Il vice capo del Mossad critica Israele per aver minato 'accordo nucleare del 2015 e per la gestione del Covid

Il vice capo uscente del Mossad, che ha annunciato il suo ritiro il mese scorso, critica la politica di Israele nei confronti dell'Iran, in particolare la decisione del primo ministro Benjamin Netanyahu di minare l'accordo nucleare del 2015 e la gestione della crisi del coronavirus da parte del paese.
  • L'uomo, identificato solo come "A '", è stato nell'organizzazione per 34 anni, durante i quali ha supervisionato la divisione di combattimento del Mossad, nonché alcune delle operazioni più audaci dell'organizzazione.
    סגן ראש המוסד הפורש
    Vice capo uscente del Mossad
    ( Foto: Moshe Nachumovich )
    In un'intervista esclusiva parla della pericolosa operazione per compromettere l'accordo nucleare iraniano ed esprime la sua opinione sull'approccio del governo alle recenti crisi.
    Impianto nucleare di Fordow
    L'impianto nucleare di Fordow dell'Iran
    ( Foto: AFP )
    "Nel marzo 2021 l'Iran sta arricchendo l'uranio a Fordo, Kashan e Natanz", ha detto A '. "Hanno anche accumulato 2,5 tonnellate di uranio arricchito e ora hanno le centrifughe avanzate. La nostra situazione oggi è peggiore che durante l'accordo nucleare. "
    Un 'ha criticato l'approccio generale del governo alla minaccia nucleare iraniana, che il Mossad classifica come esistenziale.
    Secondo il vice capo, il governo spinge costantemente affinché le questioni dei missili terra-aria, del radicamento regionale dell'Iran e del terrorismo facciano parte di qualsiasi negoziato con Teheran.
    ראש הממשלה
    Netanyahu ha rivelato i file di un archivio riservato rubato dal Mossad a Teheran
    ( Foto: AP )
    "Secondo me, Israele ha compromesso l'accordo nucleare negli ultimi due anni perché vuole ottenere tutto e nel frattempo l'Iran sta accumulando il componente chiave delle armi nucleari".
    L'ex funzionario del Mossad ha anche criticato la tendenza a rivelare pubblicamente alcune delle operazioni più delicate dell'agenzia.
    Ad esempio, nel 2018 Netanyahu ha organizzato una conferenza stampa e ha rivelato al mondo i file dell'archivio classificato del programma nucleare iraniano, rubato dalla squadra del Mossad a Teheran.
    Il presidente iraniano Hassan Rouhani visita uno dei siti nucleari del Paese
    Il presidente iraniano Hassan Rouhani visita uno dei siti nucleari del Paese
    ( Foto: AFP )
    Ha anche criticato quella che considera la graduale perdita della capacità dell'organizzazione di operare in modo indipendente. Ad esempio, all'inizio dell'epidemia di COVID-19, al Mossad è stato affidato il compito di sviluppare un piano su come affrontare al meglio il coronavirus. Quel piano, tuttavia, è stato accantonato lo scorso aprile da Netanyahu senza alcuna spiegazione.
    "Confronta la politica [di Netanyahu] sul coronavirus con la sua politica sul programma nucleare iraniano", ha detto A '. “La quantità di uranio che l'Iran ha accumulato così come la sua espansione regionale - è un male. Le operazioni intraprese [dal Mossad]? sono riuscite . Avremmo ottenuto lo stesso risultato con la pandemia ".

    Ha aggiunto che nonostante il successo della campagna di vaccinazione contro il coronavirus , considera il trattamento della pandemia fallito. "Abbiamo 6.000 morti, questo non è in alcun modo un successo."



    Commenti

    Post popolari in questo blog

    Richard Silverstein :Il sionismo liberale e l'illusione dei due Stati

    Yehudit Karp :È giunto il momento di ammettere: Israele è un regime di apartheid

    Gideon Levy : | Un'immagine, 2 milioni di persone private della loro dignità. Gaza

    Offer Aderet Gli ARCHIVI DELLA GUERRA DEL KIPPUR RIVELANO LA SPIA EGIZIANA CHE HA SALVATO ISRAELE E LA PAURA DELL'UNIONE SOVIETICA DI GOLDA MEIR