AMIRA HASS - CYBERBULLISMO: IL NUOVO PASSATEMPO DELLO SHIN BET.

Articolo qui 

"Ragazzino schifoso", "moccioso", "inutile", "piccolo fallito". Questi sono i messaggi istantanei ricevuti da Amjad, un palestinese di 14 anni di Betlemme. Suo padre, Osama Abu Sultan, ha visto i messaggi diversi giorni dopo che l'adolescente era stato ucciso dall'esercito israeliano. Quando gli hanno sparato, Amjad aveva in mano una bottiglia molotov che stava per accendere. 

Il padre, un 47enne laureato in un'accademia militare di Algeri, ora alle dipendenze delle forze di sicurezza palestinesi (la marina di Gaza e ora la sicurezza nazionale in Cisgiordania), è convinto che ci sia una connessione tra i messaggi inviati su Facebook Messenger e la morte violenta di suo figlio. I messaggi puerili e persino infantili non avrebbero indignato Osama Abu Sultan se non fosse stato per l'intestazione che mostrava chi li aveva inviati: Capitano Wissam Abu Ayoub, agenzia di sicurezza israeliana (Shin Bet), città di Betlemme. 

Come molti altri ufficiali dello Shin Bet, anche lui ha una pagina di social media personale con la quale tutti possono interagire. I coordinatori dello Shin Bet hanno iniziato ad avere pagine Facebook personali verso la metà del 2018 e hanno iniziato a mantenere una presenza pubblica sui social media nella prima metà del 2020, come ha riportato lo storico Hillel Cohen su Haaretz lo scorso anno. Il 23 gennaio 2019, il Capitano Abu Ayoub ha scritto il suo primo post: "Benvenuti, abitanti della città di Betlemme. Sono il nuovo responsabile della vostra zona"

Il 31 ottobre di quest'anno, due settimane dopo la morte di Amjad, si è congedato : "Cari abitanti di Betlemme. Dopo tre anni di servizio come responsabile della sicurezza in città, sto passando a un'altra posizione, vi auguro successo e prosperità, salute e sicurezza, e benessere." In uno dei 25 commenti al post, una persona ha scritto: "Hahahaha, cosa è successo, ti hanno licenziato?" 

I palestinesi sono abituati agli ufficiali dello Shin Bet che prestano servizio nelle loro posizioni per più di due anni e nove mesi. L'Ufficio del Portavoce dello Shin Bet ha confermato ad Haaretz che "il profilo Facebook descritto è effettivamente gestito da un ufficiale della sicurezza dello Shin Bet, e il fatto che lo sia è pubblico e noto". Una recensione dei post di Abu Ayoub dal luglio 2020 rivela che Amjad non ha pubblicato il suo primo commento fino al 12 maggio di quest'anno, quando ha scritto: "Compagni, la vostra liberazione è prossima", in risposta a un rapporto del capitano Abu Ayoub sull'arresto di tre giovani "per la loro attività nella Jihad islamica". 

Amjad ha scritto un commento simile il 12 agosto in risposta a un altro arresto. Tra queste due date, Amjad ha scritto anche altri due commenti. Il 2 luglio, in risposta a un post con i saluti del venerdì dell'ufficiale dello Shin Bet, ha rimproverato: "Sheikh, vieni a pregare per noi la prossima volta". "Mio figlio scherza sempre. Non sta mai zitto. I suoi fratelli e la sorella sono seri, e lui fa sempre il buffone, ironizza, combina sempre la malizia con una risata condiscendente", dice il padre, parlando ancora di suo figlio al tempo presente. Nelle corrispondenze di Messenger che Abu Sultan ha mostrato ad Haaretz, la conversazione sembra quasi unilaterale, con messaggi dell'ufficiale dello Shin Bet che si leggono come risposte a messaggi che, se scritti, sono stati poi cancellati.

 La conversazione è iniziata il 13 agosto, un giorno dopo l'arresto dell'amico di Amjad, Adham. L'ufficiale dello Shin Bet ha scritto: "Non arrabbiarti. Adham stava giocando con il fuoco e merita di essere arrestato". Il verbale riporta un "mi piace" che ha inviato Amjad, seguito da questo del coordinatore: "Ha fatto molto e a me non interessa". Il messaggio successivo, sempre del capitano, è datato 31 agosto: "Quelli di Hamas indossano una maglietta, ragazzo", forse in risposta a una foto a torso nudo postata da Amjad. "Sei un moccioso. Vai a spianare il mare", un riferimento ad un'impresa inutile per la quale non c'è alcuna prospettiva di successo. 

Se Amjad ha scritto qualcosa immediatamente prima, non appare più, anche se rimangono emoji ridenti e un "mi piace". Il 1° settembre il Capitano ha scritto: "Mi hai davvero spaventato", forse in risposta a un messaggio poi cancellato. È stato seguito da: "Ciao, piccolo fallito. Non inviarmi messaggi". Circa nove ore dopo il capitano scrisse: "Ragazzino schifoso. Smettila. Non messaggiarmi più." Il giorno seguente il capitano ne ha inviato uno simile. Il 19 settembre, forse come parte di uno scambio che era stato cancellato, Amjad ha scritto: "Ascolta, voglio dirti una cosa di cuore", e poi gli ha imprecato contro. E il 7 ottobre, una settimana prima di essere ucciso, ha pubblicato una foto della moschea di Al-Aqsa e una bandiera islamica verde. 

I tre messaggi finali di Amjad su Messenger sono stati allegati a un post pubblico caricato dal Capitano il 15 ottobre, che si riferisce alla morte del giovane: "Il martire Amjad Abu Sultan ha minacciato la sicurezza dello Stato e lo ha maledetto. Prenditi cura dei tuoi figli, lontano da Satana, perché costruiscano il loro futuro". Il capitano inserì in questo post altri cinque messaggi che presumibilmente scrisse Amjad, il primo dei quali risale al 15 agosto. Il loro linguaggio è più diretto, l'ufficio stampa dello Shin Bet se ne è lamentato nella sua risposta a questo articolo: "Come parte dei suoi messaggi al Capitano, Amjad imprecò contro l'ufficiale dello Shin Bet e usò espressioni taglienti contro lo Stato di Israele".

 Le maledizioni contro gli ufficiali dello Shin Bet e lo Stato occupante sono comuni, come dimostra uno sguardo alle pagine Facebook degli ufficiali dello Shin Bet. Anche Hillel Cohen ha menzionato questo nel suo articolo. Ma secondo il portavoce dello Shin Bet, Amjad "ha anche affermato che intendeva compiere attentati terroristici. Ad esempio, Amjad ha scritto il 2 settembre 2021 che ha intenzione di andare nelle gallerie della Statale 60 per lanciare bottiglie molotov, e in quella data, due bottiglie molotov sono state effettivamente lanciate sulla Statale 60". Il Portavoce aggiunge che in una precedente occasione Amjad ha scritto che: "La Palestina è un vulcano di vendetta. Se esploderà, la Palestina sarà liberata. Sono un figlio di Gaza, ci sono nato, ho vissuto la guerra e non ho mai avuto paura di nulla. Ora sono a Betlemme e libereremo la nostra patria"

L'ufficiale dello Shin Bet, nelle sue risposte, voleva interrompere la conversazione con Amjad, motivo per cui ha risposto seccamente e ha chiesto ad Amjad di smettere di mandargli messaggi". "In risposta a un altro messaggio di Amjad, in cui si lamentava dell'arresto del suo amico Adham, facendo notare che lui stesso aveva compiuto gli atti attribuiti ad Adham e malediceva l'ufficiale dello Shin Bet, l'ufficiale rispondeva 'non arrabbiarti'. Come accennato in precedenza e contrariamente alla tua affermazione, si può vedere che tutti i messaggi provenivano da Amjad. Nessuna conversazione è stata avviata dall'ufficiale e, inoltre, l'ufficiale dello Shin Bet voleva porre fine alla conversazione in ogni occasione. 

Il Capitano non ha inviato messaggi personali ad Amjad. In genere, tramite questo canale non vengono inviati messaggi diretti ai minori". Il padre dice di non avere familiarità con questi messaggi e di non averne trovati altri attribuiti a suo figlio. Riguardando l'account Messenger, conclude che l'ufficiale dello Shin Ben aveva avviato una corrispondenza personale. "E anche se non l'ha iniziata lui, quale adulto scrive cose come 'sei un fallito o schifoso' a un ragazzino, e che, a differenza del suo amico in prigione, non ha successo?" chiede Abu Sultan. Tre amici minorenni di Amjad hanno detto ad Haaretz che l'uomo chiamato Abu Ayoub li aveva contattati. Ne ha contattati due su Messenger e il terzo su Whatsapp. A volte ha inviato messaggi da un numero non in elenco, a volte dal numero che compare sulla sua pagina Facebook. 

Questo era anche il numero da cui chiamò Osama Abu Sultan per dirgli che l'esercito aveva ucciso suo figlio. Abu Ayoub ha suggerito che uno dei minori diventasse collaboratore, secondo la testimonianza dei giovani. Gli addetti stampa dello Shin Bet che negano che i minori vengano avvicinati direttamente hanno aggiunto "in ogni caso, non è richiesto loro di collaborare". Uno dei tre non usa più il cellulare. Un altro: sua madre lo ha scoperto, gli ha urlato contro e gli ha fatto promettere di smetterla. Il terzo ha risposto più volte ad Abu Ayoub, ma dice di non trovare alcun motivo per essere preoccupato. Dice di aver visto Abu Ayoub guidare i soldati che irrompevano nelle case e arrestavano le persone nel suo quartiere. "Quando Abu Ayoub è in giro, i soldati non picchiano le persone", ha detto. "VOLEVA ESSERE ARRESTATO, STARE CON I SUOI AMICI"

 I genitori di Amjad sapevano che il figlio e i suoi amici stavano prendendo parte a manifestazioni e lanciavano pietre contro le postazioni militari fortificate nella barriera di separazione che imprigiona e blocca Betlemme dal nord, vicino alla tomba di Rachele. La presenza provocatoria dell'enorme muro, dei posti di guardia e dei soldati armati che a volte ne escono per pattugliare la strada rendono difficile per i genitori accudire i propri figli. Da un lato, sono terrorizzati per loro; dall'altro, non vogliono legarli e aumentare la sensazione di soffocamento e prigionia a cui sono sottoposti nell'enclave. I genitori palestinesi sanno che, a differenza della maggior parte degli adulti, che reprimono la loro rabbia, i loro figli vedono la moderazione come un tradimento.

 I genitori di Amjad avevano persino predetto che sarebbe stato arrestato, come molti dei suoi amici del campo profughi di Dahaisha e della città vecchia di Betlemme. Lo Shin Bet, nella prefazione della loro risposta a questo articolo, ha erroneamente scritto: "Amjad Abu Sultan è stato ucciso in seguito al fuoco delle forze armate israeliane contro persone che lanciavano bottiglie incendiarie ai soldati israeliani vicino alla tomba di Rachele, tra loro Amjad." Ma Amjad era stato ucciso a ovest di Beit Jala. Verso le 8 di sera  giovedì 14 ottobre, Amjad e un altro ragazzo della sua età sono scesi nel buio canalone che separa l'ultima fila di case di Beit Jala dalla Statale 60. Sono saliti sulla collina avvicinandosi alla barriera di separazione lungo la strada, progettando di lanciare una bottiglia incendiaria. Non sappiamo se ne avessero più di una.

