G. Levy: i veri amici di Israele criticano l'occupazione e l'assedio non fanno discorsi zuccherosi

Sintesi personale (solo elementi essenziali)
Il sostegno dimostrato in questi giorni per Israele è quasi imbarazzante.. Chi non è venuto a visitarci ultimamente? Dal cancelliere tedesco al leader della presidenza americana. Una visita in Israele è diventato di rigore . .I visitatori visitano ovviamente Yad Vashem, il memoriale della Shoah, il Muro del Pianto e ora anche a Sderot - il nuovo sito del pellegrinaggio nazionale. Superficialmente si recano a Ramallah; non nella Striscia di Gaza, e tutti lodano Israele . Non una parola di critica per l'occupazione, nè per le operazioni militari nei territori, nè sull 'assedio - solo qualche vaga osservazioni in merito alla necessità di una soluzione.Funziona il mixer di Sderot , l'olocausto ,l'islamofobia : a quanto pare nessun altro stato al mondo è più amato di noi . Uno Stato che impone un assedio senza precedenti nel mondo di oggi, in termini di crudeltà,uno Stato che adotta una politica ufficiale di assassinio, è abbracciata da tutte le nazioni a giudicare dalle parole dei molti statisti giunti da noi .Ma è un'illusione. Per l'opinione pubblica della maggior parte dei paesi i cui leader sono così generosi di lode nei nostri confronti , Israele rimane uno stato senza approvazione, a volte anche disprezzatoIl mondo vede le immagini di Gaza e trae le sue conclusioni. Il naturale senso di giustizia che spinge a sostenere le lotte di liberazione, come quella tibetana si estende anche al popolo palestinese A parte gli Usa il mondo è contro di noi, a parte i suoi statisti Pertanto, non si deve cedere alle illusioni: L'attuale consenso ufficiale non è autentico. E' vero amico di Israele, chi è sinceramente preoccupato per la sua sorte, che osa esprimere critiche alla sua politica di occupazione, in quanto ciò rappresenta un gravissimo rischio per il suo futuro, e si fa carico di iniziative concrete per porre fine a ciò . La maggior parte degli "amichevoli " statisti in visita non capisce questo.
La posizione dei leader europei ci lascia particolarmente perplessi. Non stiamo parlando degli Stati Uniti, con la sua lobby ebraica e cristiana, ma dell'Europa che che sembra aver perso la sua capacità di agire come un onesto mediatore per porre fine al conflitto. Abbiamo bisogno dell' Europa, l'Europa ha bisogno di pace, ma l' Europa ufficiale si copre gli occhi e, in linea con gli Stati Uniti offre il suo cieco sostegno ad Israele e al boicottaggio di Gaza. Angela Merkel, che ha ricevuto un' accoglienza regale qui non ha affrontato alcuna questione controversa nel suo discorso alla Knesset.E così si è comportato Nicolas Sarkozy, durante la visita al suo paese del Presidente Shimon Peres. Non parlando dell'assedio di Gaza , della fame imposta e dell'uccisione di centinaia di civili, i leader europei rinnegano i loro obblighi politici e morali , coloro che credono in un onesto intervento internazionale, si ritrovano disperati e delusi Proprio l'Europa che vive giustificabili sensi di colpa per l'olocausto , dovrebbe trovare un altro modo per aiutare Israele, Visite zuccherose e discorsi mielosi esprimono solo un profondo disprezzo per Israele e per l'opinione pubblica europeaHAARETZ

Commenti

Post popolari in questo blog

Ahmad Tibi : Ho cancellato il mio tweet, ma Israele è giustamente sospettato di aver ucciso bambini

Akiva Eldar : L'Europa ha rinunciato ai palestinesi

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili

Alex Kane and Mari Cohen ( Jewish Currents ) : L'offensiva israeliana a Gaza: una spiegazione- Una operazione che ha ucciso decine di palestinesi.