Gideon Levy, sopravvissuta all'olocausto e schierata per i diritti dei palestinesi, Felicia Langer, muore in esilio all età di '87 anni

 

 

 

 Non l'ho mai incontrata, l'ho chiamata solo due o tre volte al suo luogo di esilio, ma ricordo bene cosa fosse per me e per gran parte della mia generazione nella nostra gioventù sottoposta al lavaggio del cervello: un simbolo di odio per Israele, un nemico pubblico, una traditrice insultata e respinta. È così che ci è stato insegnato a considerare lei e alcuni altri primi dissidenti, e non ci siamo interrogati e non ci siamo preoccupati del perché.


Oggi, a 87 anni, è morta in esilio; la sua immagine brilla nei miei occhi attraverso la distanza del tempo e dello spazio. Felicia Langer, che è morta giovedì in Germania, era un'eroina, una pioniera e una donna di coscienza. Lei e alcuni dei suoi alleati non hanno mai ricevuto il riconoscimento che meritavano e  certamente non lo avranno mai.

 

In un luogo in cui sono ospitati gli "ex allievi" di un'organizzazione di terroristi ebrei - uno è un redattore capo di giornale, un altro esperto di diritto religioso - e dove i razzisti auto-proclamati sono accettati come legittimi partecipanti nell'arena del dibattito pubblico come in nessun altro luogo, non c'è posto per i coraggiosi guerrieri della giustizia che hanno pagato un alto prezzo personale per aver tentato di guidare un campo che non è mai seguito.


Langer era una sopravvissuta dell'Olocausto in Pologna  e ha studiato giurisprudenza all'Università ebraica di Gerusalemme. Dopo l'occupazione (dei territori palestinesi nel 1967), fu la prima ad aprire uno studio legale dedicato alla difesa delle vittime palestinesi. In questo, ha seguito un'illustre tradizione di ebrei che hanno combattuto l'ingiustizia in Sud Africa, America Latina, Europa e Stati Uniti.


Qui il suo senso di giustizia l'ha portata a entrare in conflitto con il suo stato. A volte, è addirittura riuscita  a ottenere qualcosa : nel 1979, a seguito della sua petizione, l'Alta Corte di Giustizia ha bloccato un ordine di sfratto contro il sindaco di Nablus, Bassam Shakaa. Un anno dopo un gruppo ebraico clandestino ha messo una bomba sotto la sua auto rendendolo invalido , cosa che fece luce sulla giustizia israeliana.


Langer è stata una pioniera tra gli avvocati israeliani di coscienza che si sono mobilitati per difendere i diritti della popolazione occupata, ma è stata anche la prima a gettare la spugna, chiudendo il suo studio legale nel 1990 e andando in esilio. In un'intervista del 2012 con il documentarista Eran Torbiner, ha spiegato: "Ho lasciato Israele perché non potevo più aiutare le vittime palestinesi con il sistema legale esistente e il disprezzo del diritto internazionale che avrebbe dovuto proteggere le persone che difendevo, non potevo agire. Ero di fronte a une situazione disperata". Ha detto al Washington Post che "non poteva più essere una foglia di fico per questo sistema".


Ha detto che non ha cambiato il suo fronte, solo il suo posto sul fronte, ma il fronte è attualmente al suo punto più basso. L'occupazione è radicata come non mai e quasi tutti i suoi crimini sono stati legittimati.


Langer arrivò alla conclusione che le cose erano senza speranza. Apparentemente, aveva ragione. La lotta nelle corti militari era destinata al fallimento. Non ha possibilità di successo perché i tribunali militari sono soggetti solo alle leggi dell'occupazione e non alle leggi della giustizia. Il procedimento non implica altro che un rituale vuoto e falso.


Persino il sistema di giustizia civile, retto dall'alta corte di giustizia di cui si esaltano i meriti, non è mai stato dalla parte delle vittime e contro i crimini dell'occupazione. Qui e là, sono stati emessi ordini restrittivi, qui e là le azioni sono state ritardate. Ma negli annali dell'occupazione, la Corte Suprema d'Israele sarà ricordata come il primo strumento di legittimazione dell'occupazione e come abietto collaboratore dell'esercito. Dato questo stato di cose, Langer forse non aveva nulla da fare qui. Questa è una conclusione singolarmente deprimente.


Contro cosa ha combattuto questa donna valorosa e coraggiosa? Contro la tortura da parte del servizio di sicurezza Shin Bet quando  non si credeva nell'esistenza di tale tortura, eppure era all'apice della sua crudeltà. Ha combattuto contro l'espulsione di attivisti politici, contro i falsi arresti, contro le demolizioni di case. Soprattutto  ha combattuto per l'applicazione della legge internazionale che Israele ha deciso di eludere per ragioni incredibili.  Per  questo che è stata considerata un nemico pubblico.
Nella sua vecchiaia, suo nipote le disse che alla fine i palestinesi vinceranno e otterranno il loro stato. "Non lo vedrai, ma lo vedrò", promise a sua nonna. Alla fine il nipote resterà deluso, così come la sua distinta nonna.

 
Gideon Levy Holocaust Survivor and Palestinians' Rights Lawyer Felicia Langer Dies in Exile a




Commenti

Post popolari in questo blog

Medio Oriente, la "carica dei 450" parlamentari europei contro l'annessione della Cisgiordania di Umberto De Giovannangeli

Papa in Iraq: incontro interreligioso : alcune testimonianze

Quando erano gli italiani a salire a bordo delle barche per emigrare in Tunisia

Libano: partita la campagna vaccinale. Anche per i/le palestinesi?