venerdì 29 luglio 2016

Yossi Klein: per Israele, solo l'antisemitismo è razzismo





  Sintesi personale
Una lunga fila di bambini ,provenienti da diversi paesi,  sosta a Berlino davanti al Museo dedicato al Nazismo ,nonostante siano iniziate le vacanze estive
La mostra non è facile ..Non è divertente vedere il razzismo brutale ,sorto prima che i loro genitori nascessero ,  in un paese che non conoscono.  Non è divertente andare lì quando, a soli 10 minuti a piedi, la Friedrichstrasse offre tutto ciò che l'Europa può dare ai giovani,ma  qui sono e  la loro visita è educativa  e l'educazione non è sempre divertente.
La visita alla mostra educa all' apertura. Quando si mettono insieme  bambini provenienti dall' Italia, dal Portogallo e dalla  Francia per una mostra, non si ha intenzione di insegnare loro solo il razzismo in Germania. Il fine principale è di far capire non ciò che   i tedeschi hanno fatto agli ebrei, ma il  danno che il razzismo può fare.
La principale cosa che i genitori e gli insegnanti vogliono è che i bambini comprendano che  il razzismo esiste ancora nel mondo in cui vivono. Non è solo una lezione di storia; si tratta di una lezione  sulla natura umana e il suo volto negativo .  Imparano da una mostra che la natura umana non cambia:  quello che è successo in Germania potrebbe accadere anche a loro.
Davanti al Museo Van Gogh di Amsterdam  vi è una lunga fila di studenti ,così anche al Louvre di Parigi e alla Galleria degli Uffizi di Firenze. Lo scopo è  educare all' apertura. I bambini imparano che il mondo non inizia e finisce con la propria lingua e la propria  religione. Imparano che la loro cultura ha influenzato   altre culture, ma ne è stata anche influenzata .Imparano che le pitture rupestri sono collegate ai  geroglifici egiziani,alle  icone russe, ai dipinti rinascimentali e all' arte moderna.
Mi si potrebbe chiedere, cosa vuoi? Dopo tutto questa è l'Europa. È possibile andare da Parigi a Londra in treno in circa due ore, da Parigi a Berlino in tre. Questo è vero, ma l'altra cultura non dista  cinque ore da noi. E 'qui con noi, sotto i nostri occhi  Perché  non  raccoglierla ? Basta chiedere il motivo  al ministro della cultura e dello sport  Miri Regev e  al ministro dell'Istruzione Naftali Bennett.
Regev e  Bennett lo sanno e Orwell ha scritto a questo proposito: "L'ignoranza è forza". Sono una  potenza grazie alla ignoranza e l'ignoranza li mantiene al loro posto . Se dovessimo conoscere il  poeta palestinese Mahmoud Darwish , potremmo forse pensare  che ci siano anche poeti arabi,. E se utilizziamo  internet   si potrebbe pensare che essere gay non è una malattia. Se  impariamo a conoscere l'arte rinascimentale, potremmo scoprire che il Nuovo Testamento esiste.  Alla fine  i nostri figli potrebbero pensare che la cultura europea non è solo Eurovision e la UEFA Champions League.
Al fine di riempire le crepe nel nostro  muro di ignoranza, abbiamo inventato lo slogan :  "L'ignoranza è carina." Non siamo più pieni di vergogna per la nostra ignoranza,anzi ne siamo orgogliosi  .Non ho letto  Cechov? E allora? Non so chi è Quentin Tarantino? Che importa
L'accettazione della cultura -  occidentale e orientale - è il biglietto di ingresso  nella società , una dichiarazione del nostro essere parte di essa. Il nazionalismo, l'ignoranza e la religiosità chiudono questo ingresso a noi  e solo internet ci offre una porta laterale .Ci diciamo che tutti ci odiano,  quindi ci concentriamo  solo su noi stessi.
Se fossi ministro della cultura non avrei approvato una mostra sul razzismo qui,infatti avrebbe rotto  il silenzio.  Noi non parliamo di razzismo, perché se si parla di razzismo, noi saremmo sul lato sbagliato 
 Non siamo disposti a parlare di razzismo perché non siamo pronti a condividere la sofferenza. Per quanto ci riguarda  solo l'antisemitismo è  razzismo. Il razzismo contro gli ebrei è un reato e il razzismo contro gli altri a volte è una necessità. E 'sufficiente chiamare i richiedenti asilo africani un " cancro " e il messaggio arriva  A Berlino, la culla del razzismo nazista, ho incontrato molte coppie di razza mista. Mi sentivo in imbarazzo e io so perché: nella illuminata e liberale Tel Aviv, non ho mai incontrato una tale coppia.
  Fatta eccezione per la partecipazione eterna al nostro dolore, non vogliamo nulla dal mondo o forse solo qualcosa di piccolo: far parte della guerra contro il terrorismo islamico,ma poi ,finalmente quando vogliamo appartenere a qualcosa , ci  chiudono la porta in faccia  :La nostra delusione è  scaturita quando l'uomo armato di Monaco di Baviera , non ha agito in nome dell'Islam , infatti, ci siamo sentiti  più lontano da Berlino.


Yossi Klein : As Far as Israel Is Concerned, Only anti-Semitism Is Racism

 

Nessun commento:

Posta un commento