Aron Keller Come i gruppi britannici filo-israeliani stanno riscrivendo i libri di storia del Medio Oriente .

 

103
C

Traduzione sintesi 

Per la seconda volta in due anni, un'importante società educativa internazionale ha ritirato due libri di testo scolastici britannici sulla storia del Medio Oriente, in risposta alle accuse di parzialità riguardo al loro contenuto israelo-palestinese. Pearson, che sovrintende anche agli esami nazionali per ragazzi dai 14 ai 16 anni nel Regno Unito, ha annunciato la decisione l'8 giugno dopo che una revisione indipendente di due accademici britannici ha trovato nei libri un pregiudizio pro-Israele "pericolosamente fuorviante".

Il contenuto in questione è stato aggiunto ai libri di testo in apparente consultazione con i gruppi filo-israeliani britannici convinti che i materiali  contenessero pregiudizi anti-israeliani, facendo eco alle accuse mosse contro i libri utilizzati nel curriculum scolastico palestinese . Ciò evidenzia l'intensificarsi degli sforzi globali per rimuovere i contenuti ritenuti critici  verso Israele da materiali didattici ampiamente utilizzati.

Pearson inizialmente ha ritirato i libri di testo nell'ottobre 2019, in risposta a una petizione della Federazione sionista del Regno Unito, citando una revisione commissionata dagli avvocati britannici per Israele (UKLFI) che li etichettava come "propaganda anti-israeliana". Il più grande organo di rappresentanza comunale dell'ebraismo britannico, il Board of Deputies, si è unito al coro, chiedendo una "sostanziale riscrittura" dei libri di testo, che contenevano "riferimenti insufficienti a organizzazioni terroristiche" come Hamas, tra le altre cose.

Sotto pressione, Pearson ordinò una revisione indipendente dei libri di testo "The Middle East: Conflict, Crisis and Change, 1917-2012" e "Conflict in the Middle East, c1945-1995", entrambi scritti da Hilary Brash. La revisione, condotta dall'organizzazione educativa Parallel Histories , ha determinato che non c'era " nessuna prova di pregiudizi anti-israeliani" ma ha identificato "alcune aree  dove l'equilibrio delle fonti potrebbe essere migliorato". 

Nonostante queste conclusioni favorevoli Pearson ritirò i libri di testo e produsse versioni aggiornate. Mentre Pearson ha insistito sul fatto che le revisioni apportate alle nuove edizioni "si basavano sull'esito della revisione indipendente" , una dichiarazione rilasciata dal Consiglio dei Deputati ,nel settembre 2020 ,affermava che il Consiglio ha collaborato con UKLFI "per produrre commenti approfonditi su entrambi i libri di testo, che Pearson ha ricevuto e su cui ha agito", e ha applaudito Pearson per la "disponibilità a rivedere questi libri di testo" sulla base di tali raccomandazioni.

Tuttavia, la pubblicazione dei libri di testo rivisti non ha risolto la questione; la loro comparsa ha provocato una nuova ondata di proteste, questa volta guidate da due accademici affiliati al British Committee for the Universities of Palestine (BRICUP).

John Chalcraft, professore di storia e politica del Medio Oriente alla London School of Economics, ha affermato di aver sentito parlare per la prima volta del processo editoriale "unilaterale" di Pearson attraverso i resoconti dei media. Dopo aver sollevato le sue preoccupazioni circa pro-Israele pregiudizi con Pearson nel mese di novembre 2020, Chalcraft e il suo collega James Dickins, docente di lingua araba presso l'Università di Leeds, hanno intrapreso  lo studio dei libri di testo, confrontando le edizioni rivedute con quelle originali. Lo “straordinario numero di modifiche” apportate ai libri, conclude lo studio, ha trasformato i testi in “propaganda sotto le mentite  spoglie dell'educazione”.

