mercoledì 31 agosto 2016

Palestina: l'esercito israeliano chiude una radio, 5 arresti

 

 

 

 

Bavaglio Palestina: l'esercito israeliano chiude una radio, 5 arresti





31 agosto 2016


L'esercito israeliano ha chiuso una stazione radio palestinese a Dura, sud di Hebron in Cisgiordania, arrestando 5 persone tra cui il direttore dell’emittente. L’esercito, che ha compiuto l’azione la notte scorsa, ha anche confiscato equipaggiamenti tecnici e trasmettitori. Le autorità israeliane hanno anche emesso un ordine di chiusura di tre mesi. L’operazione, ha spiegato un portavoce dell’esercito, è stata motivata dalle  dalle attività di “incitamento alla violenza” da parte dell’emittente.

Il fatto - ha sottolineato l'agenzia palestinese Maan - è avvenuto a pochi giorni dalla denuncia dell'ong palestinese sulla libertà di stampa, Mada, secondo cui le violazioni israeliane contro i media nei "Territori Occupati palestinesi sono aumentate del 17% nel corso della prima parte del 2016". I casi totali sono scesi del 12%, da 224 casi nei primi sei mesi del 2015 a 198 nei primi sei mesi del 2016,  ma è aumentato il tasso di violazioni compiute dalle autorità israeliane, 133 in tutto.

Secondo testimoni, i soldati hanno distrutto l’interno degli uffici e portato via l’equipaggiamento per le trasmissioni. Tra i detenuti c’è il direttore della stazione radio, Ahmad al-Darawish e quattro impiegati (Mohammed al-Sus, Nidal Amro, Muntaser Nassar e Hamed al-Nammura): prima di essere condotti in carcere, i soldati hanno perquisito le loro case.

Un caso che si aggiunge alle numerose violazioni nei confronti della stampa palestinese. A marzo lo Shin Bet, i servizi segreti interni israeliani, avevano chiuso la stazione tv della Jihad Islamica in Cisgiordania, Falastin al-Youm, con l’accusa di “fare appello” a attacchi terroristici contro Israele e i suoi cittadini”. Inoltre sono 23 i giornalisti arrestati nel corso del 2016: tra loro anche Omar Nazzal, reporter di Falastin al-Youm condannato all’inizio di maggio a quattro mesi di detenzione amministrativa che avrebbe dovuto essere rilasciato il 22 agosto, una settimana fa, ma poco prima la corte militare ha prolungato l’ordine di detenzione amministrativa di altri tre mesi.

In aumento da parte delle autorità israeliane anche i casi di arresti di utenti palestinesi per l’utilizzo dei social network, con una generica accusa che è quella di istigazione alla violenza: molti giovani palestinesi sono stati fermati e detenuti per aver pubblicato post, video o foto online.


 

IDF chiude stazione radio palestinese – ma non spiega perché.

Haggai Matar,  1 Settembre 2016
L’esercito israeliano spegne la stazione “A-Sanabel” installata a Dura, sostenendo, senza nemmeno fornire alcuna prova, che incita contro gli israeliani. Così è la vita sotto un regime militare.
1
L’esercito israeliano, nelle prime ore di Mercoledì mattina, ha chiuso la stazione radio palestinese A-Sanabel arrestando cinque dei dipendenti  e confiscando le attrezzature. Secondo il portavoce dell’IDF, la stazione è stata chiusa “a causa di trasmissioni che incitano.” Tuttavia, il portavoce IDF non è stato in grado di fornire esempi o statistiche su quali incitamenti.

Secondo il sito di notizie israeliano Ynet, A-Sanabel ha apertamente supportato “danneggiare gli israeliani”, ha elogiato gli attacchi violenti, sostenute le campagne per la ricostruzione delle case demolite di aggressori palestinesi  e “promosso la partecipazione  a marce di resistenza”.
Cioè, le ragioni fornite da “fonti militari “- senza entrare nei dettagli – includono uno strano mix di incitamento alla violenza e appelli ad  azioni del tutto legittime.
Non avevo mai sentito parlare di A-Sanabel prima. Non ho idea di che tipo di contenuti trasmettessero. Avrebbero potuto benissimo fare appelli per l’uccisione di ebrei. Forse. Ma è anche possibile che mandassero in onda notizie e mostrassero la quotidianità, che impiegassero  giornalisti per riferire su casi di corruzione locale o per promuovere azioni positive nonviolente, come contestare l’occupazione o riparare il danno   provocato dalle punizioni collettive dell’esercito.
Il punto è che non possiamo avere informazioni, dal momento che l’esercito non sente il dovere di fornire dettagli al di là di una dichiarazione generica sulle “trasmissioni che incitano.” L’esercito non sente la necessità di dare spiegazioni delle sue azioni inerenti la stazione radio, i giornalisti che hanno perso il posto di lavoro, o gli ascoltatori.
2
Lo scorso novembre, quando lo Shin Bet e la polizia chiusero due giornali appartenenti al Movimento Islamico in Israele (le redazioni non sono mai state accusate di partecipare in incitamento, basta chiedere al capo dell’Ufficio Stampa del Governo  Nitzan Chen), l’Unione dei giornalisti israeliana inviò un suo portavoce dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu e dal ministro delle comunicazioni, denunciando la chiusura. Secondo il sindacato, anche se le redazioni del movimento islamico avessero fatto pubblicare un certo testo con incluso  l’incitamento, “il modo di affrontare il problema deve essere attraverso un procedimento penale nei confronti degli istigatori – non attraverso la chiusura di un mezzo di informazione  licenziando  molti giornalisti che non hanno fatto nulla di male, mettendo a tacere una voce della società.”

Lo stesso vale per i giornalisti a Dura. Non è ragionevole che l’esercito può semplicemente chiudere una stazione radio senza spiegare perché. È illogico che se due, tre o cinque giornalisti incitato,  tutti i lavoratori devono pagarne il prezzo. Non si può accettare il fatto che le parole “le trasmissioni incitano” sostituiscano i procedimenti giudiziari, durante i quali l’emittente ha l’opportunità di difendersi prima che siano prese  decisioni così drastiche.
Ma questa è la vita sotto un regime militare.

giornalista
Omar Nazzal, un giornalista indipendente con sede a Ramallah e membro del consiglio di amministrazione del Sindacato dei giornalisti palestinesi, è stato arrestato prima di attraversare Ponte di Allenby in Giordania.
Ricordiamo che nel corso dell’ultimo anno, l’IDF nello stesso modo ha chiuso diverse stazioni radio e televisive in Cisgiordania, e che  cinque giornalisti palestinesi sono attualmente in detenzione amministrativa, tra cui Omar Nazzal, che è stato arrestato mentre si recava a una conferenza  internazionale di giornalismo nel mese di aprile.
L’Alta Corte israeliana ha recentemente accolto la richiesta del esercito di estendere la detenzione di Nazzal di ulteriori tre mesi.
trad. Invictapalestina.org
fonte: http://972mag.com/idf-shuts-down-palestinian-radio-station-but-wont-explain-why/121678/
HagaiMatar
Haggai Matar è un giornalista israeliano e attivista politico. Ha scritto per Ha’aretz e Ma’ariv.

Nessun commento:

Posta un commento