Michael Schaeffer Omer-Man L'assedio di Gaza non riguarda la sicurezza. È una punizione collettiva, pura e semplice



 Sintesi personale

Le autorità israeliane affermano spesso che l'assedio a Gaza riguarda la sicurezza. Hamas e altri gruppi armati palestinesi non devono poter importare armi o materiali per costruire armi, dicono. È una misura necessaria . Riguarda la sicurezza.



La dirigenza politica israeliana ha annunciato questa settimana che sta bloccando l'unica connessione commerciale di Gaza con il mondo esterno . Non che il popolo di Gaza fosse autorizzato a fare molto commercio con chiunque prima che il valico fosse chiuso, ma ora Israele ha tolto il limitato  commercio che aveva permesso fino ad ora.
Sicuramente c'è una buona ragione. Un motivo di sicurezza
Forse Israele ha ricevuto solide informazioni sul fatto che il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie dell'Iran stava provando a introdurre armi avanzate a Gaza in una spedizione di forniture mediche? O forse lo Shin Bet ha scoperto un complotto per piazzare esplosivi in ​​una spedizione di mobili destinata alla Cisgiordania?
No.
Uno di questi scenari sarebbe stato un motivo legittimo per fermare temporaneamente le attività commerciali al passaggio controllato da Israele, in modo che le spedizioni potessero essere ispezionate più da vicino e mitigare la minaccia. Non è quello che è successo.La decisione di stringere l'assedio su Gaza è stata una punizione collettiva, pura e semplice. Nessuno lo sta nascondendo.
La leadership politica e militare di Israele è stata molto chiara che la sua decisione di fermare tutto il commercio tra Gaza e il resto del mondo è stata una risposta agli aquiloni e ai palloncini incendiari  che hanno causato notevoli danni all'agricoltura israeliana in ultimi mesi.
Un giovane palestinese nel sud di Gaza si prepara a inviare un aquilone incendiario verso il confine con Israele, il 29 giugno 2018. (Abed Rahim Khatib / Flash90)
Un giovane palestinese nel sud di Gaza si prepara a inviare un aquilone incendiario verso il confine con Israele, il 29 giugno 2018. (Abed Rahim Khatib / Flash90)
In altre parole milioni di persone sono costrette a soffrire a causa delle azioni di pochi. E l'esercito israeliano ha minacciato di peggiorare le cose se gli aquiloni e gli aerostati continuano. Questa non è una decisione basata su considerazioni di sicurezza: è una decisione politica, una decisione politica per distruggere l'economia di Gaza.
È una decisione politica  aumentare la sofferenza di una popolazione civile che Israele ha soffocato economicamente per oltre un decennio. Le aziende andranno in bancarotta. Un'economia con disoccupazione che si avvicina al 50% , dove più della metà della popolazione vive  con meno di $ 4,60 al giorno e dove circa il 70% della popolazione riceve assistenza alimentare dall'ONU, perderà ancora più posti di lavoro.
Israele non ha mai nascosto il fatto che l'assedio stesso è una forma di punizione collettiva. Si  tagliano le forniture di energia elettrica a milioni di persone, si vietano le importazioni di " beni di lusso ", si proibiscono tutte le esportazioni oltre a fiori e fragole , si limitano le importazioni di alimenti in base al numero minimo di calorie che si ritiene siano necessarie  agli abitanti di Gaza - per ragioni di sicurezza .
"Con il blocco Israele sperava anche di spingere gli abitanti di Gaza contro Hamas, contrapponendo il governo di Hamas alla migliore vita dei palestinesi in Cisgiordania", ha scritto il servizio di ricerca del Congresso degli Stati Uniti in una relazione del 2010 sul blocco. "Invece, il blocco ha isolato il territorio e ha contribuito a rafforzare il controllo di Hamas".
Il piano di Israele di affamare la popolazione civile per  spingerli contro i loro leader , non ha fatto altro che rendere la vita agli abitanti di Gaza più infelice ogni anno che passa. Inoltre, non ha impedito ad Hamas di importare e produrre migliaia di missili  che sono lanciati contro la popolazione israeliana nelle tre guerre da quando è iniziato l'assedio.
Quindi se l'assedio non fornisce sicurezza e non sta producendo un cambio di regime, qual è la logica dietro questa politica crudele?
Secondo un ex ministro del governo, l'unica ragione per cui l'assedio rimane in vigore è "l'inerzia".
È tempo di finire l'assedio.