Le modifiche erano "così numerose, così sfacciatamente unilaterali, progettate in modo così sproporzionato per scagionare Israele, che siamo ' sorpresi dal fatto che un rispettabile editore internazionale presieda a tale processo per un libro di testo GCSE", ha detto Chalcraft +972 Magazine,  facendo riferimento agli esami nazionali sostenuti dai ragazzi dai 14 ai 16 anni nel Regno Unito

Vista del muro di separazione e del complesso di Al-Aqsa sullo sfondo il 2 febbraio 2020. (Olivier Fitoussi/Flash90)
Vista del muro di separazione e del complesso di Al-Aqsa sullo sfondo il 2 febbraio 2020. (Olivier Fitoussi/Flash90)

Questa revisione radicale, secondo lui, è stata il risultato di "tentativi fuorvianti e goffo di Pearson di gestire le minacce reputazionali e legali poste dai gruppi pro-Israele".

Trattamento parziale

Un esempio di "trattamento parziale" citato nel rapporto di Chalcraft e Dickins riguarda il diritto internazionale. Secondo le versioni originali dei libri di testo, "il diritto internazionale stabilisce che un paese non può annettere o occupare indefinitamente un territorio conquistato con la forza" - un principio fondamentale sancito dalla Quarta Convenzione di Ginevra del 1949 La versione modificata, tuttavia,  afferma:  "Alcuni discutono". Secondo Chalcraft, l'aggiunta di queste due parole "spazza via sette decenni di giurisprudenza internazionale, trasformando un consenso schiacciante in un'opinione minoritaria e discutibile".

In altri casi, la modifica di una sola parola è stata sufficiente per "fare una differenza sostanziale", afferma il rapporto. Ad esempio, l'edizione originale descrive il massacro di Deir Yassin del 1948 , nella quale le forze sioniste pre-statali uccisero oltre 100 civili palestinesi, come "una delle peggiori atrocità della guerra del 1948"; nell'edizione riveduta, la parola "atrocità" è sostituita da "atti".

Chalcraft e Dickins notano inoltre che mentre i riferimenti alla violenza ebraica nella versione originale sono stati rimossi o contestualizzati, nella nuova versione sono stati amplificati i casi di aggressione araba o palestinese. Il libro di testo originale affermava che "le braccia e le dita dei bambini [palestinesi] lanciatori di pietre furono rotte [dai soldati israeliani]" durante la Prima Intifada; la versione rivista omette questo fatto. 

In totale, la coppia ha identificato 294 modifiche al nuovo libro di testo, con una media di più di tre per pagina. La maggior parte di  queste erano "enfaticamente pro-Israele", conclude il rapporto.

Giovani ebrei israeliani assistono a una processione di attivisti israeliani, palestinesi e internazionali che portano i nomi di coloro che sono morti nel massacro di Deir Yassin, Givat Shaul, Gerusalemme ovest, 10 aprile 2014. (Activestills.org)
Giovani ebrei israeliani assistono a una manifestazione di attivisti israeliani, palestinesi e internazionali che portano i nomi di coloro che sono morti nel massacro di Deir Yassin, Givat Shaul, Gerusalemme ovest, 10 aprile 2014. (Activestills.org)

Pearson non ha risposto direttamente alle domande di +972 riguardo al ritiro dei libri di testo da parte della casa editrice e se avesse intenzione di ripubblicare o aggiornare i materiali. Invece, il suo direttore,  Anna O'Sullivan, ha condiviso un comunicato stampa di giugno  nel quale  la società ha confermato che avrebbe sospeso la distribuzione dei libri mentre rivedeva il suo processo editoriale.

Fiducia danneggiata

Riflettendo sulle più ampie implicazioni delle revisioni dei libri di testo, Chalcraft ha affermato che Pearson deve adottare misure per "rendere chiaro pubblicamente cosa è andato storto [con le revisioni] e spiegare come si intende rimediare, al fine di ripristinare la fiducia di educatori, genitori, studenti e del pubblico in generale”.

Secondo una madre britannica di origine palestinese, che ha parlato con +972 a condizione di anonimato per proteggere la privacy della sua famiglia, la vicenda dei libri di testo ha danneggiato la fiducia di suo figlio nel sistema educativo. Temendo di non ricevere un resoconto accurato della storia palestinese, ha scelto di non dedicarsi alla storia come soggetto del GCSE, ha detto. 

Salwa Abu-Wardeh, un'educatrice palestinese e membro di Makan, un'organizzazione no-profit educativa con sede nel Regno Unito focalizzata sulla Palestina, condivide queste preoccupazioni. "Come genitore palestinese, mi aspetto che la verità sulla storia del mio popolo e su ciò che hanno vissuto e stanno ancora vivendo venga insegnata nelle classi dei miei figli", ha detto. Ha aggiunto che il Dipartimento dell'Istruzione del Regno Unito ha la responsabilità unica di garantire che i bambini conoscano il ruolo storico della Gran Bretagna nell'espropriazione, nello sfollamento e nell'oppressione in corso in Israele-Palestina.

Nel 1916,l Regno Unito e la Francia firmarono un trattato segreto per dividere le aree che erano state sotto il dominio ottomano, noto come accordo Sykes-Picot. Nel 1917, il governo del Regno Unito emanò la Dichiarazione Balfour, sostenendo "l'istituzione in Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico" e ignorando l'equivalente diritto all'autodeterminazione degli arabi palestinesi che già vivevano lì. La Palestina  fu sotto il dominio britannico dal 1920 al 1948, quando fu fondato lo stato di Israele, durante il quale i britannici contribuirono alla crescente violenza tra i movimenti nazionalisti ebrei e arabi.

Soldati britannici in servizio nella Città Vecchia di Gerusalemme parlano con un residente palestinese (a destra) e il fotografo Eric Matson (al centro), 30 ottobre 1938. (Colonia americana/GPO)
Soldati britannici in servizio nella Città Vecchia di Gerusalemme parlano con un residente palestinese (a destra) e il fotografo Eric Matson (al centro), 30 ottobre 1938. (Colonia americana/GPO)

Abu-Wardeh vede anche il ritiro dei libri di testo di Pearson come parte di un bisogno più ampio di allontanarsi dai "racconti storici [che] implicitamente ritraggono i colonizzatori europei bianchi come figure eroiche ,mentre emarginano i contributi legittimi dei colonizzati nella migliore delle ipotesi e incolpandoli per la loro sfortuna e sofferenza nel peggiore dei casi”.

Caratterizzare erroneamente l'istruzione palestinese. I libri di testo 


La controversia sul contenuto israelo-palestinese nei materiali didattici è una tendenza globale in espansione. Ad esempio, solo di recente la California ha approvato il suo curriculum di studi etnici per le scuole superiori, dopo anni di accesi dibattiti e molteplici bozze  dove l'educazione sul conflitto è diventata un punto chiave di contesa tra gruppi ebraici e arabo-americani.

Per decenni, il curriculum scolastico palestinese è stato un punto focale della difesa pro-Israele , incentrata principalmente sull'affermazione che i suoi libri di testo sono saturi di antisemitismo . Diverse  indagini indipendenti hanno smentito la caratterizzazione dell'istruzione palestinese come catalizzatore della violenza antiebraica.

Il mese scorso, il rinomato Georg Eckert Institute for International Textbook Research ha pubblicato il suo studio biennale finanziato dall'UE sul curriculum dell'Autorità Palestinese. Dei 172 testi analizzati, i ricercatori hanno identificato un capitolo di un libro di testo islamista dal contenuto antisemita, successivamente modificato; la stragrande maggioranza dei libri di testo palestinesi "ha aderito agli standard dell'UNESCO" e ha mostrato una "forte attenzione ai diritti umani", conclude il rapporto. Il rapporto ha anche osservato che alcuni testi contenevano "una narrazione di resistenza nel contesto del conflitto israelo-palestinese" e "antagonismo nei confronti di Israele". Questa narrazione si contrappone a più di mezzo secolo di occupazione israeliana.

Una versione precedente del rapporto Eckert è trapelata nell'agosto 2020, ma i suoi risultati non hanno impedito ai gruppi britannici filo-israeliani di continuare a fare false caratterizzazioni del curriculum palestinese. A febbraio, una coalizione di gruppi pro-Israele che comprende la Federazione sionista, il Consiglio dei deputati, il Consiglio della leadership ebraica e We Believe in Israel ha ospitato un webinar intitolato Educare per la pace : fermare l'incitamento al finanziamento nel curriculum palestinese". Uno dei relatori dell'evento è stato Marcus Sheff, che guida l'Institute for Monitoring Peace and Cultural Tolerance in School Education (IMPACT-SE), un'organizzazione israeliana di monitoraggio dei libri di testo, in prima linea negli sforzi per esaminare il curriculum palestinese, così come i curricula islamici in tutto il mondo. 

Nel 2018, il governo del Regno Unito ha affermato che la ricerca di IMPACT-SE "non era obiettiva nei suoi risultati e mancava di rigore metodologico". Nel 2002, l'UE ha suggerito che l'organizzazione, avesse tradotto male e avesse inventato citazioni per sostenere affermazioni "infondate" di incitamento antiebraico.

Un ampio studio condotto nel 2013 dall'organizzazione interreligiosa Council for Religious Institutions in the Holy Land, nel frattempo, ha scoperto che "le caratterizzazioni disumanizzanti e demonizzanti dell'altro erano molto rare nei libri israeliani e palestinesi", sebbene identificasse casi di pregiudizio da entrambe le parti. Il Rapporto sui diritti umani del 2009 del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti è giunto a una conclusione simile .

Studenti palestinesi vanno a scuola a piedi il primo giorno di scuola, a Gaza City, 25 agosto 2019. (Hassan Jedi/Flash90)
Studenti palestinesi vanno a scuola a piedi il primo giorno di scuola, a Gaza City, 25 agosto 2019. (Hassan Jedi/Flash90)

Al contrario, uno studio quinquennale pubblicato nel 2011 dalla studiosa israeliana Nurit Peled-Elhanan ha scoperto che i libri di testo scolastici israeliani descrivevano costantemente i palestinesi come "rifugiati, contadini primitivi e terroristi", ma mai come una "persona normale".

La controversia sui libri di testo di Pearson coincide con una cospicua risposta da parte degli insegnanti britannici a un'ondata di proteste pro-palestinesi nelle scuole a seguito dell'ultima ondata di violenza in Israele-Palestina. Secondo quanto riferito, gli insegnanti hanno punito dozzine di studenti per aver espresso solidarietà ai palestinesiil segretario all'Istruzione del Regno Unito Gavin Williamson ha condannato le scuole per aver permesso "un'atmosfera di intimidazione o paura per altri studenti e insegnanti" e ha sottolineato che i capi di istituto hanno "doveri legali riguardo all'imparzialità politica".

Per Abu-Wardeh di Makan, termini come "imparzialità" possono essere "falsi e fuorvianti" nel contesto israelo-palestinese, dove c'è uno "squilibrio di potere intrinseco tra uno stato potente e oppressivo e uno stato oppresso". 

“In sostanza, questa non è una questione controversa o complicata, e non ci sono due 'parti uguali'”, ha detto Abu-Wardeh. “L'empatia e la compassione sono valori al centro dell'istruzione e punire i bambini per aver parlato a sostegno dei palestinesi, o di qualsiasi altra comunità oppressa o emarginata, va direttamente contro questi valori fondamentali. Dovremmo incoraggiare i nostri figli a difendere la giustizia e l'uguaglianza, non punirli quando lo fanno”.

Allegato

Libri di testo israeliani e palestinesi e "incitamento"

 

USA : libri di testo palestinesi non demonizzano Israele.

Peter Beinart : Perché Dov Hikind pensa che io sia "patetico" e "malato".I libri di testo palestinesi e i finanziamenti americani all' UNRWA

Chi incita più all'odio palestinese Abbas e Netanyahu? di Peter Beinart

Nurit Peled-Elhanan: " i testi scolastici israeliani contengono pregiudizi"

Israele: la censura passa anche dai libri dei bambini palestinesi

La destra israeliana prende di mira i libri di testo

Nurit Peled Elhanan, La studiosa israeliana: "Nei nostri libri di scuola i palestinesi sono primitivi”

MANUALI DI STORIA PALESTINESI SOTTO ACCUSA

La Storia dell'Altro: adottato dall'Autorità Palestinese, proibito da Israele

Uri Avnery e Unrwa : i libri di testo nelle scuole palestinesi

Akiva Eldar : 'Istigazione' palestinese: la solita ultima risorsa di Israele

La Palestina nei libri di testo israeliani

Tribunale israeliano: Palestinian Media Watch è di parte e il suo direttore non è un esperto

For the second time in two years, a major international education company has withdrawn two British school textbooks on Middle East history, in response to accusations of bias regarding their Israel-Palestine content. Pearson, which also oversees national exams for 14- to 16-year-olds in the U.K., announced the decision on June 8 after an independent review by two British academics found “dangerously misleading” pro-Israel bias in the books.

The content in question was added to the textbooks in apparent consultation with British pro-Israel groups after they claimed the materials contained anti-Israel bias, echoing charges leveled at books used in the Palestinian school curriculum, and reflecting intensifying global efforts to remove content deemed critical of Israel from widely-used educational materials.

Pearson initially withdrew the textbooks in October 2019, in response to a petition by the U.K.’s Zionist Federation, citing a review commissioned by UK Lawyers for Israel (UKLFI) that labelled them “anti-Israel propaganda.” U.K. Jewry’s largest communal representative body, the Board of Deputies, joined in the chorus, demanding a “substantial rewrite” of the textbooks, which, it claimed, contained “insufficient reference to terrorist organisations” like Hamas, among other things.

Under pressure, Pearson ordered an independent review of the textbooks “The Middle East: Conflict, Crisis and Change, 1917-2012” and “Conflict in the Middle East, c1945-1995,” both authored by Hilary Brash. The review, conducted by educational organization Parallel Histories, determined there was “no overall evidence of anti-Israel bias” but did identify “some areas where the balance of sources could be improved.” 

Despite these benign conclusions, Pearson withdrew the textbooks and produced updated versions. While Pearson insisted revisions made to the new editions “were based on the outcome of the independent review,” and that it “retained full editorial control of these changes throughout,” a statement released by the Board of Deputies in September 2020 claimed the Board worked with UKLFI “to produce thorough comments on both textbooks, which Pearson have received and acted upon,” and applauded Pearson for their “willingness to revise these textbooks” based on those recommendations.

The release of the revised textbooks did not settle the matter, however; their appearance prompted a fresh round of protests, this time led by two academics affiliated with the British Committee for the Universities of Palestine (BRICUP).

John Chalcraft, a professor of Middle East history and politics at the London School of Economics, said he first heard about Pearson’s “one-sided” editorial process through media reports. After raising his concerns about pro-Israel bias with Pearson in November 2020, Chalcraft and his colleague James Dickins, a professor of Arabic at the University of Leeds, undertook a line-by-line study of the textbooks, comparing the revised editions with the originals. The “extraordinary number of changes” made to the books, the study concludes, transformed the texts into “propaganda under the guise of education.”

The alterations were “so numerous, so blatantly one-sided, so disproportionately designed to exonerate Israel, that it does allow one to be a little surprised that a reputable, international publisher would preside over such a process for a GCSE textbook,” Chalcraft told +972 Magazine, referring to the national exams taken by 14- to 16-year-olds in the U.K.

View of the separation wall and Al-Aqsa compound in the background on February 2, 2020. (Olivier Fitoussi/Flash90)
View of the separation wall and Al-Aqsa compound in the background on February 2, 2020. (Olivier Fitoussi/Flash90)

This radical overhaul, he believes, was the result of “misguided and blundering attempts by Pearson to manage perceived reputational and legal threats posed by pro-Israel groups.”

Biased treatment

One example of “biased treatment” cited in the report by Chalcraft and Dickins relates to international law. According to the original versions of the textbooks, “international law states that a country cannot annex or indefinitely occupy territory gained by force” — a basic principle enshrined in the 1949 Fourth Geneva Convention. The amended version, however, prefixes “Some argue” to this sentence. According to Chalcraft, adding these two words “sweeps away seven decades of international jurisprudence, turning an overwhelming consensus into a minority, debatable opinion.”

In other cases, altering a single word was enough to “make a substantial difference,” the report states. For example, the original edition describes the 1948 Deir Yassin massacre, in which pre-state Zionist forces killed over 100 Palestinian civilians, as “one of the worst atrocities of the 1948 war;” in the revised edition, the word “atrocities” is replaced by “acts.”

Chalcraft and Dickins additionally note that while references to Jewish violence in the original version were removed or contextualized, in the new version, instances of Arab or Palestinian aggression were magnified. The original textbook stated that the “arms and fingers of [Palestinian] child stone throwers were broken [by Israeli soldiers]” during the First Intifada; the revised version omits this fact. 

In total, the pair identified 294 changes to the new textbook, averaging more than three per page. Most of these were “emphatically pro-Israel,” the report concludes.

Israeli Jewish youth watch a procession of Israeli, Palestinian, and international activists carrying names of those who died in the Deir Yassin massacre, Givat Shaul, West Jerusalem, April 10, 2014. (Activestills.org)
Israeli Jewish youth watch a procession of Israeli, Palestinian, and international activists carrying names of those who died in the Deir Yassin massacre, Givat Shaul, West Jerusalem, April 10, 2014. (Activestills.org)

Pearson did not directly respond to +972’s questions regarding the publishing company’s withdrawal of the textbooks, and whether it was planning to republish or update the materials. Instead, its director of corporate affairs, Anna O’Sullivan, shared a June press release in which the company confirmed that it would pause its distribution of the books while it reviews its editorial process.

Damaged trust

Reflecting on the wider implications of the textbook revisions, Chalcraft said that Pearson needs to take steps to “make clear publicly what went wrong [with the revisions], and to explain how they plan to put it right, in order to restore the confidence of educators, parents, students, and the wider public.”

According to one British mother of Palestinian descent, who spoke to +972 on the condition of anonymity to protect her family’s privacy, the textbook affair has damaged her son’s trust in the education system. Fearing he would not receive an accurate account of Palestinian history, he has chosen not to pursue history as a GCSE subject, she said. 

Salwa Abu-Wardeh, a Palestinian educator and member of Makan, a U.K.-based educational nonprofit focused on Palestine, shares these concerns. “As a Palestinian parent, I expect the truth about the history of my people and what they experienced, and are still experiencing, to be taught in my children’s classrooms,” she said. She added that the U.K. Education Department has a unique responsibility to ensure children learn about Britain’s historic role in ongoing dispossession, displacement, and oppression in Israel-Palestine.

In 1916, the U.K. and France signed a secret treaty dividing areas that had been under Ottoman rule, known as the Sykes-Picot Agreement. In 1917, the U.K. government issued the Balfour Declaration, supporting “the establishment in Palestine of a national home for the Jewish people” and disregarding the equivalent right to self-determination of Palestinian Arabs already living there. Palestine was under British mandatory rule from 1920 to 1948, when the state of Israel was founded, during which time the British presided over and contributed to rising violence between Jewish and Arab nationalist movements.

British soldiers on duty in the Old City of Jerusalem speak with a Palestinian resident (right) and photographer Eric Matson (center), October 30, 1938. (American Colony/GPO)
British soldiers on duty in the Old City of Jerusalem speak with a Palestinian resident (right) and photographer Eric Matson (center), October 30, 1938. (American Colony/GPO)

Abu-Wardeh also sees the withdrawal of Pearson’s textbooks as part of a wider need to move away from historical “accounts [that] implicitly portray white European colonizers as heroic, ‘fully formed’ figures while marginalising the legitimate contributions of the colonized at best, and blaming them for their own misfortune and suffering at worst.”

Mischaracterizing Palestinian education

The controversy over Israel-Palestine content in educational materials is a broadening global trend. For example, California only recently approved its ethnic studies curriculum for high schools, after years of fierce debate and multiple drafts in which education about the conflict became a key point of contention between Jewish and Arab-American groups.

For decades, the Palestinian school curriculum has been a focal point of pro-Israel advocacy, mostly hinging on the claim that its textbooks are saturated with antisemitism. But several independent investigations have debunked the characterization of Palestinian education as a catalyst for anti-Jewish violence.

Last month, the world-renowned Georg Eckert Institute for International Textbook Research published its two-year EU-funded study into the Palestinian Authority’s curriculum. Of the 172 texts analyzed, researchers identified one chapter in an Islamist textbook with antisemitic content, which was later altered; the overwhelming majority of Palestinian textbooks “adhered to UNESCO standards” and displayed a “strong focus on human rights,” the report concluded. The report also noted that some texts contained “a narrative of resistance within the context of the Israeli-Palestinian conflict” and “antagonism towards Israel.” This narrative is set against more than half a century of Israeli occupation.

An earlier version of the Eckert report was leaked in August 2020, but its findings did not deter British pro-Israel groups from continuing to make false characterizations of the Palestinian curriculum. In February, a coalition of pro-Israel groups comprising the Zionist Federation, Board of Deputies, Jewish Leadership Council, and We Believe in Israel hosted a webinar entitled “Educate for Peace: Stop Funding Incitement in the Palestinian Curriculum.” One of the speakers at the event was Marcus Sheff, who leads the Institute for Monitoring Peace and Cultural Tolerance in School Education (IMPACT-SE), an Israeli textbook-monitoring organization that has been at the forefront of efforts to scrutinize the Palestinian curriculum, as well as Islamic curricula worldwide. 

In 2018, the U.K. government claimed IMPACT-SE’s research was “not objective in its findings and lacked methodological rigour.” In 2002, the EU suggested that the organization, then known as the Center for Monitoring the Impact of Peace, had mistranslated and fabricated quotations to support “unfounded” claims of anti-Jewish incitement.

A large study carried out in 2013 by the interfaith organization the Council for Religious Institutions in the Holy Land, meanwhile, found that “[d]ehumanizing and demonizing characterizations of the other were very rare in Israeli and Palestinian books,” although it did identify instances of bias on both sides. The U.S. State Department’s 2009 Human Rights Report reached a similar conclusion.

Palestinian students walk to school on the first day of school, in Gaza City, August 25, 2019. (Hassan Jedi/Flash90)
Palestinian students walk to school on the first day of school, in Gaza City, August 25, 2019. (Hassan Jedi/Flash90)

By contrast, a five-year study published in 2011 by the Israeli scholar Nurit Peled-Elhanan found that Israeli school textbooks consistently depicted Palestinians as “refugees, primitive farmers, and terrorists,” but never as a “normal person.”

The Pearson textbook controversy coincides with a conspicuous response by British teachers to a wave of pro-Palestine protests in schools following the latest round of violence in Israel-Palestine. Teachers reportedly disciplined dozens of students for expressing solidarity with Palestinians; the U.K.’s Education Secretary Gavin Williamson condemned schools for permitting “an atmosphere of intimidation or fear for other students and teachers,” and stressed that school heads have “legal duties regarding political impartiality.”

But for Makan’s Abu-Wardeh, terms such as “impartiality” or “even-handed” can be “disingenuous and misleading” in the context of Israel-Palestine, where there is an “inherent power imbalance between an oppressive powerful state and an oppressed stateless people.

“At its core, this is not a controversial or complicated issue, and there are no two ‘equal sides,’” said Abu-Wardeh. “Empathy and compassion are values at the heart of education, and disciplining children for speaking up in support of Palestinians, or any other oppressed or marginalized community, goes directly against these core values. We should be encouraging our children to stand up for justice and equality — not punishing them when they do.”


Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri