Disprezzo di Netanyahu per l'Olocausto di Avner Cohen


 SINTESI PERSONALE

Nel mese di ottobre 2006 la rivista di Haaretz domandò a  una serie di personalità  culturali di descrivere come si sarebbero sentite  se Tel Aviv fosse stata  cancellata dalla carta geografica . Questa domanda  scaturiva come  risposta a uno degli attacchi di ansia israeliana  sulla inesistente bomba atomica iraniana e sulle  dichiarazioni del presidente iraniano  . Fui  sorpreso che  persone serie fossero   pronte  a  relazionarsi con una domanda così strana e nichilista ,ma fui ancora più sorpreso che la redazione Haaretz avesse  avviato il progetto .Non   riuscii  a contenere i miei sentimenti e  chiamai  l'editore del giornale per chiedere come si fosse permesso di portare  avanti  progetti  " pornografici " di tal genere  .Amos Schocken tagliò  corto   con me : " Hai ragione  . E 'stato un grave errore editoriale "
Questo è stato davvero un errore di calcolo  perché un giornale importante  non deve, dal punto di vista morale e  normativo , concedere legittimità a questo tipo di discorso apocalittico e illusorio . E se questo è vietato per un giornale , quanto più esso è vietato ai  leader nazionali. Una società sana di mente non permetterà i suoi leader di parlare  di "  generazioni che non verranno 

dopo di noi . " I leader degli Stati Uniti e dell 'Unione Sovietica , che hanno  vissuto  minacce di annientamento reciproco per la maggior parte degli anni della guerra fredda , non hanno permesso  che paure di questo tipo sconfinassero  nel discorso politico pubblico . Anche durante i giorni della crisi dei missili a Cuba , forse il momento più pericoloso  della  storia 
della guerra fredda , John Kennedy e Nikita Krusciov si sono astenuti  dall'utilizzare visioni  apocalittiche . In Israele  il voto :  " Mai più " ha determinato  la creazione di una politica nazionale di assicurazione contro la possibilità di un altro Olocausto . In nome di ciò  lo Stato ebraico ha portato avanti  il suo progetto nucleare che vede  mixare  qualcosa di nobile con la forza e il  tabù nazionale. In nome di ciò  l'intero mondo occidentale ha taciuto aiutando  Israele a costruire il suo potere apocalittico . In una lettera personale scritta nel 1966 dal padre del programma nucleare di Israele , il Prof. Ernst David Bergmann , a Meir Ya'ari , il leader del partito Mapam , veniva  esplicitamente dichiarato che Israele aveva intrapreso la scelta  nucleare " in modo che non potesse mai più accadere   di  essere condotti come pecore al macello " . Secondo il giornalista americano Seymour Hersh nel suo libro :
" L'Opzione Sansone " il termine  " Mai più " è inciso  in lettere ebraiche  nel  primo reattore prodotto a Dimona. Questo  significa che lo Stato ebraico non resterà mai più  inerme  . Dimona è la risposta di Israele alle ansie circa l'Olocausto  e ,in larga misura , la risposta di David Ben - Gurion  alle  proprie paure .Mantenere il Mai più  , però , comporta anche la richiesta di riconoscere l'unicità della Shoah e  considerarla  come un evento unico che non può essere ripetuto. Se lo Stato di Israele è  il  più potente Stato  della  regione , cosa che il ministro della Difesa Ehud Barak dichiara ripetutamente , non ha alcun bisogno della  manipolazioni dei timori di un altro Olocausto . Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha due volte profanato la sacralità di questo voto . La prima volta è stata nell' 'analogia ingannevole e distorta  tra Natanz e  Auschwitz , durante il suo discorso all'  Israel Public Affairs Committee : mera demagogia che non ha alcuna reale  connessione   storica .La seconda volta è stata  nelle numerose interviste  concesse da Netanyahu   ai media israeliani dopo il suo ritorno a casa dagli  Stati Uniti , in cui affermava che se non si fosse presa  una   decisione sull' Iran , dopo l'ennesimo Olocausto, nessuno sarebbe rimasto per  esprimere  il rimorso 
per l'errore fatto. .Netanyahu non è il primo premier israeliano ad utilizzare l'Olocausto per motivi politici e quindi di mostrare disprezzo per esso . Menachem Begin lo aveva  fatto in abbondanza prima di lui  e anche Ben - Gurion che , pur  aborrendo  osservazioni pubbliche sull'Olocausto , non si astenne  dal menzionare la possibilità di un altro Olocausto in lettere private inviate  al presidente Kennedy e ad  altri leader mondiali . Ma la differenza tra Ben Gurion e Begin  e Netanyahu  è tremenda .In primo luogo  due di loro , come i leader ebrei durante il periodo dell'Olocausto , hanno  subito nel modo più autentico l'esperienza della totale mancanza di salvezza . Per entrambi i timori di un Olocausto erano autentiche paure. Netanyahu non ha mai sperimentato la sensazione di totale impotenza ebraica. \In secondo luogo  Ben - Gurion  e, in misura non trascurabile anche Levi Eshkol e Golda Meir , hanno utilizzato  l'Olocausto ,secondo il proprio stile ,  per giustificare la sacra missione di Dimona . Proprio come l'Olocausto è unico , così è Dimona unico.Netanyahu ha ricevuto Dimona in eredità . Contrariamente a ex leader di Israele l'uso politico di Netanyahu dell'Olocausto   è una tattica , è demagogia e si tratta di un bluff . Per   spaventare la gente su  un futuro Olocausto rompe il voto e priva la Shoah  della sua unicità.

2   ARTICOLO COMPLETO in INGLESE

Netanyahu's contempt for the Holocaust di Avner Cohen


Commenti

Post popolari in questo blog

2300 rabbini condannano la decisione di etichettare i gruppi palestinesi per i diritti umani come terroristi.T’ruah attacca NGO MONITOR

Rasha Abou Jalal : I tribunali tribali governano la Palestina con tradizioni spietate

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

Jonathan Pollak : B'Tselem, Yesh Din, è ora di chiudere