Mohammed Othman : Gli abitanti di Gaza disperatamente frustrati dai litigi Hamas-Fatah





 sintesi personale 
Khan Yunis, nella Striscia di Gaza - Umm Rashed al-Najjar si siede all'ombra di una tenda che  ha eretto vicino alla sua casa demolita  nella città distrutta di Khuza'a, a est di Khan Yunis.Nelle vicinanze si trovano centinaia di containers   donati come unità abitative temporanee per le famiglie sfollate. Il timore  è  che possano  diventare una soluzione a lungo termine ai loro problemi abitativi.
"Questi contenitori non sono adatti per alloggiare. Eravamo abituati a possedere interi edifici e siamo troppi in famiglia per poter risiedere qui . Ci rifiutiamo assolutamente di viverci .Si deve iniziare la ricostruzione delle case"
Ha notato che il terreno   dove sono collocati questi contenitori è adatto solo per gli animali, aggiungendo che ha perso la speranza nel vedere la sua casa ricostruita presto.

Contenitori mobili per gli sfollati in Khuza'a, a est di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, il 18 settembre, 2014 (foto di Mohammed Othman)
La loro speranza si è spenta  dopo che i colloqui non hanno posto fine all'assedio, nè è stata autorizzata ancora  la costruzione di un porto e di un aeroporto a Gaza e  soprattutto permane il divieto  di far entrare entrare in Israele  materiale di costruzione.
Ahed Farwana, un residente del quartiere Shajaiya, a est di Gaza City, ha detto che la situazione a Gaza è sempre più difficile di giorno in giorno a causa delle  conseguenze derivanti dalla recente guerra di Gaza
"La situazione generale non è affatto promettente ,l'orizzonte è buio .I termini dell'accordo di cessate il fuoco non sono ancora chiari  e non sappiamo esattamente quando  ci sarà l'apertura dei valichi, l'ingresso di materiali da costruzione e la ricostruzione delle case distrutte .La speranza di vivere in libertà e dignità umana stanno gradualmente diminendo tra i  residenti e ha minato la sensazione di stabilità ". Egli ha sottolineato che la recente guerra è stata  molto grave e distruttiva, spingendo   molti abitanti a prendere in considerazione di lasciare Gaza.
Egli ha anche notato che il ritorno al battibecco politico tra Fatah e Hamas dopo il cessate il fuoco, ha aggravato questi problemi.
Tale frustazioe  è diffusa tra gli abitanti di Gaza  : la loro condizione è ignorato per rivalità politiche . Mujdi Fayyad : "La questione più importante per Hamas e Fatah  è legata ai loro interessi . Questo è il motivo per cui ignorano le sofferenze del popolo Questo ci ha spinto di nuovo al punto di partenza. "
Fayyad ha aggiunto che i  problemi a Gaza potranno essere in parte risolti quando si otterrà una vera e propria fine della divisione
Il tasso di disoccupazione a Gaza è sempre più alto , soprattutto tra i giovani, in seguito alla distruzione di Israele di molte istituzioni, società commerciali, fabbriche e terreni agricoli. Molti lavoratori hanno perso il posto di lavoro, mentre altri ancora lottano per la mancanza di opportunità di lavoro.
"Non ci sono opportunità di lavoro a Gaza e  ciò mi fa sentire ancora  più frustrato," Hussein Nahdi ha spiegato ad Al-Monitor, aggiungendo, "Come  molti giovani  sto cercando di rimanere psicologicamente stabile, di sposarmi e di avere una famiglia, ma la situazione a Gaza ha rinviato questi progetti  . "
Secondo Hussein, la carenza di prospettive e il rinvio di molti progetti di vita, oltre alla mancanza di opportunità di lavoro, ha costretto migliaia di giovani di Gaza a prendere misure drastiche, tra cui viaggi pericolosi nel Mediterraneo nella speranza di trovare una dignitosa vita in Europa. "L'emigrazione non è la mia priorità. Tuttavia l'immigrazione clandestina di cittadini da Gaza verso l'Europa è il risultato del deterioramento della situazione economica, sociale e politica nella Striscia di Gaza, causate dalle guerre  consecutive che hanno distrutto la nostra vita"
L'analista politico Hani Habib ha chiarito :
"Credo che questa situazione scontinuerà data l'incapacità  di trovare soluzioni e la perdita di speranza nella volontà e nella competenza  del governo per superare una tale crisi
Il governo di riconciliazione palestinese continua ad ignorare le esigenze minime di vita degli abitanti di Gaza, mentre Israele si rifiuta di aprire i valichi, soddisfare le richieste palestinesi e permettere l' ingresso di materiali da costruzione a Gaza. In mezzo a tutto questo le persone nella Striscia di Gaza sono disperati e pedono la speranza nella vita.





Mohammed Othman
articolo

Commenti