebbene la maggior parte dei cittadini palestinesi non riuscisse a capire l’improvviso affetto di Netanyahu per gli arabi, molti erano stati molto delusi dall’incapacità della Joint List di avere un’influenza palpabile sulla loro vita quotidiana standosene dell’opposizione.

Il licenziamento di Gantz

Nelle elezioni del marzo 2020, Blue and White di Benny Gantz ha condotto una campagna interamente basata sulla promessa di sbarazzarsi di Netanyahu. Dopo che i partiti di opposizione hanno ottenuto la maggioranza dei voti, sembrava finalmente che una nuova era della politica israeliana fosse alle porte. E quando arrivò il momento, ogni fazione della Joint List (Lista congiunta) prese l’audace decisione di raccomandare a Gantz – l’ex capo di stato maggiore dell’IDF che si vantava del numero di palestinesi che aveva ucciso a Gaza – di guidare il prossimo governo.

Il capo del Partito Blu e Bianco e della Difesa Benny Gantz parla ai sostenitori nella sede del suo partito a Ramat Gan la notte delle elezioni, il 23 marzo 2021. (Flash90)

Ma Gantz ha rinnegato. Piuttosto che sostenere una qualche forma di partnership arabo-ebraica, Gantz ha infranto l’impegno nei confronti dei suoi elettori e si è unito al governo del primo ministro, in parte con il pretesto della pandemia COVID-19. Quella decisione continua ad avere un’eco un anno dopo. Voltando le spalle a un quinto della cittadinanza israeliana, Gantz ha inviato un semplice messaggio agli elettori palestinesi: non ci importa di voi. Barlumi di un potenziale partenariato arabo-ebraico sono riemersi nel il centro-sinistra sionista, che sembra aver interiorizzato il fatto che non c’è modo di costruire un’opposizione al blocco di destra di Netanyahu senza il sostegno del voto palestinese e includere rappresentanti palestinesi nelle loro liste di partito. Non si sa se tale partnership risponderà effettivamente alle richieste politiche dei cittadini palestinesi o metterà in discussione il privilegio ebraico endemico nella politica e nella società israeliane

Il divario ideologico della lista congiunta

Quando la Joint List (Lista congiunta), per volere di Ayman Odeh, ha raccomandato Gantz come primo ministro negli ultimi due turni elettorali (settembre 2019 e marzo 2020), ha dimostrato che i cittadini palestinesi erano in grado di essere attori centrali nel sistema politico israeliano. Liberarsi di Netanyahu e liberare il collo di bottiglia della politica israeliana, ha detto Odeh, era una priorità assoluta per i cittadini palestinesi per avere qualche speranza di portare avanti l’agenda della loro comunità. Quando quell’approccio fallì, Abbas decise che era ora di mettersi in proprio. Facendo le sue aperture a Netanyahu, Abbas può facilmente affermare che sta semplicemente copiando Odeh – lavorando con chiunque serva l’interesse del suo pubblico, indipendentemente dal fatto che si aizzi la popolazione contro di loro o ci si vanti di aver ucciso i palestinesi a Gaza.

.

Il leader del partito Joint List Ayman Odeh vota in un seggio elettorale ad Haifa, il 23 marzo 2021. (Roni Ofer / Flash90)

Tuttavia, c’è un enorme divario ideologico tra i due. Odeh è un palestinese di sinistra che crede nel partenariato arabo-ebraico, basato su una visione del mondo progressista e sul riconoscimento che i palestinesi in Israele stanno combattendo per i loro diritti nazionali e civili. Ad Abbas non interessa particolarmente la lotta palestinese, e la sua recente campagna ha mostrato un aperto disprezzo per i temi progressisti. Sebbene la sua sedicente immagine di “pragmatico” possa renderlo un candidato più versatile, lo inchioda ancora all’abbandono dei principi politici che hanno sostenuto la leadership palestinese in Israele per decenni. Eppure, la nuova direzione di Abbas pone così una sfida diretta alla lista congiunta. Mentre la Joint List stava lottando per suscitare entusiasmo tra i cittadini palestinesi, Abbas è diventato un beniamino dei media nei principali siti di notizie israeliani, incluso il canale pro-Netanyahu 20. Abbas ha inoltre invitato Netanyahu come ospite speciale a una riunione del Comitato Knesset per l’Eliminazione del Crimine nel settore arabo, dove il leader islamista ha concesso al primo ministro il tempo di rivolgersi ai partecipanti. Abbas, inoltre, non ha escluso di sostenere leggi che annullerebbero l’attuale processo di Netanyahu. In breve, Abbas ha aperto la porta per rendere i cittadini palestinesi un elemento chiave dell’ attuale governo di Netanyahu

Come ha scritto Yonit Mozes su Local Call, le ultime quattro elezioni hanno dimostrato che quando c’è una spaccatura politica nella rappresentanza della società araba (come nelle elezioni dell’aprile 2019 e di nuovo questa settimana), circa la metà degli elettori palestinesi non è interessata partecipare al gioco; quando i partiti si uniscono l’affluenza ha un balzo in alto, come è avvenuto a settembre 2019 e marzo 2020 (con la Lista che ha vinto rispettivamente 13 e 15 seggi). Questa volta, la rabbia palpabile tra i cittadini palestinesi per la rottura della Joint List, ha portato a un calo dai 15 seggi della Knesset agli 11 previsti tra Ra’am e la Lista messi insieme. Ra’am è stato in grado di mobilitare i suoi elettori da solo, dimostrando che la Lista Congiunta non poteva più affermare di essere la rappresentante dei cittadini palestinesi alla Knesset. Se Israele dovesse andare a un’altra elezione, non sarà facile per i leader palestinesi in Israele riguadagnare la fiducia dei loro elettori. Quel che è certo è che Netanyahu ha cercato di indebolire il voto arabo soffiando sul fuoco della frattura della Joint List e non esiterà a farlo di nuovo se la Joint List dovesse mai rappresentare una minaccia per il suo futuro politico.

Donne palestinesi votano per le elezioni del 2021 in Israele a un seggio di Taybeh,nel nord di Israele. 23 marzo 2021. (Oren Ziv 90)

Per il momento, non vi è alcuna garanzia che la mossa di Netanyahu con Abbas lo manterrà al potere, né che un governo sostenuto da Abbas potrà reggere, visti i suprematisti ebrei di estrema destra che devono acconsentire all’alleanza. È anche troppo presto per sapere quale direzione prenderà Abbas – se sosterrà Netanyahu, tenterà di formare una coalizione “alternativa” con Yair Lapid, o porterà Israele a una quinta elezione. Ciò che è chiaro, tuttavia, è che il crollo della Joint List e l’ascesa di Abbas allo status di potenziale kingmaker sono un promemoria del fatto che la politica israeliana non può più ignorare i cittadini palestinesi, anche se potrebbe finire per rafforzare la destra

Edo Konrad è caporedattore del periodico +972. Di TelAiv è stato redattore di Haaretz

Traduzione di Gabriella Rossetti da +972 magazine

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri