Haaretz :I pogrom con la complicità dallo stato devastano i palestinesi dopo la morte di un adolescente israeliano

 


State-sanctioned pogroms ravage Palestinians after settler teen's death | Opinion

https://archive.is/aAL7l

TRADUZIONE E SINTESI

Molto al di sotto del radar del pubblico, i coloni hanno condotto una violenta campagna di vendetta nelle ultime cinque settimane in risposta alla morte di uno di loro, Ahuvia Sandak, che è rimasto ucciso in un incidente stradale durante un inseguimento della polizia. Le vittime di questa campagna di vendetta, come al solito, sono i residenti palestinesi della Cisgiordania, che non hanno avuto nulla a che fare con la morte del colono.

Secondo le informazioni diffuse giovedì dall'organizzazione B'Tselem , nelle ultime cinque settimane i suoi ricercatori hanno documentato 49 incidenti violenti, inclusi 28 attacchi fisici ai palestinesi . 15, sono stati feriti  inclusi quattro bambini. Le auto palestinesi sono state date alle fiamme, i teppisti hanno invaso le loro case   e le persone sono state deliberatamente investite. In almeno un caso, un uomo anziano è stato picchiato con un bastone finché non ha sanguinato.

Tutto questo è accaduto mentre i soldati e gli agenti di polizia israeliani , che dovrebbero mantenere la legge e l'ordine nei territori e proteggere i residenti e le loro proprietà, nella maggior parte dei casi hanno guardato senza muovere un dito contro gli aggressori. Nessuno è stato incriminato  nonostante dozzine di incidenti. In almeno 26 casi membri delle forze di sicurezza erano presenti e hanno assistito alla violenza, ma B'Tselem ha detto che invece di arrestare i rivoltosi, le forze di sicurezza hanno attaccato le vittime, sparandogli contro e ferendole. In altri 21 casi, non hanno fatto abbastanza per fermare l'attacco.

I palestinesi si trovano così impotenti contro i loro aggressori. Alla polizia palestinese è vietato intervenire, mentre la polizia israeliana è una forza di polizia per soli ebrei. Se i palestinesi avessero attaccato i coloni con simile brutalità, il quadro sarebbe stato ribaltato: i villaggi palestinesi sarebbero stati chiusi, dozzine di persone sarebbero state arrestate e i colpevoli sarebbero stati rapidamente portati in giudizio, dopo di che sarebbero stati condannati a condanne draconiane.

I trasgressori vedono il comportamento delle forze di sicurezza come un semaforo verde per continuare la loro violenta violazione della legge. E hanno ragione; questo è davvero il messaggio. In seguito, quando i palestinesi si stuferanno, non saranno più in grado di tollerare che le loro vite e le loro proprietà siano in pericolo e inizieranno a combattere per proteggersi, ci sarà una protesta contro il "terrore" e i "terroristi". La responsabilità per il prossimo spargimento di sangue ricade sulle spalle delle forze di difesa israeliane, della polizia e del governo. Se non fermano immediatamente la furia dei coloni e mettono sotto processo i trasgressori, non potranno sfuggire alle colpe per la nuova situazione che quasi certamente si presenterà.

State-sanctioned Pogroms Ravage Palestinians After Settler Teen's Death


Far below the public’s radar, settlers have been carrying out a violent campaign of vengeance over the last five weeks in response to the death of one of their number, Ahuvia Sandak, who was killed in a car accident during a police chase. The victims of this revenge campaign, as usual, are Palestinian residents of the West Bank, who had nothing to do the settler’s death.

According to information released by the B’Tselem organization on Thursday, over the last five weeks its researchers have documented 49 violent incidents, including 28 physical attacks on Palestinians that wounded 15 of them, including four children. Palestinian cars were torched, thugs invaded their homes, dogs were sicced on them and people were deliberately run over. In at least one case, an elderly man was beaten with a baton until he bled.

All this happened as Israeli soldiers and police officers, who are supposed to maintain law and order in the territories and protect residents and their property, in most cases looked on without lifting a finger against the assailants. Nobody has been indicted, despite dozens of incidents. In at least 26 cases, members of the security forces were present and watched the violence, yet B’Tselem said that instead of arresting the rioters, the security forces attacked the victims, shooting at them and wounding them. In 21 other cases, they didn’t do enough to stop the attack.

The Palestinians thus find themselves helpless against their attackers. The Palestinian police are forbidden to intervene, while the Israeli police are a police force for Jews only. Had Palestinians attacked settlers with similar brutality, the picture would be reversed: Palestinian villages would be closed off, dozens of people would be arrested and the guilty parties would quickly be brought to trial, after which they would be given draconian sentences.

The lawbreakers see the security forces’ behavior as a green light to continue their violent lawbreaking. And they’re right; that is indeed the message. Afterward, when the Palestinians get fed up, are no longer able to tolerate their lives and property being fair game and start fighting back to protect themselves, there will be an outcry against “terror” and “terrorists.” Responsibility for the coming bloodshed rests on the shoulders of the Israel Defense Forces, the police and the government. If they don’t immediately stop the settlers’ rampage and put the lawbreakers on trial, they won’t be able to escape blame for the new situation that will almost certainly arise.

The above article is Haaretz’s lead editorial, as published in the Hebrew and English newspapers in Israel.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri