Anshel Pfeffer Opinion: 2017, l'anno peggiore in assoluto per le relazioni tra Israele e il mondo ebraico


sintesi personale

Ventinove anni fa , Yitzhak Shamir, il primo ministro di estrema destra nella storia di Israele, inaugurò un governo centrista. Due mesi prima, il Likud aveva vinto per poco le elezioni e la sua coalizione "naturale" di partiti nazionalisti e religiosi deteneva una piccola maggioranza alla Knesset. 

Ma dopo lunghe settimane di discussioni con i suoi potenziali partner della coalizione, Shamir stupì  i suoi sostenitori  ed esperti, scegliendo  Shimon Peres laburista e formando un governo di unità nazionale. 

A quel tempo  molti credevano che la principale motivazione di Shamir fosse la sua riluttanza a consegnare  ai  suoi rivali i posti chiave  nei vari ministeri  (David Levy e Ariel Sharon), costringendolo  a fare un ristretto governo di destra.


Ma anni dopo Shamir ha dato una spiegazione molto diversa . Ha specificato, infatti, che nei negoziati di coalizione, i tre partiti ultra-ortodossi, di cui aveva bisogno per formare una coalizione, avevano chiesto  un cambiamento sostanziale alla legge sul ritorno:  gli unici convertiti al giudaismo che Israele avrebbe  potuto accettare come cittadini immigrati, sarebbero  stati quelli che avevano avuto una conversione ortodossa.

 Shamir  era  stato avvertito privatamente dai leader ebrei americani che delegittimare le conversioni eseguite dai movimenti riformista e conservatore avrebbe creato un cuneo tra Israele e la più grande comunità ebraica del mondo. Piuttosto che farlo, preferì  formare un governo con i suoi avversari ideologici. 
Potresti immaginare nel 2017 un primo ministro israeliano che cambi la composizione del suo governo per placare le preoccupazioni degli ebrei americani? Quest'anno è accaduto il contrario. Benjamin Netanyahu ha bandito l'accordo per stabilire uno spazio di preghiera "egualitario" del Muro del Pianto, un accordo  annunciato dai leader delle più grandi organizzazioni ebraiche americane come "storico", al fine di  placare i suoi ministri Haredi che non potevano accettare una sfida sull' egemonia ultraortodossa sul Kotel. 

A questo si aggiunge l' 'orrore ebraico americano per l' abbraccio dell'establishment israeliano di Donald Trump e il silenzio di Netanyahu all'emergere di supremazisti bianchi antisemiti e neo-nazisti. A questo si aggiunge l' angoscia degli ebrei in Ungheria e in Austria, nel  corteggiamento di Israele ai politici populisti filoisraeliani, che sono allo stesso tempo razzisti ed esca  per gli ebrei, in totale disprezzo dei desideri espressi  da loro.

Netanyahu, naturalmente, non è il primo primo ministro israeliano a privilegiare gli interessi di Israele  e non i sentimenti degli ebrei della diaspora. Naturalmente è dovere dei primi ministri israeliani mettere al primo posto i loro cittadini,ma  il 2017 è stato l'anno in cui tutte le pretese sono finiteLa leadership israeliana ha chiarito che non  è preoccupata delle opinioni e delle preoccupazioni  della diaspora. In effetti,sta giocando d'azzardo sulle attuali minoranze di destra e religiose all'interno delle comunità ebraiche per diventare in breve tempo la maggioranza dominante. 

È difficile alla fine di un anno come questo ,distinguere tra il disprezzo di Netanyahu per gli ebrei non israeliani e la più ampia questione del baratro che si sta aprendo da anni tra le due metà del popolo ebraico. E'  importante sottolineare che anche senza Bibi che fa di tutto per aggravare le tensioni, le differenze tra israeliani ed ebrei non sono mai state maggiori.

Quasi tutte le ricerche empiriche e le prove aneddotiche indicano una divergenza tra la maggioranza degli ebrei della diaspora che sono progressisti, preoccupati di questioni come i diritti umani, l'uguaglianza e il multiculturalismo e i loro cugini in Medio Oriente,  sempre più inclinate  verso una mentalità ristretta. E non inizierò nemmeno ad analizzare  la differenza di opinioni sulla questione palestinese. 

Non c'è bianco e nero qui. In molti modi, ebrei e israeliani sono ancora vicini. I sondaggi continuano a mostrare un altissimo livello di attaccamento ed empatia per Israele nella diaspora,ma  quando conoscono meglio gli israeliani, diventa anche più chiaro che a loro non piace molto ciò che vedono. 

Una separazione dei modi tra Israele e la Diaspora è necessariamente  negativo? Mantenere le cose in prospettiva è importante  :  una vera spaccatura nel popolo ebraico semplicemente non è nelle carte. Non ci sono abbastanza ebrei nel mondo e quelli che ci  sono   hanno troppi legami familiari ed emotivi con Israele, perché si verifichi una vera divisione.

Una connessione con Israele rimarrà un elemento dell'identità di quasi tutti gli ebrei, indipendentemente da come si sentono riguardo alla sua politica. Persino quegli ebrei che si descrivono come non sionisti o anti-sionisti, definiscono gran parte della loro identità in relazione a Israele,ma  una certa distanza tra Sion e la Diaspora potrebbe effettivamente essere vantaggiosa, per entrambe le parti.



La  diaspora non è sempre stato un bene per gli israeliani. Troppo spesso,ha sostenuto diligentemente i politici israeliani nelle  cattive politiche, piuttosto che formulare  le critiche necessarie. Il sostegno finanziario della diaspora è stato importante per i primi anni di Israele, ma ha anche avuto un'influenza corruttrice sui politici israeliani e oggi, con l'economia di Israele in forte espansione, non è né necessario né utile. La filantropia ebraica sarebbe meglio spesa per rafforzare l'educazione e la cultura ebraica nelle comunità della diaspora.

E queste comunità farebbero bene a concentrarsi meno su Israele e più su se stesse. Gli ebrei della diaspora non sono solo proclami israeliani, hanno grandi sfide nei loro paesi d'origine, come cittadini che affrontano l'ascesa di governi populisti e il riaccendersi della xenofobia in molti luoghi  e come ebrei, hanno la sfida di articolare un'identità più auto-consapevole e indipendente, invece di subappaltare la loro identità a Israele. 

Netanyahu e le sue coorti ci stanno involontariamente facendo un favore, strappando le fondamenta obsolete dei legami tra Israele e la Diaspora. Sia gli israeliani che gli ebrei potrebbero fare un periodo di separazione durante il quale si allenano, per se stessi,  a capire chi  sono e quali valori rappresentano. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri