giovedì 13 luglio 2017

Richard Silverstein Quando Israele diventa uno Stato antisemita . Il caso Soros



 Mai avrei immaginato nei miei sogni più feroci che Israele sarebbe potuto diventare  uno Stato  antisemita. Naturalmente, questa nozione viola quasi ogni principio sacro del sionismo  che pretende di essere un rifugio per gli ebrei di tutto il mondo  Non più  dopo  la campagna antisemita del governo di Ungheria contro George Soros,
    Il destino dello stato diventa più importante del destino dei singoli ebrei. Questo sembra essere la logica che Netanyahu ha adottato nei confronti dell'Ungheria.
I  Viktor Orban   ha lodato Horthy ,responsabile della spedizione di 400.000 ebrei ungheresi ad Auschwitz. 
Orban sta agitando la bandiera dell'  anti-semitismo e dell'anti immigrazione,   mentre si prepara per le elezioni nazionali nel 2018. Il suo consulente  è Arthur Finkelstein . Quindi vediamo  un ebreo americano  pagato da un neonazista. Chi avrebbe mai pensato che fosse possibile?

Uno  degli elementi più inquietanti della campagna di Orban implica un assalto frontale su  George Soros.che h creato  Open Society e si impegna nella difesa dei diritti umani e civili,là dove sono minacciati . 
Stinking graffiti di sorgenti di gioielli
".
Orban, oltre ad essere antisemita, è stato tra i primi a denunciarel'ondata di profughi musulmani ,il primo a costruire un muro per tenerli fuori. Il  primo a mettere gli immigrati in contenitori di metallo molto simili ai veicoli per bestiame che portarono gli ebrei nelle camere a gas.
Ora  trasforma George Soros   nella caricatura antisemita nota: succhia il sangue degli Ungheresi  
Su alcuni dei manifesti gli ungheresi hanno aggiunto graffiti che chiamano Soros un "ebreo puzzolente".
  L' 'ambasciatore d'Israele in Ungheria ha rilasciato una dichiarazione forte che critica gli attacchi a Soros :
"La campagna non solo evoca ricordi tristi, ma anche emana odio e paura. È  nostra responsabilità morale  invitare le autorità competenti a esercitare il loro potere e a  porre fine a questo ".
Gli ultra-nazionalisti della Likud si sono schierati contro  Soros, in linea con l'approccio di Orban. Ciò ha portato a questo pezzo di propaganda che potrebbe essere emanato da Goebbels stesso :
  "George Soros   continua a sconfiggere i governi eletti democraticamente in Israele, finanziando organizzazioni che  cercano di negare il  suo diritto a difendersi".
Infatti la filantropia di Soros include ONG israeliane e palestinesi che promuovono i diritti umani e le libertà civili. Gran parte della sua filantropia è condotta attraverso il Fondo Nuovo di Israele, un'entità odiata dalla destra perchè  sostiene anche  chi  si oppone  all'occupazione e mostra gli abusi dei soldati israeliani contro i palestinesi. La destra estrema inoltre afferma che Soros supporta BDS, anche se nessuno dei gruppi da lui finanziati  ha espresso tale sostegno. 
La verità è che Soros è essenzialmente un sionista liberale. Non appoggia una soluzione unica. Non demonizza Israele. Non è un anti-sionista. Sostiene J  street  eppure nell'odierno Israele questo è vissuto come un attacco .

In quanto a  Trump nessun riferimento agli ebrei sul Giorno  dell'Olocausto. Nessuna  condnnA PER gli attacchi antisemiti prima della sua presidenza. Sembra apprezzare gli Israeliani s soprattutto quando sono coloni,ma gli ebrei, non tanto.





When Israel Becomes an Anti-Semitic State

NEWS: Thanks to Shir Hever for interviewing me at Real News Network about my writings on the Israeli medical scandal concerning Yemenite children.  I’d be grateful if you’d watch (below) and pass it on to others via social media and e-mail.  Thanks as well to Dr. Alice Rothschild, who wrote an excellent post on the same subject, adding her important perspective as a physician.
When you’ve blogged as long as I have (since 2003), you think you’ve seen everything.  Until tonight, I never in my wildest dreams imagined that Israel as a state could become anti-Semitic.  Of course, this notion violates just about every sacred principle of Zionism, which purports to be a haven for Jews around the world from persecution and anti-Semitism.  No longer.  With today’s “piling on” by the Israeli foreign ministry onto Hungary’s right-wing government’s anti-Semitic campaign against George Soros, Israel has sunk to the dregs.
Of course, many of us knew that David Ben Gurion and major elements of the Zionist movement as a whole had no compunction about collaborating with Jew-haters like Hitler if it benefited the Yishuv.  The fate of state become more important than the fate of individual Jews.  This seems to be the same logic Netanyahu has adopted vis-à-vis Hungary.
The Israeli prime minister will be visiting Hungary and other central European states later this month.  But there has been a flurry of controversy regarding Viktor Orban’s fulsome praise of Admiral Horthy, the Nazi-era fascist leader of Hungary responsible for shipping 400,000 Hungarian Jews to Auschwitz.  Orban said of the World War II dictator:
“The fact that history did not bury us after World War I was thanks to a number of extraordinary statesmen like the regent, Miklos Horthy. This fact cannot be contradicted by mentioning the unfortunate role of Hungary during World War II.”
Keep in mind, the Hungarian regent was someone who joined Nazi Germany in declaring war on the United States the day after the Pearl Harbor attack.  He only escaped the hangman’s noose after the War by switching sides and helping the Allies fight Communists.
Like Donald Trump and far-right leaders everywhere, Orban falsifies history with ease.  Here he glosses over the fact that whatever role Horthy played in Hungary’s post World War I history, he destroyed that legacy by becoming a Nazi stooge.  And there is no way to put lipstick on a pig or a mass murderer.  Unless of course you’re Orban, Trump or any number of other European alt-right leaders.
Orban is stirring up a fetid stew of anti-Semitism and anti-immigrant hysteria as he prepares for national elections in 2018.  His chief campaign consultant is longtime GOP campaign consultant Arthur Finkelstein.  Finkelstein has another illustrious far-right client, Netanyahu himself.  Thus, we see the a despicable nexus of an American Jew and Israeli prime minister getting paid off in cash (in Finkelstein’s case) or commerce (Netanyahu) by a neo-Nazi.  Who would have thought this possible?
Just as Donald Trump traveled to Poland to burnish his alliance with that nation’s far-right Catholic government, so Bibi seeks out alliances with like-minded tyrants around the world (Saudi Arabia, Poland, and now Hungary) who can validate his own brand of Israeli-Jewish racial supremacism.
Let’s go back to the beginning: one of the most troubling elements of Orban’s campaign involves a full-frontal assault on international financier, George Soros.  Soros has transferred hundreds of millions of his profits on world financial markets to his world-wide civil society network, Open Society.  It is dedicated to building democracy, human rights and strong civic values in former Communist states and other places (including Israel) where democracy is endangered.
stinking jew soros graffiti
Hungarian government poster campaign targeting George Soros with graffiti saying “Stinking Jew.”
Orban, besides being anti-Semitic, is a petty tyrant who’s run roughshod over Hungarian press freedoms, its judicial system, and civil rights.  He took the lead among European leaders in denouncing the wave of Muslim refugees which washed over Europe in the past few years due to unrest in the Middle East.  He was the first to build a wall to keep them out.  He was the first to put immigrants into metal containers much like the cattle cars which took Hungary’s Jews to the gas chambers.
Now he seeks to turn George Soros into an anti-Semitic caricature of world capitalism sucking the blood from poor helpless Hungarians.  An even more painful irony is that Orban in his days as a liberal student studied in a Soros-funded democracy studies program at Oxford University.
In recent days, the government has begun a poster campaign featuring a smiling Soros under the caption: “Don’t let him have the last laugh.”  This follows directly in the tradition of Der Stürmer, which featured Jewish rats gnawing at the bones of Europe, among other images.  On some of the posters, Hungarians have added graffiti calling Soros a “stinking Jew.”
In response, Israel’s ambassador to Hungary released a strong statement criticizing the attacks on Soros.  He wrote that:
“The campaign not only evokes sad memories but also sows hatred and fear.  It’s our moral responsibility to raise a voice and call on the relevant authorities to exert their power and put an end to this cycle.”
But when the Likud ultra-nationalists got wind of this temporizing, they demanded a far harsher response which directly assaulted Soros, in line with Orban’s own approach.  That resulted in this bit of propaganda which could’ve emanated from Goebbels himself in an earlier era:
“In no way was the [earlier MFA] statement meant to delegitimize criticism of George Soros, who continuously undermines Israel’s democratically elected governments by funding organizations that defame the Jewish state and seek to deny it the right to defend itself.”
A little context is in order: Soros’ philanthropy does include giving to Israeli and Palestinian NGOs promoting human rights and civil liberties.  Much of his philanthropy is channeled through the New Israel Fund, an entity hated by the Israeli right because some of its grantees oppose the Occupation and expose abuses of Israeli soldiers against Palestinians.  The far-right also claims that Soros supports BDS, though none of the groups to which he’s donated have expressed such support.  Nor has he.
The truth is that Soros is essentially a liberal Zionist.  He doesn’t support a one-state solution.  He doesn’t demonize Israel.  He’s not an anti-Zionist.  He supports J Street for God’s sake.  How much more milquetoast can you get?  Yet in today’s Israel, this is a hanging offense.
By comparison, imagine Trump declaring war on U.S. NGOs like the ACLU, Human Rights Watch, Black Lives Matter, CodePink, Electronic Frontier Foundation, and others.  He rescinds their tax-deductible status.  He criminalizes their work.  He arrests their board members and staff.  This is what has been happening in Israel to similar groups.  If you think it can’t happen here, think again.  Israel is the pioneer in such matters.  It has shown the way in drone warfare, targeted assassinations, and militarized policing.  It models how a country can slowly, like a boa constrictor, squeeze the life out of democracy till it’s too late.
clinton warsaw memorial
Bill & Hillary Clinton stride toward Warsaw Uprising memorial in 1989 in company of Marek Edelman, leader of Jewish partisans (Getty Images)
Returning to the title of this post, thus in embracing Orban’s anti-Semitic assault on Soros, Israel has thrown in its lot with the Jew-haters.  It’s a low I never thought possible.  But there you go.  We here in America never thought Trump possible.  Look where we are now.  In the throes of race hate and white supremacy.  In a race to the bottom.  Only no one quite knows where the bottom is.
Trump Disses Polish Holocaust Memorial
obama warsaw ghetto memorial
Pres. Obama standing before the Warsaw Ghetto memorial during his Warsaw visit.
While on the subject of Trump, let’s talk about his own near brush with Holocaust denialism.  He spoke before the brutalist-style memorial to the 1944 Warsaw Uprising (not to be confused with the 1943 Jewish uprising).  In his speech, he almost vibrated empathically with the pain and suffer of World War II-era Poles.  But the pain of Polish Jews martyred in the 1943 Warsaw ghetto uprising…not so much.  He is the first president ever to visit the city without paying homage to the separate ghetto memorial, which was only blocks away from the site of his speech.  The junior Trumps were delegated to perform that mission.  So while Trump made sure to briefly mention the Jewish uprising, it was a glancing reference at best, and only in the context of the long list of centuries of Polish (i.e. non-Jewish) suffering.  He also made no reference to the most infamous memorial to Polish Jews: Auschwitz.  It is an extermination camp within Poland and the final resting place for the bones and ashes of the millions of European Jews murdered there.  Auschwitz?  Not a word.
Donald Trump is the Amazing Vanishing Man when it comes to Jews.  No reference to Jews on Holocaust Remembrance Day.  No outrage during a series of anti-Semitic attacks earlier in his presidency.  Israelis, he seems to like.  Especially when they’re settlers.  Because they fight Muslims, the threatening horde.  But Jews, not so much.  They’re a pain in the god damn ass.  Just like Blacks, Mexicans, gays, and women. All a bunch of trouble.
Related Articles
2
Il sionismo, l’ideologia ufficiale dello Stato di Israele, è sempre stato un progetto politico antisemita. Benché il sionismo si sia presentato come una soluzione all’antisemitismo europeo, in realtà ha significato una sua continuazione nello spirito e nella pratica.
La premessa di base che sta dietro al sionismo è sempre stata fondamentalmente anti-ebraica. L’idea che gli ebrei non siano autentici cittadini dei loro Paesi d’origine in Europa ed altrove e che dovrebbero andarsene per diventare coloni in un Paese straniero – Israele – è tale che la sinistra politica non ha problemi a riconoscerla come antisemita quando è sostenuta dalla destra politica. Quando la stessa menzogna esce dalla bocca dei sionisti, allora (compreso qualche qualche gruppo progressista e di sinistra) viene accettata perché appoggiano Israele. E’ ora di porre fine a questa ipocrisia e di ammettere che il sionismo è antisemitismo.
Un’ulteriore prova di ciò è risultata evidente all’inizio di questo mese con la questione di George Soros in Ungheria. Il governo di destra ha lanciato una campagna di manifesti esplicitamente anti-semiti che ha preso di mira gli immigrati; i manifesti mostravano il volto sorridente di Soros e una didascalia: “Non lasciamo che Soros abbia l’ultima parola [letteralmente: che rida per ultimo, ndt.]!”
Nato ebreo ungherese, Soros è un finanziere miliardario e finanziatore di cause progressiste attraverso le sue “Fondazioni per una Società Aperta”. I beneficiari della sua generosità includono gruppi che promuovono politiche immigratorie più aperte.
Il messaggio chiaramente insito nei manifesti era che ricchi ebrei stanno dietro una trama per inondare l’Ungheria di immigrati, una tipica menzogna della propaganda fascista. “Human Rights Watch”, un’organizzazione in parte finanziata da Soros, ha condannato la campagna, affermando che “evoca ricordi dei manifesti nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale.”
Anche la comunità ebraica ungherese ha manifestato preoccupazione, e l’ambasciata israeliana a Budapest inizialmente ha fatto lo stesso. Tuttavia, ore dopo, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu – che è anche il ministro degli Esteri – in un comunicato rilasciato dal ministero degli Esteri ha scavalcato l’ambasciata. Il “chiarimento” ha sostenuto che George Soros “minaccia continuamente i governi israeliani democraticamente eletti” ed ha affermato che finanzia organizzazioni “che diffamano lo Stato ebraico e cercano di negargli il diritto di difendersi.”
B’tselem, il gruppo per i diritti umani israeliano che si dedica a documentare le violazioni a danno dei palestinesi da parte di Israele, è un altro gruppo sostenuto dalle fondazioni di Soros.
Il “chiarimento” di Netanyahu è molto significativo in quanto ha offerto un appoggio al primo ministro ungherese Viktor Orban. Lo scorso mese Orban ha elogiato il leader ungherese della Seconda Guerra Mondiale Miklos Horthy, definendolo uno “statista eccezionale”. Horthy fu un alleato di Adolf Hitler e il suo regime collaborò con i nazisti nella deportazione degli ebrei. Mezzo milione di ebrei ungheresi furono uccisi durante l’Olocausto nazista.
Ciononostante Netanyahu ha dato il proprio sostegno al leader ungherese alla vigilia della sua visita a Budapest all’inizio del mese, durante la quale ha lodato le credenziali filo-israeliane di Orban. “C’è un nuovo antisemitismo che è rappresentato dall’anti-sionismo e che consiste nel delegittimare l’unico Stato ebraico,” ha detto Netanyahu dopo colloqui con Orban. “L’Ungheria è, in molti modi, all’avanguardia degli Stati che vi si oppongono.”
Questa è in sintesi la politica israeliana: l’antisemitismo è ridefinito da “odio degli ebrei in quanto tali” a “critiche contro Israele”. Ciò ha raggiunto un culmine talmente estremo che persino ai sionisti non ebrei è consentito di uscirsene con i giudizi anti-ebraici più stravaganti finché appoggiano Israele sempre e comunque.
La faccenda ci ricorda un cartone animato orribilmente antisemita creato nel 2015 da un’organizzazione di coloni israeliani che riceve finanziamenti pubblici. Il grottesco esempio di propaganda era un attacco generalizzato contro B’tselem, Yesh Din e altri gruppi israeliani per i diritti umani. In esso un personaggio losco, con il naso grande definito come “Lo ebreo” [nel testo inglese “Ze Jew”], ha delle monete europee lanciategli in cambio di bugie propagandistiche inventate contro Israele. Classico esempio antisemita di incitamento contro gli ebrei critici di Israele, era persino intitolato “L’ebreo eterno”, come un film di propaganda nazista del 1940.
Come ha scritto recentemente Haaretz in un editoriale sulla faccenda di Soros, “Chi sostiene progetti universalisti e lotta per i diritti umani, compresi i diritti delle minoranze e degli stranieri, in Israele è denunciato come nemico.”
Attivisti ebrei nei movimenti di solidarietà con la Palestina in Gran Bretagna raccontano sistematicamente di essere vittime delle denunce più ferocemente antisemite da parte dei sionisti, che spesso esprimono l’auspicio che gli attivisti o le loro famiglie fossero stati uccisi durante l’Olocausto.
Riguardo a Soros, la destra ungherese e quella israeliana sembrano aver trovato una causa comune. Poco dopo che Netanyahu ha appoggiato la campagna di odio anti-semita di Orban, un parlamentare del suo partito di estrema destra, il Likud, ha proposto quella che ha chiamato la “Legge Soros”, per bloccare le donazioni ai gruppi di sinistra che godono di finanziamenti stranieri.
L’innamoramento di Israele per gli antisemiti ungheresi mette in luce l’orribile essenza del sionismo. La sua china verso il fascismo sempre più esplicito continua a ritmo sostenuto.

 

Nessun commento:

Posta un commento