allegati

Gisha : come e quando è stata concepita la politica israeliana di separazione di Gaza


Gaza : assedio di Gaza una punizione collettiva, non finalizzato alla sicurezza



 sraeli authorities often claim that the siege on Gaza is about security. Hamas and other armed Palestinian groups must not be allowed to import weapons or materials to build weapons, they say. It is a necessary measure. It’s about security.
That is partly true, sometimes. That is, except when it’s not.
The Israeli political leadership announced this week that it is cshutting down Gaza’s only commercial connection to the outside world. Not that the people of Gaza were allowed to do much trade with anyone before the crossing was closed, but now Israel took away the little commerce it had allowed until now.
Surely there is a good reason. A security reason.
Perhaps Israel received solid intelligence that Iran’s Revolutionary Guards Corps was trying to sneak advanced weaponry into Gaza in a shipment of medical supplies? Or maybe the Shin Bet discovered a plot to place explosives in a furniture shipment destined for the West Bank?
Nope.
Either of those scenarios would have been a legitimate reason to temporarily halt commercial activity at the Israeli controlled crossing so that shipments could be more closely inspected and to mitigate the threat. That’s not what happened.

SUBSCRIBE TO +972 MAGAZINE'S WEEKLY NEWSLETTER

SUBMIT
The decision to tighten the siege on Gaza was collective punishment, pure and simple. Nobody is hiding that.
Israel’s political and military leadership were very clear that its decision to stop all commerce between Gaza and the rest of the world was a response to kites and balloons, sent from Gaza into Israel carrying crude incendiary devices, which have caused considerable damage to Israeli agriculture in recent months.
A Palestinian youth in southern Gaza is seen preparing to send an incindiary kite toward the border with Israel, June 29, 2018. (Abed Rahim Khatib/Flash90)
A Palestinian youth in southern Gaza is seen preparing to send an incindiary kite toward the border with Israel, June 29, 2018. (Abed Rahim Khatib/Flash90)
In other words, millions of people are being made to suffer because of the actions of a few. And the Israeli army has threatened to make things even worse if the kites and balloons continue. That is not a decision based on security considerations: it is a political decision — a political decision to destroy Gaza’s economy.
It is a political decision to ratchet up the suffering of a civilian population that Israel has been economically suffocating for over a decade. Businesses will go bankrupt. An economy with unemployment approaching 50 percent, where more than half of the population subsides on less than $4.60 a day, and where some 70 percent of the population receives UN food assistance, will lose even more jobs.
Israel has never made a secret of the fact that the siege itself is a form of collective punishment. One doesn’t cut millions of people’s electricity supply, ban the import of “luxury goods,” forbid all exports aside from flowers and strawberries, and limit food imports based on the minimum number of calories you think Gazans need to survive — for security reasons.
“With the blockade, Israel also hoped to turn Gazans against Hamas by contrasting Hamas rule with the better life of Palestinians in the West Bank,” the U.S. Congressional Research Service wrote in a 2010 report on the blockade. “Instead, the blockade isolated the territory and helped to strengthen Hamas’s control.”
Israel’s plan to starve the civilian population into revolting against their unelected leaders has done nothing other than make life for Gazans more miserable with each passing year. It has also not stopped Hamas from importing and producing thousands of rockets which it fired into Israeli population centers in the three wars since the siege began.
So if the siege isn’t providing security and it isn’t producing regime change, what is the logic behind the cruel policy?
According to one former cabinet minister, the only reason the siege remains in place is “inertia.”
It’s time to end the siege.
Before you go...
A lot of work goes into creating articles like the one you just read. And while we don’t do this for the money, even our model of non-profit, independent journalism has bills to pay.
+972 Magazine is owned by our bloggers and journalists, who are driven by passion and dedication to the causes we cover. But we still need to pay for editing, photography, translation, web design and servers, legal services, and more.
As an independent journalism outlet we aren’t beholden to any outside interests. In order to safeguard that independence voice, we are proud to count you, our readers, as our most important supporters. If each of our readers becomes a supporter of our work, +972 Magazine will remain a strong, independent, and sustainable force helping drive the discourse on Israel/Palestine in the right direction.
Support independent journalism in Israel/Palestine Donate to +972 Magazine today

Commenti