Carolina Landsmann : Israele trova scandalosamente "buona fede" nel saccheggio della terra palestinese

 Traduzione sintesi

Archived version: https://archive.ph/QlJTG

A volte sembra che il visionario dietro lo stato ebraico fosse Franz Kafka piuttosto che Theodor Herzl. La nausea esistenziale causata dalla lettura della sentenza della Corte Suprema sull'insediamento illegale di Mitzpeh Kramim è meravigliosamente simile alla nausea provata da chiunque legga il romanzo di Kafka "Il processo".
Quando Josef K. protesta contro il suo falso arresto, gli agenti che lo hanno arrestato rispondono: “Questa è la legge. Dove pensi che ci sarebbe qualche errore lì?" K. continua obiettando: “Non conosco questa legge... Probabilmente esiste solo nelle vostre teste”. E questo è solo l'inizio del libro. K. è ancora lontano dal comprendere il significato agghiacciante della risposta dell'ufficiale: "Lo scoprirai quando ti colpirà".
Anche nei territori occupati non c'è modo di conoscere la legge a cui sono soggetti i palestinesi, perché esiste solo nelle teste dei legislatori e dei giudici israelianiPer lo stesso motivo, se sei un israeliano nei territori – ebreo ovviamente – non c'è un vero modo per infrangere la legge. Tu sei la legge. Se, d'altra parte  sei un palestinese, "Scoprirai quando ti colpirà".
Mercoledì, la Corte Suprema ha ribaltato la propria sentenza del 2020 e ha deciso che Mitzpeh Kramim non doveva essere evacuato, anche se era stato costruito su terreni palestinesi di proprietà privata
Come mai?
 Perché il custode di una proprietà governativa abbandonata che, nel 1973 assegnava la terra a un nuovo insediamento vicino a Kochav Hashahar, credeva “in buona fede” che fosse terra di proprietà dello stato. E nel 1999, l'allora Primo Ministro Ehud Barak ha firmato un accordo sugli avamposti con il Consiglio degli insediamenti di Yesha in base al quale Mitzpeh Kramim è stato trasferito nella sua posizione attuale.
Per inciso in che modo la terra nel territorio occupato diventa "proprietà del governo" che può essere designata per la costruzione di nuove comunità? È molto semplice. L'esercito ha trasformato questa terra in un'area di addestramento emettendo un "ordine di chiusura" che è diventato un "ordine di confisca", e il resto è storia sionista.
Allora cosa è diventato chiaroChe il custode semplicemente non sapeva che appartenesse  ai palestinesi . Apparentemente, ai giudici piacciono anche le tattiche del salame. Nel 2020 hanno approvato in linea di principio l'uso  del " mercato aperto " in Cisgiordania. In base a questa regola  se un custode di una proprietà abbandonata cede un terreno di proprietà privata a qualcuno diverso dal suo proprietario, tale accordo può essere mantenuto. SE  il custode avesse pensato che fosse proprietà del governo, ma solo se è provata "una soglia elevata di buona fede soggettiva". .
Nella sentenza del 2020, hanno concluso che Mitzpeh Kramim non soddisfaceva tale condizione . ORA sono stati convinti che lo fa.
Dopo tanti decenni, non dovrebbe esserci motivo di agitarsi per l'ennesimo esempio dello stesso vecchio sistema di saccheggio legale , o di essere inorriditi dal fatto che i giudici "liberali" vi abbiano preso parte. Si può certamente capire come una giustizia “liberale” come Daphne Barak-Erez possa perdersi nel labirinto legale che gli israeliani hanno creato per i palestinesi nei territori. Costruire questo labirinto da soli non conferisce la capacità di uscirne.
Tuttavia è difficile evitare di ridere per la deferenza apparentemente pagata ai diritti di proprietà privata – davvero il nostro Santo dei Santi, come dimostra l'energia e la quantità di artiglieria usata . Allora almeno non dovremo continuare ad ascoltare le pile di bugie e guardare il sistema legale svilire se stesso.  Ed è davvero impossibile non indignarsi per la corruzione del linguaggio. Buona fede? Come mai non ti tremavano le mani?
Si possono dire molte cose sui territori occupati. È bello morire per loro, è lecito uccidere per loro, un popolo non può occupare le proprie terre – si può discutere su tutto questo.  C'è una cosa che manca anche solo una goccia al cuore degli ebrei israeliani quando si tratta di palestinesi nei territori e dell'impresa degli insediamenti :  l'innocenza.


Israel outrageously finds 'good faith' in looting Palestinian land | Opinion


It sometimes seems as if the visionary behind the Jewish state were Franz Kafka rather than Theodor Herzl. The existential nausea caused by reading the Supreme Court’s ruling on the illegal settlement outpost of Mitzpeh Kramim is marvelously similar to the nausea experienced by anyone reading Kafka’s novel “The Trial.”
When Josef K. protests his false arrest, the officers who arrested him respond, “That’s the law. Where d’you think there’d be any mistake there?” K. continues objecting: “I don’t know this law ... It probably exists only in your heads.” And that’s just the beginning of the book. K. is still far from understanding the chilling significance of the officer’s answer – “You’ll find out when it affects you.”
In the occupied territories, too, there’s no way to know the law to which Palestinians are subject, because it exists only in the heads of Israeli legislators and judges. For the same reason, if you’re an Israeli in the territories – a Jewish one, of course – there’s no real way to break the law. You are the law. If, on the other hand, you’re a Palestinian, “You’ll find out when it affects you.”

Get breaking news and analyses delivered to your inbox

Please enter a valid email address
On Wednesday, the Supreme Court overturned its own ruling from 2020 and decided that Mitzpeh Kramim shouldn’t be evacuated, even though it was built on privately owned Palestinian land. Why? Because the custodian of abandoned government property who allocated the land for a new settlement near Kochav Hashahar back in 1973 believed “in good faith” that it was state-owned land. And in 1999, then-Prime Minister Ehud Barak signed an agreement on the outposts with the Yesha Council of settlements under which Mitzpeh Kramim was moved to its current location.
Incidentally, how does land in occupied territory become “government property” that can be designated for building new communities? It’s very simple. The army turned this land into a training area by issuing a “closure order” that became a “confiscation order,” and the rest is Zionist history.
So what has now become clear? That the custodian simply didn’t know it belonged to the Palestinians. He thought it was his, something he brought from home.
Apparently, the justices also like the salami tactics. In 2020, they gave approval in principle to use of the “market overt” rule in the West Bank. Under this rule, if a custodian of abandoned property gives privately owned land to someone other than its owner, that deal can be upheld if the custodian had thought it was government property, but only if “a high threshold of subjective good faith” is proven.
In the 2020 ruling, they concluded that Mitzpeh Kramim didn’t satisfy that condition. But now they have been convinced that it does.
After so many decades, there shouldn’t be any reason to get worked up over yet another example of the same old system of legal looting, or to be horrified by the fact that “liberal” justices took part in it. One can certainly understand how a “liberal” justice like Daphne Barak-Erez could get lost in the legal labyrinth that Israelis created for Palestinians in the territories. Building this labyrinth yourself doesn’t confer the ability to get out of it.
Nevertheless, it’s hard to avoid chuckling at the deference ostensibly paid to private property rights – truly our Holy of Holies, as evidenced by the energy and amount of artillery used to surmount them. Considering all the crimes Israel commits in the territories, just take it all already. Then at least we won’t have to continue listening to the piles of lies and watching the legal system debase itself.

Get breaking news and analyses delivered to your inbox

Please enter a valid email address
And it’s truly impossible not to be outraged by the corruption of language. Good faith? How did that not make your hands tremble?
One can say a lot of things about the occupied territories. It’s good to die for them, it’s permissible to kill for them, a people can’t occupy its own lands – one can have a debate about all that. But if there’s one thing Jewish Israeli hearts lack even a drop of when it comes to Palestinians in the territories and the settlement enterprise, it’s innocence.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il probabile sabotaggio di Nord Stream e altre notizie interessanti Vedi Cartina

Rapporto OCHA 30 agosto – 12 settembre 2022

Ahmad Melhem Israele minaccia Gaza, mentre aumenta escalation in Cisgiordania. Il dilemma dell'Autorità Palestinese

Amira Hass : Decine di soldati sono entrati in un villaggio palestinese nel cuore della notte per un “Tour Selichot”