Muhammad Shehada : Nell'era del coronavirus, il blocco israeliano di Gaza è una condanna a morte

Sintesi personale 
Gaza è diventata una città fantasma 
Domenica, dopo che due persone  sono risultate positive per COVID-19, i caffè che di solito vanno a gonfie vele con i giovani, le strade sempre sovraffollate di pedoni e veicoli e i mercati che non sono mai privi di vita sono diventati luoghi deserti e incolori. Università, scuole, moschee, sale per matrimoni e persino i  funerali sono stati tutti chiusi o vietati ufficialmente fino a nuovo avviso . Scuole, hotel e ospedali da campo sono stati trasformati in centri di quarantena per oltre 1.200 persone , tra questi i principali leader di Hamas , poliziotti, infermieri, medici e altri che sono entrati in contatto con pazienti infetti o sono arrivati ​​di recente dall'estero. Uno di questi centri è la scuola Ghassan Kanafani di Rafah, dove piccole aule sono diventate rifugio temporaneo per l'isolamento, con 10 materassi su ogni piano, a un metro di distanza.
I residenti di Gaza stanno prendendo sul serio il coronavirus, rispettando immediatamente le direttive  date ; sanno fin troppo bene che anche un piccolo focolaio può essere un disastro per una popolazione così assediata.
Tuttavia, nonostante i notevoli  sforzi che gli abitanti di Gaza stanno compiendo per prevenire la diffusione di COVID-19, c'è un disastro imminente. Questo perché la politica israeliana di Gaza, in particolare il suo blocco draconiano, ci rende quasi del tutto indifesi. E la situazione è terribile.L'infrastruttura di Gaza, compromessa dalle guerre, dal blocco e dall'impoverimento economico, non è attrezzata per contenere un focolaio di virus o poterlo rilevare nelle sue fasi iniziali. Gli stessi centri di quarantena sono antigienici e sovraffollati. Ciò potrebbe facilmente portare alla rapida diffusione del virus nelle zone destinate a contenerlo.Inoltre, a causa del blocco gli operatori sanitari, gli addetti alle pulizie e i poliziotti che lavorano nelle zone di quarantena non dispongono di indumenti protettivi e maschere N95 . C'è  anche una  carenza di sostanze chimiche necessarie per produrre disinfettanti per il divieto israeliano  che usa , come pretesto  il "duplice uso " 
Gaza ha anche una grave carenza di kit di test - Israele ne ha permesso solo 200 . Di conseguenza il Ministero della Sanità qui ha già iniziato a razionare i test. Finora ha testato solo 92 persone , quando è probabile che  ce ne siano  molte di più. La salute fisica di Gaza è stata gravemente colpita da oltre un decennio di blocco . Molti soffrono di malnutrizione cronica , quindi sono deboli e ad alto rischio di infezioni e di complicazioni .
Peggio ancora il settore sanitario di Gaza non ha la capacità di curare i pazienti con coronavirus. A partire dal 2017, Gaza aveva solo 1,3 letti d'ospedale per 1.000 persone, mentre gli Stati Uniti ne avevano circa 2,9 ,e da allora la situazione  è peggiorata.
Gli Stati Uniti hanno contribuito a questi problemi. L'amministrazione Trump ha drasticamente tagliato i finanziamenti agli ospedali gestiti dall'UNRWA.  Di conseguenza  gli ospedali pubblici e privati ​​sono stati sopraffatti da un numero crescente di malati di cancro.  Le forniture mediche a, causa del blocco,sono drasticamente diminuite.
Ci sono solo 62 ventilatori nell'intera Striscia di Gaza e solo 20 non sono occupati da pazienti terminali. Le macchine a raggi X, TC, risonanza magnetica e apparecchiature per terapia intensiva sono vecchie . Le fluttuazioni di potenza, dovute alla crisi dell'elettricità a Gaza, hanno danneggiato centinaia di macchine mediche . Senza la capacità di importare nuovi dispositivi necessari o riparare quelli rotti, il blocco condanna al collasso il settore medico di Gaza.
Il coronavirus ,unito alla  cattiva salute della popolazione , a un sistema medico inadeguato,  rende  improbabile che un focolaio a Gaza sia arginato e che gli ospedali siano in grado di curare i pazienti. In altre parole sarebbe una condanna a morte.Ecco perché  è urgente che Israele cambi radicalmente la sua politica a Gaza. Una rimozione completa del blocco su due milioni di abitanti di Gaza è il minimo che può fare per mitigare una catastrofe.L'unica via d'uscita  per gli  israeliani e i  palestinesi è questa: porre  immediatamente alle spalle il conflitto e riesaminano il problema insieme, come umani. È stato fatto nel 2016, quando Israele stava lottando con numerosi incendi, l'Autorità Palestinese ha inviato decine di vigili del fuoco per aiutare a spegnere l'incendio.
Uno spirito di cooperazione e fratellanza è ora fondamentale, non solo perché Israele ha la responsabilità legale di garantire la sicurezza e il benessere delle persone sotto la sua occupazione, ma perché è  una scelta giusta e morale da fare per soddisfare i principi ebraici di Tzedakah : gentilezza amorevole e compassione.
Israele ha già trasferito $ 30 milioni all'Autorità palestinese (dai $ 175 del gettito fiscale dell'AP che Israele sta trattenendo) e ha inviato 200 kit di test a Gaza, ma sono necessarie misure molto più serie per far fronte alla monumentale sfida che ci attende.
Israele dovrebbe fornire immediatamente a Gaza tutte le attrezzature mediche necessarie, i kit di prova e gli indumenti protettivi o facilitare il loro ingresso  attraverso le organizzazioni internazionali. Israele dovrebbe anche revocare il divieto  di importare materiali come prodotti chimici, disinfettanti e materiali da costruzione per costruire ospedali da campo e zone di quarantena.
Israele dovrebbe anche designare i letti d'ospedale per i pazienti critici di Gaza e consentire il passaggio illimitato ,dentro e fuori di Gaza, per i pazienti in cerca di cure negli ospedali palestinesi in Cisgiordania, Gerusalemme o all'estero, nonché  per i medici che  vogliono  aiutare negli ospedali di Gaza. Israele dovrebbe anche consentire il passaggio illimitato di carburante alla centrale elettrica di Gaza e aumentare l'apporto di elettricità di Gaza attivando una nuova linea elettrica già installata.Hamas deve immediatamente autorizzare l'Autorità Palestinese a riprendere il pieno controllo del settore sanitario di Gaza e della sicurezza delle frontiere. Deve liberare tutti i prigionieri politici e non politici per risparmiare loro l'incubo  di ammalarsi in isolamento. Una cessazione reciproca delle ostilità e un aumento della cooperazione sono fondamentali per superare la pandemia con il minor danno possibile.
Se entrambe le parti effettuano questi rapidi e fondamentali cambiamenti, forse possiamo alleviare l'imminente tragedia umanitaria.
Muhammad Shehada è editorialista collaboratore per il Forward.

FORWARD.COM
There is nothing more urgent than for Israel to radically change its Gaza policy.




Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti