Peter Stambul :l'opinione pubblica israeliana dal 1948 ad oggi e il complesso di Masada


Sintesi personale

"Non abbiamo partner per la pace".Questo è ciò che abbiamo imparato a scuola., questo è il complesso di Masada"I palestinesi vogliono gettare gli ebrei in mare". "Arafat è un nuovo Hitler". "Tutti ci odiano, noi possiamo contare solo su noi stessi." Se l'opinione pubblica israeliana vuole la pace con Fatah, più conciliante di Hamas,, sarebbe sufficiente ad esempio liberare Marwan Barghouti. Oggi i Hamas e Hezbollah sono considerati spaventapasseri per giustificare il fatto che non possiamo negoziare e, quindi, dobbiamo continuare la politica del fatto compiuto con le conseguenti annessioni.Le uniche differenze tra politici israeliani, discendenti più o meno ideologici di Jabotinsky sono date dalla discussione su quanti palestinesi devono restare in Israele .Netanyahu si oppone a qualsiasi Stato palestinese e vuole espandere insediamenti . Tzipi Livni ha accettato uno stato palestinese limitato a pochi quartieri. Ehud Barak è pronto ad allearsi con tutti quelli che resteranno al potere

1948 e sionismo"IIl problema è il sionismo. "Gli israeliani temono il giorno che non ci sarà più paura." Afferma un palestinese , che ha partecipato a vari negoziati . L'identità sionista è stata costruita sul ritorno, dopo 2000 anni, di esilio alla patria originaria e ciò legittima il possesso della Palestina del 1948 e l'espulsione dei palestinesi Questa teoria è ora messa in discussione dal libro dello storico Shlomo Sand (come il popolo ebraico è stato inventato).La creazione di Israele si presenta per gli ebrei come una forma di redenzione dopo l'Olocausto e le persecuzioni subite .L'opinione pubblica israeliana ha una grande sensibilità nei confronti di tutte le forme di antisemitismo o di negazione dell'Olocausto del genocidio nazista. Così, l'esistenza del popolo palestinese è un problema reale per la storiografia israeliana. Da decenni continua il tentativo di minimizzare, travisare , negare l'esistenza dei palestinesi per confermare che la Palestina è "una terra senza popolo per un popolo senza terra".L'ex ministro dell'Istruzione nel governo di Ariel Sharon, Limor Livnat ha perpetuato la concezione ideologica della storia. Ha detto che gli ebrei hanno vissuto ininterrottamente per migliaia di anni in Palestina ed erano la maggioranza a Gerusalemme dal 1840. I palestinesi non sono in realtà una nazione, ma una miscela di vari popoli portati là dagli Ottomani e numericamente insignificanti . Nella formazione scolastica la legittimità è totalmente dalla parte degli israeliani, gli intrusi sono "gli arabi". Nel 1918, Ben G ha scritto (giustamente) che l fellah che vivevano in Palestina erano probabilmente i discendenti degli Ebrei. Ha concluso che potevano essere inseriti nel progetto sionista. Pochi anni dopo, la prima grande rivolta palestinese a Hebron, " un pogrom "per gli Israeliani , Ben Gurion sostiene l'idea di creare con la forza lo Stato ebraico. Eppure le minoranze cristiane , ebraiche vivevano piuttosto pacificamente con la maggioranza musulmana. Gli ebrei vivevano in Palestina prima dell'arrivo della minoranza sionista Il primo assassinio politico fu commesso dai sionisti nel 1924 contro un palestinese Ebreo, Jacob De Haan, che andava a Londra per chiedere agli inglesi di abrogare la Dichiarazione Balfour.E 'Jabotinsky, fondatore e ideologo della corrente revisionista sionista, che ispira tutti gli attuali leader israeliani ,definisce la strategia da attuare contro i palestinesi. Egli osserva che la società palestinese è sviluppata , strutturata e determinata a resistere da qui l'idea del trasferimento in Giordania Nella storia ufficiale di Israele, l'espulsione deliberata della stragrande maggioranza dei palestinesi nel 1948 è negata . La parola "palestinese" è assente dal vocabolario. La speranza è che, come gli Indiani del Nord America o gli aborigeni dell'Australia, i palestinesi accettino il fatto compiuto e scompaiono come persone che rivendicano diritti .Da Golda Meir a Menachem Begin, tutti i leader israeliani cercano relazioni privilegiate con i leader arabi (King Hussein, il presidente Sadat), ma non parlano con i palestinesi.OSLO Nel 1988, l'OLP riconosce i confini di Israele e decide di limitare il futuro Stato palestinese al 22% della Palestina storica. Per la prima volta la leadership israeliana a Oslo firma un testo che contiene la parola "palestinese" (che sostituisce il vecchio termine "arabo") e riconosce l'OLP in qualità di rappresentante dei palestinesi. Ma in nessun momento, riconosce ciò che i negoziatori palestinesi vedevano come logico risultato del processo: uno stato palestinese su tutti i territori occupati dal 1967. Nessun problema fondamentale (il colonialismo, i confini, la sovranità ...) viene risolto a Oslo. Tra la firma e l'assassinio di Rabin ,un anno e mezzo più tardi, 60.000 nuovi coloni si installano.La grande opportunità per Israele ad accettare un compromesso che potrebbe legittimare la sua esistenza in Medio Oriente ,è stato sdegnosamente respinto dai leader e dall' 'opinione pubblica israeliana. L'idea di una diluizione dei palestinesi nel mondo arabo è rimasta egemone.Il consenso nella società israeliana è lì. Nessuno, tranne la piccola minoranza che lotta contro il colonialismo e il sionismo, immagina una pace basata su pari diritti e pari dignità di entrambi i popoli. La sinistra si ferma a considerare ciò che si può concedere ai palestinesi. Quindi il vero problema discusso a Oslo è questo: la sicurezza degli occupanti. La differenza tra questa posizione e il "diritto" sionista : "finire la guerra del 1948, ossia il " trasferimento in Giordania , è scarso . Il sionismo ha cancellato le differenze ideologiche. Ha inoltre prodotto un totale insensibilità per l'umiliazione e la sofferenza degli altri. Per gli israeliani, le vittime sono state, sono e saranno sempre gli ebrei.Per anni la maggior parte dell'opinione pubblica israeliana è rimasto ostile ai coloni, trattandole come fanatici religiosi. Ma quando si esamina in dettaglio i sondaggi, c'è una netta maggioranza che vuole mantenere la "Grande Gerusalemme", un territorio che copre il 4% del territorio della Cisgiordania da Ramallah a Betlemme e taglia a metà la Cisgiordania, rendendo impraticabile qualsiasi Stato palestinese. Per la stessa ragione vuole mantenere Ariel, Maale Adumim, i blocchi di insediamenti e la Valle del Giordano. Il popolo israeliano vuole la pace, ma questo spesso significa "lasciateci in pace". L'idea che la pace richieda la parità dei diritti è costituita da una minoranza, perché gli israeliani sono stati educati all'idea che la legittimità è indiscutibile e che i palestinesi sono il più delle volte coloro che perseguono l' 'opera dei nazisti.Resta la piccola minoranza di israeliani, soprattutto intellettuali, che hanno scelto di combattere contro l'occupazione con i palestinesi. Sono pochi e molto diversi : Michel Warschawski, Amira Hass, Gideon Levy, Nurit Peled, Ilan Pappe, Uri Avnery ... Ci sono i piccoli gruppi: donne vestite di nero, refusenik, anarchici contro il muro .. Questa forza, non-sionista o anti-sionista, è ovviamente piccola minoranza. Ma che potrebbe cambiare: pochi mesi prima dell'attacco contro Gaza, la lista guidata da un candidato comunista, anti-sionista e Refusenik (Dov Khenin) aveva ottenuto il 35% dei voti nelle elezioni comunali a Tel Aviv.

http://www.aloufok.net/spip.php?article1094

allegati

Identità ebraica-israeliana

1948:brutti ricordi

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Tom Pessah : Chi ha combattuto nel 1948? Un libro sfata l'usuale narrazione

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Odeh Bisharat : l nuovo antisemitismo israeliano: un ginocchio sul collo di un vecchio