Gideon Levy: Marocco dove ebrei e arabi sono fratelli


1  Sintesi personale Azoulay era un po 'depresso e turbato quando l'ho incontrato alla fine del mese scorso. Per la prima volta nella sua carriera impressionante, consulente senior per il re Hassan II e per suo figlo , Azoulay è stato accusato - da un avvocato locale, Khalid Soufiani, un attivista filo-palestinese - di essere un sionista agente al servizio del Mossad. Azoulay ha un background impressionante. Ha fondato il gruppo Identità e Dialogo, uno dei primi forum sorto per chiedere negoziati tra israeliani e palestinesi. Ha dedicato gran parte della sua carriera a lavorare per la pace tra ebrei e arabi ed è sempre stato orgoglioso della sua identità ebraica, pur rimanendo un patriota marocchino. Egli è responsabile in misura non trascurabile del processo di democratizzazione e della prosperità economica del suo paese. Eppure, si ritrova improvvisamente sotto una nuvola. I giornali lo difendono e Azoulay stesso non esita a prendere parte al'incontro  annuale del Club Mimouna - un'organizzazione che cerca di preservare il patrimonio culturale ebraico in Marocco - presso Al Akhawayn University in Ifrane.,istituita con fondi sauditi, come risarcimento per l'inquinamento delle coste del Marocco prodotta da una petroliera saudita L'università ospita la riunione del Mimouna Club ogni anno, con una grande insegna in ebraico all'ingresso dell 'auditorium. E 'stata organizzata una mostra di fotografie sugli ebrei e il ministro del turismo, Anis Birou, è presente. Non credevo ai miei occhi e mi sono reso conto dei miei preconcetti Per Avraham Sabag, un macellaio rituale, è stato un giorno particolarmente intenso, tuttavia Sabag, che pratica anche la circoncisione rituale, se necessario, ha trovato il tempo di farci vedere tutto il Mellah, il ghetto ebraico di Fez,parlando in ebraico arcaico,. "Non c'è odio qui" 'L'ex Azoulay Street, nel mellah ora ha un nome arabo, come tutte le altre strade che una volta portavano i nomi di ebrei, ma la sinagoga, nel cuore del quartiere, è splendidamente restaurata su iniziativa di André Azoulay, naturalmente. Ci sono solo circa 60 ebrei in Fez, il nostro macellaio è uno dei più giovani.Sabag sta valutando di immigrare in Israele e sogna di applicare il modello del Marocco per risolvere il conflitto israelo-palestinese. Lui ha organizzato un incontro tra israeliani e palestinesi per studiare il nocciolo della coesistenza . In Marocco, come altrove, la comunità ebraica, che conta circa 3.000 anime, non parla una sola voce. Alla conferenza di Ifrane, per esempio, Simon Levy, un comunista e direttore del Museo del giudaismo marocchino di Casablanca, paragona l'occupazione israeliana nei territori al nazismo. Ha anche ricordato che il più grande massacro di ebrei nella storia è stato perpetrato dagli europei, non dagli arabi. André Azoulay ha dichiarato al raduno: "Sono stato un marocchino per 3.000 anni. Sono un marocchino e un Ebreo. Qui, in questo paese ebrei e musulmani sono fratelli. Siamo gli unici che possiamo dire questo ". Il Marocco è un paese meraviglioso, una terra di contraddizioni e di contrasti: l'esplicito e il misterioso, il manifesto e il velato . Non c'è molto interesse per la questione palestinese ,questioni di politica interna sono più gravi: la democratizzazione, la situazione economica, l'educazione, il sistema sanitario, la diaspora del Marocco e il Sahara occidentale contestato, di cui nessuno osa parlare. Nella sua casa  un ex ministro della Sanità, il dottor Abd Al-Rahim Haroushi, mostra con orgoglio molte opere d'arte moderna marocchina che adornano le pareti. Sua moglie, Claude, parla del romanzo di Amos Oz "Storia di amore e di tenebra" con tono ammirato.Un ristorante locale italiano  della città serve prosciutto , molte donne indossano il velo. "Se non fosse per la corruzione, il Marocco potrebbe essere il paradiso", sospira uno dei miei accompagnatori.. segue in inglese Morocco, where Jews and Muslims are brothers
Gideon Levy : ashkenaziti , sefarditi e discriminazione

2   Gli Ebrei del Marocco (prima parte)

Gli Ebrei del Marocco (1parte)



Mezzo secolo fa, la comunità ebraica della città marocchina di Agadir è stato quasi completamente distrutta da un terribile terremoto. Un nuovo libro pubblicato da uno dei sopravvissuti racconta la storia della città per la prima volta
Esattamente 49 anni fa, questa settimana un terremoto nel sud-ovest Marocco distrusse la città di Agadir, uccidendo circa 15.000 dei suoi abitanti, compresi i 1500 del 2300 gli ebrei della città.
il Dr. Orna Baziz, un superstite del terribile terremoto e un anziano professore di letteratura David Yellin hanno condotto una vasta ricerca sulla storia della comunità, pubblicato in un libro
Ben-Zion Israeli's travels to the East  

3  Un festival di musica ha unito ebrei e musulmani a Essaouira dichiara André Azoulay, l'organizzatore dell'evento "Essaouira è stata sempre punto di incontro tra musulmani ed ebrei , questo festival ne è la testimonianza, non è un'opera di cosmesi artificiale. Quando la gente canta e suona insieme sul palco in ebraico e in arabo, si tratta di un atto di riconciliazione" Egli descrive se stesso ebreo e berbero, fortemente influenzato dalla storia araba-islamico e dalla sua cultura . Questo vuol dire che può godere della musica di Mahler, di Um Kalthoum e della musica andalusa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Akiva Eldar : L'Europa ha rinunciato ai palestinesi

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti