Hannah Bagdanov : Gli estremisti israeliani stanno attaccando i palestinesi. Sono folla o milizie filo-governative?

TRADUZIONE SINTESI 

Articolo in lingua inglese qui 

L ' annuale marcia israeliana del  Jerusalem Day , rinviata dopo i combattimenti del mese scorso tra Israele e Hamas, ha provocato  ulteriori scontri  tra manifestanti di destra e residenti palestinesi a Gerusalemme a giugno.

A Maggio , gruppi violenti di estremisti di destra israeliani  hanno  compiuto  attacchi contro palestinesi  in Israele e in Cisgiordania. Gli estremisti hanno  etichettato i quartieri palestinesi  con slogan razzisti, a volte  contrassegnandoli  per futuri attacchi. Hanno  pattugliato le strade  delle " città miste " israeliane portando armi, e secondo quanto riferito alcuni hanno  accoltellato ,  picchiato  e  lapidato  civili e manifestanti palestinesi.

Chi c'è dietro questi attacchi? Dal 22 aprile, quando un gruppo di estremisti ebrei israeliani ha marciato nella Città Vecchia di Gerusalemme cantando " morte agli arabi ", i  ricercatori  hanno registrato più di 75 episodi violenti di natura simile. Gli attacchi iniziali hanno fatto seguito alle proteste contro l'espulsione forzata delle famiglie palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah di Gerusalemme e ai raid della polizia nel complesso di al-Aqsa durante il mese sacro del Ramadan.

La copertura mediatica ha adottato quasi uniformemente il linguaggio di "mob" e "violenza di massa" per descrivere questi eventi: la mia ricerca suggerisce che si trattava di sforzi organizzati e attacchi premeditati, piuttosto che di esplosioni casuali di violenza.

Quello che sappiamo su mob e milizie

Gruppi di estrema destra, suprematisti e/o terroristi ebraici come  Lehava  e  Hilltop Youth  sono stati  coinvolti  in molti di questi attacchi. Gruppi di nuova formazione hanno  utilizzato WhatsApp  per reclutare membri e organizzare attacchi.

Questo livello di coordinamento suggerisce che molte delle "folle" potrebbero essere più simili a milizie filo-governative che organizzano e  incitano alla violenza per raggiungere i loro obiettivi. Le milizie filo-governative  sono gruppi armati che praticano la violenza organizzata a sostegno del governo o dei suoi obiettivi. A vari livelli, possono ottenere il sostegno del governo.

La violenza di massa  è una forma di violenza comunitaria condotta da gruppi spontanei che cercano di prendere in mano i problemi della giustizia. I mob tendono a formarsi e dissiparsi rapidamente e mancano di una catena di comando o di una struttura organizzativa di supporto. La maggior parte di ciò che sappiamo sulle dinamiche dei mob e della violenza dei mob proviene dalla  storia dei linciaggi  nel sud degli Stati Uniti. Tuttavia, studiosi e attivisti stanno anche cercando di capire  come opera la violenza di massa  in altri contesti.

Al contrario,  le milizie filo-governative  sono gruppi armati che sostengono gli obiettivi del governo ma operano al di fuori dell'apparato di sicurezza formale. Spesso si formano in contesti di conflitto e guerra civile e possono compiere  atti di violenza eclatanti , che i governi evitano perché non sono disposti a impegnarsi in attività che la comunità internazionale potrebbe trovare inaccettabili.

Queste milizie possono portare avanti gli obiettivi del governo, usando tattiche che il governo non può adottare apertamente. Ciò significa spesso che il governo sostiene questi sforzi, formalmente, informalmente o tacitamente. In contrasto con  chi si organizza spontaneamente, le milizie filo-governative sono perlomeno organizzate  a livello minimo .

Molti dei recenti attacchi sembrano premeditati

In Israele e in Cisgiordania, molti degli attacchi delle ultime settimane sembrano essere premeditati, opera di noti gruppi estremisti. Ciò va contro le definizioni di violenza di massa, poiché le  folle si formano spontaneamente  e mancano di una chiara struttura organizzativa.

Lehava , uno dei gruppi chiave dietro la  marcia del 22 aprile , è un gruppo estremista di estrema destra che sposa sentimenti esplicitamente razzisti e anti-palestinesi. È anche noto per i suoi legami ideologici con il  partito Kach , classificato come organizzazione terroristica dal governo degli Stati Uniti. Lehava ha anche organizzato una violenta rivolta a Ramla  l'11 maggio: in tutti i casi gli estremisti hanno preso di mira civili palestinesi e contromanifestanti, lasciando  più di 100 feriti  a Gerusalemme.

Alcuni gruppi facevano molto affidamento sui social media per organizzare e pianificare gli attacchi. Adalah , un centro legale che promuove la parità di trattamento dei cittadini palestinesi in Israele, ha allertato  il commissario di polizia nazionale  sull'uso delle piattaforme dei social media da parte dei coloni estremisti per  organizzare attacchi armati  in diverse città. Più di 100 gruppi si sono formati utilizzando  WhatsApp e Telegram , adottando nomi come "la guardia ebraica" e "le truppe della vendetta", utilizzando le piattaforme di messaggistica per pianificare attacchi violenti e reclutare membri. Da allora WhatsApp ha  bandito numerosi utenti  coinvolti in questi gruppi per incitamento alla violenza.

In che modo questi gruppi supportano gli obiettivi di Israele?

I gruppi di coloni estremisti hanno a lungo sostenuto gli obiettivi di espansione territoriale di Israele   e gli sforzi per stabilire una  maggioranza demografica ebraica  in Cisgiordania. Il  database delle milizie  filogovernative  classifica  i coloni israeliani come una milizia filogovernativa con un legame "semi-ufficiale" con l'esercito. Dalla fine di aprile, l'  Armed Conflict Location & Event Data Project  ha identificato oltre 25 eventi in Cisgiordania e Gerusalemme, dove le forze di sicurezza hanno fornito protezione ai coloni estremisti che effettuavano attacchi ai palestinesi.

I residenti in questi quartieri hanno anche accusato le forze di polizia israeliane di  stare a  guardare mentre gli estremisti attaccavano civili e manifestanti palestinesi. A Gerusalemme, un'organizzazione per i diritti umani ha riferito che  i posti di blocco della polizia hanno  bloccato l'ingresso di palestinesi non residenti nel quartiere di Sheikh Jarrah, "concedendo contemporaneamente l'accesso a gruppi organizzati di dozzine di estremisti ebrei israeliani".

Questi rapporti dimostrano che in più occasioni nelle ultime settimane, le forze di sicurezza israeliane hanno tacitamente cooperato con, o ignorato, gli attacchi dei coloni estremisti. Le milizie possono mobilitarsi e incitare alla violenza futura

Perché la distinzione tra mob e milizie è così importante? Comprendere il ruolo di questi attacchi e di questi gruppi è utile per comprendere il conflitto in corso in Israele, Cisgiordania e Gaza. Tutti i gruppi che hanno pianificato ed eseguito attacchi, anche quelli appena formati, hanno una maggiore capacità di mobilitarsi in future escalation. Questo non è il caso dei "mob" formatisi spontaneamente, che per definizione mancano di coesione organizzativa.

Il nuovo governo israeliano cambierà queste dinamiche?

È interessante notare che il nuovo  governo di coalizione Bennett-Lapid  potrebbe alterare la percezione dei gruppi di estrema destra  con il governo. Alcuni gruppi di destra considerano l'allineamento di Bennett con i partiti centristi e arabi come un tradimento della causa ultranazionalista. E molti esperti si aspettano che Bennett  sarà cauto  riguardo all'espansione degli insediamenti, per paura di perdere membri della coalizione araba.

In effetti, l'agenzia di sicurezza interna israeliana ha messo in guardia contro  la possibilità di violenze antigovernative  da parte di questi gruppi. Tuttavia, la coalizione di Bennett ha  approvato  la "marcia delle bandiere" ultranazionalista del 14 giugno a Gerusalemme, gettando un osso ai partiti di estrema destra e agli estremisti. Pertanto, resta da vedere se i gruppi di estrema destra israeliani manterranno la  loro posizione filo-governativa – o invece si ribattezzeranno in opposizione alla nuova  coalizione .

Hannah Bagdanov  è una studentessa di dottorato presso l'Università di Notre Dame e un'affiliata di dottorato del Kellogg Institute for International Studies.

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili