Richard Silverstein : Il gabinetto di sicurezza israeliano ordina l'omicidio di importanti leader e famiglie di Hamas, invocando un versetto biblico che ordina lo sterminio di Amalek

 


BREAKING: Israeli Security Cabinet Orders Murders of Senior Hamas Leaders and Families – Tikun Olam תיקון עולם إصلاح العالم




sinwar haniyeh
Islamial Haniyeh e Yahya Sinwar, alti dirigenti di Hamas: Israele ha messo un prezzo sui loro capi e su quelli delle loro famiglie

URGENTE : questo rapporto è un'importante notizia dell'ultima ora. È il tipo di giornalismo che non troverai da nessun'altra parte. È un'informazione che ti porta all'interno dell'apparato militare e di intelligence israeliano per apprendere segreti che spesso non vogliono che tu sappia.

Ho una raccolta fondi su Facebook che ha raccolto oltre $ 3.000. Clicca sul link e fai una donazione. Se hai un conto Paypal puoi cliccare sul link sottostante.  Donerò il 10% di tutti i proventi agli aiuti umanitari a Gaza .

Per favore,  dona adesso .

Una fonte di sicurezza israeliana ben informata dice a Tikun Olam che il gabinetto di sicurezza ha ordinato all'IDF e allo Shin Bet di assassinare tutti i leader di Hamas, i comandanti che pianificarono l'attacco al sud di Israele e le loro famiglie .

Titolo di Ynet: “Uomini morti che camminano: sei leader di Hamas che devono pagare con la vita per il massacro. Leader [di Hamas] nel luogo del ritrovamento delle armi”.

















La direttiva portava il titolo del versetto biblico  תִּמְחֶה אֶת-זֵכֶר עֲמָלֵק (“sradicherai ogni traccia di Amalek”) in cui Samuele ordina al re Saul di sterminare l'intera tribù di Amalek, senza risparmiare nemmeno i bambini o il bestiame della tribù. Tutti dovevano essere massacrati senza pietà. Quando Saul risparmiò il re e gli animali, Samuele lo denunciò e lo rifiutò come re d'Israele. Il messaggio è chiaro: Israele intraprenderà una guerra biblica di sterminio contro Hamas. Chiunque si sottragga al proprio dovere conoscerà il destino di Saul.

L'ordine, secondo la fonte, è di “trovare e uccidere quanti più parenti possibile dei membri di Hamas che hanno compiuto i massacri del 7 ottobre, e questi alti funzionari: Mohammed Deif, Yahya Sinwar, Saleh al-Arouri, Khaled Mashal, Marwan Issa e Ismail Haniyeh."

La stessa storia è trapelata anche su Ynet. Ma la censura militare impedisce ai media israeliani di riportare gli elementi chiave della storia che ho riportato qui. Non viene menzionato chi ha dato l'ordine degli omicidi e omette anche che anche le famiglie vengono prese di mira a morte.

I titoli e i grafici del rapporto Ynet sono spaventosi e omicidi. Celebrano positivamente questi potenziali omicidi. È il grido primordiale del predatore alla caccia della preda. Foto dei leader di Hamas presi di mira:

Morti che camminano: sei leader di Hamas che dovranno pagare con la vita il massacro. [Hamas] .

Come se il genocidio non fosse già abbastanza grave, ora Israele è diventato un serial killer psicotico. Siamo solo a pochi passi dal ripetersi dell’Olocausto. È così che una nazione diventa una nazione che ne stermina un’altra, proprio come Samuele comandò a Saul e agli Israeliti di sradicare gli Amalechiti. È così che la Germania è scivolata, gradino dopo gradino, nell’inferno hitleriano.

Israele è diventata una nazione intrisa di sangue e omicidi di massa. Questo è chiaramente ciò che un giudice della Corte Suprema ha definito “  bandiera nera ”. Un comando dato a un ufficiale dell'esercito che è palesemente illegale e non deve essere obbedito. Ma le sottigliezze come la sentenza della bandiera nera sono una cosa del passato. Nessun ordine è troppo folle. Tutto è permesso. Omicidio. Incendio doloso. Tortura. Non ci sono più limiti. Niente più restrizioni.

Quindi, nonostante la chiara ostilità tra gli alti comandi dell’IDF nei confronti di Netanyahu (e viceversa), molto probabilmente si porterà a termine il compito. Vorrei poter dire diversamente,  temo di non poterlo dire.

C'è una remota possibilità che questa fuga di notizie abbia lo scopo di intimidire Hamas; per mettere in guardia sul fatto che Israele può vendicarsi di tutte le famiglie della leadership. Li lascia pietrificati dal fatto che lo farà   li porta anche a chiedersi se lo farà. È un bluff? Un gioco di guerra psicologica con molte vite in gioco? Oppure Israele farà una Monaco, ma su vasta scala.

Questa decisione semina disperazione; un animale ferito che si scaglia contro i suoi aggressori. Come quella bestia, Israele è ora assediato su molti fronti da nemici, in attesa di lanciare il suo attacco di terra su Gaza. L’Iran ha minacciato di intervenire qualora Israele invadesse l’enclave. Il suo più potente alleato nella regione, Hezbollah, ha lanciato da giorni attacchi sonda contro le posizioni dell’IDF nel nord. Israele ha evacuato decine di migliaia di residenti di una ventina di città vicino al confine libanese. L’Iran ha anche attivato le sue milizie in Iraq e Siria che, per oltre una settimana, hanno lanciato numerosi attacchi con droni contro le truppe statunitensi in entrambi i paesi, lasciando feriti 24 soldati.

Gli alleati Houthi dell’Iran nello Yemen hanno lanciato tre missili da crociera e otto droni contro Israele (a oltre 1.600 miglia di distanza!). La maggior parte fu abbattuta dalla USS Carney nel Golfo Persico. Anche l’Arabia Saudita ne ha abbattuto uno.

Anche la Cina ha diretto sei delle sue navi da guerra nel Golfo. Questo potrebbe essere il motivo per cui il Pres. Biden ha reindirizzato invece uno dei due gruppi d’attacco delle portaerei originariamente diretti nel Mediterraneo, nel Golfo. Questo sviluppo porta la rivalità USA-Cina nel teatro del Medio Oriente.

Un tempo la Guerra Fredda contrapponeva gli Stati Uniti alla Russia in una competizione per l’influenza globale. Ciò includeva anche guerre per procura come il Vietnam. Riuscirà il mondo a sopportare un’altra rivalità del genere, date le enormi armi a disposizione di entrambe le superpotenze? Un conflitto multipartitico come questo potrebbe innescare una guerra? Vogliamo aspettare per scoprirlo?

Il gabinetto di sicurezza israeliano ritiene che il modo per rispondere a Hamas sia eliminare tutto e tutti coloro che sono ad esso collegati. Ritiene che il mondo sia abbastanza disgustato dai 1.400 israeliani assassinati da chiudere un occhio sugli omicidi di massa. Non solo ai 5.000 civili di Gaza che ha già ucciso (quasi la metà dei quali sono bambini), ma anche a decine di familiari della leadership del gruppo. È possibile che la propaganda israeliana abbia funzionato e che il mondo non alzi la voce né la fermerà. La mia regola è quella di non sottovalutare mai la capacità del mondo di nascondere la testa sotto la sabbia di fronte al genocidio.

Liberarsi del complesso di Amalek


Rabbis for Human Rights (associazione israeliana dirabbini ) : riflessioni sulla vendetta, Purim e Amalek

 

Il lato oscuro della festa Purim

Commenti

Post popolari in questo blog

Hilo Glazer : Nelle Prealpi italiane, gli israeliani stanno creando una comunità di espatriati. Iniziative simili non sono così rare

Né Ashkenaziti né Sefarditi: gli Ebrei italiani sono un mistero - JoiMag

Lesbo : tre nonne e un nipotino venuto dal mare