Attacco al Museo di Bruxelles: trasformare questa tragedia in propaganda anti-palestinese è moralmente ripugnante.

Il 24 maggio un tiratore non identificato ha aperto il fuoco al museo ebraico di Bruxelles, uccidendo quattro persone . Due delle vittime erano israeliani e gli altri due  nonsono state identificate  , oltre ad essere descritte  come un volontario e un dipendente del museo.
Nulla è davvero ancora noto circa l'identità o la motivazione del tiratore. Un video dell'incidente offre molto poco in termini di definizione del etnia dell'assassino,ma  il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman sanno molto bene chi è il responsabile.
 Netanyahu ha dichiarato 
 "... il risultato di una costante incitamento contro gli ebrei e il loro stato. Calunnie  contro lo Stato di Israele continuano ad essere ascoltate  sul suolo europeo, mentre i crimini contro l'umanità e gli atti di omicidi perpetrati nella nostra regione vengono sistematicamente ignorati. . l'attività denominata 'pro-palestinese attività che, ancora una volta, proprio come in quei giorni bui, chiede il boicottaggio dei 'beni ebraici e aggressivamente  si rivolge contro  l'unica democrazia in Medio Oriente, non è altro che anti-semita ".
Lieberman, come è sua abitudine ha dichiarato senza mezzi termini: il sostegno per i palestinesi e l'opposizione agli insediamenti, vuol dire uccidere gli ebrei
  Egli non si limita a criticare il boicottaggio, ma tutto   ciò che è "attività pro-palestinese". Nel definire "il boicottaggio dei 'beni ebraici'" Lieberman, egli stesso un colono, intenzionalmente non distingue tra richieste di boicottaggio di tutti i bene israeliani e la crescente europea pratica di identificare chiaramente i prodotti provenienti dagli insediamenti,lasciando cmq ai consumatori decidere se vogliono acquistare tali prodotti.
E'  certamente possibile che il sostegno alla causa palestinese sia alla radice di questo attacco,ma  questa è solo una delle tante possibilità e finora, non vi è alcuna indicazione particolare che questa possibilità sia più forte di qualsiasi altra. Il  ministro dell'Interno Joelle Milquet non ha ancora ufficialmente definito questo un attacco antisemita, ma ha specificato  "ci sono forti motivi di ritenere che lo  sia "
Certo ciò è vero. Un attacco a un istituto musulmano, a  un centro  femminista,a  un centro multiculturale,a  un centro LGBT dovrebbe  portare tutti alla stessa conclusione ,ma  l'uso spudorato, cinico e, francamente offensivo  della parola antisemitismo da parte del  governo ,  sfida la logica o anche la giustificazione più semplice.
Infatti  la risposta di Bibi-Yvet (i soprannomi israeliani  per Netanyahu e Lieberman) per gli omicidi di Bruxelles contengono un pizzico di disperazione. Il mammut, studio pionieristico sul globale anti-semitismo , effettuato  dalla Anti-Defamation League, è stato accolto con molto scetticismo , piuttosto che con l' indignazione   che  Netanyahu e  gli autori del rapporto avevano sperato. Qui c'era l'opportunità di capitalizzare su un vero crimine d'odio
Il termine stesso "incitamento",  timidamente adottata dagli Stati Uniti e, talvolta, anche dai  governi europei,  si sta vanificando nonostante gli sforzi della propaganda israeliana., visto che ogni memoriale Nakba, ogni atto palestinese che afferma il proprio legame con la terra o ricorda le ingiustizie inflitte loro dal sionismo viene da Israele definito incitamento. Ci sono certamente esempi di  falsità e di minaccia nei media palestinesi,ma lo stesso tipo di affermazioni è anche emesso dal governo israeliano e da alcuni media israeliani, come Yizhar Be'er, direttore del controllo sui media israeliani Keshev sottolinea .Incitamento " è ormai diventato solo un altro slogan  allo  scopo di spaventare la gente, di potenziare gli sforzi della propaganda israeliana per continuare a dipingere Israele come l'eterna vittima e far tacere i  critici .
Forse l'attacco a Bruxelles aveva qualcosa a che fare con il conflitto israelo-palestinese. Forse era collegata alla fiorente destra populista in così gran parte dell'Europa,ma  noi semplicemente non lo sappiamo ancora. Quello che sappiamo è che  il tentativo da parte di Netanyahu e Lieberman di trasformare questa tragedia in propaganda anti-palestinese è moralmente ripugnante. Tocca alle  persone sensibili  rendere politicamente impraticabile ciò .

Commenti

Post popolari in questo blog

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Combatants for Peace : portano l'acqua ai Palestinesi di Hebron, arrestati. Il teschio come simbolo dell'esercito Testimonianza di Mossi Raz