Ebrei per una pace giusta: immotivato attacco



La visita del Presidente del Parlamento italiano in Israele è stata segnata da un virulento quanto immotivato attacco di alcuni esponenti della comunità ebraica italiana, che hanno criticato in Italia la stampa «di sinistra», rea di avere «pregiudizi contro Israele». Evidentemente, costoro vogliono ignorare che i maggiori giornali italiani, a cominciare dal Corriere della Sera e La Stampa, fanno trattare le questioni che riguardano Israele e Palestina da giornalisti molto filoisraeliani. Il partito a cui è legato il quotidiano l'Unità, e l'Unità medesima, hanno tra i massimi dirigenti dei leader di «Sinistra per Israele», che difendono Israele in ogni circostanza. Vi è in Italia un solo quotidiano italiano di sinistra, non legato ad alcun partito, a dare costantemente un'informazione rigorosa sulla drammatica situazione del popolo palestinese, in Israele e nei Territori Occupati: sulle molte migliaia di case distrutte, sull'economia strozzata, sugli oltre 10.000 prigionieri, fra cui centinaia di minorenni, molti dei quali senza formale incriminazione, spesso torturati. Gli ospiti di Bertinotti hanno sbrigativamente sorvolato su tutti questi fatti accertati, denunciati anche dal quotidiano israeliano Ha'aretz. Hanno sostenuto che i cittadini israeliani arabi-palestinesi godono dei diritti di cui godono gli israeliani ebrei, mentre sono discriminati nella scuola, sul lavoro, l'accesso alla terra e il diritto alla proprietà.Gli esponenti israelo-italiani, che hanno ricevuto Bertinotti nella sinagoga, lo hanno attaccato approfittando del fatto che, per la qualifica istituzionale, non poteva difendersi liberamente. Ma, da Bertinotti, noi della sinistra ebraica speravamo qualcosa di più: una parola chiara contro il Muro - costruito in gran parte in territorio palestinese -, contro i posti di blocco, che rendono impossibile ai palestinesi spostarsi e raggiungere il luogo di lavoro, contro la confisca di acqua, contro l'uso di scudi umani, contro le torture in carcere, contro la politica di vietare (da 14 anni!) ai palestinesi senza il permesso dell'occupante di raggiungere Gerusalemme Est (territorio occupato!), e quella di rinchiudere (da 14 anni!) gli abitanti di Gaza in una prigione a cielo aperto. Compito della sinistra è sostenere l'oppresso, non l'oppressore; l'occupato, non l'occupante. La nostra delusione non è solo etica: è anche politica. Se non si distrugge il Muro, se non si abbandonano le colonie (costruite contro la legge internazionale), non può nascere uno stato palestinese economicamente autosufficiente, ma solo un insieme di bantustan senz'acqua, sotto il controllo israeliano. Gli esponenti italo-israeliani ci hanno offeso come ebrei: l'Israele che difendono ha gettato alle ortiche, disonorandola, la nostra tradizione culturale di universalismo e di pace, che ci ha sempre schierati contro il più sanguinario degli idoli, il nazionalismo. Questo ha generato le peggiori aberrazioni, di cui purtroppo Israele è ora un esempio.

Paola Canarutto

Commenti

Post popolari in questo blog

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri