Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2018

Video ; Betlemme, fermato lo street artist Jorit: il momento dell'arresto

Immagine

Umberto De Giovannangeli L'Italia il "paesino" preferito di Trump

L'Italia il "paesino" preferito di Trump (di U. De Giovannangeli)
Da stasera è ufficiale: l'Italia è diventato per Donald Trump il Paese di riferimento in Europa. L'interlocutore più affidabile, quello che sai che non alzerà mai la voce, che non porrà problemi, mica come la Merkel o Macron, e pure Theresa May. Alla Casa Bianca, The Donald non ha salutato un alleato fedele. Di più: ha "adottato" un primo ministro, Giuseppe Conte, con il quale, come sottolineava il Washington Post alla vigilia del summit ( il primo di Conte alla Casa Bianca), si è manifestato un "allineamento spirituale"; allineamento tra due - Trump dixit- "outsider della politica".
Dall'immigrazione alla Libia: per il presidente Usa l'Italia è un esempio da seguire. Un modus operandi, in particolare quello sui confini, che l'Europa dovrebbe prendere ad esempio. Così Trump ha accolto il premier italiano alla Casa Bianca lodando il "lavoro fant…

La più grande lezione di arabo nel cuore di Tel Aviv , Video

Immagine

Gaby Lasky Otto mesi non hanno spezzato Tamimi

Immagine
Sintesi personale Ahed Tamimi sarà rilasciata  oggi dopo aver scontato otto mesi di prigione come prigioniera  politica . A prima vista, l'eccessiva pena detentiva inflitta a lei è un risultato diretto del suo coraggio di resistere all'invasione della sua casa da parte dei soldati. Dopo  aver avuto il privilegio di rappresentare Tamimi in tutti i procedimenti davanti al tribunale militare, mi è chiaro che non c'è alcun legame tra lei che schiaffeggia il soldato e la punizione che ha ricevuto. Gli otto mesi di prigionia, proprio come gli arresti notturni altamente pubblicizzati e gli aggressivi interrogatori del minore, sono stati l'ennesimo tentativo fallito di rompere lo spirito di un'adolescente che si oppone al regime di occupazione e impedisce ad altri palestinesi di comportarsi come qualsiasi altra persona, che vite sotto occupazione , vorrebbe agire.Non appena lo schiaffo ha risuonato in tutto il mondo, le forze dell'ordine hanno lavorato per raccogliere …

Gaby Lasky Eight months did not break Tamimi

Eight months did not break Tamimi Sol Salbe·Lunedì 30 luglio 2018 By Gaby Lasky Ahed Tamimi will be released today after serving eight months in prison as a political prisoner. On the face of it, the excessive prison sentence imposed on her is a direct result of her daring to resist the invasion of her home by soldiers. But after I was privileged to represent Tamimi in all the proceedings before the military court, it is clear to me that there is no connection between her slapping the soldier and the punishment that she received. The eight months of imprisonment, just like the highly publicised nightly arrest and the aggressive interrogations of the minor, amounted to yet another failed attempt to break the spirit of a teenage girl who opposes the Occupation regime and prevent other Palestinians from acting like any person who lives under occupation would want to act. As soon as the slap had resonated throughout the world, the Occupation enforcement agencies were working to collect a …

Israele: Patriarcato latino condanna la Legge nazionale, stabilisce che “non ci sono uguali diritti tra ebrei e arabi”

Immagine
Una legge che “non fornisce alcuna garanzia costituzionale per i diritti delle popolazioni indigene e di altre minoranze che vivono nel Paese”, che “ignora un’intera fascia della popolazione”, che “contravviene direttamente alla Risoluzione 181 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e alla Dichiarazione di Indipendenza di Israele” e che stabilisce “che non ci sono uguali diritti tra ebrei e arabi e si rifiuta di riconoscere la loro esistenza”. È dura e netta la condanna del Patriarcato latino di Gerusalemme della legge nazionale “Israele, Stato nazionale del popolo ebraico” approvata recentemente dalla Knesset con una ristretta maggioranza. In una nota diffusa poco fa a Gerusalemme, e pervenuta al Sir, il Patriarcato latino afferma che questa legge fondamentale “definisce Israele come stato nazionale del popolo ebraico” e “non fornisce alcuna garanzia costituzionale per i diritti delle popolazioni indigene e di altre minoranze che vivono nel paese. I cittadini pales…

Striscia di Gaza: Patriarcato latino, un nuovo impianto fotovoltaico per superare la mancanza di energia elettrica

Immagine
Per migliorare l’approvvigionamento energetico delle sue strutture nell’area della parrocchia della Sacra Famiglia di Gaza, il Patriarcato latino di Gerusalemme ha deciso di potenziare l’impianto fotovoltaico con una potenza di 100 Kwp realizzato nel 2016, istallando un sistema di pannelli solari in grado di accumulare in batterie l’energia elettrica prodotta dal luce del sole per utilizzarla durante interruzioni della fornitura di corrente. Questo sistema solare, secondo quanto reso noto dal Patriarcato Latino, sostituisce l’energia proveniente dalla rete quando il sole splende, e arriva a immettere nella rete l’elettricità non necessaria ai propri bisogni. Un dispositivo ideale per Gaza, dove la corrente manca fino a venti ore al giorno e dove la rete elettrica non è sempre accessibile a causa delle restrizioni imposte dal blocco israeliano che riguarda anche l’accesso all’acqua potabile e la fornitura di prodotti essenziali. Questo progetto fa parte di un piano comple…

Yonatan Mandel Degradando l'arabo, Israele ha degradato gli arabi

Immagine
Yonatan Mandel Opinion By Degrading Arabic, Israel Has Degraded Arabs
 Sintesi personale
La legge dello stato-nazione sta suscitando un feroce dibattito tra ebrei e arabi in Israele, si discute se tale legislazione fosse necessaria e sulle sue varie clausole. La  maggioranza dei parlamentari ha espresso un voto senza esitazioni a favore.
Come studioso  della lingua araba, mi sento in dovere di affrontare la sezione della legge che rimuove l'arabo  come lingua ufficiale. Al di là delle implicazioni pratiche di questo, c'è un altro aspetto: segnala che Israele cerca di essere un corpo  estraneo tra i suoi vicini e di eliminare la connessione tra arabi e ebrei.



Ecco nove punti da considerare, ora che l'arabo è stato cancellato come lingua ufficiale:
1. Abbassare lo status di arabo e di arabi: questo è ciò che la legge sta cercando di attuare . Afferma che l'arabo non sarà più una lingua ufficiale, ma contemporaneamente dice che il suo status "non sarà danneggiato&q…

Yonatan Mandel Opinion By Degrading Arabic, Israel Has Degraded Arabs

Immagine
haaretz.com By degrading Arabic, Israel has degraded Arabs | Opinion ***
Jewish nation-state law makes discrimination in Israel constitutional The Israel you know just ended. You can thank Netanyahu Where is this ‘Israel’ they talk about? The nation-state law is stirring fierce debate among both Jews and Arabs in Israel, about whether such legislation was needed, and about its various clauses. But a majority of MKs cast an unhesitating vote in favor. As someone who studies the status of the Arabic language, I feel compelled to address the sect…

Cideon Levy : CONTINUA COSI’, AHED TAMIMI.

Immagine
Pubblicato da il 26/7/18 • Inserito nella categoria: Primo Piano,Ultima ora
26/07/2018 DIINVICTA PALESTINAIn questa foto del 28 dicembre 2017, Ahed Tamimi viene portata in un’aula di tribunale all’interno della prigione militare di Ofer vicino a Gerusalemme. Credito: Mahmoud Illean / AP Gideon Levy 25 luglioDopo otto mesi di prigione, pochi giorni prima del suo previsto rilascio, ora le va detto: ne è valsa la pena. Non cessare di resistere all’occupazione israeliana.Domenica dovresti uscire di prigione, finalmente, insieme a tua madre. Ma forse è meglio non dirlo troppo forte; lo Shin Bet potrebbe emettere contro di voi un ordine di arresto amministrativo. Dopotutto, solo poche settimane fa aveva stabilito che sei ancora “potenzialmente pericolosa”, ma vogliamo sperare che fra tre giorni tu e tua madre sarete di nuovo libere.Vogliamo anche sperare che dallo scorso inverno, nei tuoi mesi di prigionia, il potenziale pericolo che rappresentavi non sia diminuito; che tu sia…

Walid Salem Oslo: proposta di pace o pausa fino alla “completa vittoria” d’Israele?

Immagine
Un breve inquadramento teorico

Oslo: proposta di pace o pausa fino alla “completa vittoria” d’Israele? | Walid Salem Un breve inquadramento teorico Luglio 2018 – 25 anni dopo, guardando alla [...]



Luglio 2018 – 25 anni dopo, guardando alla Dichiarazione dei Principii (Accordo di Oslo) del 1993, si dovrebbe badarne ai risultati anziché alle intenzioni dei dirigenti del tempo. Si possono citare tre approcci analitici: 1°: Qualcuno assumerà una prospettivabasata sui protagonisti valutando Oslo, focalizzandosi sulla concisione e sulle sincere intenzioni di Arafat e Rabin, firmatari dell’Accordo. Lo sapzio disponibile qui non permette un’indagine esauriente di tale approccio.2°: Andrebbe oltre proponendo un approccio strutturale riguardante le strutture create dal processo di Oslo e le loro eventuali prospettive future. Qui gli attori sono ritenuti parte delle strutture che ne dettano gli atti. 3°: ove si considerano i ruoli degli attori nella cornice dei rapporti interattivi con le …