Kim Chernin " dal 1948 ad oggi.,una nuova visione del conflitto israeliano-palestinese

sintesi personale (solo elementi essenziali)


Nachmanì Yosef, direttore del Fondo Nazionale Ebraico in Galilea orientale, tra il 1935 e il 1965, ha registrato nel suo diario (6 novembre 1948) La presente nota informativa ". I membri del ministero stanno discutendo "gli atti crudeli commessi dai nostri soldati" nel 1948:A Safat, dopo ... gli abitanti avevano innalzato una bandiera bianca,i soldati [] hanno separato gli uomini e le donne, legato le mani di cinquantasei fellahin[contadini] e, dopo averli uccisi,li hanno sepolti in una fossa. Inoltre, hanno violentata diverse donne ... in Saliha ... avevano ucciso circa sessantasette uomini e donne. A Eilabun e Farradiya i soldati erano stati accolti con bandiere bianche e cibo ricco. Quando gli abitanti del villaggio [] cominciarono a discutere ... [i soldati] aprirono il fuoco uccidendone circa una trentina , deportando il resto della popolazione [verso il Libano] ... Da dove nasce tale crudeltà, simile ai metodi nazisti? ...Noi disprezziamo gli arabi non solo in guerra, , ma ogni giorno, "Sarebbe stato meglio, forse, che non ci fossero studenti,forse, sarebbe più facile governare su di loro". Questo lo riferisce un ebreo (vedi David Gilmour's Disposessed).Un comandante del campo, citato da Dov Yermiya nel Ilmio Diario di guerra, parla attraverso un altoparlante ai prigionieri palestinesi: "Voi siete un popolo di scimmie. Voi siete terroristi . Volete uno stato? Costruitelo sulla luna . Chi provoca problemi, sarà fucilato ". Questi uomini non sono stati processati o condannati. E 'impossibile sapere se sono terroristi, ma sappiamo che non sono scimmie . In Strangers in the House, Raja Shehadeh, un avvocato palestinese, scrittore e attivista dei diritti umani, descrive la scena seguente: 'Un ufficiale israeliano vede un giovane appoggiato ad un albero, mentre fuma una sigaretta. Non gli piace la sua espressione aperta e coraggiosa. "Che cosa fai?" gli chiede. "Sono in attesa del il mio ID," "Togliti la sigaretta quando parli me. What's your name?" "Mahdi Hammad." "Io mi ricorderò di te e vedremo se oggi otterrai il tuo ID Dovete imparare le buone maniere"Dovete imparare? A chi pensa di parlare ? A un ribelle, a un prigioniero, a un un bambino,a un un animale ? Poichè lui sta fumando una sigaretta non potrà ottenere il suo ID. Senza il suo ID che non potrà accedere a un lavoro , non potrà passare attraverso i posti di blocco israeliani. la brutalità è l'inevitabile destino di un esercito di occupazione? Vorrei poter dire di sì e lasciare le cose come stanno. Ma il problema va oltre.Poco dopo la fondazione di Israele, in una riunione di Stato, un ministro israeliano parla degli arabi in un modo che risulta scioccante per un membro del parlamento britannico : "Dottore Hacohen, si dovrebbe parlare di altri esseri umani, in termini analoghi a quelli in cui Julius Streicher ha parlato degli ebrei. Non avete imparato nulla? "Ma non sono esseri umani, non sono persone, sono gli arabi" riferendosi ai rifugiati arabi. In"Gli ebrei 'gli ebrei,"un articolo del 1993 dal New York Review of Books, Amos Elon ricorda che "secondo uno dei suoi biografi, David Ben-Gurion rifiutò di accettare la sua nuova carta d'identità israeliana, perchè era stata stampata anche in lingua araba ... Golda Meir disse ... quando sentiva un membro arabo della Knesset giurare fedeltà allo Stato si sentiva 'male' ".(...) Perché il soldato israeliano prese a calci il suo prigioniero arabo in faccia? Il prigioniero è seduto per terra, le mani legate dietro la schiena. Più e più volte lo colpisce, nonostante stia sanguinando ? Dov Yermiya scrive nel Il mio Diario di guerra. (...) [P] il soldato non riesce a vedere il suo prigioniero, come un essere umano che soffre , perché gli è stato insegnato fin dall'infanzia a considerarlo come un animale. E' stato incoraggiato a vedere i palestinesi come ladri, serpenti, scarafaggi e cavallette.Arabo ' è sinonimo di cattiveria ..... ho trovato questo in un libro : i messaggi inviati ai soldati dell'IDF da parte di bambini nati e cresciuti negli insediamenti. Il libro è Raja Shehadeh .Un bambino chiede che i soldati "uccidano il maggior numero possibile di arabi." Un bambino va oltre: "Ignorate le leggi e sparate loro". Il loro insegnante pensa che questi siano esempi di "odio sano".Quando sono arrivato in Israele nel 1971, sono stato un ingenuo e ardente sionista,ma una volta realizzato il mio sogno , ho cominciato a conoscere una realtà che mi ha sconvolto. I nostri vicini arabi ci invitavano a casa loro, erano gentili , generosi, amichevoli . Da loro appresi che i nostri Kibbuz erano costruiti su territori che un tempo gli appartenevano o che avevano lavorato , a volte ,per generazioni, alle dipendenze di proprietari assenteisti. Noi eravamo un popolo senza terra, ma siamo venuti a coltivare una terra che non era senza popolo. Una realtà che è difficile accettare per noi ebrei, in quanto abbiamo sviluppato una percezione selettiva del mondo. La nostra attenzione è concentrata su noi stessi, ci viviamo come una specie in via di estinzione, siamo impegnati ad allontanare il pericolo ,senza renderci conto che poniamo in pericolo gli altri. Quando gli altri ci criticano, pensiamo che vogliano negarci il nostro diritto a questa terra. La sensazione di un imminente pericolo , ci rende ciechi impedendoci di analizzare la situazione da un altro punto di vista. Ho impiegato anni per superare questa cecità. Sembra che nessuna vittoria sui nostri nemici ,nessuna distruzione dei loro pozzi e delle loro infrastrutture possa cambiare la nostra paura di essere prima o poi sconfitti, nonostante la potenza del nostro Stato e del nostro esercito.Noi non permetteremo che accada di nuovo.Questa affermazione, che sembra puntare esclusivamente verso il futuro, evidenzia la nostra incapacità di accettare il passato che manteniamo in vita, nel tentativo di modificarlo.Noi ebrei siamo un popolo antico, il passato ci riempie di nostalgia per la nostra antica patria, per Gerusalemme, per il Tempio, e per ciò che questi luoghi hanno significato per il nostro popolo. Ricordiamo la nostra schiavitù in Egitto e la nostra espulsione dalla Spagna , la fuga forzata , le persecuzioni Siamo orgogliosi della nostra discendenza dal re Davide, recitiamo suoi salmi. Abbiamo letto i profeti. Ma c'è un pericolo in questo passato e nel ricordo della sofferenza subita : giudichiamo gli altri popoli da ciò che è stato fatto a noi e consideriamo , così, la nostra violenza ammissibile .. Abbiamo un enorme difficoltà a immaginare la vita dei palestinesi e la loro sofferenza . Diciamo a noi stessi: "Ma la nostra sofferenza era peggiore . Noi non li abbiamo chiusi nei campi di concentramento, uccisi nelle camere a gas , disperso le loro ceneri . Se hanno dovuto lasciare le loro case e vivere in altre parti del mondo arabo, questo non può essere confrontato con il nostro esilio durato migliaia di anni "? Un opinione diffusa e che le vittime dell'Olocausto approverebbero ciò che noi stiamo facendo per evitare al nostro popolo una simile tragedia . E' giusto supporre che la loro sofferenza e morte, meriti l'approvazione per il nostro ricorso alla vendetta e alla violenza? Come possiamo supporre vorrebbero ciò per legittimare qualcosa di non così grave come è successo a loro? C'è un poster che mostra una donna palestinese fronteggiare da sola un massiccio bulldozer israeliano . Guardando questa immagine si capisce subito quello che Primo Levi (un sopravvissuto di Auschwitz) intendeva quando ha affermato che i palestinesi sono gli ebrei degli 'ebrei.... . Possiamo accettare il fatto che ci avvaliamo della Shoah per diminuire la NOSTRA SMISURATA violenza contro un altro popolo? L'esercito israeliano che ci difende spara su civili innocenti. Quando un kamikaze palestinese, si fa saltare in un hotel pieno di persone , si vede chiaramente che si tratta di un caso di violenza scellerata. Quando attacchiamo un campo profughi cercando terroristi , ai nostri occhi, questa è una violenza purificata dalla nostra storia e dal nostro destino. Restiamo perplessi perchè gran parte del mondo non vede la situazione nel nostro stesso modo.Quel ragazzo laggiù con la maschera nera sul viso e una pietra in mano , è un terrorista. Quel ragazzo che gli spara, è un soldato.Shlomo Lavie del partito laburista israeliano, il Mapai, ha dichiarato che il trasferimento "degli arabi di fuori del paese è un atto giusto e morale ".Un altro leader del Mapai, Avraham Katznelson ha espresso lo stesso concetto David Ben-Gurion,: "Noi dobbiamo espellere gli arabi e prendere il loro posto ..anche con la forza".Un altro dei nostri fondatori era disposta ad andare oltre: "Tutte le imprese morali sono realizzate attraversola costrizione .... Il trasferimento [dei palestinesi] è un programma logico , morale e umano in tutti i sensi" (citato, insieme con le tre citazioni precedenti, in Nur Masalha's The Politics of Denial of 2003). Siamo entusiasti di queste opinione espresse , ma ignoriamo gli insegnamenti ebraici che affermano che ogni singola vita umana è più importante del sabato.La nostra identità ebraica è tesa tra questi due estremi. Tocca a noi, siamo liberi di scegliere. Dove ci poniamo?Alcuni anni fa , a Berkeley, stavo ascoltando la conversazione di due donne palestinesi in una caffetteria. Dicevano che le le loro madri erano nati in Palestina , patria che avevano lasciata dopo il 1948. Ho udito la parola "Nakba", comprendendo che alludevano a qualcosa di terribile A quel tempo avevo un amico, un professore di scienze politiche, molto critico su Israele.Lui mi spiegò il significato di quel termine .Il nemico senza volto, l'oscura minaccia , aveva ora un volto e non poteva essere considerato semplicemente un nemico. C'era un altro popolo in Palestina , c'erano madri ,case , villaggi ,frutteti e famiglie, persone che avevano perso una patria mentre noi l' avevamo acquistata . Le sofferenze del mio popolo sono ampiamente riconosciute a livello mondiale, mentre le sofferenze dei palestinesi sono state trascurate per decenni. In un articolo sul "New York Review of Books, del 1974 si legge " solo venticinque anni dopo lo Stato di Israele si domanda se il problema palestinese esiste ".,ma ricorda Sana Hassan. " ci sono voluti venticinque anni e quattro le guerre per gli arabi per riconoscere l'esistenza dello Stato di Israele"
http://www.tikkun.org/article.php/nov_dec_09_chernina
allegato: 1948:brutti ricordi
Frammenti vocali in MO:Israele e Palestina: Identità ebraica

Commenti

Post popolari in questo blog

Ben Caspit : Mentre i colloqui di Vienna continuano, Israele si prepara a una possibile guerra contro l'Iran, Hezbollah

Zehava Galon : La violenza dei coloni è parte integrante dell'occupazione israeliana

Haaretz : Spyware NSO israeliano trovato sui telefoni dei funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti

Aziza Nofal : Betlemme spera nel miracolo di Natale mentre la nuova variante ferma i visitatori