 Per quanto si sa, Amjad non portava con sé nessuna borsa ed era l'unico con in mano la bottiglia incendiaria. Ha anche illuminato la strada con il suo telefono. In seguito è stato affermato che aveva lasciato una bandiera di Hamas sulla scena, anche se non è chiaro dove avrebbe potuto piantarla. La risposta dell'IDF ad Haaretz per questo articolo non menziona una bandiera. I due si trovavano sul pendio di una collina, a pochi metri dal muro, dietro il quale, sul lato occidentale, si snodano una strada di sicurezza e una nuova strada costruita in una galleria ancora non aperta. Uno dei residenti del quartiere di Beit Jala ha detto al padre che per circa un mese ha notato alcuni bambini seduti sopra il canalone che guardavano il muro e la strada per Gerusalemme costruita sulla terra di Beit Jala e vietata ai palestinesi.

 Abu Sultan presume che suo figlio fosse uno di loro e che avessero visto le telecamere di sorveglianza. Forse hanno notato anche il lontano fortino di Gilo, in cui i soldati non si vedevano da diversi anni. "Mi chiedo", ha detto Abu Sultan, di fronte al luogo in cui è stato ucciso suo figlio, "se mio figlio voleva fare del male a qualcuno, perché stare in un punto dal quale non c'è possibilità di colpire nessuno?" La sua risposta è: "mio figlio non voleva nuocere. Voleva essere arrestato, stare con i suoi amici, che sono stati imprigionati nelle ultime settimane". Molto è stato scritto sul desiderio dei giovani palestinesi di essere arrestati per senso appartenenza, per sentirsi parte della lotta. Molto è stato scritto anche sulla loro rabbia verso gli adulti, che non stanno facendo nulla, secondo loro, contro l'occupante israeliano.

  La famiglia Abu Sultan è composta da veterani di Fatah, tornati con Yasser Arafat a Gaza nel 1994. "Mia madre era una delle quattro donne che hanno fondato Fatah", ha detto Abu Sultan. "Una volta, quando era all'asilo, Amjad è tornato a casa recitando uno slogan che l'Autorità Palestinese era una collaborazionista. L'ho zittito e gli ho detto, cosa ti succede? Ti sembro un collaboratore? Faccio parte dell'Autorità Palestinese e sono membro del movimento Fatah".

Nel tentativo di rivivere gli ultimi momenti di suo figlio con lui, Abu Sultan racconta ancora e ancora come immagina Amjad: accendere l'accendino, portarlo alla bottiglia, quindi farsi sparare. Le testimonianze mostrano che i soldati furono mandati per tendere un'imboscata. Questo è stato scritto anche ore dopo nei siti di notizie israeliani. Il Portavoce dell'IDF ha detto ad Haaretz che "due sospetti avevano lanciato una bomba incendiaria verso la Statale 60". La risposta non menziona che erano adolescenti. Dal loro nascondiglio, i soldati potevano vedere i due ragazzi che scendevano nel buio canalone. 

I ragazzi si sono fermati a pochi metri. Molto vicino ai soldati. I residenti hanno sentito gli spari e hanno guardato verso il muro. Hanno anche sentito delle grida.  "Amjad non è morto subito. Ha gridato ed è morto dissanguato", conclude il padre. Il Portavoce militare ha detto che una forza dell'IDF "ha curato il sospetto ferito e poi lo ha dichiarato morto". I residenti hanno detto che sul posto era scoppiato un incendio ed è morto da solo. La loro conclusione è che la bottiglia incendiaria non è stata lanciata. Hanno visto i soldati trascinare qualcuno a terra verso la porta nel muro illuminato. 

Al padre è stato detto che si vedeva un fascio di luce uscire dal fortino in lontananza, che era stato non in uso per molto tempo. "È lì che si trovava la sala operativa dell'imboscata", conclude Abu Sultan. Il fascio di luce si concentrò sul petto del secondo ragazzo. Uno dei soldati lo ha afferrato da dietro e lo ha scaraventato a terra. Fu arrestato e rilasciato dopo cinque giorni con una multa di 500 shekel (125 euro). Alcuni residenti hanno detto di aver notato soldati vicino al punto dell'imboscata, quella mattina presto, per la prima volta da molto tempo. Un residente ha detto che due settimane prima dell'incidente aveva visto soldati pattugliare il lato orientale del muro. 

Dopo l'uccisione di Amjad, quella notte e la mattina seguente, i soldati furono visti perquisire la zona alla ricerca di qualcosa. Suo padre suppone che stessero cercando il telefono di Amjad. "Lo Shin Bet e i soldati hanno avuto molte opportunità per arrestare mio figlio e non ucciderlo", dice. "Se mio figlio aveva scritto due mesi prima di essere ucciso che voleva lanciare una bottiglia incendiaria, perché Abu Ayoub non ha ordinato di arrestarlo immediatamente? Il 4 ottobre hanno arrestato un nostro vicino. Decine di soldati hanno circondato la casa. Dalla mia finestra li ho visti puntare le armi. Avrebbero potuto arrestare anche mio figlio in quel momento, se rappresentava una tale minaccia per Israele". E ha continuato: "i soldati avrebbero potuto fermarlo in tempo. Hanno visto che era un ragazzino. Perché ucciderlo?" 

Abu Sultan non ha dubbi sul fatto che il Capitano dello Shin Bet abbia provocato deliberatamente suo figlio, definendolo un buono a nulla, a differenza dei suoi amici. "Quegli uomini dello Shin Bet sono guidati da consulenti psicologici, che li consigliano sulla vulnerabilità dei ragazzi", dice. "Sapeva bene che parole come: sei un fallimento; non vali niente, avrebbero influenzato un ragazzino". Il corpo di Amjad non è stato immediatamente restituito alla famiglia. È diventato il numero 89 nella lista dei palestinesi che sono stati colpiti e uccisi dai soldati dell'IDF negli ultimi anni con l'accusa di aver attaccato o pianificato di attaccare un israeliano, e i cui corpi Israele sta detenendo in un congelatore. 

Nel caso di Amjad, l'intervento legale ha aiutato e l'esercito ha rinunciato a trattenere il corpo. Venerdì scorso, Osama Abu Sultan si è recato a un posto di blocco per riceverlo. Quando ha rimosso la copertura e ha visto il viso alterato e congelato, non pensava che non fosse suo figlio. "Ho solo pensato a quanto cambia il viso di una persona quando è congelato", dice. Notò che anche i denti erano cambiati e questo lo stupì. Non si era ancora reso conto che il corpo non era quello di suo figlio quattordicenne. "Quando finalmente ho capito, ero persino contento. Avevo ancora un barlume di speranza che forse mio figlio non fosse morto.  Forse era solo ferito", dice in lacrime. 

Il Portavoce dell'esercito ha detto che l'IDF si scusa per il deplorevole errore nel processo di identificazione e trasferimento e che l'incidente sarà indagato a fondo. Il corpo di Amjad è stato restituito sabato. "C'è la fai? Riesci a sopportare la vista?" chiese e mostrò una foto del viso coperto di ghiaccio di suo figlio. Da quando aveva chiesto l'autopsia, il corpo era stato trattenuto fino a giovedì mattina nell'obitorio dell'ospedale statale di Beit Jala per scongelarlo. La madre di Amjad, Ghada, vestita di nero, con gli occhi rossi, è rimasta seduta in silenzio tutto il giorno fuori dalla porta dell'obitorio, aspettando la possibilità di vedere suo figlio. Giovedì la coppia si è recata a Nablus, dove il corpo è stato sottoposto ad autopsia presso l'istituto forense. Tornarono a casa con il figlio. "Tre proiettili sparati con un'angolazione verso l'alto, a distanza molto ravvicinata. Due tre metri", ha riferito Abu Sultan su Whatsapp. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti