Giornata della terra : dopo 38 anni, Israele ancora non capisce le proteste arabe sugli espropri


A Palestinian plants an olive tree ahead of 'Land Day', March 29, 2014
Sintesi personale  

La Comunità araba palestinese  ricorda la Giornata della Terra, un evento annuale che commemora protesta scoppiata il 30 marzo 1976 contro gli espropri  voluti dal Governo : sei arabi  furono uccisi dalle forze di sicurezza israeliane.
Quella prima Giornata della Terra iniziò con uno sciopero generale nelle comunità arabe di Israele, sulla scia di una risoluzione del Governo che approvava  l'esproprio di 20.000 dunams (circa 5.000 ettari) in una zona conosciuta come Area 9 o la valle Sakhnin, al fine di  aumentare la popolazione ebraica in Galilea.
Nei successivi 38 anni  due eventi segnano  i rapporti tra lo Stato e i suoi cittadini arabi. Il primo è stato il secondo governo Rabin e il processo di pace di Oslo, quando per la prima volta gli arabi in Israele furono visti come veri e propri partner e un certo numero di comunità beduine in Galilea ricevettero il riconoscimento ufficiale. Il secondo momento di svolta fu nell'ottobre del  2000   che vide precipitare la  fiducia degli arabi israeliani nelle istituzioni .
Negli ultimi dieci anni  molte questioni sono emerse . Le organizzazioni  arabe e  quelle per i diritti umani  hanno rilasciato documenti che sottolineano il desiderio dei cittadini arabi di Israele di preservare la loro identità nazionale pur accettando la cittadinanza israeliana ,basata sulla piena uguaglianza e il loro riconoscimento come minoranza. Lo Stato, invece, è andato nella direzione opposta, sottolineando il carattere ebraico dello Stato in ogni occasione
Proposte specifiche, come ad esempio il cosiddetto piano Prawer per trasferire decine di migliaia di Beduini del Negev dai villaggi non riconosciuti alle comunità riconosciute e  la  proposta di scambio di popolazione del ministro degli Esteri Avigdor Lieberman, inviano agli arabi israeliani un messaggio chiaro : lo Stato vuole  pochi di loro  all'interno dei confini dello stato e nella zona più piccola possibile.
Questa politica è confermato nella grave carenza di alloggi all'interno della comunità araba. Secondo un recente studio dell'organizzazione non governativa Hagalil, la comunità araba di Israele avrà bisogno di almeno 100.000 abitazioni aggiuntive nel prossimo decennio.
El Baqa, un'organizzazione specializzata nei problemi della pianificazione, cita cifre provenienti dal Ministero dell'interno  e dal Ministero dell'edilizia , secondo cui solo il nove per cento dei permessi di costruzione rilasciati tra marzo e settembre 2012, o 2.200 unità, erano per le comunità arabe, un 43 per cento  in meno erano previsti  tra il 2012 e il 2013 . Il risultato pratico è un aumento nella costruzione senza licenza e migliaia di ordini di demolizione che pendono sopra le teste dei proprietari di casa.
La linea di fondo è che lo Stato non è riuscito non solo di imparare le lezioni della prima Giornata della Terra, ma  sempre  di più volta le spalle ai suoi cittadini arabi.
  La manifestazione per la Giornata della Terra tradizionale avrà luogo a Sakhnin e in Arabeh e  nel villaggio beduino non riconosciuto  del Negev di Suween
E 'dubbio tali proteste riceveranno  un'ampia copertura mediatica; l' opinione pubblica israeliana non ha veramente a cuore i problemi che non sono cambiati da un anno all'altro.
È arrivato il momento per tutte le parti di cercare una nuova politica, in base alla quale  lo Stato  considera gli arabi come cittadini uguali  e dall'altro la leadership araba   esponga i propri piani  e chieda il rispetto del diritto fondamentale alla casa prima che sia troppo tardi. Sfilate e slogan da soli non sono sufficienti  e la giovane generazione di arabi sta cominciando a perdere la sua fiducia in tutti.

38 years on, Israel still doesn't understand Arab protests over land seizures

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Free Arabs, American Islamic Congress ( AIC) ,Weddady e lobby Pro-israele islamofobiche

ATTIVISTA ANTI-SIONISTA, EBREO israeliano, ARRESTATO PER "AVER RICORDATO COME ISRAELE TRATTA I PALESTINESI"

YUMNA PATEL :Il governo israeliano chiede ritorsioni e punizioni collettive in seguito alla sparatoria a Gerusalemme. La violenza dei coloni