Gideon Levy : Se ci fosse una sinistra israeliana

 Se ci fosse una sinistra israeliana

27 febbraio 2021
Se qui ci fosse una sinistra, questo è quello che farebbe se venisse votata e andasse al potere. Alcune misure potrebbero essere attuate immediatamente, altre rappresenterebbero l'inizio di un processo. Nessuno della sinistra ebraica le propone .
Nei primi 100 giorni del suo governo immaginario, la sinistra dovrebbe portare avanti una rivoluzione. Principalmente, non del tutto, sul versante dell' 'occupazione,'argomento che definisce l'identità di Israele più di ogni altro. La prima risoluzione approvata dal governo di sinistra metterebbe fine all'assedio della Striscia di Gaza . In un giorno, come con la caduta del muro di Berlino, la Striscia sarebbe liberata, i suoi 2 milioni di abitanti sarebbero liberi. Il mare sarebbe aperto e il confine con Israele sarebbe aperto e controllato. Allo stesso tempo, verrebbe inviato un appello da Israele per invitare i leader di Hamas a una riunione. Potrebbero i suoi membri sorprenderci. Abbiamo molto di cui discutere con loro.
Il passo successivo, anche quello immediato, sarebbe un ampio rilascio dei palestinesi che sono incarcerati in Israele. Tutte le migliaia di prigionieri politici e le centinaia di persone che sono detenute senza processo, nella cosiddetta detenzione amministrativa, tutti i bambini palestinesi e le persone malate nelle carceri israeliane sarebbero liberate immediatamente. A guidarli sarebbe Marwan Barghouti , l'unica persona con la capacità di unificare i palestinesi.
Barghouti deve essere rilasciato immediatamente, proprio come FW de Klerk ha rilasciato Nelson Mandela poco dopo essere diventato presidente. Tutto deve accadere alla stessa velocità sbalorditiva del Sud Africa. Un Barghouti liberato verrebbe eletto presidente palestinese e per Israele sarebbe un partner straordinario. La fine dell'assedio di Gaza e il rilascio dei prigionieri ispireranno speranza, sorprendendo gli israeliani.
Nei suoi primi 100 giorni un governo di sinistra dovrebbe annunciare il congelamento di tutte le costruzioni negli insediamenti - nemmeno un singolo balcone in un appartamento a Ma'aleh Adumim - fino a quando non sia stato raggiunto un accordo con i palestinesi. Finché ciò non accadrà, a Kiryat Arba verranno assegnate le stesse di bilancio di Kiryat Shmona, nel nord di Israele, ed entrambe riceveranno la stessa cifra della città araba di Taibeh. Gli insediamenti non approvati dai governi precedenti ,verranno evacuati dall'oggi al domani.
Il bilancio della Difesa, sarà tagliato come mai prima d'ora. È impossibile stabilire uno stato sociale senza tagli significativi al bilancio della difesa, che è pieno di imbottiture extra. Alcune delle minacce che Israele deve affrontare sono scomparse, alcune delle minacce di paura sono ingiustificate. Il bilancio della difesa dovrà ridursi di conseguenza. Le forze di difesa israeliane, la maggior parte degli avversari sono senza un soldo, non hanno bisogno di sviluppare sistemi difensivi in qualche parte nel mondo.
La pandemia di coronavirus ci ha insegnato che un generoso budget sanitario è importante per la nostra sicurezza non meno di quanto lo siano i sottomarini. Istruzione, infrastrutture e welfare chiedono a gran voce i budget, destinati invece a inutili progetti di difesa. Un paese dove le persone disabili dovrebbero mantenersi con un'indennità mensile di 3.200 shekel ($ 965) è un paese senza pietà. Bombardieri e sottomarini saranno gradualmente sostituiti da accordi, che si sono già rivelati la migliore garanzia per la sicurezza di questo Stato. Questi accordi sono più raggiungibili di quanto siamo stati portati a credere.

Dopodiché, ai 31.000 richiedenti asilo ,rimasti nel paese, verrà concessa la cittadinanza , lo stato e la religione saranno separati: trasporto pubblico durante lo Shabbat e matrimonio civile in un colpo solo, e voilà, Israele sarà diverso: un paese più aperto e liberale, meno violento e crudele, molto più morale e ricettivo alla comunità internazionale. Il risarcimento da parte del mondo, compreso il mondo arabo, sarà generoso. Basta ricordare cosa è successo dopo la firma degli accordi di Oslo. Ora Israele sarà libero di considerare il suo futuro. Scoprirà che la soluzione dei due Stati , che ha strombazzato per 30 anni, non è più praticabile e si renderà conto che deve offrire una soluzione diversa.
Per la prima volta nella sua storia, Israele inizierà a parlare di uguaglianza. Sarà un processo lungo, doloroso per alcuni ebrei e alcuni palestinesi, ma è inevitabile. Nella nuova atmosfera, dovremo discutere dell'abolizione della legge dello stato-nazione , della legge del rimpatrio e dell'adozione di una nuova legislazione egualitaria, che conduca alle prime elezioni democratiche che si terranno tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo.
Può sembrare tutto utopico o distopico, ma è probabile che sia più fattibile di quanto sembri. Per realizzarlo abbiamo bisogno di una sinistra coraggiosa che inizi la discussione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti