Breaking the Silence:testimonianze di Militari israeliani nei Territori Occupati

 SINTESI PERSONALE
Amit 

" Io ero  sicuro  di essere  il capro espiatorio, di essere ucciso, ho visto una realtà che  era l'opposto.  Ho inseguito le persone ,puntato  una pistola su una bimba  ,abbiamo arrestato interrogato ecc. Nella maggior parte dei casi è stato per niente. " 
Yehuda Shaul, uno dei fondatori di Breaking the Silence, dice di aver fatto tutto quello che era tenuto a fare  come combattente": Se la missione era  quella di tenere i bambini fuori dalla scuola,  i bambini non andavano a scuola. Se la missione era quella di disperdere un funerale a causa del coprifuoco, allora la famiglia non seppelliva il proprio morto..  E se non ci ubbidiva, lanciavamo gas e granate assordanti . " Racconta dei palestinesi picchiati a Hebron impunemente perché l'ordine era di non intervenire .Un altro soldato, Sagi, ricorda una processione di bambini israeliani che bruciavano  l'effigie di un membro del movimento per la pace.  Sagi afferma che la gente preferisce non ascoltare le sue esperienze nell'esercito e, se lo fa, pensa che la sua esperienza sia  isolata o  forse lui era "un soldato che aveva trasgredito" e avrebbe dovuto  essere processato. 

Yael  descrive la sua esperienza di Gaza

"Stiamo addestrati  a vedere qualcosa di sospetto in tutto ciò che osserviamo. Guardo le telecamere e non vedo un asino, un cane o un carrello. Vedo un veicolo che può essere imbottito di bombe e di armi  ". Ricorda di aver visto un pastore anziano, un nonno, un uomo molto vecchio con le sue pecore troppo vicino alla recinzione. Le  forze israeliane hanno sparato in aria  spaventando le pecore, ma il pastore è rimasto. I soldati allora hanno sparato a terra vicino  alle pecore, ma il pastore era determinato a rimanere lì. I soldati hanno sparato a una pecora. Il pastore le si è avvicinato per portarla via. I militari hanno continuato a sparare. 
La pecora non era morta ma ha dovuto lasciarla lì e scappare  . " E'  come  un videogioco distaccato dalla realtà. Per i palestinesi  è l'esatto contrario ... la gente  può sparare  ai  loro animali, a loro . Roviniamo la loro vita   quotidianamente. Sono persone che vivono qui , che hanno vissuto qui quando noi non eravamo qui. Noi siamo  più forti come potere. E usiamo questo potere, senza alcun problema. penso che la gente dovrebbe saperlo. " 

Un soldato di  un'unità di elite ricorda un ufficiale  ridicolizzato per non aver  ubbidito all'ordine  di sparare a un anziano   palestinese,   tornato nella sua casa per  prendere le medicine durante un raid.  Le testimonianze complete possono essere consultate sul www.discovertheterritories.com
Breaking the Silence › Israeli soldiers talk about the occupied ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri