Amira Hass : Il politico palestinese Dahlan, il mediatore segreto dell'accordo tra Israele e Emirati Arabi Uniti?

tag : Amira Hass    

  • Israele-Abu Mazen-Hamas:partita a poker
  •  La voce entusiasta e festosa dell'annunciatore radiofonico su La Voce della Palestina ) ha creato l'impressione che si trattasse di un evento molto importante: il quarto vertice nazionale per affrontare l'annessione, che si terrà nel villaggio di Turmus'ayya a nord-est di Ramallah. Anche un rappresentante di Hamas ha promesso che interverrà all'evento, e il suo discorso, come quello degli altri oratori, verrà trasmesso in diretta. E tutto questo su una stazione radio che non intervista i membri di Hamas o chiunque altro non sia d'accordo con il leader dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas.

    Quando il popolo palestinese viene tradito, deve esserci una manifestazione pubblica di unità nazionale, questo era il messaggio del vertice che si è svolto mercoledì scorso, concentrato sull'opposizione alla "normalizzazione arbitraria", come viene soprannominato il recente accordo tra gli Emirati Arabi Uniti e Israele.

    Fatah ha inviato i suoi funzionari all'incontro: ha parlato il primo ministro Mohammad Shtayyeh e i suoi colleghi, tra cui Sabri Seidam, Rawhi Fattouh e Jibril Rajoub, si sono seduti su sedie di plastica intorno al palco, insieme ai rappresentanti permanenti di altre organizzazioni palestinesi (alcuni infimi e indifferenti). Tutti ascoltavano pazientemente i discorsi.

    E chi erano gli assenti alla manifestazione di unità? Membri del blocco democratico riformista di Fatah, in altre parole, sostenitori di Mohammed Dahlan, che insieme all'ex capo della sicurezza di Fatah sono stati espulsi dal movimento, ma disconoscono il diritto di Abbas a espellerli. Il nome di Dahlan non è stato menzionato, ma era nelle previsioni. Le voci e le supposizioni diffuse durante la discussione palestinese sono che Dahlan, consigliere del principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti Mohammed bin Zayed, è il mediatore dell'accordo con Israele e un favorito degli israeliani e degli americani, che intendono incoronarlo prossimo leader palestinese.

    “Come lo faranno esattamente? Paracadutandolo da un aereo?”, ironizzava Samir Masharawi, nato in un campo profughi nella Striscia di Gaza, ex prigioniero e membro del Blocco Riforma Democratica. In un'intervista alla TV egiziana El Ghad, trasmessa all'inizio della scorsa settimana, ha implorato i suoi telespettatori: "Non sottovalutate l'intelligenza delle persone. È Israele che parla sempre del ritorno di Dahlan e del fatto che non c'è posto per Mahmoud Abbas. Chiunque capisca la politica capisce cosa vuole Israele. Vuole spaventare l'Autorità Palestinese. Chiedere più concessioni da parte sua".

    L'apertura della manifestazione è stata leggermente ritardata. Il presentatore radiofonico ha spiegato con voce agitata che l'occupazione aveva istituito posti di blocco che impedivano alla popolazione di arrivare. All'ingresso di Turmus'ayya erano infatti appostati un gran numero di soldati e poliziotti di frontiera in assetto da combattimento, insieme a veicoli blindati. Se avevano impedito l'ingresso prima, non lo avrebbero più fatto verso le 16:00. La strada che portava al luogo del vertice, al centro di una strada principale, era intasata di automobili e autobus. Le numerose sedie di plastica grigia lungo la lunghezza e la larghezza della strada, all'ombra di alti alberi di eucalipto e negozi chiusi, indicavano le aspettative degli organizzatori e la delusione.

    La metà delle sedie è rimasta vuota. È dubbio che si siano presentate più di 500 persone, inclusi bambini e adolescenti. Compresi i funzionari. Questa non è stata una dimostrazione di forza; era una triste dimostrazione di stanchezza, debolezza e un fallito tentativo di nasconderlo.

    Masharawi ha parlato a lungo della debolezza. "Non eravamo deboli prima dell'accordo?" chiese nell'intervista televisiva durata un'ora e rispose: Qui abbiamo un'autocrazia. Non ci sono istituzioni, né democrazia, né trasparenza. Quando ci sono state le elezioni? Ci sono dirigenti palestinesi in Fatah che non stanno davanti al popolo a dire che la nostra situazione è molto brutta."

    Nell'intervista, Masharawi ha discusso della risposta dell’Autorità Palestinese all'accordo Emirati Arabi Uniti-Israele, e in particolare con Rajoub.

    Come ogni palestinese, ha detto, la fazione di Dahlan a Fatah è contraria alla normalizzazione dei legami tra qualsiasi paese arabo e Israele prima della costituzione dello Stato palestinese. Il problema è il modo in cui è formulata questa opinione. "Si può discuterne: 'Questo è ciò che ci ha insegnato Yasser Arafat", ha detto Masharawi. "Ma la calunnia, bruciare la bandiera di un paese arabo, condannare la leadership di un paese arabo, accusarlo di tradimento, non è civile, non si adatta per i palestinesi. È una fuga dal fallimento.

    "La soluzione è perdere un altro paese arabo?" chiese. "Questo è esattamente ciò che vogliono gli israeliani", ha continuato. “Il mondo arabo ha boicottato l'Egitto dopo il vertice di Camp David, e il primo a lasciare il Libano e visitare il Cairo è stato Yasser Arafat. Capiva che i palestinesi non possono perdere l'Egitto. Ora, se Arafat fosse vivo, prenderebbe un aereo e volerebbe negli Emirati Arabi Uniti per dire che non è d'accordo. Spero che Mahmoud Abbas lo farà.

    “Abbiamo una comunità di 300.000 palestinesi negli Emirati, e dobbiamo pensare ai loro interessi. C'è una normalizzazione dolce e una normalizzazione salata?”, ha chiesto, riferendosi alla tolleranza che l’Autorità Palestinese mostra nei confronti delle relazioni normalizzate che paesi come il Qatar e la Turchia hanno con Israele.

    “Dobbiamo smetterla di accusarci a vicenda di tradimento. La soluzione deve partire da noi, con l'autocritica”, ha detto Masharawi, citando alcuni esempi. Fatah non ha riconosciuto la vittoria di Hamas alle elezioni nel 2006, e non gli ha permesso di governare. Rajoub afferma che i servizi di sicurezza non hanno alcun legame con la politica, ed è noto che i servizi e Fatah sono la stessa cosa. Hamas si divide tra resistenza armata e governo, e il governo ha le sue necessità.

    Senza offrire alcuna autocritica alla sua stessa fazione, Masharawi ha aggiunto: "Quando il coordinamento della sicurezza con Israele diventa inviolabile, e quando siamo divisi tra di noi, come possiamo aspettarci una posizione araba unificata?"


     articolo   qui 

    allegati








    AMIRA HASS: sacrificare la lotta per la Palestina


    Hamas e il colpo di Stato Usa -Israele-Abu Mazen

    Ramzy Baroud : Divide et impera: come il fazionalismo sta uccidendo la prospettiva di libertà in Palestina

    Abbas boicotta Israele e vola in Svezia per offuscare il fantasma di Dahlan

    Abbas contro Dahlan, accuse e controaccuse. Dahlan coinvolto nell'avvelenamento di Arafat

    Fatah lacerata da lotte interne

    Tom Segev: il gioco sporco di Bush nelle elezioni palestinesi

    Commenti

    Post popolari in questo blog

    Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

    Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

    Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

    Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri