Carolina Landsmann :Di fronte alla devastazione ucraina, Israele vede un'opportunità economica

Traduzione e sintesi

La Commissione Finanze della Knesset ha tenuto un dibattito d'emergenza due settimane fa sui preparativi del governo per accogliere l'attesa ondata di immigrazione dall'Ucraina. Così ha affermato il presidente del comitato MK Alex Kushnir: “Siamo nel mezzo di una crisi che colpisce 250.000 persone [che possono immigrare in Israele secondo la Legge del Ritorno]. Questo è il nostro dovere, ma è anche la nostra opportunità”.
Presa alla lettera, la dichiarazione di Kushnir potrebbe essere vista come un riconoscimento dell'idea profonda che ogni crisi è un'opportunità di cambiamento, sviluppo e crescita. In realtà è una perversione di questa idea. Churchill ha detto che “il pessimista vede difficoltà in ogni opportunità. L'ottimista vede l'opportunità in ogni difficoltà". Kushnir non è ottimista. Guadagnare dalla crisi di un altro non è ottimismo, semmai è profitto. In sua difesa, è circondato da "ottimisti" del suo genere, quindi ,forse, non riesce a distinguere.
Il deputato Vladimir Beliak ha dichiarato: "Abbiamo un'opportunità straordinaria, non dobbiamo perderla". Il capo dell'unità di aliya e assorbimento dell'Agenzia Ebraica, Shay Felber, che ha partecipato, ha aggiunto: “Sappiamo di quanti lavoratori manca l'economia. Non ho dubbi sul fatto che se ci prepariamo correttamente, potremmo facilmente raddoppiare il numero di olim dall'[Ucraina]. "MK Zvi Hauser ha spiegato che investire 5 miliardi di shekel (1,54 miliardi di dollari) in aliya dall'Ucraina produrrebbe 500 miliardi in pochi anni, aggiungendo: "Non dobbiamo perdere un'opportunità strategica, economica e sociale",
Non è la prima volta che Israele trasforma la crisi degli altri in un'opportunità. Kushnir ha osservato come "nel 2014, durante gli attacchi terroristici in Francia, Israele ha lanciato un piano nazionale per consentire a tutti gli ebrei francesi di venire in Israele". L'allora Primo Ministro Benjamin Netanyahu e il Ministro degli Esteri Avigdor Lieberman fecero appello agli ebrei di Francia e d'Europa a venire in Israele. Sì, Israele è una casa nazionale per il popolo ebraico, è aperto all'aliyah ed è positivo che gli ebrei si sentano in un posto sicuro nel mondo se, Dio non voglia, si verifica un disastro. Questo non dà al governo il diritto di invitare i cittadini di altri paesi a immigrare in Israele solo perché sono ebrei.
Molti hanno avvertito che una tale chiamata potrebbe nuovamente aumentare la doppia fedeltà. L'allora presidente francese Francois Hollande e il primo ministro Manuel Valls si arrabbiarono, e per una buona ragione. La leadership francese ha mostrato una maggiore sensibilità rispetto al governo israeliano. “Se 100.000 ebrei se ne vanno, la Francia non sarà più la Francia. La Repubblica francese sarà un fallimento", ha detto Valls all'epoca. Ma dove i francesi vedono un fallimento della Repubblica francese, i governi israeliani vedono un'opportunità.
Se nel caso della crisi in Francia si può ancora sostenere che gli ebrei francesi erano nel mirino perché ebrei, la crisi attuale è indifferente all'ebraismo delle vittime. Dobbiamo anche menzionare che il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelenskyy e il ministro della Difesa Oleksii Reznikov sono ebrei e lo stretto consigliere di Zelenskyy è un ex israeliano che parla correntemente l'ebraico?
La Russia ha invaso l'Ucraina. Tutti gli ucraini sono sotto attacco, compresi gli ebrei ucraini . Se la “crisi” non sta selezionando le sue vittime e l'ebraismo degli ucraini non è fondamentale per essere attaccati, allora c'è qualcosa di sbagliato e di improprio nella campagna proattiva dell'aliya di Israele.
C'è un grave problema qui che deve essere affrontato. Non è solo una questione di cosa è e cosa non è appropriato dire nel parlamento israeliano. C'è qualcosa qui che tocca le radici dell'identità sionista, ed è il rovescio della medaglia di coloro che non riescono a identificarsi con il rifugiato non ebreo.
È inconcepibile che in questo momento storico, in cui i cannoni ruggiscono e il mondo guarda alla possibilità che siamo sull'orlo della terza guerra mondiale, la gente sia seduta nel parlamento israeliano e rilevi, in quella stessa realtà, un " occasione storica”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili